Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Trucchi magici

Approccio in 6 fasi: un valido aiuto per i familiari con bambini ADHD

Un team di scienziati del Reach for ADHD presso il Boston Medical Center ha sviluppato un nuovo sistema terapeutico e dei suoi risultati sui bambini ADHD, pubblicati sulla rivista scientifica Pediatrics, che ha dimostrato che l'approccio terapeutico in 6 fasi incentrato sulla famiglia ha aiutato in modo significativo i genitori con bambini ADHD

iCrewPlay è alla ricerca di redattori che si occupino della sezione di scienza e tecnologia: vuoi far parte di un gruppo dinamico e stimolante, recensire i prodotti in uscita e condividere le tue conoscenze con gli altri?

0 0 voto
Voto iCrewers

Un approccio in 6 fasi sviluppato dai ricercatori del programma di ricerca Reach for ADHD presso il Boston Medical Cente aiuterà le famiglie di bambini ADHD ad affrontare la condizione: “Questo progetto è incentrato sulla famiglia, focalizzato sull’abbattimento delle barriere che le famiglie devono affrontare da prima della diagnosi alla preparazione dei bambini ADHD per il futuro”, ha affermato il dott. Andrea Spencer, direttore del programma.

Approccio in 6 fasi

Lo studio è stato pubblicato sulla rivista scientifica Pediatrics.

Approccio in 6 fasi: ecco in cosa consiste

Questo progetto può aiutare a fungere da modello per sviluppare interventi di coinvolgimento che saranno più vantaggiosi per le famiglie”, ha aggiunto Spencer in un comunicato stampa del centro, dove spiega il fine dell’approccio in 6 fasi per le famiglie con bambini ADHD.

I ricercatori hanno sviluppato la nuova terapia sulla base delle esperienze di 41 famiglie di minoranze etniche e razziali urbane a basso reddito, che hanno maggiori probabilità di incontrare difficoltà, mentre sono passate dalla diagnosi al trattamento dell’ADHD dei loro figli.

Le sei fasi di approccio o coinvolgimento individuate dai ricercatori sono:

  1. normalizzazione ed esitazione;
  2. stigmatizzazione e paura;
  3. azione e advocacy;
  4. comunicazioni e navigazione;
  5. cura e validazione;
  6. preparazione e transizione.

Si possono verificare difficoltà e conflitti quando i genitori e gli gli operatori sanitari si trovano in fasi diverse del processo, che i ricercatori chiamano discrepanza di fase. Potrebbero essere offerti interventi per supportare le famiglie in ogni fase e aiutarle a passare con successo alla successiva, suggeriscono gli autori dello studio.

Approccio in 6 fasi

I genitori hanno avuto successo quando il supporto è stato fornito in un modo che corrisponde alla loro fase di impegno“, ha spiegato Spencer, che è anche assistente professore di psichiatria presso la Boston University School of Medicine.

L’utilizzo del framework Six Stages (approccio a 6 fasi), potrebbe consentire al sistema sanitario di soddisfare meglio le esigenze dei bambini ADHD le cui famiglie si trovano in fasi diverse del loro processo di coinvolgimento“, ha continuato l’esperto.

Per quanto riguarda i risultati dell’applicazione all’approccio in 6 fasi l’esperimento ha rivelato che dei dei bambini ADHD, il 69,2% era di sesso maschile, il 57,7% era di colore o afroamericano e il 38,5% era di origine ispanica, latina o spagnola. I genitori erano per il 92,7% femmine, parlavano inglese per il 75,6% e avevano un reddito medio di $ 20 000.

I genitori hanno descritto 6 fasi del processo di coinvolgimento nella cura dell’ADHD del loro bambino, che si è svolto come un processo di sviluppo: (1) normalizzazione ed esitazione , (2) paura e stigmatizzazione, (3) azione e advocacy, (4) comunicazione e navigazione, (5) cura e convalida e (6) preparazione e transizione.

 Spesso si sono verificate delle barriere nei momenti di mancata corrispondenza tra genitori e fornitori e/o sistemi. La difficoltà di risolvere una fase precedente ha interferito con la progressione attraverso le fasi successive.

Approccio in 6 fasi

Gli autori hanno affermato che la ricerca futura per perfezionare il modello dovrebbe esaminare: le esperienze delle famiglie con bambini non diagnosticati e non trattati; età della diagnosi e anni di trattamento e come le famiglie di specifici gruppi razziali o etnici possono progredire in modo diverso attraverso le fasi.

L’ADHD è uno dei più comuni disturbi dello sviluppo neurologico dell’infanzia. Di solito viene diagnosticato per la prima volta durante l’infanzia stessa e spesso dura fino all’età adulta. I bambini con ADHD possono avere difficoltà a prestare attenzione, controllare i comportamenti impulsivi (possono agire senza pensare a quale sarà il risultato) o essere eccessivamente attivi.

È normale che i bambini abbiano difficoltà a concentrarsi e a comportarsi in una qualsiasi circostanza che richieda una certa attenzione. Tuttavia, i bambini ADHD non si limitano a crescere con questi comportamenti. I sintomi continuano, possono essere gravi e possono causare difficoltà a scuola, a casa o con gli amici.

Esistono tre diversi tipi di ADHD, a seconda di quali tipi di sintomi sono più forti nell’individuo:

Prevalentemente disattento: è difficile per l’individuo organizzare o completare un compito, prestare attenzione ai dettagli o seguire istruzioni o conversazioni. La persona si distrae facilmente o dimentica i dettagli della routine quotidiana.

Prevalentemente iperattiva-impulsiva: la persona si agita e parla molto. È difficile stare seduti a lungo (ad es. per un pasto o mentre si fanno i compiti). I bambini più piccoli possono correre, saltare o arrampicarsi costantemente. L’individuo si sente irrequieto e ha problemi con l’impulsività. Qualcuno che è impulsivo può interrompere molto gli altri, afferrare le cose dalle persone o parlare in momenti inappropriati. È difficile per la persona aspettare il proprio turno o ascoltare le indicazioni. Una persona con impulsività può avere più incidenti e lesioni di altre.

Sintomi combinati: i sintomi dei due tipi precedenti sono ugualmente presenti nella persona.

Poiché i sintomi possono cambiare nel tempo, anche la presentazione può cambiare nel tempo. Gli scienziati stanno studiando le cause e i fattori di rischio nel tentativo di trovare modi migliori per gestire e ridurre le possibilità che una persona abbia l’ADHD. Le cause e i fattori di rischio per l’ADHD sono sconosciuti, ma la ricerca attuale mostra che la genetica gioca un ruolo importante. Studi recenti collegano i fattori genetici con l’ADHD. 

Approccio in 6 fasi

Decidere se un bambino ha l’ADHD è un processo con diversi passaggi. Non esiste un singolo test per diagnosticare l’ADHD e molti altri problemi, come ansia, depressione, problemi del sonno e alcuni tipi di difficoltà di apprendimento, possono avere sintomi simili. Una fase del processo prevede un esame medico, inclusi test dell’udito e della vista, per escludere altri problemi con sintomi come l’ADHD. La diagnosi dell’ADHD di solito include una lista di controllo per valutare i sintomi dell’ADHD e raccogliere una storia del bambino da genitori, insegnanti e, a volte, dal bambino.

Nella maggior parte dei casi, l’ADHD viene trattato, oltre che con l’approccio a 6 fasi,  al meglio con una combinazione di terapia comportamentale e farmaci. Per i bambini in età prescolare (4-5 anni) con ADHD, la terapia comportamentale, in particolare la formazione per i genitori, è raccomandata come prima linea di trattamento prima di provare i farmaci. Ciò che funziona meglio può dipendere dal bambino e dalla famiglia. Buoni piani di trattamento includeranno un attento monitoraggio, follow-up e modifiche, se necessario, lungo il percorso.

L’ADHD può durare fino all’età adulta. Alcuni adulti hanno l’ADHD ma non sono mai stati diagnosticati. I sintomi possono causare difficoltà al lavoro, a casa o nelle relazioni. I sintomi possono apparire diversi in età avanzata, ad esempio, l’iperattività può apparire come estrema irrequietezza. I sintomi possono diventare più gravi quando aumentano le esigenze dell’età adulta.

Potrebbe interessarti...

Honor Magic 3

Honor Magic 3 Series: performance al top

Scienze

Cellule tumorali persistenti sono responsabili delle ricadute

Scienze

La psicologia ha lottato oltre 1 secolo per capire la mente

Minix Neo U22-XJ

Recensione Minix Neo U22-XJ con Minix Neo A3: il migliore TV Box?

Google

Read Along by Google: l’app che insegna a leggere e scrivere

Scienze

Rilevare terremoti utilizzando i cavi sottomarini di internet

Cosa ne pensi dell’approccio terapeutico in 6 fasi? Se Questa nuova terapia fosse disponibile in Italia, ti candideresti per sperimentarla? Dicci la tua nei commenti.

Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Guarda tutti i commenti
Teufel CAGE

22 ottobre, 2021

Tronsmart Studio

14 settembre, 2021

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
0