latte

Allergia al latte: quali sono le ragioni?

Diversi studi hanno dimostrato che l'allergia al latte vaccino è la più diffusa. Ma quali sono le reali motivazioni?

L’allergia al latte vaccino è il tipo più comune di allergia alimentare nei bambini ed è anche la più strana. In tutte le allergie, una persona si ammala quando le cellule immunitarie reagiscono in modo eccessivo a molecole normalmente innocue, come le proteine del latte, le proteine delle arachidi o il pelo di gatto.

Le cellule immunitarie pensano che le molecole incriminate siano agenti patogeni pericolosi e lanciano un contrattacco. Le cellule immunitarie producono molecole infiammatorie e una persona inizia ad ammalarsi.

latte

Allergia al latte: perché è così diffusa?

La maggior parte delle allergie alimentari dura tutta la vita. L’allergia al latte vaccino è strana perché i bambini di solito la “superano”. Infatti, circa l’80% dei bambini affetti da allergia al latte vaccino vedono l’allergia scomparire nell’età adulta.

Al La Jolla Institute for Immunology (LJI), gli scienziati stanno esaminando più da vicino il modo in cui le cellule immunitarie guidano le reazioni allergiche . La loro ricerca potrebbe guidare lo sviluppo di migliori diagnosi e terapie per il latte vaccino e altre allergie alimentari.

Il ricercatore post-dottorato LJI Sloan Lewis, Ph.D., sta conducendo un nuovo studio innovativo sull’allergia al latte vaccino. Il dottor Lewis vuole sapere come un sottogruppo di cellule immunitarie, chiamate monociti , risponde alle proteine del latte nei bambini con allergia al latte vaccino. Il suo obiettivo è vedere se i monociti possono rivelare una “firma immunitaria” che potrebbe aiutare i medici a diagnosticare l’allergia al latte vaccino in modo rapido e accurato.

“Disponiamo di test diagnostici non invasivi per gli allergeni e possono funzionare abbastanza bene, ma non sono molto affidabili. Ci sono molti falsi positivi e falsi negativi “, afferma il dottor Lewis.

I medici spesso iniziano i test allergologici con un test del titolo, che analizza il sangue alla ricerca di anticorpi specifici per diversi alimenti. Alcuni pazienti vengono sottoposti anche a test cutanei, in cui i medici pungono la pelle per esporre i pazienti a diversi allergeni per vedere come rispondono.

“Il metodo diagnostico gold standard in questo momento è la sfida alimentare”, afferma il dottor Lewis. “I medici danno ai bambini tutto ciò a cui sono allergici e vedono cosa succede loro, e ovviamente questo è terribilmente stressante, super costoso e ad alto rischio.”

Il dottor Lewis ritiene che i test per le allergie alimentari potrebbero essere molto più precisi e molto meno rischiosi. Il suo lavoro sull’allergia al latte vaccino è iniziato con un progetto nel laboratorio del professor Bjoern Peters, Ph.D. della LJI. Il team ha lavorato con gli scienziati del Rady Children’s Hospital-San Diego, del Johns Hopkins e dell’Università di Southampton per raccogliere campioni di sangue da bambini con allergia al latte vaccino.

I ricercatori hanno poi studiato come le cellule T in questi campioni hanno risposto alle proteine nel latte vaccino e hanno rintracciato quali proteine mandavano le cellule T in modalità di attacco. Dott. Peters e Lewis hanno poi confrontato le risposte delle cellule T di questi pazienti con le risposte delle cellule T di pazienti pediatrici con altre allergie alimentari, ma non con allergia al latte.

Questa indagine ha rivelato caratteristiche delle cellule T osservate solo nei bambini con allergia al latte vaccino, una firma immunitaria che potrebbe rivelarsi utile nella progettazione di una futura diagnosi. Lo studio è stato pubblicato sul Journal of Allergy and Clinical Immunology .

Prima di lavorare con le cellule T, la dottoressa Lewis era un’esperta di monociti . I monociti sono cellule affascinanti perché fanno parte del sistema immunitario innato, la prima risposta del corpo contro le malattie. Invece di combattere direttamente un agente patogeno, i monociti suonano il campanello d’allarme e chiamano le cellule T sul campo di battaglia. I monociti potrebbero anche alimentare le allergie alimentari dando erroneamente l’allarme contro alcune proteine presenti negli alimenti.

“Alcuni studi hanno suggerito che i monociti e altri tipi di popolazioni di cellule immunitarie innate sono coinvolti nelle allergie alimentari”, afferma il dottor Lewis. “Ma non si sa molto sui monociti nell’allergia al latte vaccino.”

Quindi il dottor Lewis ha dovuto cominciare proprio dall’inizio. La sua prima domanda è se i campioni di sangue del donatore (gli stessi dello studio sulle cellule T) contengono più o meno della normale quantità di monociti. In breve: i monociti stanno facendo qualcosa di strano in questi bambini allergici al latte vaccino? Rispondere a questo tipo di domande fondamentali sul sistema immunitario può aiutare i ricercatori a capire finalmente come si sviluppano le allergie alimentari e perché alcune scompaiono nel tempo.

latte

Il dottor Lewis spera anche di far luce sulle firme immunitarie legate ai sottotipi di allergia al latte vaccino . Ad esempio, alcuni bambini allergici al latte vaccino liquido si sentono bene quando il latte vaccino viene cotto in un alimento. “Ci sono anche bambini che sono allergici ad entrambi e non riescono a liberarsene”, afferma il dottor Lewis. Questa distinzione sarebbe importante affinché gli operatori sanitari, i medici e i bambini la conoscessero il prima possibile.

Alla fine, il dottor Lewis spera che questa ricerca possa offrire un modo migliore per diagnosticare e trattare molte allergie alimentari diverse.

“È stato illuminante per me quando ho iniziato a parlare alla gente di questa ricerca”, dice. “Così tante persone sono affette da allergie alimentari . La prevalenza è sorprendente e i medici sono molto interessati a ciò che troviamo.”

I bambini allergici al latte vaccino sono più piccoli e pesano meno dei coetanei allergici alle arachidi o alla frutta a guscio e questi risultati persistono nella prima adolescenza. I risultati dello studio longitudinale, ritenuto il primo a caratterizzare i modelli di crescita dalla prima infanzia all’adolescenza nei bambini con allergie alimentari persistenti, sono stati pubblicati online su The Journal of Allergy and Clinical Immunology .

“I dati pubblicati sulle traiettorie di crescita dei bambini con allergie alimentari in corso sono scarsi”, afferma Karen A. Robbins, MD, autrice principale dello studio e allergologo presso la Divisione di allergie e immunologia del Children’s National Hospital quando è stato condotto lo studio.

“Non è chiaro come queste tendenze di crescita influenzino in definitiva quanto alti diventeranno questi bambini e quanto peseranno da adulti. Tuttavia, i nostri risultati sono in linea con una recente ricerca che suggerisce che i giovani adulti con persistente allergia al latte vaccino potrebbero non raggiungere il loro pieno potenziale di crescita. “, dice il dottor Robbins.

Secondo i Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie, 1 bambino americano su 13 ha un’allergia alimentare : latte , uova, pesce, crostacei, grano, soia, arachidi e frutta a guscio rappresentano le reazioni allergiche più gravi. Poiché non esiste una cura e tali allergie possono essere pericolose per la vita, la maggior parte delle persone elimina uno o più allergeni principali dalla propria dieta.

Il team di ricerca multi-istituzionale ha esaminato le cartelle cliniche dei pazienti pediatrici con diagnosi di allergia persistente mediata dalle immunoglobuline E al latte vaccino, alle arachidi o alla frutta a guscio in base ai loro sintomi clinici, ai livelli di immunoglobuline specifiche per gli alimenti, ai prick test cutanei e alle sfide alimentari.

Per essere inclusi nello studio, i bambini dovevano sottoporsi ad almeno una visita clinica durante tre intervalli di tempo definiti dall’età di 2 anni fino ai 12 anni. Durante tali visite, la loro altezza e il loro peso dovevano essere misurati con dati completi provenienti dai loro bambini. visita a disposizione del gruppo di ricerca.

I bambini allergici al latte vaccino hanno dovuto eliminarlo completamente dalla loro dieta, anche dal latte ampiamente riscaldato.

 

I bambini allergici al latte vaccino sono più piccoli e pesano meno dei coetanei allergici alle arachidi o alla frutta a guscio e questi risultati persistono nella prima adolescenza. I risultati dello studio longitudinale, ritenuto il primo a caratterizzare i modelli di crescita dalla prima infanzia all’adolescenza nei bambini con allergie alimentari persistenti, sono stati pubblicati online su The Journal of Allergy and Clinical Immunology .

“I dati pubblicati sulle traiettorie di crescita dei bambini con allergie alimentari in corso sono scarsi”, afferma Karen A. Robbins, MD, autrice principale dello studio e allergologo presso la Divisione di allergie e immunologia del Children’s National Hospital quando è stato condotto lo studio.

“Non è chiaro come queste tendenze di crescita influenzino in definitiva quanto alti diventeranno questi bambini e quanto peseranno da adulti. Tuttavia, i nostri risultati sono in linea con una recente ricerca che suggerisce che i giovani adulti con persistente allergia al latte vaccino potrebbero non raggiungere il loro pieno potenziale di crescita. “, dice il dottor Robbins.

Secondo i Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie, 1 bambino americano su 13 ha un’allergia alimentare : latte , uova, pesce, crostacei, grano, soia, arachidi e frutta a guscio rappresentano le reazioni allergiche più gravi. Poiché non esiste una cura e tali allergie possono essere pericolose per la vita, la maggior parte delle persone elimina uno o più allergeni principali dalla propria dieta.

Il team di ricerca multi-istituzionale ha esaminato le cartelle cliniche dei pazienti pediatrici con diagnosi di allergia persistente mediata dalle immunoglobuline E al latte vaccino, alle arachidi o alla frutta a guscio in base ai loro sintomi clinici, ai livelli di immunoglobuline specifiche per gli alimenti, ai prick test cutanei e alle sfide alimentari.

Per essere inclusi nello studio, i bambini dovevano sottoporsi ad almeno una visita clinica durante tre intervalli di tempo definiti dall’età di 2 anni fino ai 12 anni. Durante tali visite, la loro altezza e il loro peso dovevano essere misurati con dati completi provenienti dai loro bambini. visita a disposizione del gruppo di ricerca.

I bambini allergici al latte vaccino hanno dovuto eliminarlo completamente dalla loro dieta, anche dal latte ampiamente riscaldato.

Dal novembre 1994 al marzo 2015, sono stati arruolati nello studio 191 bambini, 111 con allergie al latte vaccino e 80 con allergie alle noci. Nel complesso, hanno effettuato 1.186 visite cliniche di età compresa tra 2 e 12 anni. Il 61% dei bambini con allergie al latte vaccino erano maschi, mentre il 51,3% dei bambini con allergie alle arachidi/noci erano maschi.

Oltre ai bambini allergici al latte vaccino che erano più bassi, la discrepanza di altezza era più pronunciata tra i 5 e gli 8 anni e tra i 9 e i 12 anni. E, per i 53 adolescenti che avevano raccolto dati clinici dopo i 13 anni, le differenze nel loro peso e altezza erano più basse. ancora più notevole.

“Poiché questi bambini hanno spesso allergie alimentari multiple e altre condizioni, come l’asma, ci sono probabili fattori oltre al semplice evitare il latte vaccino che possono contribuire a questi risultati. Questi bambini tendono anche a limitare gli alimenti oltre al latte vaccino”, aggiunge.

Il modo in cui vengono gestite tali allergie alimentari continua ad evolversi con i bambini precedentemente allergici che ora introducono il latte vaccino tramite prodotti da forno, una più ampia selezione di alimenti privi di allergeni disponibili e una migliore comprensione delle preoccupazioni nutrizionali legate all’allergia alimentare.

Latticini e latte

Il dottor Robbins avverte che, mentre la maggior parte dei bambini supera l’allergia al latte vaccino nella prima infanzia, i bambini che non lo fanno potrebbero essere a rischio di discrepanze nella crescita. La ricerca futura dovrebbe concentrarsi sul miglioramento della comprensione di questo fenomeno.

Anche se i genitori spesso si concentrano sulle arachidi come allergia alimentare di cui devono preoccuparsi di più, il latte vaccino è l’allergia alimentare più comune nei bambini di età inferiore ai 5 anni. Una nuova ricerca presentata all’American College of Allergy, Asthma and Immunology (ACAAI) Il Meeting Scientifico Annuale ha rilevato che oltre il 2% di tutti i bambini statunitensi sotto i 5 anni hanno un’allergia al latte, e il 53% dei bambini allergici agli alimenti sotto 1 anno hanno un’allergia al latte vaccino.

“I bambini negli Stati Uniti trascorrono i loro primi anni a bere latte , quindi è importante sapere che molti di loro, almeno nei primi anni, potrebbero essere allergici”, afferma Christopher Warren, Ph.D.(c), autore principale dello studio. lo studio.

“I nostri risultati suggeriscono che, sebbene l’allergia al latte sia relativamente comune durante l’infanzia, molti bambini hanno maggiori probabilità di superare l’allergia al latte. Abbiamo osservato che, mentre circa il 53% dei bambini allergici alimentari di età inferiore a 1 anno ha un’allergia al latte, il numero scende a 41. per cento dei bambini di 1-2 anni, il 34% di 3-5 anni e il 15% di 11-17 anni.”

Lo studio ha intervistato più di 53.000 genitori di famiglie con bambini negli Stati Uniti. L’indagine è stata condotta nell’arco di un periodo di un anno, da ottobre 2015 a settembre 2016.

“Sappiamo che esiste confusione su come si presenta una vera allergia al latte”, afferma Ruchi Gupta, MD, membro dell’ACAAI e autore dello studio. “Un bambino può avere un’intolleranza al latte che i suoi genitori scambiano per un’allergia al latte. È importante che ogni bambino sospettato di avere un’allergia al latte faccia confermare l’allergia da un allergologo.

Un’allergia alimentare di qualsiasi tipo può avere un grande effetto su una famiglia , compresi i costi del cibo e la qualità della vita. Un bambino con un’allergia al latte dovrebbe ricevere consulenza su come evitare il latte, ma anche su cosa significhi eliminare inutilmente gli alimenti. Non vuoi liberarti dei nutrienti necessari.”

Secondo lo studio, solo il 26% dei bambini allergici al latte negli Stati Uniti ha una prescrizione di autoiniettore di epinefrina, il tasso più basso segnalato tra le prime nove allergie alimentari. “I genitori devono assicurarsi di avere a disposizione un autoiniettore di epinefrina e dovrebbero parlare con l’allergologo del loro bambino se hanno domande”, afferma il dottor Gupta. Gli allergologi sono addestrati per aiutarti a vivere la vita che desideri lavorando con te per curare le malattie allergiche ed evitare reazioni gravi.

 

Cosa ne pensi di questo studio? Vorresti avere più informazioni al riguardo? Parlacene nei commenti.

 

 

Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Guarda tutti i commenti
0
in iCrewPlay diamo spazio al tuo pensiero! Commenta!x
()
x
Condividi su facebook
CONDIVIDI