Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Vitamina D

ASH1L: ecco il gene correlato all’ASD e alle convulsioni 

Durante uno studio preclinico portato avanti da un team di ricercatori dell'Università Bufalo è stato rivelato un gene con una funzione importante nel disturbo dello spettro autistico e altre condizioni spesso correlate ad esso. La ricerca preclinica, pubblicata sulla rivista scientifica Nature Communications, ha dimostrato come agire sul gene in questione, faccia riassorbire determinate condizioni correlate con l'autismo

iCrewPlay è alla ricerca di redattori che si occupino della sezione di scienza e tecnologia: vuoi far parte di un gruppo dinamico e stimolante, recensire i prodotti in uscita e condividere le tue conoscenze con gli altri?

0 0 voto
Voto iCrewers

Il gene ASH1L, studiato dagli scienziati dell’Università Bufalo, ha diverse funzioni: un ruolo in una serie di disabilità intellettive,  e la condizione conosciuta come disturbo dello spettro autistico (ASD). Gli studiosi hanno anche scoperto un metodo per salvare potenzialmente alcune delle comorbilità causate da questo gene.

ASH1L

La ricerca preclinica è stata pubblicata pubblicata sulla rivista scientifica Nature Communications.

ASH1L: ecco perché è importante conoscerne le dinamiche

Lo studio del gruppo di esperti dell’Università di Bufalo si è  concentrato sul un gene ASH1L. Studi genetici umani su larga scala hanno identificato in questo gene una funzione ad alto rischio per l’ASD e le condizioni che a volte lo accompagnano, come l’epilessia, la sindrome di Tourette e la disabilità intellettiva, ma il modo esatto in cui la perdita di funzione di ASH1L contribuisce a tutte queste malattie con sintomi sovrapposti è rimasto in gran parte sconosciuto.

ASH1L

Guidato da Zhen Yan, Ph.D., autore senior e professore emerito SUNY presso il Dipartimento di Fisiologia e Biofisica della Jacobs School of Medicine and Biomedical Sciences presso UB, il team è stato motivato a condurre lo studio dopo aver scoperto che l’espressione di ASH1L è significativamente diminuito nella corteccia prefrontale (PFC) dei tessuti post-mortem di pazienti con ASD. La corteccia prefrontale è la parte del cervello responsabile delle funzioni esecutive, come i processi cognitivi e il controllo emotivo.

I ricercatori dell’UB hanno scoperto che nei topi con carenza di ASH1L nel PFC, i geni sinaptici, che sono responsabili di garantire un’adeguata elaborazione delle informazioni nel cervello, sono sottoregolati. Ciò provoca lo squilibrio dei segnali mediati dai principali neurotrasmettitori eccitatori e inibitori del sistema nervoso: rispettivamente il glutammato e l’acido gamma-aminobutirrico (GABA). Il normale funzionamento del cervello dipende dalla regolazione precisa dei livelli di glutammato e GABA nel cervello. Allo stesso tempo, questi topi hanno dimostrato ipereccitabilità dei neuroni glutamatergici nella corteccia prefrontale, che ha indotto gravi convulsioni e mortalità precoce.

Attraverso un approccio che descrivono come chemogenetico, i ricercatori dell’UB sono stati in grado di ripristinare l’equilibrio eccitazione/inibizione tra i neuroni, riducendo le convulsioni e prolungando la sopravvivenza dei topi con carenza di ASH1L.

ASH1L

Tuttavia, hanno scoperto che i deficit sociali e i comportamenti ripetitivi in ​​questi animali persistevano. Hanno in programma di continuare a studiare altri metodi che potrebbero portare a superare questi effetti negativi.

Questi risultati hanno rivelato il ruolo fondamentale di un fattore di rischio del disturbo dello spettro autistico di prim’ordine nella regolazione dell’espressione genica sinaptica e delle convulsioni, che fornisce approfondimenti sulle strategie di trattamento per le malattie cerebrali correlate“, ha concluso Yan.

Quasi tre quarti dei bambini autistici hanno anche un’altra condizione medica o psichiatrica. Queste sono chiamate “condizioni concomitanti”.

Le condizioni concomitanti possono comparire in qualsiasi momento durante lo sviluppo di un bambino. Alcuni potrebbero non apparire fino a più tardi nell’adolescenza o nell’età adulta. A volte queste condizioni hanno sintomi che influenzano il funzionamento delle terapie e dei supporti per l’autismo. Quindi è importante identificare e diagnosticare le condizioni e trattarle separatamente .

ASH1L

Tra le più gravi troviamo la depressione bipolare. Le persone con diagnosi di disturbo bipolare hanno sia alti livelli emotivi estremi (mania) che bassi estremi (depressione).

La depressione può essere abbastanza ovvia: la persona probabilmente avrà un umore basso, mancanza di motivazione, disturbi del sonno e scarso appetito. La mania può essere più difficile da individuare. I suoi sintomi includono un’estrema autostima, meno bisogno di dormire, più parole e livelli di attività più elevati del solito.

I bambini che hanno il disturbo bipolare hanno grandi e rapidi cambiamenti di umore e comportamento. Quando stanno attraversando questi cambiamenti di umore, potrebbero anche avere problemi a prestare attenzione, a stare fermi e a comportarsi in modo appropriato.

È importante sottolineare che nonostante non ci sia molta ricerca sul disturbo bipolare e sull’autismo, il disturbo bipolare fortunatamente non è molto comune nei bambini con autismo.

La disabilità intellettiva invece può essere diagnosticata quando un bambino di sei anni o più ha un QI inferiore a 70 e difficoltà con le attività quotidiane. Nei bambini sotto i sei anni, il termine ritardo dello sviluppo viene utilizzato quando i bambini hanno ritardi cognitivi e linguistici significativi.

ASH1L

La disabilità intellettiva varia da persona a persona. I bambini con autismo e con disabilità intellettiva potrebbero avere abilità irregolari, quindi potrebbero esserci alcune cose in cui sono abbastanza bravi e altre che trovano difficili.

Nella maggior parte dei casi, i bambini ASD hanno più problemi con le abilità verbali, come parlare, ascoltare e comprendere,  che con abilità non verbali come fare puzzle o disegnare.

In passato si pensava che il 50-60% dei bambini autistici avesse disabilità intellettive o ritardi nello sviluppo. Ma ora si pensa che sia del 20-30%, con un altro 20-25% con disabilità intellettiva borderline con un QI di 71-85.

Questo calo potrebbe essere dovuto al fatto che il test del QI per i bambini ASD è migliorato, il supporto e l’istruzione sono migliori nell’affrontare i bisogni di apprendimento dei bambini acon autismo e a più bambini senza disabilità intellettiva viene diagnosticato l’autismo.

Alcuni ricercatori hanno sostenuto che i ritardi nello sviluppo di alcuni bambini potrebbero essere causati dalle loro difficoltà di apprendimento sociale, piuttosto che essere una condizione separata.

Ci possono essere miglioramenti significativi nel tempo in alcuni bambini con autismo molto piccoli che hanno un ritardo dello sviluppo e ricevono una buona terapia e supporto precoci. Altri bambini che hanno un ritardo dello sviluppo più significativo potrebbero ancora avere un QI inferiore al tipico quando sono più grandi.

Non esiste una cura per la disabilità intellettiva, ma può essere gestita. L’intervento precoce e l’educazione possono supportare le persone con disabilità intellettiva e le loro famiglie.

Potrebbe interessarti...

Scienze

Vaccino HPV monodose: ecco perché è altamente funzionante

Windows 11

Media Player da oggi avrà un restyling su Windows 11

Apple Podcasts

Apple gioca e vince contro i colossi del gaming

Scienze

Sars cov 2: cosa succede se i bambini si ammalano a lungo di covid?

Makalu 67

Makalu 67 di Mountain: il primo mouse con PixArt PMW3370

Scienze

Trapianto di rene da maiale a uomo: cosa comporta?

Cosa ne pensi della scoperta delle funzioni del gene ASH1L? Credi sia una ricerca da portare avanti o ne conosci altre più meritevoli? Parlacene nei commenti.

Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Guarda tutti i commenti
Teufel CAGE

22 ottobre, 2021

Tronsmart Studio

14 settembre, 2021

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
2+