Infertilità aumenta il rischio di sviluppare un’insufficienza cardiaca

Un team di scienziati del Massachusetts General Hospital (MGH) ha rivelato un legame tra infertilità femminile e rischio aumentato di contrarre un'insufficienza cardiaca. I risultati dello studio sono stati pubblicati sulla rivista scientifica Journal of American College of Cardiology

Grazie ad una ricerca sviluppata da un team di scienziati del Massachusetts General Hospital (MGH), è stato possibile osservare che le donne colpite da infertilità hanno un rischio aumentato del 16% di contrarre un’insufficienza cardiaca rispetto alle donne che non hanno avuto una tale diagnosi.

Cuore di maiale, infertilità

I risultati dello studio sono stati pubblicati sulla rivista scientifica Journal of American College of Cardiology.

Infertilità collegata all’insufficienza cardiaca: ecco cosa dice la ricerca

Stiamo iniziando a riconoscere che la storia riproduttiva di una donna dice molto sul suo rischio futuro di contrarre malattie cardiache “, ha dichiarato la prima autrice Emily Lau, cardiologa e direttrice della Clinica Menopausa, Ormoni e Cardiovascolari presso MGH:Se una donna ha difficoltà a rimanere incinta, cosa succede durante le sue gravidanze, quando passa alla menopausa, tutto influenza il suo rischio di incorrere, col passare degli anni, in malattie cardiache”.

Modellazione 3D del cuore combinata, test diagnostico, TRPM2, Cardiopatia ipertrofica, Cardiomiopatia Takotsubo, infertilità

L’infertilità colpisce circa 1 donna su 5 negli Stati Uniti e include uno spettro di difficoltà di concepimento, ma il suo legame con l’insufficienza cardiaca non è stato delineato sino ad oggi. In collaborazione con la Women’s Health Initiative (WHI), che è stata progettata all’inizio degli anni ’90 e ha interrogato la storia riproduttiva di una donna, Lau e colleghi hanno studiato le donne in postmenopausa dal WHI ed hanno esaminato se la difficoltà nel concepire fosse associata allo sviluppo di insufficienza cardiaca.

Esistono due tipi di insufficienza cardiaca: insufficienza cardiaca con frazione di eiezione preservata (HFpEF) e insufficienza cardiaca con frazione di eiezione ridotta (HFrEF). La frazione di eiezione è una misura correlata alla percentuale in volume di sangue che viene pompata dal ventricolo sinistro del cuore durante ogni battito. Una frazione di eiezione inferiore al 50% è comunemente vista come anormale o ridotta.

Il gruppo di esperti ha trovato un’associazione tra infertilità e insufficienza cardiaca generale, in particolare con HFpEF, una forma di insufficienza cardiaca che è molto più comune nelle donne indipendentemente dalla storia di fertilità.

Tra le 38.528 donne in postmenopausa studiate, il 14% dei partecipanti ha riportato una storia di difficoltà di concepimento. In un periodo di follow-up di 15 anni, i ricercatori hanno notato che l’infertilità era associata a un rischio futuro del 16% di insufficienza cardiaca complessiva. Quando hanno esaminato i sottotipi di insufficienza cardiaca, hanno scoperto che la difficoltà nel concepire era associata a un aumento del 27% del rischio futuro di HFpEF.

Negli ultimi dieci anni, l’HFpEF (in cui il muscolo cardiaco non si rilassa bene) al contrario dell’HFrEF (in cui il ventricolo sinistro non pompa bene), è diventata la forma dominante di insufficienza cardiaca sia negli uomini che nelle donne. Ma rimane più comune nelle donne. “È una condizione difficile perché ancora non comprendiamo completamente come si sviluppa l’HFpEF e non disponiamo di ottime terapie per trattare l’HFpEF“, ha affermato Lau.

l'angiopoietina 1, test diagnostico, timo, Algoritmo, Cardiomiopatia Takotsubo, infertilità

Penso che i nostri risultati siano particolarmente degni di nota perché l’insufficienza cardiaca con frazione di eiezione conservata è più prevalente nelle donne“, ha aggiunto Lau. “Non capiamo perché vediamo più HFpEF nelle donne. Guardare indietro nella prima vita riproduttiva di una donna può darci alcuni indizi sul perché”. Da notare che il team ha osservato che il collegamento persisteva indipendentemente dal fatto che un individuo alla fine concepisse o avesse un parto vivo.

L’aumento del rischio è indipendente dai tradizionali fattori di rischio cardiovascolare e da altre condizioni legate alla difficoltà di rimanere incinta: “In studi precedenti è stato suggerito che le donne con infertilità abbiano più fattori di rischio cardiometabolico“, ha spiegato Lau, ma il team non ha scoperto che i fattori di rischio cardiometabolico spiegassero il legame tra infertilità e insufficienza cardiaca in questo studio.

I ricercatori hanno anche cercato di capire se altre condizioni legate all’infertilità come malattie della tiroide, mestruazioni irregolari e menopausa precoce spiegassero l’associazione tra infertilità e insufficienza cardiaca, ma non hanno nemmeno dimostrato di supportare tale ipotesi.

Quindi si pone davvero la domanda: quali sono i meccanismi che guidano l’associazione tra infertilità e insufficienza cardiaca?” dice Lau. Sono fattori di rischio condivisi o l’infertilità è sulla via causale? Menziona che potrebbero essere coinvolte disfunzioni vascolari ed endoteliali e prevede di chiarire eventualmente il meccanismo alla base del legame tra infertilità e insufficienza cardiaca. In futuro, Lau spera di condurre uno studio prospettico su donne con una storia di infertilità che coinvolga parametri di esercizio, misure vascolari e altro per risolvere il mistero“.

Noi come scienziati e medici stiamo iniziando a riconoscere quanto sia importante la storia riproduttiva di una donna per il futuro rischio di contrarre malattie cardiache. L’infertilità è uno dei tanti fattori di rischio cardiovascolare, come l’ipertensione e la pressione alta, ma la storia riproduttiva non è considerata di routine come parte della valutazione del rischio cardiovascolare“, afferma Lau.

l'angiopoietina 1, test diagnostico, timo, TRPM2, infertilità

Poiché le persone non tendono a sviluppare insufficienza cardiaca fino ai 60 anni e oltre, e la difficoltà a concepire è per lo più sperimentata tra i 20, i 30 e i 40 anni, molti medici non pensano alla connessione. “Non possiamo cambiare la storia di infertilità di una donna, ma se sappiamo che una donna ha avuto una storia di infertilità, possiamo essere più aggressivi nel consigliarla su altri fattori di rischio modificabili tra cui ipertensione, colesterolo alto, fumo e altro”, ha concluso la scienziata.

Eri a conoscenza del collegamento tra infertilità femminile e rischio aumentato di contrarre un’insufficienza cardiaca? Ne parlerai col tuo medico di fiducia? Parlacene nei commenti.

Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Guarda tutti i commenti
0
in iCrewPlay diamo spazio al tuo pensiero! Commenta!x
()
x
Condividi su facebook
CONDIVIDI