Marijuana, abuso di cannabis, cannabis terapeutica

Abuso di cannabis collegato a diversi problemi di salute 

Una nuova ricerca ha dimostrato che l'abuso di cannabis può portare a soffrire di problemi di salute anche gravi

Un’analisi condotta da Yale sui genomi di oltre 1 milione di persone ha fatto luce sulla biologia alla base del disturbo da abuso di cannabis e sui suoi collegamenti con disturbi psichiatrici, abuso di altre sostanze come il tabacco e forse anche un elevato rischio di sviluppare il cancro ai polmoni.

Marijuana, abuso di cannabis

 

I risultati della ricerca sono stati pubblicati su Nature Genetics.

Abuso di cannabis: ecco quali possono essere le conseguenze

Per lo studio, i ricercatori hanno esaminato un insieme di varianti genetiche dell’intero genoma in individui provenienti da più gruppi di ascendenza iscritti al Million Veteran Program del Dipartimento degli affari dei veterani degli Stati Uniti, uno dei database genetici più grandi al mondo, e hanno incorporato informazioni aggiuntive da diversi altri database genomici.

Marijuana, abuso di cannabis

I ricercatori sono stati in grado di identificare dozzine di varianti genetiche legate al disturbo da abuso di cannabis e una varietà di problemi comportamentali e di salute associati al disturbo da abuso di cannabis.

Lo studio è statocondotto da Daniel Levey, assistente professore di psichiatria, e Joel Gelernter, professore di psichiatria del Foundations Fund e professore di genetica e neuroscienze.

 

“Una volta compresa la biologia del disturbo da abuso di cannabis, potremo comprendere meglio i disturbi associati e informare il pubblico sui rischi associati all’uso di marijuana”, ha affermato Levey, autore principale dello studio.

 

La marijuana è la droga illegale a livello federale più comunemente usata negli Stati Uniti, con oltre 48 milioni di persone (il 18% degli americani) che la utilizzano almeno una volta nel 2019, secondo i Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie.

 

Precedenti ricerche hanno dimostrato che circa un terzo delle persone che fanno uso di marijuana sviluppano un disturbo da abuso di cannabis, che è definito come un modello problematico di consumo di cannabis che porta a menomazione o disagio clinicamente significativi.

 

Le nuove scoperte offrono approfondimenti sui fattori genetici che sono alla base di questo fenomeno e su altri rischi per la salute potenzialmente correlati. Ad esempio, hanno scoperto che le varianti dei geni che codificano per tre diversi tipi di recettori sui neuroni erano associate a un rischio elevato di sviluppare disturbi legati all’abuso di cannabis.

 

Gli studiosi hanno scoperto che queste varianti legate al disturbo da abuso di cannabis erano anche associate allo sviluppo del cancro ai polmoni. Gli autori hanno aggiunto, tuttavia, che è necessario fare più lavoro per separare gli effetti che l’uso del tabacco e altri fattori ambientali hanno sulle diagnosi di cancro da quelli dell’uso di marijuana.

 

“Questo è il più grande studio sull’intero genoma mai condotto sul disturbo da abuso di cannabis e poiché sempre più stati legalizzano o depenalizzano l’uso della marijuana, tali studi possono aiutarci a comprendere i rischi per la salute pubblica che accompagnano il suo aumento dell’uso”, ha affermato Gelernter.

 

Un altro studio che esplora le possibili influenze genetiche sul disturbo da abuso di cannabis ha identificato due regioni nel nostro DNA – una recentemente identificata e una seconda che replica una scoperta passata – che sembrano contribuire al rischio di diventare dipendenti dalla marijuana.

 

I ricercatori hanno analizzato il DNA e altri dati di quasi 21.000 persone con diagnosi di disturbo da abuso di cannabis e di altre 360.000 a cui non era stata diagnosticata tale patologia. Gli studiosi hanno trovato un’associazione con il disturbo da uso di cannabis in una regione del DNA vicino al gene FOXP2 sul cromosoma 7, un gene precedentemente collegato allo sviluppo del linguaggio e al comportamento a rischio.

 

I ricercatori hanno anche implicato una regione sul cromosoma 8. Il gene CHRNA2 in quella regione era stato collegato al disturbo da abuso di cannabis in studi precedenti. È stato anche collegato alla dipendenza dalla nicotina.

 

“È stato stimato che fino al 20% di coloro che usano cannabis svilupperanno problemi”, ha detto il ricercatore senior Arpana Agrawal, professore di psichiatria. “Quando pensiamo al motivo per cui alcune persone che usano cannabis sviluppano problemi con essa, circa il 50% di questo rischio è dovuto alla genetica.

 

Abbiamo identificato due varianti: probabilmente ci sono molti, molti più geni. Mentre le varianti che abbiamo trovato sono Non essendo attualmente utili per far conoscere a qualcuno il proprio rischio personale, i percorsi genetici potrebbero portare in futuro a trattamenti migliori per la dipendenza da cannabis.”

 

Utilizzando i dati dello studio ABCD (Adolescent Brain Cognitive Development), i ricercatori hanno anche scoperto che i bambini con una maggiore predisposizione genetica a gravi problemi legati alla marijuana avevano in media un volume leggermente inferiore di sostanza bianca nel cervello, e questo era il caso prima di qualsiasi uso del farmaco. Ciò suggerisce che alcune persone potrebbero essere vulnerabili al disturbo da abuso di cannabis molto prima di provare la loro prima canna.

 

I ricercatori hanno anche identificato fattori comportamentali legati ai problemi legati alla marijuana attraverso la loro sovrapposizione genetica, come il comportamento a rischio, la schizofrenia e bassi livelli di istruzione.

 

Sebbene sia impossibile sviluppare un disturbo da abuso di cannabis se non si usa mai cannabis, ha osservato Agrawal, i dati suggeriscono che i fattori genetici che possono influenzare alcune persone a iniziare a usare marijuana differiscono dai geni che si riferiscono ai problemi con la droga.

 

“La relazione tra istruzione, uso di marijuana e problemi con la marijuana è particolarmente interessante perché la predisposizione genetica all’uso della droga è correlata con un livello di istruzione più elevato, ma la predisposizione genetica all’uso problematico è collegata a una minore istruzione”, ha affermato la prima autrice Emma C. Johnson, un ricercatore associato post-dottorato in psichiatria.

 

“Certamente, per sviluppare problemi bisogna prima usare la cannabis, ma le influenze genetiche sull’inizio dell’uso sembrano essere un po’ diverse dai fattori genetici che contribuiscono allo sviluppo di problemi gravi. È anche possibile che coloro che usano cannabis occasionalmente ma non se non sviluppi dipendenza potrebbe essere geneticamente predisposto ad altri fattori protettivi, come ad esempio più anni di istruzione.”

 

Poiché l’uso ricreativo o medico della cannabis è ora legale in 44 stati, i ricercatori hanno affermato che è probabile che alcune persone in quegli stati possano sviluppare seri problemi.

 

“Con l’aumento dell’uso legale di marijuana, è probabile che alcuni individui saranno a rischio di problemi”, ha detto Agrawal. “Sebbene molti considerino la marijuana meno avvincente rispetto ad altre droghe, i nostri risultati confermano chiaramente che le persone possono diventare dipendenti dalla cannabis e che il disturbo da abuso di cannabis ha basi genetiche e biologiche.”

Olio di cannabis, abuso di cannabis

Un ulteriore studio condotto da ricercatori del Vagelos College of Physicians and Surgeons della Columbia University ha scoperto che l’uso non medico di cannabis, incluso l’uso frequente o problematico, è significativamente più comune negli adulti con dolore rispetto a quelli senza dolore.

Dal 1996, 34 stati hanno approvato leggi sulla marijuana medica e 11 stati hanno legalizzato l’uso ricreativo di cannabis. Gli studi indicano che il consumo eccessivo di cannabis aumenta il rischio di incidenti automobilistici, sintomi respiratori e psichiatrici e disturbi legati all’abuso di cannabis.

“Nonostante queste prove, molte persone considerano l’abuso di cannabis innocuo e l’uso non medico di cannabis su base quotidiana o quasi quotidiana è aumentato”, afferma Deborah Hasin, Ph.D., professoressa di epidemiologia presso il Dipartimento di Psichiatria. presso il Vagelos College of Physicians and Surgeons della Columbia University che ha condotto lo studio attuale. “Nel nostro studio, speravamo di identificare fattori, come il dolore , che potrebbero aumentare il rischio di disturbo da abuso di cannabis.”

Hasin e colleghi hanno analizzato i dati sull’uso di marijuana provenienti dalle indagini epidemiologiche nazionali sull’alcol e sulle condizioni correlate nel 2001-2002 e nel 2012-2013. I ricercatori hanno confrontato i modelli di consumo di cannabis non medica negli adulti con e senza dolore (circa il 20% dei partecipanti in entrambi i sondaggi aveva dolore da moderato a grave ).

Nel complesso, il consumo di marijuana non medica è aumentato da circa il 4% nel 2002 al 9,5% nel 2013. Inoltre, nell’indagine più recente, coloro che soffrono di dolore avevano una probabilità significativamente maggiore di impegnarsi in un uso frequente di cannabis non medica rispetto a quelli senza dolore ( 5,0% contro 3,5%). Anche il rischio di disturbo da anuso di cannabis era significativamente più alto nei soggetti con dolore (4,2% contro 2,7%).

“Sebbene le meta-analisi sulla cannabis per il trattamento del dolore mostrino solo un’efficacia mista, in particolare per la pianta di marijuana, il 66% degli adulti ora considera la marijuana benefica per la gestione del dolore. Dato che circa il 20% della popolazione adulta ha sperimentato dolore da moderato a grave, ciò pone un ampio gruppo di adulti statunitensi a rischio di uso frequente non medico e di disturbi legati all’abuso di cannabis.

È necessario un maggiore equilibrio nella segnalazione da parte dei media dei problemi legati alla marijuana , compresi messaggi che trasmettano informazioni credibili sulla natura e l’entità dei rischi per la salute derivanti dall’uso non medico di cannabis , compreso il folto gruppo di adulti statunitensi che soffrono di dolore,” afferma Hasin.

“Gli psichiatri e gli altri professionisti della salute mentale che trattano pazienti con dolore dovrebbero monitorare i loro pazienti per rilevare segni e sintomi di disturbo da abuso di cannabis.”

Un’altra ricerca condotta presso la Columbia University Mailman School of Public Health, la prevalenza del disturbo da abuso di cannabis è diminuita tra il 2002 e il 2016 tra i consumatori abituali.

Secondo i ricercatori, i cambiamenti negli atteggiamenti sociali e nelle caratteristiche dei consumatori abituali potrebbero spiegare il declino. Questo è uno dei primi studi ad esaminare il profilo di salute generale delle persone che usano cannabis quotidianamente o quasi quotidianamente e le tendenze nella prevalenza del disturbo da uso di cannabis in questa popolazione.

Legalizzazione della cannabis, abuso di cannabis

“Contrariamente alle aspettative, la frequenza del disturbo da abuso di cannabis tra le persone che riferiscono un uso quotidiano/quasi quotidiano è diminuita significativamente tra il 2002 e il 2016, ha affermato Silvia Martins, MD, Ph.D., professore associato di Epidemiologia presso la Columbia Mailman School.

“I risultati contraddicono l’ipotesi predominante secondo cui la prevalenza della CUD del DSM-IV sarebbe stabile, o in aumento, tra coloro che ne fanno uso con questa regolarità.”

I dati del National Survey on Drug Use and Health per il periodo 2002-2016 includevano 22.651 individui che hanno utilizzato cannabis per più di 300 giorni nell’ultimo anno. Il disturbo da abuso di cannabis è stato definito utilizzando i criteri del DSM-IV per l’abuso e/o la dipendenza da cannabis. Le categorie di età includevano: 12-17, 18-25 e 26+ e oltre.

Dal 2002 al 2016, la prevalenza del disturbo da abuso di cannabis tra le persone che riferiscono un uso quotidiano o quasi quotidiano è diminuita in tutte le fasce d’età : del 27% negli adolescenti, del 30% nella fascia di età 18-25 anni e del 37,5% per quelli di età pari o superiore a 26 anni.

“Potrebbero esserci diverse ragioni dietro questi tassi in calo”, ha osservato Martins, che è anche direttore dell’Unità di epidemiologia dell’uso di sostanze alla Columbia. “In primo luogo, il nuovo contesto politico nazionale sulla cannabis, con 33 stati che legalizzano l’uso medico e 10 stati che ne consentono l’uso ricreativo, potrebbe aver svolto un ruolo nel ridurre lo stigma e la percezione del rischio associati all’abuso di cannabis.

“In secondo luogo, potrebbe anche essere associato un aumento della legalizzazione. con cambiamenti negli atteggiamenti sociali che si traducono in meno conflitti con parenti e amici riguardo all’uso di cannabis.”

Per tutte le fasce d’età, non vi è stata alcuna prova di una riduzione significativa del bisogno percepito di cure per la salute mentale tra gli individui che usano cannabis regolarmente (tutti i giorni/quasi quotidianamente), o della prevalenza di problemi di salute come indicato dai medici.

I ricercatori inoltre non hanno trovato prove di riduzioni significative nella prevalenza dei problemi di salute dell’anno scorso esaminando separatamente i cluster sanitari che includevano problemi di salute mentale, respiratoria, digestiva, cardiovascolare e infettiva.

Al contrario, ci sono state diminuzioni significative nella guida autodichiarata sotto l’influenza di droghe illegali, incluso l’alcol in tutte le fasce d’età, che vanno da un cambiamento del 26%, 29% e 38% negli adolescenti, quelli tra i 18 e i 24 anni e quelli di età pari o superiore a 26 anni, rispettivamente.

In un ulteriore studio condotto dalla Columbia University Mailman School of Public Health, gli adolescenti e i giovani adulti che vivono in stati con politiche più liberali hanno riportato tassi medi di consumo di cannabis nell’ultimo anno più elevati rispetto a quelli di stati con politiche più conservatrici. Tuttavia, i tassi di disturbo da uso di cannabis – abuso o dipendenza dalla droga – erano significativamente più bassi negli stati con politiche più liberali rispetto agli stati con politiche più conservatrici, per la fascia di età compresa tra 12 e 17 anni, e marginalmente inferiori per i 26 anni e oltre.

Questi risultati sono rimasti significativi anche tenendo conto della presenza di leggi sulla cannabis terapeutica. Questo studio è uno dei primi a valutare la relazione tra liberalismo politico e risultati sanitari, e in particolare i risultati legati all’abuso di cannabis. I risultati sono pubblicati sull’International Journal of Drug Policy.

Marijuana, legalizzare la marijuana, abuso di cannabis

“La maggior parte del lavoro esistente ha esplorato la relazione tra le leggi sulla cannabis terapeutica e i risultati sulla cannabis, mentre i nostri risultati hanno identificato importanti relazioni tra il contesto politico a livello statale nel suo complesso e i risultati sull’uso di cannabis”, ha affermato Morgan Philbin, Ph.D., professore assistente di Scienze sociomediche e primo autore.

“Sebbene questa ricerca non suggerisca che trovarsi in uno stato liberale induca le persone a usare cannabis, o ad avere tassi più bassi di disturbi legati all’abuso di cannabis, evidenzia come gli stati possano differire al di là delle politiche sull’uso di sostanze, e come anche queste differenze meritino attenzione.”

Utilizzando dati a livello statale rappresentativi a livello nazionale, i ricercatori hanno esaminato le associazioni tra il liberalismo politico e l’uso di cannabis e il disturbo da abuso di cannabis tra i consumatori dell’anno scorso. I dati sono stati ottenuti per le età 12-17, 18-25 e 26 anni e oltre dall’indagine nazionale sull’uso di droghe e sulla salute del 2004-2006 e del 2010-2012.

Il consumo di cannabis è stato costantemente più elevato negli stati liberali rispetto a quelli conservatori, ed è rimasto significativamente più elevato per le fasce di età 12-17 e 18-25 dopo l’adeguamento per lo status della legge sulla cannabis medica. Un totale di 33 stati avevano approvato le leggi sulla cannabis terapeutica e otto stati più Washington, DC avevano legalizzato l’uso di cannabis.

La prevalenza del consumo di cannabis è complessivamente aumentata dal 2007, il che ha sollevato preoccupazioni sulle potenziali conseguenze negative associate al consumo problematico, in particolare sul disturbo da abuso di cannabis. “Questi ultimi risultati potrebbero informare direttamente i politici e gli operatori della sanità pubblica sul grado in cui altri fattori contestuali più ampi influenzano anche i modelli di consumo di cannabis negli Stati Uniti”, ha osservato Philbin.

Gli stati sono stati classificati come liberali, moderati o conservatori sulla base dell’indice State Rank on Policy Liberalism del 2005 e del 2011, che si basa su indicatori politici per i quali liberali e conservatori comunemente differiscono. L’indice ha classificato ogni stato da 1 (il più liberale) a 50 (il più conservatore) in base alle sue politiche che regolano il controllo delle armi, l’accesso all’aborto, l’assistenza temporanea alle famiglie bisognose, la contrattazione collettiva e la struttura fiscale.

La prevalenza media a livello statale del consumo di cannabis nell’ultimo anno per età è stata più bassa per i soggetti di età pari o superiore a 26 anni e più alta per i soggetti di età compresa tra 18 e 25 anni durante il periodo di studio. La prevalenza media è aumentata per la fascia di età 18-25 anni negli stati liberali, dal 33% al 37%, ed è aumentata marginalmente negli stati conservatori, dal 25% al 26%. Lo stesso modello di consumo è stato osservato per le persone di età pari o superiore a 26 anni negli stati liberali (dall’8% al 10%) e conservatori (dal 6% al 7%). Per la fascia di età 12-17 anni, tuttavia, l’utilizzo nell’ultimo anno non è cambiato in modo significativo dal 2004-2006 al 2010-2012 negli stati liberali o conservatori.

Al contrario, il disturbo da abuso di cannabis tra i consumatori di cannabis negli ultimi anni è diminuito dal 2004-2006 al 2010-2012 tra quelli di età compresa tra 18 e 25 anni negli stati conservatori (dal 22% al 18%) e negli stati liberali (dal 20% al 17%). Tra gli individui di età pari o superiore a 26 anni, il disturbo da uso di cannabis tra i consumatori dell’anno precedente è diminuito negli stati liberali (dall’11% all’8%).

Per i giovani di età compresa tra i 12 e i 17 anni, il disturbo da abuso di cannabis è diminuito negli stati conservatori (dal 28% al 25%), sebbene sia rimasto comunque leggermente più alto rispetto agli stati liberali (24%).

“Il nostro studio evidenzia la necessità per i ricercatori e gli operatori sanitari pubblici di distinguere tra uso di cannabis e disturbo da abuso di cannabis quando interagiscono con i pazienti a livello individuale e quando sviluppano strategie e interventi di prevenzione primaria a livello di popolazione”, ha affermato Silvia Martins, MD, Ph. .D., professore associato di Epidemiologia e autore senior.

Marijuana, abuso di cannabis

“Questa linea di ricerca non solo aiuta a identificare in che modo le politiche a livello statale nel loro insieme influiscono sui risultati dell’abuso di cannabis, ma in definitiva supporta lo sviluppo di politiche più favorevoli alla salute”.

Negli Stati Uniti sono più i giovani che usano cannabis che fumano sigarette. In altre parti del mondo, tra gli adolescenti e i giovani adulti, il consumo di cannabis è diventato regolare quasi quanto quello di tabacco.

Con leggi che regolano l’uso della cannabis in molti stati e località degli Stati Uniti, c’è una ricerca mista e limitata sulla possibilità che la crescente legalizzazione possa portare ad altri comportamenti malsani oltre ai disturbi da abuso di cannabis.

Ora, una nuova ricerca condotta dall’Annenberg Public Policy Center dell’Università della Pennsylvania rileva che l’uso di cannabis tra gli adolescenti non sembra portare a maggiori problemi di condotta o ad una maggiore affiliazione con altri adolescenti che fumano cannabis, associazioni che ricerche precedenti avevano suggerito essere possibili.

Invece è il contrario: sono gli adolescenti con problemi di condotta o i cui amici usano cannabis che hanno maggiori probabilità di gravitare verso il consumo di cannabis. E quella “catena di eventi a cascata” sembra predire il disturbo da abuso di cannabis man mano che gli adolescenti diventano giovani adulti , secondo lo studio recentemente pubblicato sulla rivista Addiction .

“L’abuso di cannabis di per sé non sembra portare a problemi di condotta o ad una crescente attrazione per i coetanei che usano cannabis”, ha affermato il coautore Dan Romer, direttore della ricerca dell’Annenberg Public Policy Center (APPC).

Lo studio segue un gruppo di adolescenti di Filadelfia di oltre otto anni. “Studi precedenti non erano stati in grado di isolare gli effetti del consumo di cannabis negli adolescenti”, ha aggiunto Romer. “Ma poiché abbiamo effettuato misurazioni sull’intero periodo dell’adolescenza, siamo stati in grado di distinguere gli effetti dell’uso stesso di cannabis da altre influenze.”

La ricerca utilizza i dati del Philadelphia Trajectory Study, uno studio in sei ondate iniziato nel 2004 con interviste a quasi 400 bambini di età compresa tra 10 e 12 anni a Filadelfia. Gli adolescenti sono stati testati ogni anno dal 2004 al 2010, e poi di nuovo nel 2012 per un follow-up finale di due anni.

Lo studio attuale utilizza i dati di 364 adolescenti delle ultime quattro ondate dello studio. Lo studio osservazionale si basa sulle autovalutazioni degli adolescenti che sono state poi convalidate mediante screening delle urine.

Ivy Defoe, l’autrice principale ed ex borsista post-dottorato dell’APPC, ha affermato: “È interessante notare che i risultati mostrano che non solo problemi di condotta come assenze scolastiche e furti predicono l’abuso di cannabis, ma gli adolescenti che mostrano problemi di condotta sono anche attratti dai coetanei che usano cannabis.

Queste affiliazioni prevedono un aumento del consumo di cannabis e, infine, dei disturbi legati all’abuso di cannabis, come mostrano i nostri risultati,” ha aggiunto Defoe, ora ricercatore post-dottorato presso l’Università di Twente, nei Paesi Bassi.

Defoe ha detto che alcune teorie suggeriscono che gli adolescenti con problemi di condotta potrebbero usare la cannabis come meccanismo di coping per affrontare la disapprovazione dei loro problemi comportamentali e forse per automedicarsi. Lo studio conclude che se i giovani con problemi di condotta “usano cannabis non prescritta per far fronte alla loro condizione, allora dovrebbero essere rese disponibili strategie e supporto alternativi più sani”.

Avvelenamento da cannabis, Oravexx, legalizzare la marijuana, abuso di cannabis

Una preoccupazione riguardo all’uso di una droga illegale è che questa porterà gli adolescenti a socializzare con gruppi di pari devianti, come quelli che vendono e usano droghe illegali. Tuttavia, lo studio suggerisce che gli adolescenti che fanno abuso di cannabis non hanno maggiori probabilità di iniziare ad affiliarsi con coetanei che usano cannabis.

I risultati suggeriscono che con la crescente legalizzazione, ci sarà un maggiore accesso alla cannabis e quindi una maggiore probabilità per i giovani di sviluppare disturbi legati al consumo di cannabis. Tuttavia, proprio come per l’alcol, che è legale per gli adulti, la ricerca condotta nell’ambito di questo progetto suggerisce che meno di un quarto dei giovani consumatori svilupperebbe un lieve disturbo da consumo di cannabis.

Secondo la Fondazione Veronesi: “C’è attualmente una diminuita percezione del rischio associato all’uso di derivati della cannabis, soprattutto tra i più giovani. Ad affermarlo è l’associazione Gruppo Tossicologi Forensi Italiani (GTFI) che esprime forte preoccupazione sui rischi derivanti dall’uso di sostanze stupefacenti, soprattutto i derivati della cannabis, specialmente marijuana e hashish, che ad oggi sono frequentemente caratterizzati da elevata potenza. Si parla di percentuali di THC anche del 30-50%, fino all’80%, per i quali esiste una banalizzazione della percezione del rischio, anche a causa della definizione di “droga leggera” attribuita alla cannabis.

A cosa è dovuto questo fenomeno? A cosa conduce e quali possono essere le soluzioni per aumentare la consapevolezza tra i giovanissimi? Ne parliamo con la professoressa Sabina Strano Rossi, presidente GTFI – Gruppo Tossicologi Forensi Italiani.

Secondo i dati riportati nell’ultima relazione annuale al Parlamento sul fenomeno delle tossicodipendenze, che analizza i dati del 2021, la cannabis risulta la sostanza illegale maggiormente utilizzata tra i giovani, seguita da Nuove Sostanze Psicoattive (New Psychoactive Substances – NPS), cannabinoidi sintetici, cocaina, allucinogeni e stimolanti. Chiude il consumo di oppiacei che non supera l’1%.

Secondo l’ultima rilevazione del 2021, effettuata dallo studio ESPAD® Italia, il 23,7% degli studenti (613mila ragazzi), ha riferito uso di cannabis almeno una volta nella vita, il 17,7% l’ha usata nel corso dell’ultimo anno e il 10,2% l’ha utilizzata durante i 30 giorni precedenti lo studio. Sempre nel corso del mese antecedente la compilazione del questionario, gli studenti che hanno riferito un uso frequente, ossia 20 o più volte, sono quasi 64mila, pari al 2,5% del campione”.

 

Cosa ne pensi di questo studio? Vorresti avere più informazioni al riguardo? Parlacene nei commenti.

Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Guarda tutti i commenti
0
in iCrewPlay diamo spazio al tuo pensiero! Commenta!x
()
x
Condividi su facebook
CONDIVIDI