Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Vitamina D

Bambini ADHD: una particolare dieta riduce drasticamente i sintomi della condizione

I bambini ADHD se sottoposti ad una particolare dieta per un breve periodo di tempo hanno mostrato di beneficiare di una riduzione drastica dei sintomi della condizione paragonabile agli effetti ottenuti con il Ritalin. A dimostrarlo in un loro studio è stato un team di esperti della Wageningen. I risultati della ricerca sono stati pubblicati sulla rivista scientifica Scientific Reports

iCrewPlay è alla ricerca di redattori che si occupino della sezione di scienza e tecnologia: vuoi far parte di un gruppo dinamico e stimolante, recensire i prodotti in uscita e condividere le tue conoscenze con gli altri?

0 0 voto
Voto iCrewers

Un gruppo di bambini ADHD ai quali è stata somministrata una particolare dieta hanno ottenuto risultati sorprendenti: sono stati drasticamente ridotti i sintomi della condizione dopo essere stati alimentati con alcuni cibi. Non solo, hanno mostrato un aumento dell’attività in una parte specifica del cervello: più significativo era il cambiamento nel comportamento, più aumentava l’attività in questa parte del cervello.

Bambini ADHD

 Nel rintracciare questa interessante correlazione tra cibo e sintomi diagnosticati nei bambini ADHD, i ricercatori della Wageningen University & Research hanno, per la prima volta, mostrato una relazione tra una diminuzione dei sintomi dell’ADHD e una maggiore attività nel cervello dopo appunto un determinato tipo di alimentazione.

I risultati della ricerca sono stati pubblicati sulla rivista scientifica Scientific Reports.

Bambini ADHD e alimentazione: ecco cosa dice la ricerca

È un passo importante nella ricerca sulla nutrizione e l’ADHD”, afferma Saartje Hontelez della Wageningen University & Research. “Abbiamo dimostrato che l’osservazione soggettiva del comportamento è oggettivamente confermata attraverso una scansione cerebrale”.

Bambini ADHD

Una scansione cerebrale (fMRI) è stata eseguita sui bambini all’inizio e alla fine dello studio. Dopo la prima scansione, i bambini ADHD hanno seguito una dieta con pochi cibi: è stato loro permesso di mangiare solo un numero limitato di cibi sicuri per cinque settimane. È stata quindi eseguita una seconda scansione. In oltre il sessanta per cento dei 53 bambini che hanno eseguito un’ecografia sia prima che dopo la dieta, i genitori hanno osservato una significativa diminuzione dei sintomi dell’ADHD dopo la dieta di pochi cibi ( Dieta FDD).

 Questi bambini hanno anche mostrato un chiaro aumento dell’attività del precuneo, un’area che fa parte della rete cerebrale in modalità predefinita e forse l’hub più connesso nella corteccia. Precedenti studi hanno dimostrato che i bambini con ADHD hanno un’attività cerebrale inferiore in quest’area del cervello e che il trattamento con Ritalin aumenta questa attività.

Hontelez afferma che i loro “risultati corrispondono alle attuali conoscenze su quest’area del cervello. Vediamo un aumento simile nell’attività quando i sintomi dell’ADHD scompaiono dopo aver seguito una dieta con determinati cibi a quello visto dopo il farmaco con il Ritalin“.

Il ritalin è una terapia farmacologica utilizzata nel trattamento del disturbo da deficit di attenzione e iperattività (ADHD). Funziona modificando la quantità di alcune sostanze naturali nel cervello. il metilfenidato appartiene a una classe di farmaci noti come stimolanti. Essi possono essere d’aiuto per aumentare la capacità di prestare attenzione, rimanere concentrati su un’attività e controllare i problemi comportamentali. Può anche essere d’aiuto nell’organizzare i compiti e migliorare le capacità di ascolto. Questo farmaco è anche usato per trattare un certo disturbo del sonno ( narcolessia).

Il dosaggio si basa sulle condizioni mediche e sulla risposta al trattamento. Il medico potrebbe indicare di aumentare o diminuire gradualmente la dose. Inoltre, se la terapia è stata usata per molto tempo, è importante non interrompere improvvisamente l’uso di questo farmaco senza consultare il medico.

Bambini ADHD

Infatti, interrompere drasticamente il Ritalin può causare sintomi di astinenza (come depressione, pensieri suicidari o altri cambiamenti mentali / dell’umore). Per aiutare a prevenire l’astinenza, il medico può ridurre lentamente la dose. L’astinenza è più probabile se il metilfenidato è stato somministrato per lungo tempo o in dosi elevate.

Sebbene abbia aiutato molti bambini con diagnosi ADHD, questa terapia farmacologica a volte può essere causa dipendenza. Questo rischio può essere maggiore se già si soffre di un disturbo da uso di sostanze (come la tendenza ad abusare o la dipendenza da droghe/alcol). Diventa fondamentale quindi assumere questo farmaco esattamente come prescritto dal proprio medico specialista per ridurre il rischio di dipendenza. È importante informare il medico se le condizioni non migliorano o purtroppo vanno a peggiorare.

Circa il 6% di tutti i bambini nei Paesi Bassi soffre di ADHD, un disturbo da deficit di attenzione con iperattività. I sintomi si riducono significativamente quando questi bambini seguono questa determinata dieta. Precedenti studi hanno dimostrato che almeno il sessanta percento dei bambini non risponde più ai criteri per l’ADHD dopo aver seguito questa dieta.

Bambini ADHD

La dieta prescritta durante la ricerca è difficile da seguire e non può essere applicata semplicemente. Pertanto, è importante comprendere meglio la relazione biologica tra nutrizione e sintomi nei bambini ADHD. La Wageningen University & Research sta ora studiando anche il ruolo del microbiota (i batteri nell’intestino) per svelare ulteriormente come funziona la dieta.

Potrebbe interessarti...

Scienze

Vaccino HPV monodose: ecco perché è altamente funzionante

Windows 11

Media Player da oggi avrà un restyling su Windows 11

Apple Podcasts

Apple gioca e vince contro i colossi del gaming

Scienze

Sars cov 2: cosa succede se i bambini si ammalano a lungo di covid?

Makalu 67

Makalu 67 di Mountain: il primo mouse con PixArt PMW3370

Scienze

Trapianto di rene da maiale a uomo: cosa comporta?

Cosa ne pensi di questi studi che si interessano del legame tra alimentazione e la condizione ADHD? Se lo specialista che segue il tuo bambino ti proponesse questa dieta terapeutica, non facile da seguire, saresti disposto/a a somministrarla a tuo figlio? Parlacene nei commenti.

Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Guarda tutti i commenti
Teufel CAGE

22 ottobre, 2021

Tronsmart Studio

14 settembre, 2021

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
0