Amenorrea

Amenorrea nel 98% delle donne rinchiuse nei lager nazisti: perché? 

Una nuova ricerca ha fatto luce sulle reali cause che hanno indotto nelle donne deportate nei campi di sterminio del Terzo Reich un'amenorrea improvvisa, difficilmente attribuibile alle condizioni severe nelle quali versavano i prigionieri dei lager nazisti come la malnutrizione. I risultati dello studio sono stati pubblicati sulla rivista scientifica Social Science & Medicine

Una nuova ricerca sulle donne che hanno avuto uno stop nelle mestruazioni, l’amenorrea, subito dopo essere state deportate nei campi di sterminio nazisti ha cercato di spiegare le reali cause di questo fenomeno, troppo marcato per essere giustificato con la malnutrizione e le condizioni critiche tipiche dei lager.

Amenorrea

Si tratta di uno studio significativo, poiché raramente si parla di quello che hanno dovuto subire le donne in uno dei momenti più bassi della storia dell’umanità: la campagna di sterminio portata avanti dal Terzo Reich.

I risultati della ricerca sono stati pubblicati sulla rivista scientifica Social Science & Medicine.

Amenorrea nelle donne deportate nei campi di sterminio nazisti: ecco quali sono le reali ragioni

l’autrice principale, la Dottoressa Peggy J. Kleinplatz della Facoltà di Medicina dell’Università di Ottawa ha osservato che l’improvvisa cessazione delle mestruazioni (amenorrea) tra le donne ebree nei campi di sterminio nazisti  era troppo uniforme per essere influenzata solo da traumi e malnutrizione, una serie di spiegazioni prontamente accettate alla fine degli anni Quaranta e raramente approfondite.

Amenorrea

Durante la sua ricerca sono state analizzate attentamente prove storiche e testimonianze di sopravvissuti all’Olocausto, che hanno permesso di proporre un’ulteriore ipotesi: steroidi sintetici venivano somministrati nelle razioni quotidiane date alle prigioniere nel tentativo di interrompere i loro cicli mestruali e forse compromettere la loro capacità di avere figli del tutto.

“In altre orribili atrocità di massa nella storia, questa improvvisa insorgenza di amenorrea non si è verificata o si è verificata lentamente in combinazione con fame e traumi per un periodo da 12 a 18 mesi”, ha dichiarato il Dottor Kleinplatz, Professore ordinario del Facoltà di Medicina di Ottawa.

“Quindi, la mia domanda era: cosa stava succedendo a queste donne nei campi di sterminio che era caratteristico, causando che si verificasse immediatamente e non poteva essere spiegato completamente dalle ipotesi di trauma, malnutrizione o entrambi? È stato allora che ho iniziato a indagare se ci fosse un tentativo deliberato di causare la cessazione delle mestruazioni in queste donne ebree”.

Le prove della teoria avanzata dal Dottor Kleinplatz e dal coautore Paul Weindling, storico e Professore all’Università di Oxford-Brookes, sono supportate da interviste con donne sopravvissute all’Olocausto in tutto il mondo. Dal 2018 al 2021, il Dottor Kleinplatz ha condotto interviste ai sopravvissuti in quattro lingue: yiddish, ebraico, inglese e francese. Alla fine, sono state raccolte 93 testimonianze complete da donne sopravvissute – la loro età media 92½ – o dalla loro prole che potrebbero fornire storie riproduttive complete per le sopravvissute.

I sopravvissuti all’Olocausto hanno detto al dottor Kleinplatz di sospettare che qualcosa nelle loro razioni di cibo avesse causato l’amenorrea improvvisa.

Amenorrea

Una donna, che aveva lavorato per mesi in cucina ad Auschwitz quando era un’adolescente, ha persino descritto pacchetti di sostanze chimiche che venivano portate ogni giorno sotto scorta armata e disciolte in zuppe disgustose alle quali venivano nutrite le prigioniere in modo che “le donne non avessero le mestruazioni”. Questa narrazione di razioni contaminate è corroborata dai risultati di un rapporto del 1969 che interrogava i cuochi di Auschwitz, il più famigerato dei campi di sterminio nazisti.

C’è stato un impatto a lungo termine per i sopravvissuti. Quasi tutte le donne intervistate, il 98%, non sono state in grado di concepire o portare a termine il numero desiderato di figli. I risultati riportano che di 197 gravidanze confermate, almeno 48 (24,4%) si sono concluse con aborti spontanei, 13 (6,6%) con nati morti e 136 (69,0%) con nati vivi.

“I tassi di infertilità primaria, infertilità secondaria, aborto spontaneo e natimortalità erano inquietanti e non in linea con la popolazione generale, o anche con la popolazione generale degli ebrei durante quegli anni del baby boom”, ha spiegato il Dottor Kleinplatz.

Il dottor Kleinplatz ha aggiunto che gli steroidi sessuali, che avrebbero prodotto amenorrea immediata, esistevano in abbondanza all’epoca in Germania durante l’era della seconda guerra mondiale. Questo non è un fatto noto. Al contrario, la Food and Drug Administration statunitense ha approvato una pillola anticoncezionale ormonale solo nel 1960.

Lo studio riporta che gli steroidi sessuali esogeni, che causano un’immediata cessazione delle mestruazioni, sono stati sintetizzati e prodotti per la prima volta a Berlino nel 1933 ed erano disponibili come farmaci da banco per il trattamento dell’infertilità in Germania. Un farmacologo e chimico tedesco, Adolf Butenandt, è stato insignito del Premio Nobel per la chimica negli anni ’30 per il suo lavoro di sintesi di steroidi sessuali.

La squadra di studiosi ha affermato di aver ottenuto prove che grandi quantità di steroidi sessuali venivano prodotte dalle fabbriche tedesche dal 1943 al 1945, apparentemente per curare l’infertilità: “Tuttavia, quantità così grandi di steroidi sessuali avrebbero superato drammaticamente i bisogni delle donne tedesche in cerca di cure per l’infertilità. Sembra sorprendente che la produzione di grandi quantità di ormoni esogeni sarebbe stata considerata una priorità durante la scarsità del tempo di guerra quando chiaramente, il loro presunto scopo avrebbe potuto essere facilmente raggiunto con quantità molto più piccole”, è stato spiegato nello studio.

Le prove del processo per crimini di guerra di Norimberga più di mezzo secolo fa hanno dimostrato che i nazisti cercavano metodi di sterilizzazione di massa delle donne ebree. E ha mostrato che la leadership nazista ha incaricato coloro incaricati del piano di “sterilizzare le ebree” di smettere di tenere registrazioni scritte.

Dopo circa 75 anni e oltre 10.000 testimonianze di sopravvissuti all’Olocausto in vari progetti di storia basata sulle testimonianze, ci sono voluti il ​​Dottor Kleinplatz e il suo coautore per collegare i punti e fornire un nuovo esame di questa storia nascosta. Mentre la memoria vivente dell’Olocausto svanisce ogni anno che passa, il dottor Kleinplatz esorta gli altri a indagare ulteriormente.

“A questo punto, ci rimangono più domande che risposte”, ha scritto lo scienziato nelle conclusioni dello studio. “Spetta a ricercatori medici, altri scienziati e storici continuare la ricerca delle risposte meritate da ciascuna delle donne intervistate in questo studio”.

Un altro atto barbarico compiuto dal Terzo Reich fu la campagna di sterilizzazione forzata che coinvolse i Rom nei campi di concentramento nazisti fu la sterilizzazione forzata. Quando il programma di sterilizzazione nazista fu lanciato già nel luglio 1933, non prendeva di mira esplicitamente i rom, sebbene come gruppo fossero particolarmente vulnerabili ai sensi della legge sulla sterilizzazione e molte centinaia furono sterilizzate con la forza negli anni precedenti la guerra.

Amenorrea
Un elenco delle donne Rom del trasporto di Mechelen che furono selezionate per la “visita ginecologica” il 20 gennaio 1944. Illustrazione: Museo statale di Auschwitz-Birkenau.

Il numero di procedure aumentò dopo lo scoppio della guerra, tuttavia, e alla fine della guerra circa 3.000 Rom erano stati sterilizzati. Diverse donne Rom norvegesi sono state oggetto di tali abusi mentre erano internate ad Auschwitz-Birkenau.

Il 14 luglio 1933 le autorità tedesche approvarono una legge sulla sterilizzazione che legittima la sterilizzazione forzata di persone che si presume avessero malattie ereditarie. La legge faceva parte della politica sociale e criminale radicale del regime nazista e prendeva di mira i malati di mente, i ciechi e i sordi ereditari, gli alcolisti cronici e altri definiti come affetti da difetti “asociali”. Sebbene gli “zingari” non fossero menzionati esplicitamente nella formulazione della legge, un numero sproporzionatamente elevato di Rom ne fu colpito, in parte perché considerati una fascia “asociale” e “inferiore” della popolazione.

Non solo amenorrea indotta dunque, ma vero e propri interventi chirurgici volti a sterilizzare in massa determinate etnie.

Basandosi sull’idea di igiene razziale dei tratti ereditari, negativi, distruttivi e “asociali” dei Rom, i nazisti considerarono anche necessario ridurre la loro riproduzione e prevenire la “miscelazione razziale” con la popolazione maggioritaria tedesca. Importanti ricercatori del settore hanno sottolineato che la politica di sterilizzazione imposta ai Rom volta a limitare la dimensione delle generazioni future deve essere in qualche misura vista come parte integrante del tentativo di sterminio di questa minoranza.

Durante la seconda guerra mondiale, il tasso di sterilizzazione di questo gruppo aumentò e molte delle procedure furono eseguite nei campi di concentramento nazisti. Alcune delle procedure eseguite sui Rom durante la guerra erano registrate come volontarie, ma in realtà spesso la scelta era tra la sterilizzazione o l’internamento, e molti furono indotti a pensare che sarebbero stati rilasciati prima se avessero acconsentito.

I programmi di sterilizzazione ad Auschwitz-Birkenau, Ravensbrück, Buchenwald e altri campi in cui sono stati internati i rom hanno preso la forma di esperimenti medici puri che, oltre alla procedura di sterilizzazione stessa, sono stati utilizzati anche per testare metodi alternativi di sterilizzazione.

Amenorrea

Molte donne rom sono state sottoposte a tali tentativi di sterilizzazione ad Auschwitz-Birkenau. Il 20 gennaio, solo tre giorni dopo il loro arrivo a Birkenau, 84 donne arrivate con il trasporto zingaro da Mechelen sono state selezionate per un cosiddetto “esame vaginale”, presumibilmente per rilevare la gonorrea. Le SS spesso fornivano false basi e diagnosi per nascondere le loro vere intenzioni.

Secondo Monique Heddebaut, che ha studiato il gruppo Rom deportato da Mechelen e il loro destino ad Auschwitz, il vero scopo dell'”esame” era sterilizzare le donne e testare metodi alternativi di sterilizzazione. Almeno 10 Rom norvegesi erano nell’elenco delle 84 donne selezionate.

Eri a conoscenza di queste pratiche barbariche perpretate dal Terzo Reich contro le donne deportate nei campi di sterminio? Vorresti approfondire l’argomento? Parlacene nei commenti.

 

 

 

Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Guarda tutti i commenti
0
in iCrewPlay diamo spazio al tuo pensiero! Commenta!x
()
x
Condividi su facebook
CONDIVIDI