Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
variante delta

Variante Delta Covid 19: cosa sappiamo finora

La variante delta sta rapidamente superando altre versioni del coronavirus in tutto il mondo

iCrewPlay è alla ricerca di redattori che si occupino della sezione di scienza e tecnologia: vuoi far parte di un gruppo dinamico e stimolante, recensire i prodotti in uscita e condividere le tue conoscenze con gli altri?

0 0 voto
Voto iCrewers

La variante delta, emersa per la prima volta in India, si è ora diffusa in più di 80 paesi e sta rapidamente diventando la versione dominante del virus.

In luoghi come il Regno Unito, la variante delta ha detronizzato la variante alfa altamente trasmissibile, che è stata identificata per la prima volta, come la forma più comune del virus.

Quella rapida diffusione della variante delta ha costretto i funzionari sanitari a reagire. I funzionari del Regno Unito, ad esempio, hanno ritardato i piani per la riapertura del paese, spostando la data a metà luglio.

I funzionari sanitari in Israele, una nazione in cui quasi il 60% della popolazione è completamente vaccinata, hanno ripristinato il requisito che i residenti indossino maschere in casa, una misura di salute pubblica che era stata revocata 10 giorni prima.

Negli Stati Uniti, luoghi come la contea di Los Angeles raccomandano che anche le persone vaccinate indossino ancora le mascherine in casa.

L’Organizzazione mondiale della sanità esorta inoltre tutti a continuare a indossare mascherine, sebbene le linee guida dei centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie, rimangono in vigore.

La variante Delta rappresenta la più grande minaccia per le persone non vaccinate, suggeriscono gli ultimi studi. Negli Stati Uniti, il delta è responsabile di circa il 26,1% dei casi in tutto il paese.

La sua prevalenza raddoppia ogni due settimane. Restringendo le regioni che includono stati con bassi tassi di vaccinazione come Missouri e Wyoming rivela che il delta sta già causando la maggior parte delle infezioni in alcuni luoghi.

Il 1° luglio, l’amministrazione Biden ha annunciato che squadre di esperti dotati di forniture di test e terapie sarebbero state inviate nei punti caldi degli Stati Uniti per controllare le epidemie della variante delta.

La preoccupazione è ancora maggiore a livello globale. Solo il 23,4% delle persone in tutto il mondo ha ricevuto almeno una dose di vaccino contro il COVID-19, la maggior parte delle quali risiede in paesi ricchi. Meno dell’1% delle persone nei paesi a basso reddito ha avuto una possibilità.

Variante delta è al centro della scena, ecco cosa sanno finora i ricercatori

variante delta

Il coronavirus che causa il COVID-19 è ancora in circolazione perché è stato in grado di adattarsi bene a diffondersi tra gli esseri umani, afferma Ravindra Gupta, virologo presso l’Istituto di immunologia terapeutica e malattie infettive di Cambridge in Inghilterra.

Sebbene la variante alfa sia circa il 50% più contagiosa rispetto alle versioni precedenti del virus, il delta sembra aver superato quel benchmark.

I dati di Public Health England, un’agenzia sanitaria del governo del Regno Unito, suggeriscono che il delta potrebbe essere il 60% più trasmissibile dell’alpha.

“È piuttosto preoccupante”, afferma Ravina Kullar, epidemiologa dell’UCLA e portavoce della Infectious Diseases Society of America.

Le persone che sono inconsapevolmente infettate dalla variante delta hanno maggiori probabilità di trasmettere il virus a qualcun altro, forse da sette a otto persone, afferma Kullar.

“Puoi semplicemente vedere un focolaio che si verifica abbastanza rapidamente se qualcuno ospita la variante delta” ma non è isolato dagli altri. La variante delta può infatti eludere parti del sistema immunitario.

Le maggiori possibilità di diffondere delta ad altre persone non sono l’unica preoccupazione. Con delta, “abbiamo un virus che ha tutti questi vantaggi di trasmissione che ha avuto l’alfa”, afferma Gupta.

Ma il delta può anche schivare parti del sistema immunitario, il che gli conferisce un ulteriore vantaggio rispetto all’alfa. “Questo spiega, a nostro avviso, perché sta causando problemi ovunque”, afferma Gupta.

Ad esempio, gli anticorpi di persone guarite e vaccinate erano meno potenti nel fermare il delta dalle cellule infettanti rispetto all’alfa o alla versione originale del virus di Wuhan, in Cina, Gupta e colleghi riportano in uno studio preliminare pubblicato il 22 giugno su Research Square.

E quando il team ha analizzato un gruppo di casi di COVID-19 in operatori sanitari che erano stati vaccinati con il vaccino di AstraZeneca in un ospedale in India ad aprile, i ricercatori hanno scoperto che la maggior parte era infettata dal delta.

Lo stesso era vero in altri due centri sanitari a Delhi, un suggerimento che il delta potrebbe avere maggiori probabilità di infettare alcune persone vaccinate, chiamata infezione rivoluzionaria, rispetto a varianti come l’alfa. Nel complesso, i vaccini sembrano ancora fare il loro lavoro.

Quanto sono efficaci i vaccini contro la variante Delta?

Anche in mezzo alla minaccia di infezioni rivoluzionarie, le vaccinazioni stanno ancora proteggendo le persone dal peggio di COVID-19.

Uno studio preliminare, ad esempio, ha scoperto che i vaccini COVID-19 sembrano essere meno efficaci contro il delta rispetto ad altre varianti.

Una singola dose di vaccini Pfizer o AstraZeneca è efficace per circa il 33% nel prevenire la malattia sintomatica per le infezioni delta tre settimane dopo l’iniezione, i ricercatori riferiscono il 24 maggio su medRxiv.org.

Una seconda dose di jab di Pfizer, tuttavia, ha aumentato l’efficacia contro il delta a quasi l’88% contro il delta, in calo dal 93,4% contro l’alfa. Una seconda dose del vaccino di AstraZeneca è efficace per circa il 60%, in calo dal 66% contro l’alfa.

La protezione dall’ospedalizzazione è ancora migliore, i ricercatori riferiscono il 21 giugno in uno studio preliminare separato di Public Health England.

Una singola dose del vaccino COVID-19 di Pfizer era efficace al 94% nel tenere le persone fuori dall’ospedale dopo essere state infettate da delta e una dose di AstraZeneca era efficace al 71%. Due dosi hanno aumentato questi numeri rispettivamente fino al 96 e al 92 percento.

Finora, in luoghi altamente vaccinati come il Regno Unito e Israele, ad esempio, l’aumento dei casi di COVID-19 non è stato ancora collegato a un grande picco di ricoveri o decessi.

Ma i ricoveri e i decessi tendono a rimanere indietro di un paio di settimane rispetto all’aumento dei casi, quindi il tempo dirà se questi numeri aumenteranno.

Inoltre, non ci sono ancora molte informazioni sul delta e sull’efficacia dei vaccini come il vaccino COVID-19 di Johnson & Johnson, lasciando molte persone in attesa, afferma Kullar.

Un segno di speranza: uno studio preliminare pubblicato il 1 luglio su medRxiv.org suggerisce che gli anticorpi innescati da quel vaccino riconoscono ancora la variante. Quindi la dose dovrebbe essere ancora efficace.

Il punto chiave, tuttavia, è che più persone vaccinate ci sono, meno è probabile che il delta causi problemi in una comunità. Ma i vaccini non proteggono tutti allo stesso modo.

La buona notizia è che le persone giovani e relativamente sane che sono state vaccinate probabilmente staranno bene. Ma “stiamo assistendo a ricoveri, e vedremo morti, in persone che sono state vaccinate che sono più anziane, che hanno condizioni pregresse”, afferma Gupta.

Non tutti gli individui hanno lo stesso livello di protezione dai vaccini. Inoltre, i bambini di età inferiore ai 12 anni non hanno ancora diritto alla vaccinazione.

Kullar è d’accordo, osservando che ci sono ancora molte persone immunocompromesse, come i riceventi di trapianti di organi o le persone sottoposte a trattamenti per il cancro, o gli anziani che potrebbero essere ancora a rischio.

“Molte di queste persone si sono vaccinate, hanno fatto tutto il possibile. Ora fanno affidamento su quelle altre persone intorno a loro per proteggerli”. Gli esperti stanno guardando e aspettando che appaia la prossima variante.

Probabilmente Delta non sarà l’ultima variante ad apparire in mezzo alla pandemia. Mentre i vaccini proteggono ancora le persone ora, le possibilità che emerga una variante che potrebbe renderle molto meno efficaci aumentano man mano che il virus circola tra i non vaccinati.

Le varianti continueranno ad emergere man mano che il coronavirus si diffonde, ha dichiarato Tedros Adhanom Ghebreyesus, direttore generale dell’Organizzazione mondiale della sanità, in una conferenza stampa del 25 giugno.

“Questo è ciò che fanno i virus, si evolvono, ma possiamo prevenire l’emergere di varianti prevenendo la trasmissione. È abbastanza semplice. Più trasmissione, più varianti. Meno trasmissione, meno varianti”.

Smorzare la diffusione per dare al virus meno opportunità di mutare è cruciale, dice Kullar. “Prima pensavamo che alpha fosse preoccupante, ora c’è la variante delta, che la fa vergognare a confronto. Cosa verrà dopo?”

Il tempo per pianificare il futuro dei vaccini in mezzo alla diffusione di nuove varianti che possono eventualmente eludere il sistema immunitario in modo molto più efficace del delta o di altre forme attuali del virus potrebbe già essere qui, afferma Gupta. “Questa non è la fine della storia”.

Potrebbe interessarti...

Honor Magic 3

Honor Magic 3 Series: performance al top

Scienze

Cellule tumorali persistenti sono responsabili delle ricadute

Scienze

La psicologia ha lottato oltre 1 secolo per capire la mente

Minix Neo U22-XJ

Recensione Minix Neo U22-XJ con Minix Neo A3: il migliore TV Box?

Google

Read Along by Google: l’app che insegna a leggere e scrivere

Scienze

Rilevare terremoti utilizzando i cavi sottomarini di internet

Che ne pensi di tutto quello che è stato scoperto finora sulla variante delta? Facci sapere nei commenti

Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Guarda tutti i commenti
Teufel CAGE

22 ottobre, 2021

Tronsmart Studio

14 settembre, 2021

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
0