Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Neurodegenerazione

Bumetanide: terapia per chi è a rischio genetico nell’Alzheimer

Uno studio, finanziato dal National Institute on Aging (NIA), parte del National Institutes of Health e pubblicato sulla rivista scientifica Nature Aging, ha rivelato che un comune farmaco diuretico, il bumetadine, potrebbe essere la nuova frontiera nella terapia contro la malattia di Alzheimer negli individui a rischio genetico

iCrewPlay è alla ricerca di redattori che si occupino della sezione di scienza e tecnologia: vuoi far parte di un gruppo dinamico e stimolante, recensire i prodotti in uscita e condividere le tue conoscenze con gli altri?

5 1 voto
Voto iCrewers

Il bumetanide è una comune pillola diuretica da somministrare oralmente che potrebbe essere una potenziale candidata per il trattamento del morbo di Alzheimer per coloro che sono a rischio genetico. Ad affermarlo è uno studio, finanziato dal National Institute on Aging (NIA), parte del National Institutes of Health, che ha dimostrato che i soggetti che assumevano il farmaco avevano una prevalenza significativamente inferiore della malattia di Alzheimer rispetto a coloro che non lo assumevano.

Bumetanide

Il bumetanide è un forte diuretico usato per trattare l’edema (ritenzione di liquidi, eccesso di liquidi trattenuto nei tessuti corporei) causato da vari problemi medici, tra cui malattie cardiache, renali ed epatiche e funziona inducendo i reni a liberarsi dell’acqua e del sale non necessari dal corpo nelle urine.

Essendo un farmaco molto potente può causare disidratazione e altri effetti collaterali anche gravi, quindi nel momento in cui si assume, è importante seguire dettagliatamente le prescrizioni del medico.

Il dosaggio si basa sulle condizioni mediche e sulla risposta al trattamento. Gli anziani di solito iniziano con una dose più bassa per ridurre il rischio di indesiderati effetti collaterali.

Gli studi sono stati pubblicati sulla rivista scientifica Nature Aging.

Bumetanide e Alzheimer: ecco cosa dice la ricerca

Il team di ricerca ha analizzato le informazioni nei database dei campioni di tessuto cerebrale e dei farmaci approvati dalla FDA e ha eseguito esperimenti sia sui topi che su cellule umane ed ha esplorato studi sulla popolazione umana per identificare il bumetanide come un farmaco candidato leader che potrebbe essere potenzialmente riproposto per curare l’Alzheimer.

Bumetanide

“Anche se ulteriori test e studi clinici sono necessari, questa ricerca sottolinea il valore delle grandi tattiche basate sui dati combinati con approcci scientifici più tradizionali per identificare esistente farmaci approvati dalla FDA come candidati farmaci riuso per trattare il morbo di Alzheimer”, ha spiegato Richard J .Hodes, scienziato che ha partecipato alla ricerca.

Sapendo che uno dei fattori di rischio genetici più significativi per l’Alzheimer a esordio tardivo è una forma del gene dell’apolipoproteina E chiamato APOE4, i ricercatori hanno analizzato i dati derivati ​​da 213 campioni di tessuto cerebrale e hanno identificato le firme dell’espressione genica dell’Alzheimer, i livelli a cui i geni sono rivolti on o off, specifico per i vettori APOE4. 

Successivamente, hanno confrontato le firme di Alzheimer specifiche dell’APOE4 con quelle di oltre 1.300 farmaci noti approvati dalla FDA. Sono emersi cinque farmaci con una firma di espressione genica che i ricercatori ritenevano potessero aiutare a neutralizzare la malattia. Il candidato più forte era il bumetanide, che viene usato per trattare la ritenzione di liquidi spesso causata da problemi medici come malattie cardiache, renali ed epatiche.

Bumetanide

I ricercatori hanno convalidato le scoperte guidate dai dati testando il bumetanide in entrambi i modelli murini di Alzheimer e cellule staminali pluripotenti derivate da neuroni umani. I ricercatori hanno scoperto che trattare i topi che esprimevano il gene umano APOE4 riduceva i deficit di apprendimento e memoria. Gli effetti neutralizzanti sono stati confermati anche nei modelli basati su cellule umane, il che ha portato all’ipotesi che le persone che già assumono bumetanide dovrebbero avere tassi più bassi di Alzheimer.

Per testare questa intuizione, il team ha diviso i set di dati delle cartelle cliniche elettroniche da oltre 5 milioni di persone a due gruppi: adulti sopra i 65 anni che hanno assunto bumetanide e un gruppo corrispondente che non ha assunto bumetanide. L’analisi ha mostrato che coloro che avevano il rischio genetico e assumevano il bumetanide avevano una prevalenza del morbo di Alzheimer dal 35 al 75% inferiore rispetto a quelli che non assumevano la terapia.

“Sappiamo che il morbo di Alzheimer probabilmente richiederà tipi specifici di trattamenti, forse terapie multiple, incluse alcune che possono mirare alle caratteristiche genetiche e patologiche uniche di un individuo, proprio come i trattamenti contro il cancro che sono disponibili oggi”, ha affermato Jean Yuan, MD, Ph.D. ., Direttore del programma di bioinformatica traslazionale e sviluppo di farmaci nella divisione di neuroscienze della NIA. “I dati in questo documento costituiscono un buon caso per condurre una prova del bumetanide nelle persone con rischio genetico”.

Bumetanide

Il team di ricerca è stato guidato da scienziati del Gladstone Institutes, San Francisco, dell’Università della California, San Francisco e della Icahn School of Medicine a Mount Sinai, New York City.

Potrebbe interessarti...

Scienze

Tardigrada: trovato un fossile di 16 milioni di anni

Windows 11

Windows 11 è qui: prime impressioni e consigli

Scienze

William Shatner: nello spazio a 90 anni con Blue Origin

Netflix

Abbonamento Netflix più costoso a partire da oggi

Scienze

Balena preistorica a quattro zampe: 43 milioni di anni fa

Scienze

Endometriosi: individuata causa genetica e target del farmaco

Conoscevi già il farmaco bumetanide? Se necessario, saresti disposto ad assumerlo come terapia contro il morbo di Alzheimer? Dicci la tua nei commenti.

Sottoscrivi
Notificami
guest
1 Comment
più votati
più nuovi più vecchi
Inline Feedbacks
Guarda tutti i commenti
Massimiliano Buzzetti
Voto iCrewers :
     

Assolutamente si

Tronsmart Studio

14 settembre, 2021

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
0