Verapamil

Biomarcatore predice diabete T2 sino a 19 anni dall’insorgenza

Una ricerca portata avanti dall'Università di Lund in Svezia, sviluppata su un campione di più di 5000 individui e pubblicata sulla rivista scientifica Nature Communications, ha rintracciato un biomarcatore nel sangue capace di prevedere il diabete di tipo 2 sino a 19 anni prima dall'insorgenza della malattia

Naviga tra i contenuti

Un biomarcatore rintracciato nel sangue potrebbe predire il diabete di tipo 2 fino a diciannove anni prima dell’insorgenza della malattia. a dichiararlo è una ricerca portata avanti dall’Università di Lund in Svezia.(1)

Biomarcatore
Curva di Kaplan-Meier per illustrare l’incidenza del diabete in relazione ai quartili di follistatina. L’asse temporale era il tempo di follow-up fino alla morte, all’emigrazione, al diabete incidente o alla fine del follow-up (n = 4195; p = 1,01E-7; log-rank test a due code). Credito: DOI: 10.1038/s41467-021-26536-w

Lo studio è stato pubblicato sulla rivista scientifica Nature Communications.

Biomarcatore predice il diabete di tipo 2: ecco cosa dice la ricerca

Il diabete di tipo 2 è un’epidemia globale in crescita, con il 6% della popolazione mondiale che ne soffre. Tuttavia, il rischio di sviluppare il diabete di tipo 2 può essere notevolmente ridotto controllando il peso, mangiando bene ed esercitandosi prima della manifestazione effettiva della malattia. La diagnosi precoce del rischio di diabete di tipo 2 prima dei sintomi potrebbe aiutare a ridurre al minimo le complicazioni di salute legate al diabete stesso.

Biomarcatore

La prevalenza prevista del diabete mellito di tipo 2 è aumentata dal 15,2% nel 2020 al 23,8% nel 2050. La prevalenza è aumentata dal 16,8 e 13,8% nel 2020 tra donne e uomini al 26,3 e 21,4% nel 2050, rispettivamente. Nel 2020, 190.489 persone dell’Oman vivevano con diabete mellito di tipo 2 rispetto a 570.227 nel 2050. Le analisi di sensibilità e incertezza hanno confermato queste previsioni.

Il tasso di incidenza per 1.000 anni-persona è passato da 8,3 nel 2020 a 12,1 nel 2050. La quota del diabete mellito di tipo 2 della spesa sanitaria nazionale dell’Oman è cresciuta di 36 % tra il 2020 e il 2050 (dal 21,2 al 28,8%). L’obesità ha spiegato il 56,7% dei casi di diabete mellito di tipo 2 nel 2020 e il 71,4% nel 2050, l’inattività fisica ha spiegato il 4,3% nel 2020 e il 2,7% nel 2050, mentre il fumo ha rappresentato <1% dei casi di diabete mellito di tipo 2 nel periodo 2020-2050.

È importante specificare che il carico del diabete mellito di tipo 2 è fortemente influenzato dall’obesità. Gli interventi mirati a questo singolo fattore di rischio dovrebbero essere una priorità nazionale per ridurre e controllare l’onere del diabete mellito di tipo 2.

Biomarcatore

“Abbiamo scoperto che livelli più elevati del biomarcatore chiamato follistatina proteica circolante nel sangue predicono il diabete di tipo 2 fino a diciannove anni prima dell’insorgenza della malattia, indipendentemente da altri fattori di rischio nuovo, come l’età, l’indice di massa corporea (BMI),  i livelli di glicemia a digiuno , dieta o attività fisica”, ha affermato il dott. Yang De Marinis, professore associato presso l’Università di Lund e autore principale dello studio.

Questa scoperta si basa su studi che hanno seguito 5.318 persone nel corso di 4-19 anni in due diverse località in Svezia e Finlandia.

La follistatina è una proteina secreta principalmente dal fegato e coinvolta nella regolazione del metabolismo. Lo studio ha studiato cosa succede al corpo quando questo biomarcatore nella circolazione sanguigna diventa troppo alto. Utilizzando i dati clinici dello studio tedesco sulla famiglia del diabete di Tubinga e l’indagine sulla biologia cellulare, i ricercatori hanno scoperto che la follistatina favorisce la disgregazione del grasso dal tessuto adiposo, con conseguente aumento dell’accumulo di lipidi nel fegato. Questo a sua volta aumenta il rischio di steatosi epatica non alcolica e diabete di tipo 2.

Biomarcatore

Per scoprire cosa regola i livelli di follistatina nel sangue, i ricercatori hanno eseguito uno studio di associazione del genome-wide (GWAS) su 5.124 persone provenienti da Svezia, Regno Unito e Italia e hanno rivelato che i livelli di follistatina sono geneticamente regolati dalla proteina regolatrice della glucochinasi (GCKR), che ha un impatto su diversi tratti metabolici.

Questo studio mostra che la follistatina ha il potenziale per diventare un importante biomarcatore per prevedere il futuro diabete di tipo 2 e ci porta anche un passo più vicino alla comprensione dei meccanismi alla base della malattia, afferma Yang De Marinis.

Il passo successivo è sperimentare i risultati clinicamente . Uno strumento diagnostico basato sull’intelligenza artificiale che utilizza la follistatina come biomarcatore per il diabete di tipo 2 è in fase di sviluppo attraverso la startup biotecnologica Lundoch Diagnostics, di cui Yang De Marinis è CEO.

 Questo commercializzerà lo strumento con domande di brevetto nei mercati globali. Lo strumento mira a fornire un semplice esame del sangue, in cui i risultati di un pannello di biomarcatori proteici possono essere imputati in un algoritmo basato sull’intelligenza artificiale e, in definitiva, fornire ai pazienti un punteggio di rischio per valutare il loro rischio di futuro diabete di tipo 2.

Biomarcatore

Questa scoperta offre l’opportunità di istituire misure per prevenire l’affermarsi del diabete di tipo 2. La nostra ricerca continuerà verso questo obiettivo”, conclude Yang De Marinis.

Eri a conoscenza di questo studio? Sapere di possedere il biomarcatore che individua il diabete di tipo 2 è un grande vantaggio, per prevenirlo. Faresti i controlli o li faresti fare ai tuoi congiunti per sapere se lo possiedono? Parlacene nei commenti.

Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Guarda tutti i commenti
0
in iCrewPlay diamo spazio al tuo pensiero! Commenta!x
()
x
Condividi su facebook
CONDIVIDI