Acufene

Acufene: cos’è e come si tratta

L'acufene è un disturbo che riguarda l'udito e di caratterizza da fischi e tintinnii di varia entità. Diventa importante per il paziente sottoporsi ad un'anamnesi accurata per poter trovare un trattamento terapeutico mirato

L’acufene, o ronzio nelle orecchie , è la sensazione di udire squilli, ronzii, sibili, cinguettii, fischi o altri suoni. Il rumore può essere intermittente o continuo e può variare di volume. Spesso è peggio quando il rumore di fondo è basso, quindi potresti esserne maggiormente consapevole di notte quando stai cercando di addormentarti in una stanza tranquilla. In rari casi, il suono batte in sincronia con il tuo cuore ( acufene pulsatile ).

Acufene

L’acufene è molto comune e colpisce circa 50 milioni di adulti negli Stati Uniti Per la maggior parte delle persone, la condizione è solo un fastidio. Nei casi più gravi, tuttavia, l’acufene può causare difficoltà a concentrarsi e dormire. Può eventualmente interferire con il lavoro e le relazioni personali, causando disagio psicologico.

Acufene: cause e rimedi

Sebbene l’acufene sia spesso associato alla perdita dell’udito , non causa la perdita, né una perdita dell’udito causa l’acufene. In effetti, alcune persone con acufene non hanno problemi di udito e in alcuni casi diventano persino così acutamente sensibili ai suoni (iperacusia) che devono adottare misure per attutire o mascherare i rumori esterni.

Acufene

Alcuni casi di acufene sono causati da infezioni o ostruzioni nell’orecchio e l’acufene può scomparire una volta trattata la causa sottostante. Spesso, tuttavia, l’acufene persiste anche dopo il trattamento della condizione sottostante. In tal caso, altre terapie, sia convenzionali che alternative, possono apportare un sollievo significativo diminuendo o coprendo il suono indesiderato.

L’esposizione prolungata a suoni forti è la causa più comune di acufene. Fino al 90% delle persone con acufene ha un certo livello di perdita dell’udito indotta dal rumore. Il rumore provoca danni permanenti alle cellule sensibili al suono della coclea, un organo a forma di spirale nell’orecchio interno. Carpentieri, piloti, musicisti rock, addetti alla riparazione delle strade e paesaggisti sono tra coloro il cui lavoro li mette a rischio, così come le persone che lavorano con motoseghe, pistole o altri dispositivi ad alto volume o che ascoltano ripetutamente musica ad alto volume. Anche una singola esposizione a un rumore improvviso estremamente forte può causare l’acufene.

Una varietà di altre condizioni e malattie può portare all’acufene, tra cui:

Ostruzioni dell’orecchio dovute a un accumulo di cerume, un’infezione all’orecchio o, raramente, un tumore benigno del nervo che ci permette di sentire (nervo uditivo)

Alcuni farmaci — in particolare l’ aspirina , diversi tipi di antibiotici , antinfiammatori, diuretici dell’ansa e antidepressivi , oltre ai farmaci chinino ; l’acufene è citato come un potenziale effetto collaterale per circa 200 farmaci da prescrizione e senza prescrizione medica.

Il naturale processo di invecchiamento, che può causare il deterioramento della coclea o di altre parti dell’orecchio;

La malattia di Meniere, che colpisce la parte interna dell’orecchio;

Otosclerosi, una malattia che provoca l’irrigidimento delle ossa piccole nell’orecchio medio;

Altre condizioni mediche come ipertensione, malattie cardiovascolari, problemi circolatori, anemia , allergie, tiroide ipoattiva, malattie autoimmuni e diabete;

Problemi al collo o alla mascella, come la sindrome dell’articolazione temporo-mandibolare ( ATM );

Lesioni alla testa e al collo.

L’acufene può peggiorare in alcune persone se bevono alcolici, fumano sigarette, bevono bevande contenenti caffeina o mangiano determinati cibi. Per ragioni non ancora del tutto chiare ai ricercatori, lo stress e la stanchezza sembrano peggiorare l’acufene.

La forma che assume l’acufene può variare, a seconda del farmaco e della sua dose. Non interrompere l’assunzione di un farmaco senza prima parlarne con il medico. Molti rumori assordanti nel luogo in cui vivi o lavori possono causare la perdita dell’udito che innesca l’acufene. Quei suoni potrebbero includere macchine ruggenti, attrezzature per il prato, concerti ed eventi sportivi.

L’acufene può accumularsi nel corso degli anni o derivare da un singolo evento rumoroso, come un ritorno di fiamma del motore. È importante, se possibile, stare lontano dai rumori forti. Se non è possibile, può essere utile indossare una protezione per le orecchie.

Acufene

La congestione, insieme alle infezioni dell’orecchio e dei seni paranasali, può causare l’accumulo di pressione nell’orecchio interno. La stessa cosa può succedere se sie ha troppo cerume. Quella pressione può causare l’acufene. Trattare la causa dovrebbe alleviare i sintomi. Ma il blocco a lungo termine a volte porta ad avere la condizione dell’udito in modo permanente.

Mal di testa sono accompagnati da dolore pulsante, nausea e sensibilità alla luce. Ma possono anche avere sintomi legati all’orecchio come pienezza, udito attutito e acufene. Avere avuto un grave trauma alla testa o al collo, può causare problemi ai nervi, al flusso sanguigno e ai muscoli. Ciò può portare all’acufene, che spesso si accompagna a mal di testa e problemi di memoria quando è collegato a traumi alla testa o al collo.

Anche avere problemi alla mascella come il disturbo temporo-mandibolare (TMD) causa acufene. Sì tratta di un gruppo di condizioni che influenzano il movimento della mascella. Danni a uno qualsiasi dei muscoli, legamenti o cartilagini in quell’area possono portare al problema dell’udito. Alleviare i sintomi della TMD dovrebbe aiutare.

Un’altra ragione potrebbe essere la pressione alta.Il restringimento delle arterie (il medico potrebbe chiamarlo aterosclerosi) è un’altra causa. Trattare la condizione dovrebbe alleviare i sintomi. Anche l’abuso di alcol o lo stress eccessivo accompagnato da tensione, ansia e depressione possono scatenare l’acufene. Provare la terapia di rilassamento, l’ipnosi, lo yoga potrebbe essere d’aiuto.

L’acufene è stato collegato a diabete, fibromialgia, allergie, bassi livelli di vitamine, cambiamenti ormonali e malattie autoimmuni come il lupus e l’artrite reumatoide. È anche legato alla malattia di Meniere, una condizione che causa perdita dell’udito e vertigini, una sensazione di rotazione.

Il medico di famiglia discuterà lastoria medica del paziente, chiedendo di eventuali medicinali che assume, inclusi gli integratori. Faranno un test dell’udito, esamineranno la testa e il collo e visiteranno l’apparato uditivo. Potrebbero chiedere di stringere la mascella, muovere gli occhi e muovere il collo, le braccia e le gambe. Se lo squillo peggiora quando in questa circostanza, ciò può aiutare a trovare una causa. il paziente potrebbe anche aver bisogno di test di imaging come scansioni TC o MRI.

Per quanto riguarda l’Italia, il C.D.I. (centro diagnostico italiano) ha rilevato che: “Studi epidemiologici recenti riportano una prevalenza dell’acufene nella popolazione adulta italiana del 6.2%, se si considerano acufeni della durata maggiore di 3 mesi del 4.8% ma solo nell’1.2% gli acufeni sono così gravi da determinare un’alterazione della qualità di vita della persona”.

Acufene

“Ciò significa che più di 3 milioni di italiani soffrono di acufeni e per più di 600000 è un problema rilevante. Bisogna inoltre considerare che questi dati tendono ad essere sottostimati perché molti individui convivono con l’acufene senza che questo abbia un impatto sulla loro qualità di vita, e solo coloro che lo ritengono fastidioso cercano un parere medico”.

“Gli acufeni colpiscono maggiormente i soggetti anziani, è stato calcolato infatti che gli acufeni aumentano all’aumentare dell’età. Nelle persone con età superiore ai 75 anni è circa quattro volte più probabile soffrirne”.

“Uomini e donne sono similarmente colpiti dagli acufeni sebbene le donne sembrano lamentarne una più importante gravità. Altri fattori associati all’insorgenza degli acufeni sono: i fattori di rischio cardiovascolari (ad esempio: l’obesità, il diabete mellito, l’ipertensione, la dislipidemia), i disturbi d’ansia, l’esposizione a rumore acuto o cronico e il basso livello socioeconomico”.

“Il paziente che soffre di acufene deve essere sottoposto ad accurata anamnesi, cioè deve essere interrogato riguardo le caratteristiche dell’acufene: la sua durata, se è monolaterale o bilaterale, se è costante o intermittente. Devono inoltre essere ricercati eventuali importanti sintomi associati come l’ipoacusia (sensazione di perdita dell’udito), le vertigini (capogiro), l’otalgia (dolore all’orecchio) o la presenza di secrezione dall’orecchio”.

“Si deve anche verificare se ci sono condizioni che possono aumentare o diminuire l’intensità dell’acufene come la deglutizione o la posizione della testa. Infine, si deve indagare l’eventuale presenza di sintomi neurologici (come cefalea, deficit visivi, debolezza muscolare etc.) e valutare l’impatto dell’acufene sulla vita paziente. Occorre considerare infatti se l’acufene è sufficientemente fastidioso da provocare ansia significativa, depressione o insonnia”.

“Per lo studio dei fattori di rischio, cioè predisponenti l’insorgenza dell’acufene, si deve ricercare l’eventuale esposizione a rumori forti, variazione di pressione improvvisa (da immersioni o viaggio in aereo), storia di infezioni dell’orecchio o del sistema nervoso centrale, traumi, radioterapia alla testa. Infine, si deve accertare l’uso di farmaci, in particolare salicilati, aminoglicosidi o diuretici dell’ansa”.

Anche Il famoso uomo d’affari Elon Musk ha affermato che l’acufene può essere curato in cinque anni con un chip nel cervello. Neuralink è una di queste startup che ha creato un dispositivo chiamato neuroprotesico, chiamato anche cervello-computer.

Acufene

Questo dispositivo Neuralink è un piccolo chip delle dimensioni di una moneta. Questo è chiamato collegamento. Questo dispositivo è montato sul cervello umano dopo l’intervento chirurgico. Questo intervento viene eseguito da un robot. Questi robot collegano i neuroni del cervello con questo chip e migliaia di forme di fibre del cervello. Il diametro di queste fibre presenti all’interno del cervello è un terzo dei capelli umani.

Questo chip installato all’interno del cervello umano si collega a un computer esterno tramite Bluetooth. Elon Musk afferma che questo chip installato nel cervello può curare molte malattie legate al cervello umano come l’acufene. Per curare le malattie legate al cervello, la società Neuralink ha reclutato i migliori neuroscienziati di tutto il mondo dall’anno 2016 in modo che possano essere fatte più buone ricerche in quest’area.

In precedenza, Neuralink ha condotto un esperimento su una scimmia nell’aprile 2021. La società ha pubblicato un video in cui è stato mostrato che la scimmia ha iniziato a giocare ai videogiochi a causa del chip impiantato nel cervello di una scimmia. Tuttavia, c’è ancora tempo perché questo esperimento abbia pieno successo e sia disponibile sul mercato.

Carmelo Zappone, presidente dell’Associazione Italiana Otorinolaringoiatri Libero Professionisti (Aiolp), ha dichiarato: “Nella fase iniziale della pandemia i disturbi dell’olfatto e del gusto sono stati sottovalutati o meglio non considerati. Ma dopo il focolaio di Codogno un nostro associato ha cominciato ad evidenziare come ci fossero dei casi di perdita totale di olfatto e gusto tra la popolazione residente, cioè una maggiore incidenza tra coloro che si presentavano a studio”.

“Solo nelle settimane e nei mesi successivi la presenza di questi disturbi è stata comunicata da molto ricercatori e così la perdita di olfatto e gusto sono entrati a pieno titolo tra i disturbi tipici del Covid, diventando ora addirittura dei sintomi patognomonici della malattia. I due disturbi viaggiano spesso insieme e possono essere parziali o totali, ma nel caso del Covid, nella stragrande maggioranza dei casi, tendono ad essere presenti solamente per alcune settimane: solo il 10% dei casi si presenta per un periodo più prolungato”.

“disturbi del Covid non sono limitati soltanto all’olfatto, ci sono pubblicazioni comparse negli ultimi mesi che hanno preso in considerazione pazienti affetti da Covid e con un quadro clinico ben determinato, cioè con la presenza alla Tac di un aspetto a vetro smerigliato e quindi sicuramente riconducibile al virus”.

“In questa categoria di pazienti si è visto che alcune patologie ORL sono in maniera statisticamente significativa più elevate rispetto alla norma. Tali disturbi sono sicuramente la presenza di acufeni, ma anche l’abbassamento di voce, un incremento delle sordità improvvise (che richiede un trattamento precoce) e le paralisi del nervo facciale dette anche “paralisi di Bell”. Tutti questi disturbi sono stati riscontrati con una percentuale significativamente aumentata tra coloro che hanno contratto l’infezione da Covid. Dunque anche questi, seppur in maniera più indiretta, sono disturbi correlabili al Covid”.

Acufene

“In Italia si stima che circa 6-7 milioni di persone abbiano una perdita di udito significativa e dobbiamo immaginare che di questi, almeno un 10-20%, utilizzi non solo la funziona uditiva ma anche la funzione visiva, quindi la lettura labiale per integrare le informazioni che in genere servono per capire meglio il linguaggio di conversazione”.

“L’utilizzo di dispositivi di protezione individuale, di fatto le mascherine, va a togliere questa integrazione per cui il disagio è notevolmente aumentato. Molte persone riescono ancora a sentire i suoni, ma non capiscono il parlato se l’interlocutore indossa la mascherina”.

“Tra l’altro ci sono alcune persone che hanno problemi nella voce, con una tonalità abbastanza bassa, per cui il portare la mascherina riduce ulteriormente la produzione dei suoni e quindi la capacità di essere compresi dall’interlocutore”.

“È necessaria una distinzione tra i vari disturbi. Se ci riferiamo ad alcuni disturbi come per esempio gli acufeni, questi hanno subito una netta impennata, ma soprattutto perché gli acufeni fanno riferimento non solo a problematiche uditive ma anche psicoaucustiche, per cui una situazione di stress prolungato o di ansia possono aumentare ed eccitare il sistema neurovegetativo e quindi incrementare gli acufeni”.

“In maniera similare, ma molto meno frequente, ci sono i casi di disfonia  e poi ancora in maniera ulteriormente decrescente ci sono i problemi legati ad una riduzione del sistema immunitario, con la possibilità di insorgenza di queste virosi che possono determinare sordità dell’udito o sordità improvvise dell’udito, oppure improvvise paralisi del nervo facciale, che spesso però si risolvono”.

“I messaggi che vogliamo mandare come otorinolaringoiatri sono di due tipi: uno sulla prevenzione e l’altro sul trattamento. Per quanto riguarda la prevenzione, va divisa su due o tre livelli: questo per esempio è emerso nell’uso dell’idrossiclorochina nel trattamento per il Covid, che ha determinato nei pazienti che l’hanno assunta un incremento delle patologie ototossiche. Ma questo vale più in generale per tutti i farmaci che sono potenzialmente ototossici, per cui una buona prevenzione sarebbe quella di fare un monitoraggio audiologico quando si assumono tali farmaci”.

“La prevenzione va fatta anche sui rumori nell’ambiente di lavoro o non: quando ci troviamo in ambienti rumorosi con intensità sonore superiori ai 100 decibel è sempre necessario indossare dei dispositivi di protezione individuale, in modo tale da attenuare in maniera significativa il livello sonoro, altrimenti a lungo questi rumori possono danneggiare la funzione uditiva”.

Acufene

“Per quanto riguarda invece il trattamento, bisogna far presente che in Italia, ormai da alcuni decenni, si è andata diffondendo la tecnica di chirurgia della sordità e si sono moltiplicati i centri in cui è possibile effettuarla. Credo che ci si possa affidare con fiducia a questi centri, al fine di recuperare con un intervento, quando è possibile, la funzione uditiva. E, laddove non sia possibile, esistono da un punto di vista audioprotesico degli aggiornamenti tecnologici notevolissimi, che permettono veramente un recupero eccellente della funzione uditiva”.

Hai mai sofferto di acufene? Pensi che se ne dovrebbe parlare di più? Dicci la tua nei commenti.

Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Guarda tutti i commenti
0
in iCrewPlay diamo spazio al tuo pensiero! Commenta!x
()
x
Condividi su facebook
CONDIVIDI