Bocca di Paxlovid

Bocca di Paxlovid: di cosa si tratta? 

A diverse persone alle quali è stata somministrata una determinata terapia farmacologica per la cura del Covid19 è stato riscontrato uno spiacevole effetto collaterale ribattezzato "bocca di Paxlovid"

La bocca di Paxlovid è un effetto collaterale ricorrente nei pazienti che appunto hanno assunto il farmaco ominimo prodotto da Pfizer Laboratories, utilizzato per il trattamento dell’informazione da Covid19. A dicembre 2021 e gennaio 2022, gli Stati Uniti, il Regno Unito e l’Agenzia europea per i medicinali hanno approvato l’uso di Paxlovid per il trattamento di alcune persone con COVID-19.

Bocca di Paxlovid
La bocca di Paxlovid, un fenomeno associato all’assunzione dell’antivirale COVID-19, non è così comune. Design di MNT; Fotografia di Studio Firma/Stocksy & Taylor Catherine/Stocksy.

Da allora, ci sono state segnalazioni crescenti di pazienti che hanno manifestato un effetto collaterale del farmaco chiamato “bocca di Paxlovid”. Secondo recenti resoconti nei resoconti dei media e sui social media, questo effetto collaterale lascia i pazienti con l’amaro in bocca durante l’assunzione del farmaco.

Bocca di Paxlovid: ecco da cosa dipende e cosa si può fare

In base all’EUA della FDA, i medici hanno potuto somministrare il farmaco Paxlovid per trattare il COVID-19 da lieve a moderato in adulti e bambini di età pari o superiore a 12 anni che pesano almeno 40 chilogrammi o circa 88 libbre. I candidati al farmaco devono anche avere eseguito un test Sars-CoV-2 positivo e avere un alto rischio di progredire a COVID-19 grave, con possibile ricovero o morte.

Bocca di Paxlovid

Paxlovid è un farmaco antivirale che combina due farmaci per combattere il COVID-19. Nirmatrelvir aiuta a impedire al virus SARS-CoV-2 di duplicarsi all’interno del corpo. E il ritonavir, un farmaco originariamente approvato dalla FDA per il trattamento dell’infezione da HIV negli adulti e nei bambini, rallenta la decomposizione del nirmatrelvir nel corpo, permettendogli di rimanere nell’organismo più a lungo.

Un potenziale effetto collaterale dovuto all’assunzione di Paxlovid è la disgeusia . La disgeusia è una condizione in cui una persona avverte un costante amaro in bocca. Il cattivo sapore è normalmente metallico, amaro, salato o rancido. Questa condizione può anche influenzare il gusto di cibi e bevande quando si mangia e si beve. I risultati dello studio clinico di fase 2/3 su Paxlovid hanno riportato che dei 1.120 pazienti che hanno assunto il farmaco, quasi il 6% ha manifestato disgeusia  come effetto collaterale.

Da cosa potrebbe dipendere questo tipo di reazione a Paxlovid? Il Dottor Raphael Kellman, medico di medicina integrativa e funzionale presso il Kellman Wellness Center di New York, ha affermato che potrebbe essere correlato a una risposta infiammatoria e può anche essere correlato a un malfunzionamento del recettore: “Può influenzare anche i recettori e i livelli di nutrienti, portando a questi tipi di sintomi”, ha spiegato Kellman a proposito della bocca di Paxlovid: “La disgeusia non è limitata al Paxlovid. L’abbiamo visto in altri antivirali, ma non è così ampiamente riportato”.

“A parte l’esperienza spiacevole della bocca di Paxlovid, e cioè la bocca amara, non è considerata dannosa di per sé e si risolve subito dopo aver completato la terapia con il farmaco, poiché esso viene elaborato dal corpo”, ha spiegato il Dottor Jimmy Johannes, pneumologo e specialista in terapia intensiva presso MemorialCare Long Centro medico della spiaggia a Long Beach, CA.

Secondo il dottor David Cutler, medico di medicina di famiglia presso il Providence Saint John’s Health Center di Santa Monica, in California, il vero pericolo che la bocca di Paxlovid rappresenta potenzialmente per la salute generale di una persona è che la frequenza e il grado di disturbo causato dalla disgeusia si manifesti in molte persone interrompendo prematuramente il ciclo di trattamento del farmaco, prima dei cinque giorni interi della terapia prescritta.

Bocca di Paxlovid

Non è noto quale potrebbe essere l’impatto dell’interruzione anticipata di Paxlovid“, ha specificato il dottor Cutler: “Molto probabilmente, le persone ad alto rischio di complicazioni COVID sarebbero più vulnerabili al ricovero e alla morte per COVID se interrompessero la terapia in anticipo, ma questo non è stato dimostrato. Coloro che sono a basso rischio di complicazioni probabilmente hanno poco da perdere fermandosi prima del dovuto, perché all’esordio hanno avuto poche possibilità di ricovero o di morte“.

Una volta che inizi a prenderlo, vuoi davvero portarlo al punto in cui eliminerai il virus perché altrimenti potrebbe mutare e quindi potrebbe diventare più problematico. È la stessa cosa con l’assunzione di antibiotici per l’infezione batterica. Se hai intenzione di iniziare la terapia, devi farlo bene, altrimenti non farlo affatto perché puoi peggiorare ulteriormente il problema. Con antibiotici e antivirali, o è tutto o niente“, ha aggiunto il dottor Kellman.

Il dottor Kellman ha detto che raccomanda sempre alle persone che assumono Paxlovid di assumere anche zinco: “Ha una serie di diversi benefici immunitari e aiuta anche con il senso del gusto e dell’olfatto”, ha spiegato, sempre a proposito dell’effetto collaterale da bocca di Paxlovid “Ogni volta che stai assumendo un farmaco antivirale o antibatterico, consiglierei di assumere anche un probiotico“.

Il dottor Johannes ha raccomandato di usare mentine e gomme da masticare per aiutare a distrarsi da qualsiasi sapore sgradevole: Le persone che sperimentano la bocca di Paxlovid potrebbero aver bisogno di provare cibi, bevande o caramelle diversi per vedere cosa può renderlo meno sgradevole“, ha aggiunto: “Vale la pena tenere a mente che scompare subito dopo aver completato il trattamento terapeutico di 5 giorni“.

Il dottor Cutler ha sottolineato che la decisione di iniziare la terapia con Paxlovid è complessa e una persona deve considerare tutti i potenziali benefici, rischi e opzioni prima di decidere la migliore linea d’azione: “Oltre alla ‘bocca di Paxlovid’ ci sono molti altri rischi nell’assumere Paxlovid“, ha detto.

Bocca di Paxlovid

La diarrea è comune, così come altri sintomi gastrointestinali come nausea , vomito e tossicità epatica. Ci sono molti farmaci che hanno interazioni avverse con Paxlovid. Le persone con disfunzione renale o epatica significativa non devono assumere Paxlovid. E c’è il problema del COVID ‘rebound’ dopo il trattamento con Paxlovid in cui l’infezione inizialmente si risolve e poi riappare circa una settimana dopo. Non esiste un trattamento noto per la ‘bocca di Paxlovid’, ma ci sono molte ragioni per prestare attenzione prima di iniziare la terapia con Paxlovid“, ha continuato il dottor Cutler.

Dovrebbe essere fatto ogni sforzo per completare il corso di cinque giorni di trattamento al fine di evitare gravi complicazioni da COVID. Dal momento che “un grammo di prevenzione vale un chilo di cura“, il modo migliore per evitare la “bocca di Paxlovid” è evitare il COVID attraverso la vaccinazione, masking ed altre misure preventive comprovate”.

Il virologo Roberto Burioni, che ha spiegato come funziona e ha accennato a una possibile svolta, spiegando prima cosa sia un farmaco: “Deve essere un veleno selettivo, deve fare male al virus e non al paziente, ed è problematico perché i virus si replicano usando le strutture delle nostre cellule. Come fare? I virus hanno punti deboli, che talvolta sono proprio i loro punti di forza. Il coronavirus è un virus estremamente contagioso e deve replicarsi tantissimo: in un paziente ammalato di Covid ci sono 100 miliardi di virus infettivi e non tutte le strutture delle cellule sono adeguate alle esigenze del virus, che quindi talvolta usa una struttura sua“.

Andrea Mandelli, presidente della Federazione degli Ordini dei Farmacisti Italiani (Fofi), ha affermato: “L’aumento dei trattamenti con l’antivirale paxlovid ritirati nelle farmacie territoriali, più che raddoppiati nelle ultime due settimane, conferma quanto sia stato decisivo il coinvolgimento dei farmacisti di comunità per rendere più facile e tempestivo l’accesso al farmaco, contribuendo a una migliore gestione del Covid-19 in questa nuova fase di crescita di contagi. È bene rimarcare – ha continuato Mandelli – che la dispensazione del farmaco antivirale da parte del farmacista di prossimità avviene in modo assolutamente gratuito, senza costi a carico del cittadino e a impatto zero per il servizio sanitario”.

“Serve qualcosa che blocchi questa struttura – ha aggiunto Burioni -: ed è il farmaco antivirale. Tra le strutture di un virus c’è la proteasi virale: praticamente si tratta di ‘forbici’ che il virus usa per tagliare in più pezzi una proteina molto grande. Questi pezzi più piccoli consentono al virus di replicarsi. Il Paxlovid blocca queste ‘forbici’ e quindi il virus non riesce a replicarsi“.

Bocca di Paxlovid

C’è la speranza che il Paxlovid possa ostacolare la diffusione del virus. Si somministra per bocca con compresse, per alcuni giorni, ma queste terapie sono efficaci solo se si somministrano precocemente. Altrimenti non servono più. Dopo i primi sintomi serve subito la diagnosi col tampone e dare al paziente questo farmaco: abbiamo 5 giorni di tempo, dopo il farmaco non è più efficace. Sprecare questa opportunità per una disorganizzazione sarebbe imperdonabile”, ha concluso Burioni.

È importante specificare che questo articolo ha puro scopo divulgativo e non intende sostituirsi al prezioso di stimati professionisti che dedicano la loro vita per la nostra salute. Se stai assumendo il Paxlovid e senti in bocca un sapore amaro o metallico, non allarmarti e specialmente non interrompere il trattamento farmacologico ma consultati prima col tuo medico di fiducia o con lo specialista che ti sta seguendo durante il percorso di guarigione da infezione da Covid19.

Come anche specificato nell’articolo, si tratta di un effetto collaterale denominato ” bocca si Paxlovid” che andrà scema di una volta concluso tutto il ciclo terapeutico, e il senso del gusto tornerà come prima.

Stai seguendo i hai seguito una terapia con Paxlovid? Anche tu hai riscontrato la cosiddetta bocca di Paxlovid? Parlacene nei commenti.

Sottoscrivi
Notificami
guest
1 Comment
più votati
più nuovi più vecchi
Inline Feedbacks
Guarda tutti i commenti
Gemma
Voto iCrewers :
     

Si. Mi aiuto con caramelline dolci.
La mattina è fortissimo perché di notte aumenta.
Ma non mi arrendo.
Sto aspettando l’ultimo blister.
Auguri di Buon ANNO
gemma

1
0
in iCrewPlay diamo spazio al tuo pensiero! Commenta!x
()
x
Condividi su facebook
CONDIVIDI