cambiamento climatico

Cambiamento climatico: come il calore distorce il comportamento umano

Il cambiamento climatico ha portato con sé l'aumento delle temperature, ma anche la violenza e l'aggressività, ma portando via la concentrazione e la produttività

Naviga tra i contenuti

Il cambiamento climatico è già da qualche tempo l’argomento scientifico preferito da screditare, per tuttologi, complottisti e certi gruppi politici mossi da dubbie motivazioni. Ma in un afoso pomeriggio estivo di quasi dieci anni fa, Meenu Tewari stava visitando un’azienda di tessitura a Surat, nell’India occidentale, e Tewari di mestiere fa l’urbanista, spesso fa queste visite per capire come operano le aziende manifatturiere. Quel giorno, però, il suo giro in fabbrica la lasciò perplessa.

“Non c’erano lavoratori lì… solo macchine”, dice Tewari dell’Università della Carolina del Nord a Chapel Hill.

I dipendenti scomparsi non erano lontani; riposavano all’ombra sotto una tenda vicina. Le temperature torride avevano fatto commettere errori agli operai, oppure li aveva anche fatti svenire vicino ai macchinari pericolosi, questo riportò la guida aziendale a Tewari. Quindi l’azienda aveva ordinato che i lavoratori arrivassero prima e se ne andassero più tardi in modo che potessero riposare durante il caldo di mezzogiorno.

Fisiologicamente, i corpi delle persone non sono costruiti per gestire il calore oltre le temperature del bulbo umido, una misura combinata di calore e umidità, di circa 35°. Prove crescenti mostrano che quando il calore mette a dura prova i corpi delle persone, anche le loro prestazioni in vari compiti, così come i meccanismi generali di problem-solving, ne risentono. I ricercatori hanno collegato il calore estremo a un aumento dell’aggressività, a una minore capacità cognitiva e, come hanno dimostrato Tewari e colleghi, a una perdita di produttività.

Con l’aumento delle temperature globali, dovuti al cambiamento climatico, e le ondate di calore da record che infiammano parti del mondo, gli effetti del calore estremo sul comportamento umano potrebbero rappresentare un problema crescente.

E le persone e i paesi a basso reddito, con risorse limitate per mantenere la calma mentre il cambiamento climatico riscalda il mondo, rischiano di soffrire di più, affermano i ricercatori. “Gli effetti fisiologici del calore possono essere universali, ma il modo in cui si manifesta… è altamente disuguale”, afferma l’economista R. Jisung Park dell’UCLA.

Cambiamento climatico, calore e aggressività

cambiamento climatico

Gli scienziati documentano da oltre un secolo le difficoltà degli esseri umani nell’affrontare il caldo estremo. Gran parte di questo lavoro, tuttavia, ha avuto luogo in ambienti di laboratorio per consentire un alto grado di controllo.

Ad esempio, alcuni decenni fa, lo psicologo sociale Craig Anderson e colleghi, hanno mostrato agli studenti universitari quattro video clip di coppie impegnate in un dialogo. Una clip aveva un tono neutro, mentre le altre tre mostravano un’escalation di tensione tra i due. Gli studenti universitari che guardavano le clip erano seduti ciascuno in una stanza con il termostato impostato su una delle cinque diverse temperature, che andavano da un fresco 14° C a un caldo 36° C.

I ricercatori hanno quindi chiesto agli studenti di valutare il livello di ostilità delle coppie. Anderson, dell’Iowa State University di Ames, scoprì che gli studenti in stanze scomodamente calde, valutarono tutte le coppie, anche quella neutra, come più ostili rispetto agli studenti in stanze con temperature confortevoli. È interessante notare che anche gli studenti in stanze scomode e fredde classificarono le coppie come più ostili.

Il calore tende a rendere le persone più irritabili, dice Anderson, i cui risultati sono apparsi nel 2000 Advances in Experimental Social Psychology. E di conseguenza, “tendono a percepire le cose come più cattive quando le temperature sono calde rispetto a quando sono comode”.

La ricerca suggerisce che tali percezioni possono lasciare il posto alla violenza reale quando le persone non hanno una via di fuga. Ma questa “ipotesi di aggressione termica” è stata difficile da dimostrare al di fuori del laboratorio perché scoprire l’effetto del calore da altre variabili ambientali o biologiche legate all’aggressività è difficile nel disordinato mondo reale. Gli studi degli ultimi anni, tuttavia, hanno iniziato a confermare l’idea.

Ad esempio, un documento di lavoro di luglio del National Bureau of Economic Research si è avvicinato a ricreare il livello di controllo trovato in un laboratorio concentrandosi sui detenuti nelle carceri del Mississippi e nelle carceri prive di aria condizionata.

Gli economisti Anita Mukherjee dell’Università del Wisconsin, Madison e Nicholas Sanders della Cornell University, hanno esaminato i tassi di violenza in 36 istituti penitenziari dal 1° gennaio 2004 al 31 dicembre 2010. Complessivamente, ogni struttura ha registrato in media circa 65 atti violenti all’anno. Ma la coppia ha scoperto che nei giorni al di sopra di circa 27°, che si verificano circa poco più di 60 giorni all’anno, la probabilità di violenza tra i detenuti è aumentata del 18%.

Anche se non sembra così caldo, la maggior parte di quei giorni ha avuto una temperatura massima media di circa 34° C; né quelle letture della temperatura tengono conto dell’elevata umidità del Mississippi, dice Mukherjee. Inoltre, molte delle vecchie strutture penitenziarie del paese, mancano sia dell’aria condizionata che di un’adeguata ventilazione, e le temperature all’interno delle strutture spesso superano le temperature all’esterno.

I politici spesso inquadrano la fornitura di aria condizionata ai detenuti come una questione di comfort, dice Mukherjee. “Quando parliamo di oltre 40° all’interno di una prigione per molti giorni all’anno, diventa una questione morale”.

Estrapolando dai dati del Mississippi, Mukherjee e Sanders stimano che il calore generi ulteriori 4.000 atti violenti ogni anno negli istituti penitenziari statunitensi. La ricerca suggerisce anche che la violenza aumenta insieme al caldo al di fuori delle carceri.

Ad esempio, per i mesi da maggio a settembre dal 2010 al 2017, i crimini violenti a Los Angeles sono stati circa il 5,5 percento più alti nei giorni con temperature da circa 24° C a 32° C, rispetto ai giorni con temperature inferiori, i ricercatori hanno riportato nel May Journal of Public Economics. I ricercatori hanno scoperto che i crimini violenti erano quasi il 10% più alti nei giorni ancora più caldi.

Cambiamento climatico, calore e prestazioni

Cambiamento climatico

La relazione tra calore e comportamento umano va ben oltre la violenza. Considera gli studenti che sostengono gli esami in edifici scolastici caldi. Park, economista dell’UCLA, ha zoomato sugli studenti di New York che siedono per esami di scuola superiore standardizzati specifici per materia. Ciascuno richiede circa tre ore e viene somministrato presso la scuola, o a casa dello studente per un periodo di due settimane alla fine di giugno. Le temperature in quel momento possono variare da 15° C a quasi 37° C.

Park ha esaminato i punteggi di quasi 1 milione di studenti e circa 4,5 milioni di esami dal 1999 al 2011. Tale analisi, pubblicata a marzo 2020 nel Journal of Human Resources, ha rilevato che gli studenti che sostengono l’esame in una giornata di circa 32° C, hanno il 10% in meno probabilità di superare una determinata materia rispetto a se avessero sostenuto quell’esame in una giornata di 24°C.

Park e colleghi hanno anche esaminato come le temperature elevate potrebbero influenzare le prestazioni degli studenti in tutto il paese. Questa volta, hanno ingrandito il PSAT, un esame standardizzato somministrato ai liceali in ottobre, che misura la preparazione al college e fornisce un percorso per borse di studio. Il team ha valutato 21 milioni di punteggi di quasi 10 milioni di studenti che hanno sostenuto l’esame almeno due volte dal 1998 al 2012.

In questo modo, i ricercatori hanno potuto confrontare il rendimento degli studenti rispetto a se stessi. Il team ha anche correlato i punteggi degli esami con i dati sulla temperatura giornaliera di circa 3.000 stazioni meteorologiche in tutto il paese, nonché le informazioni sull’accesso di ogni studente all’aria condizionata.

I punteggi degli studenti in genere aumentano tra la prima volta che sostengono l’esame e il secondo. Ma anche quando i ricercatori hanno preso in considerazione tale aumento, gli studenti nelle scuole senza aria condizionata hanno ottenuto punteggi inferiori a quanto ci si sarebbe aspettato, hanno riferito i ricercatori nell’American Economic Journal: Economic Policy del maggio 2020.

Inoltre, gli studenti neri e ispanici avevano maggiori probabilità di frequentare la scuola e fare test in edifici più caldi rispetto alle loro controparti bianche, e i ricercatori stimano che le differenze di temperatura risultanti spiegassero dal 3 al 7% del divario razziale del PSAT.

Questo tipo di calo delle prestazioni non si verifica solo in contesti accademici; si estende anche alla forza lavoro. Dopo la visita di Tewari alla fabbrica di tessitura di Surat, ha iniziato a esaminare i dati sulla produzione dei lavoratori in India, dove l’aria condizionata industriale può essere rara, in diverse fabbriche di tessitura e cucito di indumenti e un’azienda siderurgica che fornisce binari per le ferrovie.

Tewari e colleghi hanno osservato lavoratori da circa uno a nove anni, a seconda del settore. Quando le temperature sono salite oltre i 35° C, la produzione media giornaliera nella tessitura è diminuita di circa il 2% e la cucitura di indumenti fino all’8%, rispetto ai giorni sotto i 30° C, stimano i ricercatori nel Journal of Political Economy di giugno.

Il team si è poi esteso ai settori in tutta l’India utilizzando i dati dei sondaggi nazionali. Questa analisi ha mostrato che la produttività ha iniziato a diminuire quando le temperature massime giornaliere medie sono aumentate sopra i 20° C. I calcoli dei ricercatori suggeriscono che la produzione media annua diminuirà del 2,1%, se le temperature medie giornaliere saliranno di 1° C rispetto alle condizioni attuali; il prodotto interno lordo annuo, ovvero il valore dei beni e servizi prodotti in un solo anno, diminuirebbe del 3%.

Il cambiamento climatico danneggerà i profitti di alcuni paesi

cambiamento climatico

Gli oneri del calore elevato sono spesso sostenuti dai residenti più poveri di un paese. Ad esempio, negli Stati Uniti, una lunga eredità di politiche abitative discriminatorie significa che le persone povere vivono spesso nelle parti più calde di una città, osserva un rapporto di luglio di Climate Central, un’organizzazione indipendente di ricerca e comunicazione sulla scienza del clima.

In queste sacche concentrate di calore, chiamate “isole di calore urbane”, le temperature a metà pomeriggio possono aumentare da 8° a 11° C al di sopra delle aree periferiche. Gli effetti tendono ad essere peggiori nei quartieri poveri a causa dell’alta densità, dello spazio verde e dell’ombra limitati e dell’abbondanza di strade e superfici asfaltate che assorbono il calore anziché riflettere.

Allo stesso modo, in quello studio che collega il caldo intenso ai picchi di criminalità violenta a Los Angeles, i ricercatori hanno trovato forti differenze geografiche. “Beverly Hills non ha molti crimini violenti in nessuno di quei giorni. Ma nelle comunità più povere di Los Angeles, si nota una correlazione più ampia tra caldo e violenza”, afferma l’economista ambientale Matthew Kahn della University of Southern California a Los Angeles.

Rispetto ai residenti più ricchi delle città, i poveri di Los Angeles hanno meno spazio e molti meno condizionatori, aggiunge Kahn. Date queste iniquità, la scelta più semplice è fornire a tutti l’aria condizionata, afferma Kahn. Ma il raffreddamento degli edifici è tutt’altro che gratuito.

Secondo un rapporto delle Nazioni Unite del 2020, nel 2018 le apparecchiature di raffreddamento, inclusi principalmente i condizionatori d’aria, hanno rappresentato circa il 17% della domanda totale di elettricità mondiale.

Le stime suggeriscono che l’uso dell’aria condizionata nelle sole economie emergenti porterà a un consumo di energia 33 volte superiore entro l’anno 2100. E, al momento, la maggior parte di quell’energia proviene da fonti non rinnovabili, principalmente petrolio, carbone e gas, soddisfacendo così tale domanda, si contribuirebbe al riscaldamento globale.

La scelta se installare o meno un’unità di condizionamento in una determinata struttura, come per molte cose, si riduce ai relativi costi e benefici, afferma Tewari. Anche con l’aumento delle temperature, la climatizzazione di intere fabbriche rimane più costosa rispetto alla siesta di mezzogiorno dei lavoratori o alla climatizzazione selettiva solo delle stanze in cui è più richiesta la precisione.

Inoltre, esistono migliori opzioni di raffreddamento, affermano Tewari e altri, tra cui il mantenimento o l’aumento della copertura arborea nelle città e l’utilizzo di materiali da costruzione “freddi” che riflettono la luce solare.

“L’aria condizionata non è sostenibile”, afferma Tewari. “Esistono meccanismi di pianificazione urbana attraverso i quali è possibile ridurre le temperature ambientali”.

Ma Kahn dice che i poveri meritano l’accesso all’aria condizionata. La soluzione a lungo termine non è continuare a surriscaldare i poveri, ma accelerare gli sforzi per rendere più verde la rete energetica. “I poveri hanno la sola capacità di adattamento. In una società giusta, spero che non ci si limiti a scrollare le spalle di fronte a questo fatto”.

Che ne pensi del cambiamento climatico? Facci sapere nei commenti

Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Guarda tutti i commenti
0
in iCrewPlay diamo spazio al tuo pensiero! Commenta!x
()
x
Condividi su facebook
CONDIVIDI