Aborto farmacologico

Aborto farmacologico: ecco cosa succederà negli USA

L'aborto farmacologico si pratica in clinica oppure a casa, quando il medico stabilisce che la paziente non corre nessun rischio per la sua salute. Dopo le restrizioni applicate negli Stati Uniti per quanto riguarda l'aborto in generale, si prevede un'impennata nelle vendite delle pillole abortive

L’aborto farmacologico è diventato la scelta più diffusa per chi non se la sente di portare avanti una gravidanza e consiste nell’assunzione di due farmaci da prescrizione a distanza di giorni, a casa o in una clinica. Le procedure di aborto sono una tecnica medica invasiva che svuota l’utero.

Aborto farmacologico

 A volte sono chiamati aborti chirurgici, sebbene non comportino un intervento chirurgico. L’aborto farmacologico invece coinvolge i farmaci mifepristone e misoprostolo. Poiché sempre più stati cercano limiti all’aborto, si prevede che la domanda di pillole crescerà.

Aborto farmacologico: ecco che cosa devi sapere

Il mifepristone viene somministrato per primo, ingerito per via orale. Il farmaco dilata la cervice e blocca gli effetti dell’ormone progesterone, necessario per sostenere una gravidanza. Il misoprostolo, un farmaco usato anche per curare le ulcere allo stomaco, viene assunto da 24 a 48 ore dopo. La pillola è progettata per dissolversi quando viene posizionata tra le gengive e i denti o nella vagina. Provoca crampi e contrazione dell’utero, causando sanguinamento ed espellendo il tessuto della gravidanza.

Aborto farmacologico

I farmaci abortivi sono approvati per l’uso fino alla 10a settimana di gravidanza. Le pillole possono essere assunte in uno studio medico o in una clinica, dove le pazienti a volte portano in anticipo un’ecografia o test di laboratorio. Alcuni fornitori offrono anche le pillole tramite visite di telemedicina e quindi inviano ai pazienti i farmaci per posta. L’uso dell’aborto farmacologico è aumentato negli ultimi anni. Secondo i dati preliminari del Guttmacher Institute , nel 2020 rappresentavano il 54% di tutti gli aborti statunitensi. La stima finale del gruppo è prevista entro la fine dell’anno.

Studi e prove sull’uso reale mostrano che se assunte insieme, le pillole sono sicure ed efficaci fino al 99%. Gli effetti collaterali possono includere nausea, vomito e diarrea.

Il sanguinamento è normale. L’emorragia molto forte – immergere più di due assorbenti all’ora per più di due ore – è rara ma richiede cure mediche.

La Dottoressa Stephanie Rand, specialista in ginecologia e aborto di New York con il gruppo di difesa dei medici per la salute riproduttiva, afferma che i test di gravidanza non dovrebbero essere utilizzati immediatamente per determinare se un aborto farmacologico ha avuto successo perché l’ormone della gravidanza potrebbe essere trattenuto nell’organismo per molte settimane. Il sanguinamento, con coaguli di sangue che includono tessuti di colore più chiaro, sono segni di successo.

Le complicazioni gravi sono molto rare. La Food and Drug Administration afferma che più di 3,7 milioni di donne statunitensi hanno usato il mifepristone da quando è stato approvato più di 20 anni fa. L’agenzia ha ricevuto 26 segnalazioni di decessi in donne che usano il farmaco, di cui due che coinvolgono gravidanze extrauterine, che crescono al di fuori dell’utero.

I farmaci non sono raccomandati per alcuni pazienti, compresi quelli con sospette gravidanze ectopiche o con dispositivi contraccettivi IUD impiantati.

I costi variano in base alla località ma sono simili alle procedure di aborto e possono ammontare a più di $ 500. La copertura assicurativa sanitaria varia, con alcuni piani che rendono le pillole gratuite o a basso costo e altri che non le coprono affatto. Il mifepristone è venduto con il marchio Mifeprex e il misoprostolo con il marchio Cytotec, ma entrambe le pillole sono disponibili come generici.
Aborto farmacologico

La FDA ha approvato il mifepristone per interrompere la gravidanza nel 2000, se usato con misoprostolo. All’epoca imponeva diversi limiti alle modalità di prescrizione e somministrazione del farmaco.

A dicembre, l’agenzia ha abbandonato la più grande restrizione: l’obbligo che i pazienti prendano il farmaco di persona. La FDA ha affermato che una revisione scientifica dell’uso del farmaco, anche durante la pandemia di COVID-19, ha dimostrato che le donne potrebbero ricevere in sicurezza le pillole per posta dopo una consultazione online, senza alcun aumento degli effetti collaterali o delle complicazioni.

La decisione ha consentito la consegna per posta delle pillole a livello nazionale, un cambiamento a lungo ricercato da gruppi di professionisti medici e sostenitori dei diritti dell’aborto. Tuttavia, milioni di donne avranno difficoltà ad accedere alle pillole a causa di un mosaico di leggi statali che prendono di mira l’aborto in generale e di conseguenza anche l’aborto farmacologico in particolare. Si prevede che circa la metà degli stati degli Stati Uniti vieterà o limiterà notevolmente l’aborto.

Gli esperti legali prevedono anni di battaglie giudiziarie sull’accesso all’aborto farmacologico, poiché i sostenitori dei diritti dell’aborto portano casi di prova per sfidare le restrizioni statali. Esistono forti argomentazioni e precedenti da entrambe le parti, hanno dichiarato gli esperti, anche se poche certezze su quale parte potrebbe prevalere.

Il Dipartimento di Giustizia dell’amministrazione Biden ha già segnalato i piani per sfidare le restrizioni statali sull’aborto farmacologico. Ed è probabile che agli avvocati federali si uniscano parti esterne, inclusi gruppi per i diritti dell’aborto come Planned Parenthood e persino le aziende che producono le pillole.
Aborto farmacologico
È probabile che l’argomento principale contro le restrizioni sull’aborto farmacilogico sia il principio di vecchia data secondo cui le leggi federali, comprese le decisioni della FDA, prevengono le leggi statali. In effetti, pochi stati hanno mai provato a vietare completamente un farmaco approvato dalla FDA a causa di precedenti sentenze a favore dell’agenzia. Tuttavia, è probabile che gli stati con divieti generali di aborto li interpretino come un divieto di pillole abortive. Molte delle leggi non distinguono tra procedure di aborto e aborto farmacologico.

A breve termine, quegli stati che vietano l’aborto presumeranno che i loro divieti includano anche l’aborto farmacologico e che sarà proibito“, ha affermato Greer Donley, Professore specializzato in assistenza sanitaria riproduttiva  presso l’Università di Pittsburgh Law School.

Anche se i divieti generali vengono sfidati con successo, più di 30 stati hanno leggi che limitano specificamente l’accesso alle pillole abortive. Ad esempio, 19 stati richiedono che i medici siano fisicamente presenti quando viene somministrato il farmaco. Quelle leggi potrebbero resistere alle sfide giudiziarie. Gli stati hanno da tempo autorità su come medici, farmacisti e altri fornitori praticano la medicina.

Gli Stati stabiliscono anche le regole per le consultazioni di telemedicina utilizzate per prescrivere farmaci. In generale, ciò significa che gli operatori sanitari negli stati con restrizioni sull’aborto farmacologico potrebbero essere soggetti a sanzioni, come multe o sospensione della licenza, per aver tentato di inviare le pillole abortive per posta. Le donne hanno già viaggiato attraverso i confini di stato verso luoghi in cui l’ accesso alla pillola abortiva è più facile. Si prevede che tale tendenza aumenterà.

Nel frattempo, alcune donne continueranno a ricevere i farmaci tramite le farmacie online in Canada e all’estero, spesso con consultazioni di telemedicina da parte di medici stranieri. La pratica è tecnicamente illegale ma essenzialmente non applicata e i sostenitori ritengono che le donne sceglieranno sempre più questo metodo man mano che più stati si sposteranno per vietare l’aborto.

Aborto farmacologico

“Gli stati contrari all’aborto faranno tutto il possibile per limitare l’aborto farmacologico, ma in pratica le persone sono state e continueranno ad accedervi tramite la posta delle farmacie internazionali”, ha affermato Donley, che si aspetta che le cause basate su varie teorie legali si svolgano per alcuni anni prima che emergano decisioni chiare.

Una domanda chiave è come la corte suprema della nazione potrebbe pronunciarsi se e quando prenderà in carico quei casi giudiziari. Mentre la Corte Suprema ha respinto un diritto costituzionale all’aborto, i giudici conservatori hanno anche generalmente rinviato al primato della FDA sulle decisioni sui farmaci.

Sei favorevole o contrari* al diritto di aborto? Quali sono le tue argomentazioni? Parlacene nei commenti.

Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Guarda tutti i commenti
0
in iCrewPlay diamo spazio al tuo pensiero! Commenta!x
()
x
Condividi su facebook
CONDIVIDI