Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
covid 19

Covid 19: il tuo DNA influenza il modo in cui puoi ammalarti

Uno studio sul COVID 19 eseguito su oltre 45.000 persone, suggerisce i motivi per cui alcune persone si ammalano dopo l'infezione

iCrewPlay è alla ricerca di redattori che si occupino della sezione di scienza e tecnologia: vuoi far parte di un gruppo dinamico e stimolante, recensire i prodotti in uscita e condividere le tue conoscenze con gli altri?

0 0 voto
Voto iCrewers

Alcune persone possono incolpare il loro DNA per aver dato loro più probabilità di contrarre il COVID-19 o di ammalarsi gravemente se vengono infettate. Uno studio su oltre 45.000 persone, sul COVID 19, ha scoperto 13 varianti genetiche legate ad un aumentato rischio di infezione da SARS-CoV-2 o ad una maggiore possibilità di sviluppare malattie gravi, secondo i ricercatori (l’8 luglio su Nature). Il team comprende più di 3.300 ricercatori in 25 paesi.

Alcune delle varianti erano state scoperte in studi precedenti. Ad esempio, i ricercatori hanno nuovamente confermato un legame genetico tra il gruppo sanguigno e la probabilità di contrarre l’infezione, ma non sanno perché le persone con sangue di tipo O possano essere leggermente protette.

Lo studio ha anche verificato che una variante che disabilita il gene TYK2 aumenta il rischio di malattie gravi e ospedalizzazione. Questa variante è nota per proteggere dalle malattie autoimmuni, ma lascia le persone più vulnerabili alla tubercolosi.

Covid 19 e correllazioni etniche

covid 19

Ma almeno un’associazione era sconosciuta: una variante in un gene chiamato FOXP4 è associata a COVID 19 più grave, ha scoperto il team. Questa variante aumenta l’attività del gene ed è stata precedentemente collegata al cancro del polmone e alla malattia polmonare interstiziale, un gruppo di malattie che causano cicatrici e rigidità dei polmoni. I farmaci ancora da sviluppare che inibiscono l’attività della proteina FOXP4 potrebbero aiutare le persone a riprendersi da COVID 19 o impedire loro di ammalarsi gravemente.

La versione associata alla malattia del gene è più comune tra le popolazioni asiatiche e latine nelle Americhe, ha detto il genetista Mark Daly il 7 luglio durante una conferenza stampa. Questo collegamento potrebbe non essere mai stato scoperto se persone di diverse origini provenienti da tutto il mondo non fossero state incluse nello studio, ha affermato Daly, dell’Istituto di medicina molecolare finlandese di Helsinki.

Solo dal 2% al 3% delle persone con origini europee porta la variante, rispetto al 7% delle persone in Medio Oriente, al 20% dei latinos nelle Americhe e al 32% degli asiatici orientali.

Potrebbe interessarti...

Scienze

Tardigrada: trovato un fossile di 16 milioni di anni

Windows 11

Windows 11 è qui: prime impressioni e consigli

Scienze

William Shatner: nello spazio a 90 anni con Blue Origin

Netflix

Abbonamento Netflix più costoso a partire da oggi

Scienze

Balena preistorica a quattro zampe: 43 milioni di anni fa

Scienze

Endometriosi: individuata causa genetica e target del farmaco

Che ne pensi di questa nuova scoperta sul covid 19? Facci sapere nei commenti

Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Guarda tutti i commenti
Tronsmart Studio

14 settembre, 2021

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
0