caldo

Caldo: forse non siamo in grado di tollerarlo così tanto

Gli scienziati potrebbero essersi sbagliati fino ad oggi sul caldo che siamo in grado di tollerare, esponendo così milioni di persone ad un rischio grave

Più di 2.000 persone sono morte a causa del caldo estremo e degli incendi in corso in Portogallo e Spagna. I record di alta temperatura sono stati infranti dall’Inghilterra al Giappone. E soprattutto notti che non si raffreddano. Le brutali ondate di caldo stanno rapidamente diventando il segno distintivo dell’estate del 2022.

E anche se il cambiamento climatico continua a far aumentare la temperatura, gli scienziati stanno lavorando velocemente per comprendere i limiti della resilienza degli esseri umani alle temperature estreme. Ricerche recenti suggeriscono che la tolleranza allo stress da calore nelle persone potrebbe essere inferiore a quanto si pensasse in precedenza.

Se fosse vero, milioni di persone in più potrebbero essere a rischio di soccombere a temperature pericolose prima del previsto. “I corpi sono in grado di acclimatarsi per un periodo di tempo” ai cambiamenti di temperatura, afferma Vivek Shandas, ricercatore di pianificazione ambientale e adattamento climatico presso la Portland State University nell’Oregon.

Nel corso del tempo geologico, ci sono stati molti cambiamenti climatici che gli esseri umani hanno affrontato resistendo, dice Shandas. “Ma stiamo vivendo un momento in cui questi cambiamenti stanno avvenendo molto più rapidamente”.

Solo a metà del 2022, le ondate di caldo hanno già devastato molti paesi. Il caldo è arrivato presto nell’Asia meridionale: a marzo, Wardha, in India, ha visto una temperatura massima di 45° ; a Nawabshah, in Pakistan, le temperature registrate sono salite a 49,5°.

Gli allarmi di caldo estremo sono esplosi in tutta Europa a partire da giugno e continuano fino a luglio, l’aumento delle temperature ha esacerbato la siccità e innescato incendi. Il Regno Unito ha infranto il suo record più caldo di sempre il 19 luglio, quando le temperature hanno raggiunto i 40,3° nel villaggio inglese di Coningsby. Il calore ha alimentato gli incendi in Francia, costringendo migliaia di persone a evacuare dalle loro case.

E la litania continua: giugno ha portato il Giappone alla sua peggiore ondata di caldo dall’inizio della registrazione nel 1875, portando alla temperatura più alta mai registrata nel paese di 40,2° C. Le megalopoli costiere della Cina, da Shanghai a Chengdu, sono state colpite da ondate di caldo in Anche a luglio le temperature nella regione sono salite al di sopra dei 40°.

E negli Stati Uniti, una serie di ondate di caldo ha colpito il Midwest, il Sud e l’Ovest in giugno e luglio. Le temperature sono salite a 42° a North Platte Nebraska, e a 45,6° a Phoenix. L’attuale tasso di riscaldamento globale sulla Terra non ha precedenti.

E gli scienziati hanno da tempo previsto che il cambiamento climatico causato dall’uomo aumenterà il verificarsi di ondate di calore. A livello globale, l’esposizione degli esseri umani al caldo estremo è triplicata dal 1983 al 2016, in particolare nell’Asia meridionale.

Il caldo sta già mettendo a dura prova la salute umana. Può causare crampi da calore, esaurimento da calore e colpo di calore, che è spesso fatale. La disidratazione può portare a malattie renali e cardiache. Il caldo estremo può persino cambiare il modo in cui ci comportiamo, aumentando l’aggressività e diminuendo la nostra capacità di concentrazione.

Il corpo umano ha vari modi per eliminare il calore in eccesso e mantenere il nucleo del corpo a una temperatura ottimale di circa 37°. Il cuore pompa più velocemente, accelerando il flusso sanguigno che porta il calore alla pelle. L’aria che passa sulla pelle può dissipare parte di quel calore. Anche il raffreddamento evaporativo, la sudorazione, aiuta.

Ma c’è un limite alla quantità di calore che gli esseri umani possono sopportare. Nel 2010, gli scienziati hanno stimato che il limite teorico di stress termico fosse a una temperatura di “bulbo umido” di 35° C. Le temperature di bulbo umido dipendono da una combinazione di umidità e temperatura dell’aria di “bulbo secco” misurata da un termometro.

Queste variabili significano che un luogo potrebbe raggiungere una temperatura a bulbo umido di 35°C in diversi modi, ad esempio se l’aria è quella temperatura e c’è il 100% di umidità, o se la temperatura dell’aria è di 46° e c’è il 50% di umidità. La differenza è dovuta al raffreddamento evaporativo.

Quando l’acqua evapora dalla pelle o da un’altra superficie, sottrae energia sotto forma di calore, raffreddando brevemente quella superficie. Ciò significa che nelle regioni più secche, la temperatura del bulbo umido, dove l’effetto di raffreddamento effimero si verifica prontamente, sarà inferiore alla temperatura dell’aria effettiva.

Nelle regioni umide, tuttavia, le temperature del bulbo umido e secco sono simili, perché l’aria è così umida che è difficile che il sudore evapori rapidamente.

Quindi, quando pensano allo stress da calore sul corpo, gli scienziati usano le temperature del bulbo umido perché sono una misura di quanto è possibile il raffreddamento attraverso l’evaporazione in un dato clima, afferma Daniel Vecellio, uno scienziato del clima presso la Penn State.

“Sia gli ambienti caldi/secchi che quelli caldi/umidi possono essere ugualmente pericolosi”, afferma Vecellio, ed è qui che entrano in gioco le diverse strategie di raffreddamento del corpo. Nelle zone calde e secche, dove la temperatura esterna può essere molto più alta della temperatura della pelle, i corpi umani dipendono interamente dalla sudorazione per rinfrescarsi, dice.

Nelle zone calde e umide, dove la temperatura dell’aria può essere effettivamente più fresca della temperatura della pelle (ma l’umidità la fa sembrare più calda di quello che è), il corpo non può sudare in modo efficiente. Invece, dove è più fresco l’aria che passa sulla pelle può allontanare il calore.

Quando il caldo è troppo caldo?

caldo

Data la complessità del sistema di raffreddamento del corpo e la diversità dei corpi umani, non esiste davvero una temperatura di soglia valida per tutti per lo stress da calore. “Il corpo di nessuno funziona al 100% di efficienza”, afferma Vecellio. Diverse dimensioni corporee, la capacità di sudare, l’età e l’adattamento al clima regionale hanno tutti un ruolo.

Tuttavia, nell’ultimo decennio, quel numero teorico di 35° C a bulbo umido è stato considerato il punto oltre il quale gli esseri umani non possono più regolare la temperatura corporea. Ma una recente ricerca di laboratorio di Vecellio e dei suoi colleghi suggerisce che una soglia generale e reale per lo stress da calore umano è molto più bassa, anche per adulti giovani e sani.

I ricercatori hanno monitorato lo stress da caldo in due dozzine di soggetti di età compresa tra i 18 ei 34 anni, in una varietà di climi controllati. Nella serie di esperimenti, il team ha variato le condizioni di umidità e temperatura all’interno di una camera ambientale, a volte mantenendo costante la temperatura mentre variava l’umidità, e talvolta viceversa.

I soggetti si sono esercitati all’interno della camera quel tanto che basta per simulare una minima attività all’aperto, camminando su un tapis roulant o pedalando lentamente su una bicicletta senza resistenza.

Durante questi esperimenti, che sono durati da 1,5 a due ore, i ricercatori hanno misurato la temperatura della pelle dei soggetti utilizzando sonde wireless e hanno valutato le loro temperature interne utilizzando una piccola pillola telemetrica che i soggetti hanno ingerito.

In condizioni calde e umide, i soggetti nello studio non sono stati in grado di tollerare lo stress da calore a temperature di bulbo umido più vicine a 30° o 31°, stima il team. In condizioni calde e secche, la temperatura del bulbo umido era ancora più bassa, variando da 25° a 28° C, i ricercatori hanno riportato nel Journal of Applied Physiology di febbraio.

Per il contesto, in un ambiente molto secco con circa il 10% di umidità, una temperatura a bulbo umido di 25°C corrisponderebbe a una temperatura dell’aria di circa 50°. Questi risultati suggeriscono che c’è molto più lavoro da fare per capire cosa possono sopportare gli esseri umani in condizioni di calore e umidità del mondo reale, ma che la soglia potrebbe essere molto più bassa di quanto si pensasse, dice Vecellio.

Il risultato teorico dello studio del 2010 di 35° C potrebbe essere ancora “il limite superiore”, aggiunge. “Stiamo mostrando il punto più basso.” E questo è per adulti giovani e sani che svolgono un’attività minima. Le soglie per lo stress da calore dovrebbero essere più basse per i lavoratori all’aperto, o per gli anziani o i bambini. La valutazione dei limiti di laboratorio per le persone più a rischio è oggetto di lavoro in corso per Vecellio e i suoi colleghi.

Se la tolleranza del corpo umano allo stress da calore è generalmente inferiore a quanto gli scienziati abbiano realizzato, ciò potrebbe significare che milioni di persone in più saranno a rischio del calore più mortale prima di quanto gli scienziati abbiano realizzato.

Nel 2020, ci sono state poche segnalazioni di temperature a bulbo umido in tutto il mondo che hanno raggiunto i 35 °, ma le simulazioni climatiche prevedono che tale limite potrebbe essere regolarmente superato in alcune parti dell’Asia meridionale e del Medio Oriente entro la metà del secolo.

Alcune delle ondate di calore più mortali degli ultimi due decenni si sono verificate a temperature di bulbo umido inferiori: né l’ondata di caldo europea del 2003, che ha causato circa 30.000 morti, né l’ondata di caldo russa del 2010, che ha ucciso oltre 55.000 persone, hanno superato le temperature di bulbo umido di 28°C.

Proteggere le persone

caldo

 

Il modo migliore per informare il pubblico sul rischio di calore è “la parte che trovo complicata”, afferma Shandas, che non è stato coinvolto nella ricerca di Vecellio. Shandas ha sviluppato il protocollo scientifico per la campagna di mappatura di Urban Heat Island del National Integrated Heat Health Information System negli Stati Uniti.

È molto utile disporre di questi dati fisiologici da uno studio controllato e preciso, afferma Shandas, perché ci consente di comprendere meglio la scienza alla base della tolleranza allo stress da calore degli esseri umani. Ma la variabilità fisiologica e ambientale rende ancora difficile sapere come applicare al meglio questi risultati ai messaggi di salute pubblica, come gli avvisi di calore estremo, dice.

“Ci sono così tante microconsiderazioni che emergono quando parliamo della capacità di un corpo di gestire la sua temperatura interna”.

Una di queste considerazioni è la capacità del corpo di acclimatarsi rapidamente a temperature estreme. Le regioni che non sono abituate al caldo estremo possono subire una mortalità maggiore, anche a temperature più basse, semplicemente perché le persone non sono abituate al caldo.

L’ondata di caldo del 2021 nel Pacifico nord-occidentale non è stata solo estremamente calda, ma era estremamente calda per quella parte del mondo in quel periodo dell’anno, il che rende più difficile l’adattamento del corpo, afferma Shandas.

Il calore che arriva insolitamente presto e proprio sulla scia di un periodo freddo può anche essere più mortale, afferma Larry Kalkstein, climatologo dell’Università di Miami e consulente capo delle scienze del calore per la Fondazione Adrienne Arsht-Rockefeller senza scopo di lucro con sede a Washington, DC Centro di resilienza.

“Spesso le ondate di caldo di inizio stagione di maggio e giugno sono più pericolose di quelle di agosto e settembre”. Un modo per migliorare la resilienza delle comunità al caldo potrebbe essere quello di trattare le ondate di calore come altri disastri naturali, incluso dare loro nomi e classifiche di gravità.

Come sviluppato da una coalizione internazionale nota come Extreme Heat Resilience Alliance, queste classifiche costituiscono la base per un nuovo tipo di avviso di ondata di calore che considera esplicitamente i fattori che influiscono sullo stress da calore, come la temperatura a bulbo umido e l’acclimatazione, piuttosto che solo le temperature estreme .

Le classifiche prendono in considerazione anche fattori come la nuvolosità, il vento e quanto calde sono le temperature durante la notte. “Se è relativamente fresco durante la notte, non ci sono così tanti risultati negativi sulla salute”, afferma Kalkstein, che ha creato il sistema. Ma le temperature notturne non stanno scendendo come una volta in molti luoghi.

Negli Stati Uniti, ad esempio, le temperature medie minime notturne sono ora di circa 0,8° più calde rispetto alla prima metà del 20° secolo, secondo la Fourth National Climate Assessment del paese, pubblicata nel 2018.

Nominando ondate di calore come uragani, i funzionari sperano di aumentare la consapevolezza dei cittadini sui pericoli del caldo estremo. Le classifiche delle ondate di caldo potrebbero anche aiutare le città ad adattare i propri interventi alla gravità dell’evento. Sei città stanno attualmente testando l’efficacia del sistema: quattro negli Stati Uniti e ad Atene, in Grecia, e Siviglia, in Spagna.

Il 24 luglio, con temperature che si avvicinavano ai 42°C, Siviglia è diventata la prima città al mondo a nominare ufficialmente un’ondata di caldo, dando l’allarme per Heat Wave Zoe.Poiché il 2022 continua a battere i record di temperatura in tutto il mondo, tali avvisi potrebbero arrivare fin troppo presto.

Che ne pensi di queste ondate di caldo? Facci sapere nei commenti!

Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Guarda tutti i commenti
0
in iCrewPlay diamo spazio al tuo pensiero! Commenta!x
()
x
Condividi su facebook
CONDIVIDI