covid-19 Molnupiravir

COVID-19: Molnupiravir riduce i tassi di ospedalizzazione e mortalità

Gli sforzi per trovare un trattamento semplice e precoce per il COVID-19 potrebbero essere finalmente andati a buon fine con Molnupiravir

Una pillola casalinga contro il coronavirus dimezza le possibilità che le persone con una nuova diagnosi di COVID-19 finiscano in ospedale o muoiano, indicano i primi risultati rilasciati dallo sviluppatore del farmaco.

La pillola, un farmaco antivirale chiamato molnupiravir, è stata testata contro un placebo, in persone ad alto rischio di sviluppare una malattia grave. Delle 377 persone che hanno ricevuto il placebo, il 14,1%, o 53, sono state ricoverate in ospedale entro 29 giorni dall’inizio della sperimentazione, con otto decessi. In confronto, il 7,3%, o 28, dei 385 pazienti che hanno ricevuto il farmaco sono stati ricoverati nello stesso periodo di tempo.

Nessuno è morto, hanno annunciato i funzionari della società farmaceutica Merck il 1 ottobre in un comunicato stampa. Un numero simile di persone che assumevano il farmaco e il placebo ha riportato effetti collaterali, ma un minor numero di persone nel gruppo del farmaco ha interrotto il trattamento a causa di tali effetti collaterali. Il comunicato stampa non ha descritto quali fossero questi effetti collaterali.

Circa il 40% dei partecipanti allo studio ad interim è stato infettato dalle varianti gamma, delta o mu del coronavirus. Molnupiravir è stato efficace contro quelle varianti come lo era contro le versioni precedenti del virus, ha riferito la società. I risultati completi dello studio non sono ancora disponibili e altri scienziati non hanno esaminato i dati. Trovare farmaci che possono funzionare presto in un’infezione non è stato facile.

Attualmente, solo alcuni anticorpi prodotti in laboratorio sono autorizzati per i pazienti con nuova diagnosi di COVID-19 che non sono abbastanza malati da andare in ospedale. Questi anticorpi devono essere somministrati attraverso una flebo, rendendo difficile per alcune persone ottenere il trattamento.

“Sono assolutamente necessari trattamenti antivirali che possono essere assunti a casa per tenere le persone con COVID-19 fuori dall’ospedale”, ha affermato Wendy Holman, amministratore delegato di Ridgeback Biotherapeutics nel comunicato stampa. Ridgeback e Merck hanno collaborato per sviluppare molnupiravir e condivideranno i profitti.

L’aspetto più eccitante del farmaco è che può essere assunto sotto forma di pillola, piuttosto che come infusione endovenosa come il remdesivir, afferma Mark Denison, virologo presso il Vanderbilt University Medical Center di Nashville. Ha svolto gran parte dei primi test di laboratorio di molnupiravir, precedentemente noto come EIDD-2801 o MK-4482, ma non è stato coinvolto negli studi clinici.

In alcuni dei bambini che Denison tratta come direttore delle malattie infettive pediatriche al VUMC, il trattamento con remdesivir arriva troppo tardi. Lo stesso vale per molti adulti ricoverati in ospedale con COVID-19. “A quel punto, perché non versi semplicemente il farmaco sulle loro teste invece di darglielo endovena, perché hai già superato la finestra dove può essere efficace.” Ritardare il trattamento antivirale è come aspettare di somministrare antibiotici fino a quando una ferita non viene infettata fino all’osso, dice.

Dare antivirali all’inizio di un’infezione ha la possibilità di fermare il virus prima che possa fare molti danni o spingere il sistema immunitario a reagire in modo eccessivo. Molnupiravir potrebbe potenzialmente essere prescritto non appena un paziente ottiene un risultato positivo del test COVID-19, forse scongiurando inondazioni di pazienti COVID-19 che stanno travolgendo i sistemi medici mentre circola la variante delta altamente trasmissibile. In combinazione con i vaccini, un trattamento precoce efficace potrebbe aiutare a tenere sotto controllo la pandemia.

COVID-19 con Molnupiravir forse più che una speranza

covid-19 Molnupiravir

I risultati intermedi dello studio molnupiravir sono stati così incoraggianti che un gruppo di revisione indipendente ha deciso di interrompere anticipatamente lo studio globale. Merck ha affermato che prevede di richiedere l’autorizzazione all’uso di emergenza per il farmaco dalla Food and Drug Administration degli Stati Uniti e richiederà l’autorizzazione anche in altri paesi.

“Interrompere una sperimentazione per l’inutilità è piuttosto comune, quando un farmaco non funziona o quando mostra un effetto negativo”, afferma Denison. “Ma interrompere una sperimentazione a causa dell’efficacia, perché il farmaco funziona così bene è davvero insolito. Aggiunge: “Sono stupito ma non sorpreso” che l’antivirale abbia funzionato bene negli esseri umani. Nei suoi esperimenti con cellule cresciute in piatti di laboratorio e in test sugli animali, “Sono rimasto sbalordito dalla sua efficacia contro più coronavirus”.

Come il remdesivir antivirale approvato dalla FDA, molnupiravir imita gli elementi costitutivi del materiale genetico del coronavirus, l’RNA. I falsi mattoni interferiscono con l’enzima polimerasi che il coronavirus usa per copiare il suo RNA. Ma i due farmaci funzionano in modo diverso. Remdesivir è un segnale di stop ritardato, dice Denison.

Quando viene inserito in un filamento in crescita di RNA, rallenta la polimerasi, provocandone infine l’arresto, proprio come un’auto che entra in un incrocio quando il semaforo diventa giallo potrebbe fermarsi nel mezzo dell’incrocio, dice. Molnupiravir invece buttera l’RNA con molte mutazioni, causando la rottura della polimerasi e di altri componenti virali, proprio come una strada disseminata di buche può causare il guasto di un’auto.

Queste buche di mutazione non solo fermano l’enzima che copia l’RNA, ma causano anche danni a altre proteine di cui il virus ha bisogno per infettare le cellule e replicarsi. I virus possono sviluppare resistenza ad alcuni antivirali, come il farmaco antinfluenzale osteltamavir, venduto con il marchio Tamiflu. Ma con molnupiravir, “non possono emergere mutazioni di resistenza perché il farmaco produce troppe altre mutazioni dannose”, afferma Denison.

Merck afferma di poter produrre fino a 10 milioni di dosi di molnupiravir entro la fine dell’anno. La società ha stipulato accordi con i produttori di farmaci generici in più di 100 paesi a basso e medio reddito per produrre anche il farmaco.

Che ne pensi di questa svolta nella cura del COVID? Facci sapere nei commenti!

Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Guarda tutti i commenti
0
in iCrewPlay diamo spazio al tuo pensiero! Commenta!x
()
x
Condividi su facebook
CONDIVIDI