Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram

Cellule senescenti: eliminarle allevia i sintomi del diabete t2

Una nuova ricerca portata avanti dai ricercatori dell'UConn Health e pubblicata sulla rivista scientifica Cell metabolism ha dimostrato che eliminare le cellule senescenti dall'organismo umano attraverso la combinazione di 2 farmaci, allevia l'insulino-resistenza e la tendenza all'obesità nei soggetti con diagnosi di diabete di tipo 2

iCrewPlay è alla ricerca di redattori che si occupino della sezione di scienza e tecnologia: vuoi far parte di un gruppo dinamico e stimolante, recensire i prodotti in uscita e condividere le tue conoscenze con gli altri?

0 0 voto
Voto iCrewers

Le cellule senescenti o disfunzionali che si trovano nel grasso umano, una volta eliminate, alleviano i sintomi del diabete di tipo 2 come l’insulino-resistenza e la tendenza all’obesità. A dichiararlo sono i ricercatori di UConn Health. La scoperta potrebbe portare a nuovi trattamenti per il diabete di tipo 2 e altre malattie metaboliche.

Cellule senescenti

Attualmente il paese con il più alto livello di obesità in Europa, con più di 1 adulto su 4 (28,1%) obeso e quasi due su tre (63,4%) in sovrappeso è l’Inghilterra. Nei prossimi 20 anni, si prevede che il numero di adulti obesi nel paese salirà a 26 milioni di persone.

Secondo gli esperti, un tale aumento comporterebbe più di un milione di casi in più di diabete di tipo 2 , malattie cardiache e cancro. L’obesità non è più una condizione che colpisce solo le persone anziane, anche se la probabilità aumenta con l’età e un numero crescente di giovani è stato diagnosticato con l’obesità.

Le cellule del nostro organismo si rinnovano costantemente: le cellule che invecchiano e muoiono e ne nascono di nuove. Ma a volte questo processo va storto. Le cellule danneggiate occasionalmente persistono.

Chiamate cellule senescenti, rimangono in giro, agendo come una cattiva influenza su altre cellule vicine. La loro cattiva influenza modifica il modo in cui le cellule vicine gestiscono gli zuccheri o le proteine ​​e quindi causano problemi metabolici.

I risultati della ricerca sono stati pubblicati sulla rivista scientifica Cell Metabolism.

Cellule senescenti: ecco perché è importante che vengano eliminate

Il diabete di tipo 2 è la malattia metabolica più comune negli Stati Uniti. Secondo i Centers for Disease Control and Prevention (CDC), ne soffrono circa 34 milioni di persone, ovvero uno ogni 10 abitanti degli Stati Uniti.

Cellule senescenti

La maggior parte delle persone con diabete ha insulino-resistenza, che è associata a obesità, mancanza di esercizio fisico e cattiva alimentazione. Ma ha anche molto a che fare con le cellule senescenti nel grasso corporeo delle persone, secondo le nuove scoperte di Ming Xu e colleghi della UConn Health School of Medicine. 

L’eliminazione delle cellule senescenti sembra fermare la sintomatologia tipica del diabete di tipo 2 nei topi obesi. Ming Xu, assistente professore presso il Centro UConn sull’invecchiamento e il dipartimento di genetica e scienze del genoma presso UConn Health, ha guidato la ricerca, insieme ai ricercatori di UConn Health Lichao Wang e Binsheng Wang come principali contributori.

Alleviare gli effetti negativi del grasso sul metabolismo è stato un risultato importante, hanno dichiarato i ricercatori. Se una terapia funzionasse così bene negli esseri umani, sarebbe un trattamento rivoluzionario per il diabete.

Xu e i suoi colleghi hanno testato l’efficacia di una combinazione di farmaci sperimentali, dasatinib e quercetina. Dasatinib e quercetina avevano già dimostrato di prolungare la durata della vita e la buona salute nei topi anziani.

Cellule senescenti

 In questo studio, hanno scoperto che questi farmaci possono uccidere le cellule senescenti da colture di tessuto grasso umano. Il tessuto è stato donato da individui con obesità noti per avere problemi metabolici. Senza trattamento, i tessuti grassi umani hanno indotto problemi metabolici nei topi immunodeficienti. Dopo il trattamento con dasatinib e quercetina, gli effetti dannosi del tessuto adiposo sono stati quasi eliminati.

“Questi farmaci possono rendere sano il grasso umano, e questo potrebbe essere fantastico”, afferma Xu. “I risultati sono stati molto impressionanti e hanno aperto la strada a potenziali studi clinici”.

Xu e i suoi colleghi della UConn Health e della Mayo Clinic stanno ora utilizzando la combinazione di dasatinib e quercetina negli studi clinici per vedere se i farmaci possono migliorare il diabete di tipo 2 nei pazienti umani.

 “Sebbene questi risultati preclinici fossero molto promettenti, gli studi clinici su larga scala sono assolutamente fondamentali per esaminare l’efficacia e la sicurezza di questi farmaci negli esseri umani prima dell’uso clinico“, ha sottolineato Xu.

Cellule senescenti

Il team di ricerca si sta anche concentrando su una popolazione di cellule senescenti precedentemente inesplorata. Queste cellule senescenti esprimono alti livelli di p21, un inibitore della chinasi ciclina-dipendente e uno dei marcatori chiave per la senescenza cellulare.

 Utilizzando un modello murino di nuova concezione, il team di Xu ha dimostrato che l’eliminazione di queste cellule senescenti una volta al mese è efficace sia per rallentare lo sviluppo del diabete sia per alleviare i sintomi diabetici sviluppati nei topi obesi.

Cellule senescenti

Xu ha spiegato che la ricerca precedente si è concentrata su diversi marcatori cellulari, ma che gli effetti dell’eliminazione delle cellule che esprimono altamente p21 sono stati così marcati nell’alleviare il diabete che questo marcatore dovrebbe ricevere maggiore attenzione.

Potrebbe interessarti...

Scienze

Vaccino HPV monodose: ecco perché è altamente funzionante

Windows 11

Media Player da oggi avrà un restyling su Windows 11

Apple Podcasts

Apple gioca e vince contro i colossi del gaming

Scienze

Sars cov 2: cosa succede se i bambini si ammalano a lungo di covid?

Makalu 67

Makalu 67 di Mountain: il primo mouse con PixArt PMW3370

Scienze

Trapianto di rene da maiale a uomo: cosa comporta?

Questa nuova ricerca apre nuove strade per il trattamento del diabete di tipo 2. Se la combinazione dei farmaci dasatinib e quercitina fosse funzionale anche negli esseri umani, saresti interessato a sottoporti alla nuova terapia farmacologica o preferisci trattare il diabete di tipo 2 conle terapie standard? Dicci la tua nei commenti.

Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Guarda tutti i commenti
Teufel CAGE

22 ottobre, 2021

Tronsmart Studio

14 settembre, 2021

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
0