Remissione dal diabete T2, Mounjaro, lipidi FAHFA

Diabete T 2: nuova terapia normalizza stabilmente la glicemia

Una nuova ricerca sviluppata dagli scienziati del Laboratorio di ingegneria delle cellule staminali e dei tessuti presso la Facoltà di ingegneria biomedica del Technion e pubblicata sulla prestigiosa rivista scientifica Science Advances ha dimostrato come un nuovo approccio terapeutico normalizza stabilmente la glicemia nel diabete t 2, mostrando livelli normali di zucchero nel sangue per mesi dopo una singola procedura

Il diabete T 2, causato dall’insulino-resistenza e dalla riduzione della capacità delle cellule di assorbire lo zucchero, è caratterizzato da un aumento dei livelli di zucchero nel sangue. Le sue complicanze a lungo termine includono malattie cardiache, ictus, danni alla retina che possono causare cecità, insufficienza renale e scarso flusso sanguigno negli arti che possono portare ad amputazioni. Una nuova ricerca però sta lavorando su una nuova terapia che normalizza stabilmente la glicemia.

Diabete t 2

Lo studio, capitanato dal professor Shulamit Levenberg, Ph.D. la ricercatrice Rita Beckerman del Laboratorio di ingegneria delle cellule staminali e dei tessuti presso la Facoltà di ingegneria biomedica del Technion, presenta un nuovo approccio terapeutico che sfrutta un innesto autologo di cellule muscolari progettate per assorbire lo zucchero a velocità maggiori. I topi trattati in questo modo hanno mostrato livelli normali di zucchero nel sangue per mesi dopo una singola procedura.

I risultati della ricerca sono stati pubblicati sulla prestigiosa rivista scientifica Science Advances.

Nuovo approccio terapeutico per stabilizzare il glucosio nel diabete T 2: ecco cosa dice la ricerca

Le cellule muscolari sono tra i principali bersagli dell’insulina e dovrebbero assorbire lo zucchero dal sangue. Nel loro studio, il gruppo del Prof. Levenberg ha isolato le cellule muscolari dai topi e ha ingegnerizzato queste cellule per presentare più trasportatori di zucchero attivati ​​dall’insulina (GLUT4). Queste cellule sono state poi coltivate per formare un tessuto muscolare ingegnerizzato e infine trasportate nell’addome di topi diabetici.

Diabete t 2

Le cellule ingegnerizzate non solo hanno proceduto ad assorbire correttamente lo zucchero, migliorando i livelli di zucchero nel sangue, ma hanno anche indotto un migliore assorbimento nelle altre cellule muscolari dei topi , mediante segnali inviati tra di loro. Dopo questo trattamento, la guarigione nelle cavie è rimasta stabile per quattro mesi, l’intero periodo in cui sono rimasti sotto osservazione.

 I loro livelli di zucchero nel sangue sono rimasti più bassi e avevano livelli ridotti di fegato grasso normalmente visualizzati nel diabete t 2.

“Prendendo le cellule dal paziente (con diagnosi di diabete T 2)  e trattandole, eliminiamo il rischio di rigetto“, ha spiegato il prof. Levenberg. Queste cellule possono facilmente integrarsi di nuovo nell’essere parte del corpo e rispondere all’attività di segnalazione del corpo.

Attualmente circa 34 milioni di americani, poco più di 1 su 10, soffrono di diabete, il 90% dei quali di diabete t 2. Un trattamento efficace, e uno che sia un trattamento una tantum piuttosto che un farmaco quotidiano, potrebbe migliorare significativamente sia la qualità della vita che l’aspettativa di vita di coloro che hanno il diabete. Lo stesso metodo potrebbe essere utilizzato anche per trattare vari disturbi da carenza enzimatica.

Il diabete è una malattia cronica che si verifica quando il pancreas non produce abbastanza insulina o quando il corpo non può utilizzare efficacemente l’insulina che produce. L’insulina è un ormone che regola la glicemia. L’iperglicemia, o aumento della glicemia, è un effetto comune del diabete incontrollato e nel tempo porta a gravi danni a molti sistemi del corpo, in particolare ai nervi e ai vasi sanguigni.

Diabete t 2

Nel 2014, l’8,5% degli adulti di età pari o superiore a 18 anni aveva il diabete. Nel 2019, il diabete è stata la causa diretta di 1,5 milioni di morti. Per presentare un quadro più accurato delle cause di morte dovute al diabete, tuttavia, dovrebbero essere aggiunti i decessi dovuti a una glicemia superiore a quella ottimale dovuta a malattie cardiovascolari, malattie renali croniche e tubercolosi. Nel 2012 (anno degli ultimi dati disponibili), ci sono stati altri 2,2 milioni di morti per glicemia alta.

Tra il 2000 e il 2016 si è registrato un aumento del 5% della mortalità prematura per diabete. Nei paesi ad alto reddito il tasso di mortalità prematura dovuto al diabete è diminuito dal 2000 al 2010, ma è poi aumentato nel 2010-2016. Nei paesi a reddito medio-basso, il tasso di mortalità prematura dovuto al diabete è aumentato in entrambi i periodi.

Al contrario, la probabilità di morire per una delle quattro principali malattie non trasmissibili (malattie cardiovascolari, cancro, malattie respiratorie croniche o diabete) tra i 30 e i 70 anni è diminuita del 18% a livello globale tra il 2000 e il 2016.

Il diabete t 2 (precedentemente chiamato non insulino-dipendente o ad esordio nell’età adulta) deriva dall’uso inefficace dell’insulina da parte dell’organismo. La maggior parte delle persone con diabete ha il diabete t 2. Questo tipo di diabete è in gran parte il risultato di un eccesso di peso corporeo e di inattività fisica.

I sintomi possono essere simili a quelli del diabete di tipo 1, ma sono spesso meno marcati. Di conseguenza, la malattia può essere diagnosticata diversi anni dopo l’insorgenza, dopo che sono già insorte complicazioni. Fino a poco tempo, questo tipo di diabete era presente solo negli adulti, ma ora si verifica sempre più frequentemente anche nei bambini.

Diabete t 2

Nel tempo, il diabete può danneggiare il cuore, i vasi sanguigni, gli occhi, i reni e i nervi.

Gli adulti con diabete hanno un rischio da due a tre volte maggiore di contrarre infarti e ictus .In combinazione con la riduzione del flusso sanguigno, la neuropatia (danno ai nervi) nei piedi aumenta la possibilità di ulcere del piede, infezioni ed eventuale necessità di amputazione degli arti.

Anche la retinopatia diabetica è un’importante causa di cecità e si verifica a causa di un danno accumulato a lungo termine ai piccoli vasi sanguigni della retina. Il diabete è la causa del 2,6% della cecità globale ed è tra le principali cause di insufficienza renale .

Diversi studi hanno dimostrato che semplici misure di stile di vita sono efficaci nel prevenire o ritardare l’insorgenza del diabete t 2. Per aiutare a prevenire il diabete t 2 e le sue complicanze, le persone dovrebbero:

  • Raggiungere e mantenere un peso corporeo sano;
  • Essere fisicamente attivo: fare almeno 30 minuti di attività regolare e di intensità moderata quasi tutti i giorni. È necessaria più attività per il controllo del peso;
  • Seguire una dieta sana, evitando zuccheri e grassi saturi;
  •  Evitare il consumo di tabacco: il fumo aumenta il rischio di diabete e malattie cardiovascolari.

L’OMS mira a stimolare e sostenere l’adozione di misure efficaci per la sorveglianza, la prevenzione e il controllo del diabete e delle sue complicanze, in particolare nei paesi a basso e medio reddito. A tal fine, l’OMS:

  • Fornisce linee guida scientifiche per la prevenzione delle principali malattie non trasmissibili compreso il diabete;
  • Sviluppa norme e standard per la diagnosi e la cura del diabete;
  • Sensibilizza l’opinione pubblica sull’epidemia globale di diabete, in occasione della Giornata mondiale del diabete (14 novembre); 
  • Monitora costantemente l’aumento dei casi di diabete e dei suoi fattori di rischio.

Diabete t 2

Il Rapporto globale sul diabete dell’OMS fornisce una panoramica dell’onere del diabete, degli interventi disponibili per prevenire e gestire il diabete e raccomandazioni per i governi, gli individui, la società civile e il settore privato.

La Strategia globale su dieta, attività fisica e salute dell’OMS integra il lavoro dell’OMS sul diabete concentrandosi su approcci a livello di popolazione per promuovere una dieta sana e un’attività fisica regolare, riducendo così il crescente problema globale del sovrappeso e dell’obesità.

Il modulo dell’OMS sulla diagnosi e la gestione del diabete t 2 riunisce le linee guida sulla diagnosi, la classificazione e la gestione del diabete t 2 in un unico documento. Il modulo sarà utile ai responsabili delle politiche che pianificano l’erogazione dei servizi di cura del diabete, ai responsabili dei programmi nazionali responsabili della formazione, alla pianificazione e al monitoraggio dell’erogazione dei servizi, ai gestori delle strutture e al personale di assistenza primaria coinvolti nell’assistenza clinica e nei processi di monitoraggio e nei risultati della cura del diabete.

Per quanto riguarda l’Italia, l’Osservatorio dei Medici di Medicina Generale (MMG) riguardo al diabete t 2 ha stabilito che, su un campione di quasi 81 mila i pazienti, la prevalenza di diabete t 2  La prevalenza di DM2 risulta leggermente in crescita dal 2012 (7,5%) al 2017 (8,0%), con valori sempre maggiori negli uomini rispetto alle donne (8,8% vs 7,2% nel 2017). La prevalenza più elevata si registra nella classe di età 80-84 anni: quasi un individuo su 4 (23,4%) in questa fascia di età ha il diabete. Le Regioni con una prevalenza superiore al dato nazionale sono: Calabria (10%), Sicilia (9,4%), Puglia e Abruzzo/Molise (pari merito 8,8%), Lazio (8,7%), Campania (8,5%) e Basilicata (8,6%).

Il diabete purtroppo è spesso associato a una serie di complicanze con un impatto importante sul sistema sanitario, tanto che la gestione dell’individuo con diagnosi di diabete assorbe circa l’11% della spesa sanitaria.

I dati raccolti dai Medici di Medicina Generale indicano che un paziente assistito costa mediamente in un anno 1.263€ con significative differenze regionali. Infatti, in Campania si spendono 1.515€, in Umbria 1.409€, in Puglia 1.398€, nel Lazio 1.304€, in Abruzzo/Molise 1.299€, in Veneto 1.273€ e in Sardegna 1.269€.

Nella popolazione adulta (18 anni di età ed oltre) la prevalenza del diabete è pari al 6,7% mentre tra gli adulti obesi la quota di persone con diabete raggiunge il 14,6% ed è in crescita di oltre 4 punti percentuali rispetto al 2001.

Cosa ne pensi di questa nuova ricerca? Ti candideresti come volontario per poterla sperimentare? Dicci la tua nei commenti.

Sottoscrivi
Notificami
guest
3 Commenti
più votati
più nuovi più vecchi
Inline Feedbacks
Guarda tutti i commenti
Baldassarre
Letizia Fonzone
Voto iCrewers :
     

Buongiorno. Sono diabetica, nello specifico mody 3, con insorgenza in gravidanza. Anche mia figlia, 20 anni, lo è, insorgenza a 13 anni, anche lei mody 3. Parteciperemmo entrambe volentieri a questo studio.

Distinti saluti

Letizia Fonzone

ornella

novara si sono interessata a .sottopormi .alla vostra terapia diabete tipo 2 grazie

3
0
in iCrewPlay diamo spazio al tuo pensiero! Commenta!x
()
x
Condividi su facebook
CONDIVIDI