Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram

Apple gioca e vince contro i colossi del gaming

Apple sorprende tutti e sbanca nel mercato del gaming, scavalcando colossi come Microsoft e Sony

iCrewPlay è alla ricerca di redattori che si occupino della sezione di scienza e tecnologia: vuoi far parte di un gruppo dinamico e stimolante, recensire i prodotti in uscita e condividere le tue conoscenze con gli altri?

0 0 voto
Voto iCrewers

Apple ci prova e vince a mani basse contro colossi del gaming come Microsoft, Activision-Blizzard, Sony e Nintendo, come avesse vinto ad una lotteria Sambad, producendo utili che superano quelli delle tre società tutte insieme. Il risultato finale è un bel colpo per chi è sul mercato da sempre e ha fidelizzato intere generazioni di gamer.

Apple

La notizia è stata riportata dal dal Wall Street Journal, che ha titolato:” Apple Doesn’t Make Videogames. But It’s the Hottest Player in Gaming”.

Apple: ecco come la società è riuscita ad ottenere fatturati da capogiro

Un uomo, Tim Cook, amministratore delegato della Apple, è riuscito a realizzare quello che sembrava improbabile: trasformare la mela morsicata in una delle più grandi aziende di videogiochi del mondo. Si parla addirittura di profitti operativi di Apple derivanti dai giochi pari a $ 8,5 miliardi (in base all’analisi WSJ), superando i proventi operativi combinati dei game delle altre 4 società nello stesso anno.

Apple

È importante specificare che questo risultato strabiliante è stato enfatizzato durante il recente processo antitrust contro Apple. Le entrate esorbitanti sono state rese possibili grazie al taglio del 30 percento ricevuto dagli sviluppatori sui giochi venduti sul suo App Store. Il rapporto ha evidenziato che aveva un’enorme quota di mercato di oltre il 55 percento insieme a margini di profitto davvero elevati. .

Apple ha però smentito riguardo gli introiti, gonfiando il petto e dichiarando che le cifre effettive erano in realtà molto più alte di quelle. Secondo il rapporto, le cifre relative ai giochi sono state di circa $ 2 miliardi in più rispetto all’utile operativo generato dai giochi nello stesso anno da Sony, Activision, Nintendo e Microsoft. I dati di altre società di gioco sono stati presi da documenti aziendali, mentre un analista ha stimato i dati sulle entrate per Microsoft.

Questo è stato dichiarato Spiegando che il fatto era dovuto che i margini operativi discussi nel processo non includevano numerosi costi congiunti associati all’App Store. L’analisi ha incluso tutte le entrate relative al gioco, ma solo una piccola parte dei possibili costi.

Secondo gli analisti, i giochi costituiscono la maggior parte delle entrate dell’App Store, in base ai dati di Sensor Tower che stimano che Apple abbia ricevuto $ 15,9 miliardi di entrate dall’App Store per l’anno: il 69 percento di questa cifra proveniva dai giochi. I dati dei procedimenti giudiziari hanno rivelato che l’App Store ha avuto un utile operativo di 12,3 miliardi di dollari per l’anno, un quinto dell’utile operativo totale.

Apple

Nella sentenza della causa Epic-Apple, il giudice Yvonne Gonzalez Rogers ha evidenziato che : “Mentre Apple godeva di una quota di mercato considerevole di oltre il 55% e di margini di profitto straordinariamente elevati, Epic non è riuscita a dimostrare che Apple fosse un “monopolista illegale”. Epic Games ha ora impugnato la decisione. 

Potrebbe interessarti...

Scienze

Demenza: 5 cambiamenti nello stile di vita per prevenirla

Scienze

Calcio: importante sia per le ossa che per il cuore

Scienze

Gene Mcr-9: rende i batteri resistenti agli antibiotici

Scienze

Cuore di maiale trapianto in un essere umano

Samsung Galaxy A52

Android 12 su Samsung Galaxy A52: update in arrivo

Honor Magic V

Honor Magic V: il pieghevole firmato Honor è in arrivo

Cosa ne pensi del risultato Apple? Pensi che sia giusto portarla in giudizio? Dicci la tua nei commenti.

Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Guarda tutti i commenti
Teufel CAGE

22 ottobre, 2021

Tronsmart Studio

14 settembre, 2021

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
1+