Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram

Attacco cardiaco: la demenza ne rallenta la guarigione

Le malattie cardiache e la demenza condividono molti fattori a rischio, c'è un alto livello di crossover tra i due: tra i soggetti cardiopatici di età uguale o superiore a 75 anni, quasi il 60% ha un qualche tipo di deterioramento cognitivo. Diventa quindi fondamentale una diagnosi precoce di demenza senile fatta da un esperto, in modo tale che il medico curante prenda tutte le precauzioni necessarie e prescriva tutte le analisi dedicate per prevenire e controllare eventuali cardiopatie

iCrewPlay è alla ricerca di redattori che si occupino della sezione di scienza e tecnologia: vuoi far parte di un gruppo dinamico e stimolante, recensire i prodotti in uscita e condividere le tue conoscenze con gli altri?

0 0 voto
Voto iCrewers

L‘invecchiamento è una fase della vita che, prima o poi, ognuno di noi si troverà ad affrontare e purtroppo sarà spesso un ostacolo che impedirà di partecipare in modo incisivo alla guarigione di diverse patologie: è il caso di un attacco cardiaco subito da chi soffre già di demenza senile, una malattia che depaupera chi ne soffre della possibilità di ragionare e fare le azioni giuste per prendersi cura di sé.

Attacco cardiaco

“[ ?La denenza.N.D.R) Interferisce con l’adesione a un piano di trattamento medico, a meno che non ci sia qualcuno lì a sostenerli“, ha affermato la dottoressa Karen Alexander, cardiologa e professoressa di medicina presso la Duke University School of Medicine di Durham, nella Carolina del Nord.

Diverse ricerche hanno evidenziato che gli individui colpiti da demenza, compresi coloro i quali manifestano lievi disturbi cognitivi, hanno meno probabilità di quelli senza perdita cognitiva di ricevere procedure invasive utilizzate per trattare le malattie del cuore come un attacco cardiaco, ad esempio. Questi includono il cateterismo cardiaco, utilizzato per verificare la presenza di blocchi nelle arterie e la rivascolarizzazione coronarica, utilizzata per eliminare tali blocchi con stent per aprire le arterie o reindirizzando il flusso sanguigno al cuore mediante un intervento di bypass.

Attacco cardiaco e demenza: cosa si può fare?

La demenza, in linea di massa, è determinata da particolari disturbi quali: la difficoltà di memoria, linguaggio, risoluzione dei problemi e altre capacità di pensiero.

Più di 6 milioni di adulti statunitensi di età pari o superiore a 65 anni vivono con la demenza causata dal morbo di Alzheimer, la forma più comune, e si prevede che tale numero raddoppierà entro il 2050, secondo l’Alzheimer’s Association. Inoltre, circa il 16,6% delle persone di età pari o superiore a 65 anni ha un lieve deterioramento cognitivo, sottili cambiamenti nella memoria e nel pensiero che potrebbero non essere sempre evidenti ma che possono trasformarsi in demenza.

Attacco cardiaco

La demenza è più diffusa quando le persone invecchiano, colpendo 1 persona su 3 di età pari o superiore a 85 anni, secondo il National Institute on Aging. Poiché le malattie cardiache e la demenza condividono molti fattori a rischio, c’è un alto livello di crossover tra i due: tra i soggetti cardiopatici di età uguale o superiore a 75 anni, quasi il 60% ha un qualche tipo di deterioramento cognitivo.

“È prevalente e non facciamo un buon lavoro di screening per questo“, ha spiegato Alexander. “Abbiamo bisogno di una maggiore consapevolezza che questo è là fuori”. “I medici potrebbero non sapere che un paziente ha una demenza in fase iniziale o un lieve deterioramento cognitivo perché le condizioni sono spesso sottodiagnosticate“, interviene la dott.ssa Deborah A. Levine, professoressa associata di medicina interna e direttrice del programma di ricerca sui servizi sanitari cognitivi presso l’Università del Michigan.

Al momento del ricovero in ospedale, “ogni persona anziana dovrebbe essere sottoposta a screening per problemi cognitivi o una storia di problemi cognitivi“, continua Levine. “Con l’invecchiamento della popolazione, ogni fornitore che tratta I pazienti più anziani deve essere in grado di prendersi cura di loro in modo olistico”.

“I pazienti con demenza hanno un rischio maggiore di delirio quando sono ricoverati in ospedale per qualsiasi motivo, compreso l’ infarto. Il delirio è associato a una mortalità più elevata, a un maggiore declino funzionale e a una degenza prolungata e può essere angosciante per il paziente e la famiglia“, ha affermato la scienziata. Inoltre, diverse ricerche hanno rilevato che episodi di delirio, oltre al semplice ricovero in ospedale, possono accelerare il declino cognitivo nelle persone anziane, comprese quelle con demenza.

Se i medici sanno che un loro paziente ha la demenza, possono prendere precauzioni, ha specificato Levine. “Esistono precauzioni standard per il delirio che è possibile utilizzare quando i pazienti più anziani a rischio elevato di demenza vengono ricoverati in ospedale. Ciò include il tentativo di mantenere il ciclo sonno-veglia, l’orientamento frequente con il personale ed evitare i farmaci che possono esacerbare il delirio“.

L’esperta, che ha condotto una ricerca e ha scoperto che  che i pazienti con decadimento cognitivo lieve avevano il 50% in meno di probabilità di ricevere cateterizzazioni cardiache, e ha affermato che è importante che le famiglie e gli operatori sanitari considerino dove si trova una persona nello spettro cognitivo quando prendono decisioni sul trattamento.

Un’altra ricerca ha evidenziato come il 60% delle persone con decadimento cognitivo lieve alla fine sviluppa una qualche forma di demenza, non dovrebbe essere l’unico motivo per sospendere il trattamento, ha chiarito Levine. “Molti pazienti con decadimt cognitivo rimangono stabili o tornano alla normalità. E molti pazienti con demenza hanno sistemi di supporto in atto, caregiver che possono supportare l’adesione ai piani medici”.

Le procedure di rivascolarizzazione per sbloccare le arterie coronarie sono trattamenti efficaci che possono beneficiare molte persone con problemi cognitivi“, ha affermato. “Tuttavia, se una persona ha una demenza avanzata , è completamente dipendente dalla cura di sé o ha un’aspettativa di vita limitata, allora “questo potrebbe essere un motivo per rinunciare a trattamenti invasivi come la chirurgia di bypass”.

“Quando si scelgono i trattamenti, le famiglie dovrebbero chiedere ai medici la prognosi di un paziente senza trattamento, nonché domande su un quadro più ampio, ad esempio se una procedura migliorerà o meno la qualità della vita della persona”, ha dichiarato Alexander.

Dovrebbero essere in grado di chiedere: ‘In che modo questo aiuterà la mia amata in generale?’ Elevare la conversazione per discutere gli obiettivi di cura con domande come: “Perché lo stiamo facendo?” Stiamo cercando di aiutarli a vivere più a lungo o a sentirsi meglio?”

“I bambini adulti dovrebbero iniziare a conversare su come sostenere i genitori anziani con problemi cognitivi molto prima che sorgano altri problemi medici”, ha affermato Alexander: “I membri della famiglia devono sapere come aiuteranno mamma e papà quando hanno bisogno di cure mediche complesse. Chi sarà la persona di riferimento? È davvero di vitale importanza che le persone che non hanno una buona memoria abbiano un rapporto di fiducia con un caregiver che possa sostituirle in ospedale, specialmente al momento della dimissione”.

Demenza, gli ipovedenti sono più a rischio di riscontrarla, a prescindere dalla possibilità di incorrere in un attacco cardiaco

L’attacco cardiaco nelle persone colpite da demenza, è una possibilità che non deve essere sottovalutata e il ruolo della famiglia è fondamentale, in collaborazione con gli esperti che effettuino una diagnosi precoce corretta. Un nuovo studio invece porta avanti una nuova ipotesi che va oltre l’attacco cardiaco: le persone anziane con perdita della vista hanno una probabilità significativamente maggiore di soffrire di un lieve deterioramento cognitivo, che può essere un precursore della demenza.

Attacco cardiaco

La ricerca è stata pubblicata sulla rivista scientifica Aging Clinical and Experimental Research.

Lo studio dell’Anglia Ruskin University (ARU) ha studiato i dati dell’Organizzazione mondiale della sanità su oltre 32.000 persone e ha scoperto che i soggetti con perdita della vista sia da vicino che da lontano avevano 1,7 volte più probabilità di soffrire di un lieve detoriamento cognitivo.

Gli individui con problemi alla vista da vicino avevano 1,3 volte più probabilità di soffrire di un lieve deterioramento cognitivo rispetto a chi non aveva problemi di vista. Tuttavia, le persone che hanno riportato solo la perdita della vista da lontano non sembravano avere un rischio maggiore.

Il Dr. Lee Smith, Reader in Physical Activity and Public Health presso ARU, ha dichiarato: “La nostra ricerca mostra per la prima volta che il deficit visivo aumenta le possibilità di avere un lieve deterioramento cognitivo. Sebbene non tutti con un lieve deterioramento cognitivo continueranno a svilupparlo. Esiste una probabilità di progressione verso la demenza, che è una delle principali cause di disabilità e dipendenza nella popolazione anziana”.

Attacco cardiaco

La coautrice Shahina Pardhan, direttrice del Vision and Eye Research Institute dell’ARU, ha dichiarato: “La ricerca ora deve concentrarsi sul fatto che l’intervento per migliorare la qualità della vista possa ridurre il rischio di un lieve deterioramento cognitivo e, in definitiva, di demenza. È necessario lavorare di più essere fatto per esaminare ogni possibile causalità e quali potrebbero essere le ragioni alla base di essa”.

Il gruppo di ricerca ha studiato i dati sulla popolazione di Cina, India, Russia, Sud Africa, Ghana e Messico dallo studio dell’OMS sull’invecchiamento globale e la salute degli adulti (SAGE). La prevalenza complessiva del deterioramento cognitivo lieve era del 15,3% nel campione di studio di 32.715 persone, mentre circa il 44% del numero totale di persone intervistate aveva problemi di vista.

Ad oggi,  Secondo i dati forniti  demall’Organizzazione Mondiale della Sanità nel mondo gli individui con deficit visivi sono il 4% della popolazione del globo terrestre, ivvero (mcirca 253 milioni . Gli ipovedenti, invece,cioè coloro che convivono con un residuo visivo,  soni  217 milioni (3%), infine i ciechi assoluti si attesterebbero attorno ai  36 milioni (0,5%).

Potrebbe interessarti...

Honor Magic 3

Honor Magic 3 Series: performance al top

Scienze

Cellule tumorali persistenti sono responsabili delle ricadute

Scienze

La psicologia ha lottato oltre 1 secolo per capire la mente

Minix Neo U22-XJ

Recensione Minix Neo U22-XJ con Minix Neo A3: il migliore TV Box?

Google

Read Along by Google: l’app che insegna a leggere e scrivere

Scienze

Rilevare terremoti utilizzando i cavi sottomarini di internet

Come credi si possa affrontare il problema di una cardiopatia in un soggetto colpito da demenza senile? Pensi che i suggerimenti di questo articolo siano applicabili nella realtà? Parlacene nei commenti.

Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Guarda tutti i commenti
Tronsmart Studio

14 settembre, 2021

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
0