cambiamento climatico

Cambiamento Climatico: una pausa del 1998 ha ostacolato la scienza

Il presunto calo del cambiamento climatico ha alimentato gli scettici sul clima e ha distratto i ricercatori

Era una delle più grandi domande sul cambiamento climatico dei primi anni 2000: l’aumento della febbre del pianeta si era fermato, anche se gli esseri umani pompavano più gas che intrappolavano il calore nell’atmosfera terrestre?

All’inizio del secolo, la comprensione scientifica del cambiamento climatico era fondato su basi solide. Decenni di ricerche hanno dimostrato che l’anidride carbonica si stava accumulando nell’atmosfera terrestre, grazie ad attività umane come la combustione di combustibili fossili e l’abbattimento delle foreste che immagazzinano carbonio, e che di conseguenza le temperature globali stavano aumentando.

Eppure le registrazioni meteorologiche sembravano mostrare che il riscaldamento globale è rallentato tra il 1998 e il 2012 circa. Come potrebbe essere? Dopo un attento studio, gli scienziati hanno scoperto che l’apparente pausa era un singhiozzo nei dati. La Terra, infatti, aveva continuato a riscaldarsi.

Questo singhiozzo, tuttavia, ha suscitato una risposta spropositata da parte degli scettici del cambiamento climatico e degli scienziati. Serve come caso di studio su come la percezione pubblica modella ciò che la scienza fa, nel bene e nel male.

Il mistero di quella che è stata chiamata la “pausa del cambiamento climatico” è emersa quando gli scienziati hanno accumulato, anno dopo anno, dati sulla temperatura media della superficie del pianeta. Diverse organizzazioni mantengono i propri set di dati sulla temperatura; ciascuno si basa su osservazioni raccolte presso stazioni meteorologiche e da navi e boe in tutto il mondo.

La quantità effettiva di riscaldamento varia di anno in anno, ma nel complesso la tendenza è in aumento e gli anni caldi da record stanno diventando più comuni. Il rapporto del Gruppo intergovernativo sui cambiamenti climatici del 1995, ad esempio, ha osservato che gli ultimi anni sono stati tra i più caldi registrati dal 1860.

E poi è arrivato il potente El Niño del 1997-1998, un modello meteorologico che ha trasferito grandi quantità di calore dall’oceano all’atmosfera. Di conseguenza, la temperatura del pianeta è aumentata vertiginosamente, ma poi, secondo i record meteorologici, è sembrata diminuire drasticamente. Tra il 1998 e il 2012, la temperatura superficiale media globale è aumentata a meno della metà rispetto al 1951 e al 2012.

Non aveva senso. Il riscaldamento globale dovrebbe accelerare nel tempo man mano che le persone aumentano la velocità con cui aggiungono gas che intrappolano il calore nell’atmosfera. Verso la metà degli anni 2000, gli scettici del cambiamento climatico si erano impossessati della narrativa secondo cui “il riscaldamento globale si è fermato”.

La maggior parte degli scienziati del clima professionisti non stavano studiando il fenomeno, poiché la maggior parte credeva che l’apparente pausa rientrasse nell’intervallo della variabilità naturale della temperatura. Ma l’attenzione del pubblico li ha presto raggiunti e i ricercatori hanno iniziato a indagare se la pausa fosse reale. È stato un cambiamento di alto profilo nel focus scientifico.

“Studiando quel periodo anomalo, abbiamo imparato molte lezioni sia sul sistema climatico che sul processo scientifico”, afferma Zeke Hausfather, uno scienziato del clima ora con la società tecnologica Stripe.

Cambiamento climatico: ipotesi

cambiamento climatico

All’inizio degli anni 2010, gli scienziati stavano lavorando alacremente per spiegare perché i record di temperatura globale sembravano essere piatti. Le idee includevano il contributo del raffreddamento delle particelle di zolfo emesse dalle centrali elettriche a carbone e il calore assorbito dagli oceani atlantici e meridionali.

Tali studi sono stati il ​​tentativo più mirato mai fatto, per cercare di comprendere i fattori che guidano la variabilità della temperatura di anno in anno. Hanno rivelato quanta variabilità naturale ci si può aspettare quando fattori come un potente El Niño vengono sovrapposti a una tendenza al riscaldamento a lungo termine.

Gli scienziati hanno trascorso anni a indagare sulla presunta pausa di riscaldamento, dedicando più tempo e risorse di quanto avrebbero potuto altrimenti. Sono stati pubblicati così tanti articoli sull’apparente pausa che gli scienziati hanno iniziato a scherzare sul fatto che la rivista Nature Climate Change avrebbe dovuto cambiare il suo nome in Nature Hiatus.

Poi, nel 2015, un team guidato da ricercatori della National Oceanic and Atmospheric Administration degli Stati Uniti ha pubblicato una conclusione sbalorditiva sulla rivista Science. L’aumento delle temperature globali non si era stabilizzato; piuttosto, dati incompleti avevano oscurato il riscaldamento globale in corso.

Quando sono state incluse più registrazioni della temperatura dell’Artico e sono state corrette le distorsioni nei dati sulla temperatura dell’oceano, il set di dati NOAA ha mostrato che il riscaldamento continuava. Con i dati appena corretti, l’apparente pausa nel riscaldamento globale è svanita. Uno studio del 2017 guidato da Hausfather ha confermato ed esteso questi risultati, così come altri rapporti.

Anche dopo la pubblicazione di questi studi, la pausa è rimasta un argomento preferito dagli scettici sul clima, che l’hanno usato per sostenere che la preoccupazione per il riscaldamento globale era esagerata. Il membro del Congresso Lamar Smith, un repubblicano del Texas che ha presieduto il comitato scientifico della Camera dei rappresentanti a metà degli anni 2010, è stato particolarmente irritato dallo studio NOAA del 2015.

Ha chiesto di vedere i dati sottostanti, accusando anche la NOAA di alterarli. (L’agenzia ha negato di falsificare i dati.) “In retrospettiva, è chiaro che ci siamo concentrati troppo sull’apparente interruzione”, afferma Hausfather. Capire perché i record di temperatura globale sembravano stabilizzarsi tra il 1998 e il 2012 è importante, ma lo è anche mantenere una visione d’insieme della più ampia comprensione del cambiamento climatico.

Il singhiozzo ha rappresentato una breve fluttuazione in una tendenza molto più lunga e molto più importante. La scienza si basa sulla verifica di ipotesi e sulla messa in discussione delle conclusioni, ma qui c’è un caso in cui la ricerca di un’anomalia è stata probabilmente portata troppo oltre.

Ha indotto i ricercatori a dubitare delle loro conclusioni e a dedicare molto tempo a mettere in discussione i loro metodi consolidati, afferma Stephan Lewandowsky, uno scienziato cognitivo dell’Università di Bristol che ha studiato la risposta degli scienziati del clima alla pausa. Gli scienziati che studiano la pausa avrebbero potuto invece lavorare per fornire informazioni chiare ai responsabili politici sulla realtà del riscaldamento globale e sull’urgenza di affrontarlo.

I dibattiti sul fatto che la pausa fosse reale o meno ha alimentato la confusione pubblica e minato gli sforzi per convincere le persone a intraprendere un’azione aggressiva per ridurre gli impatti dei cambiamenti climatici. Questa è una lezione importante per il futuro, dice Lewandowsky.

“La mia sensazione è che la comunità scientifica sia andata avanti”, dice. “Al contrario, gli agenti politici dietro la negazione organizzata hanno imparato una lezione diversa, ovvero che il meme” il riscaldamento globale si è fermato “è molto efficace nel generare compiacimento pubblico, e quindi lo useranno in ogni occasione”.

Alcuni negazionisti del clima stanno già parlando di una nuova “pausa” nel riscaldamento globale perché non tutti gli ultimi cinque anni hanno stabilito un nuovo record, osserva. Tuttavia, la tendenza generale rimane chiara: le temperature globali hanno continuato a salire negli ultimi anni. I sette anni più caldi mai registrati si sono verificati tutti dal 2015 e ogni decennio dagli anni ’80 è stato più caldo di quello precedente.

Che ne pensi del disastro climatico ambientale? Facci sapere nei commenti!

Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Guarda tutti i commenti
0
in iCrewPlay diamo spazio al tuo pensiero! Commenta!x
()
x
Condividi su facebook
CONDIVIDI