aborto

Aborto: 5 incomprensioni sulla gravidanza che alimentano il dibattito sull’aborto

La demolizione della Roe v. Wade da parte della Corte Suprema degli Stati Uniti lascia le leggi sull'aborto ai singoli stati

Il 24 giugno, la Corte Suprema degli Stati Uniti ha ribaltato Roe v. Wade, annullando la storica decisione del 1973 che proteggeva il diritto di una persona all’aborto, la più alta corte del paese ha spostato le decisioni su questa assistenza medica ai singoli governi statali e locali.

Alcuni stati hanno già approvato leggi che limitano l’accesso all’aborto. Ora, senza le protezioni federali fornite da Roe v. Wade, altri stati probabilmente seguiranno l’esempio. Molti di questi sforzi legislativi invocano un linguaggio medico e scientifico, nel tentativo di definire quando inizia la vita.

Lo sviluppo del cuore, il dolore fetale e la vitalità sono stati tutti giustificati per le restrizioni all’aborto. Ma molte di queste logiche non sono in linea con la biologia del primo sviluppo. La “legge sul battito cardiaco” del Texas del 2021, ad esempio, vieta l’aborto dopo circa sei settimane, quando le cellule cardiache iniziano a battere.

In quella fase iniziale della gravidanza, non c’è ancora un cuore completamente formato da battere. Come la maggior parte degli aspetti della biologia, il primo sviluppo umano coinvolge molti processi complessi. Nonostante la retorica su questi problemi, le linee chiare, tra avere un cuore e non avere un cuore o essere in grado di sopravvivere al di fuori dell’utero, sono scarse o inesistenti.

“Non esiste bianco o nero riguardo questa questione”, afferma l’ostetrico-ginecologo Nisha Verma, un collega dell’American College of Obstetricians and Gynecologists a Washington, DC. Ecco cosa si sa su cinque aspetti chiave della biologia della gravidanza che spesso emergono nei dibattiti sull’aborto.

1. La sequenza temporale iniziale di una gravidanza è facile da fraintendere.

Questo perché il modo in cui vengono determinate le date è estremamente confuso. L’orologio standard della gravidanza inizia effettivamente a ticchettare prima che uno spermatozoo incontri un uovo, in media due settimane prima. Un’ovaia rilascia un uovo intorno al giorno 14 di un ciclo mestruale medio di 28 giorni. (Il giorno 1 è il primo giorno delle mestruazioni; il giorno 1 è anche quando una gravidanza inizia ufficialmente nel mese in cui viene fecondato un ovulo.)

Ciò significa che quando uno spermatozoo fertilizza un ovulo, una persona è già ufficialmente incinta di due settimane. Per quanto insensato possa sembrare, è il modo più semplice con cui i professionisti del settore medico possono spiegare una gravidanza.

Quella sequenza temporale significa che i divieti di aborto a sei settimane, emanati in Texas, Oklahoma e Idaho, entrano in vigore prima durante la gravidanza di quanto molte persone pensino, dice Verma. Nel 2020, ha intervistato persone in Georgia, dove all’epoca praticava la medicina, sulla loro comprensione dei tempi.

“Alcune persone diranno che le sei settimane sono successive al tuo primo periodo mancato”, dice. “Alcune persone pensano che sia dalla data del concepimento.” Nessuno dei due è corretto.

Il divieto sarebbe iniziato quattro settimane dopo la fecondazione. Contando alla rovescia, sono due settimane dopo un periodo mancato, che spesso è la prima indicazione di una persona che potrebbe essere incinta. Tali divieti lasciano a una persona pochissimo tempo, due settimane dopo un periodo mancato, per accedere all’aborto.

Inoltre, queste date si basano su medie. Molte donne hanno cicli mestruali irregolari. Il controllo delle nascite non è efficace al 100% e alcuni tipi possono eliminare del tutto le mestruazioni, gettando ancora più incertezza nella linea temporale iniziale della gravidanza.

2. La gravidanza richiede più dello sperma che incontra l’uovo.

Quell’incontro, che di solito avviene in una delle due tube di Falloppio vicino alle ovaie, è la fecondazione, un processo in cui due cellule si fondono e mescolano il loro contenuto genetico, creando quello che è noto come uno zigote. Ma un ovulo fecondato non porta automaticamente a una gravidanza, afferma l’ostetrico e ginecologo Jonas Swartz della Duke University School of Medicine. “metterli sullo stesso piano non ha senso dal punto di vista medico”.

Fino al 50 percento degli ovuli fecondati non si impianta nell’utero, hanno stimato i ricercatori. Il materiale genetico deve combinarsi nel modo giusto. La palla di cellule in crescita deve viaggiare verso l’utero e impiantarsi nel punto giusto. E il giusto equilibrio ormonale deve essere sfornato per sostenere la gravidanza.

“Ci sono così tante cose oltre allo sperma che incontra l’ovulo che contano davvero affinché questa diventi una gravidanza che ha la possibilità di svilupparsi ulteriormente”, afferma Selina Sandoval, ostetrica e ginecologa specializzata in pianificazione familiare complessa presso l’Università della California , San Diego.

I legislatori in alcuni stati stanno prendendo in considerazione le regole sull’aborto che si applicano a un ovulo fecondato; L’Oklahoma aveva già approvato una legge del genere. Ciò include le uova fecondate che si depositano nel punto sbagliato, ad esempio le tube di Falloppio. Chiamata gravidanza extrauterina, questa può portare a emergenze mediche pericolose per la vita quando il tessuto in crescita rompe il tubo e ne consegue un’emorragia interna.

“Queste sono gravidanze che in nessun caso possono diventare una gravidanza sana”, dice Sandoval. “Infatti, se non vengono curati e continuano a crescere, uccideranno il paziente.” Le leggi che si applicano a un ovulo fecondato potrebbero “limitare la nostra capacità di curare i pazienti per gravidanze extrauterine”, afferma.

3. Aborto e le “leggi sul battito cardiaco” non sono ciò che sembrano.

aborto

Una legge del Texas vieta gli aborti “dopo aver rilevato il battito cardiaco di un bambino non ancora nato”. Ma i suoni ritmici ascoltati su un’ecografia all’inizio della gravidanza non sono causati dall’apertura e dalla chiusura delle valvole cardiache mentre muovono il sangue attraverso le camere del cuore, il movimento che produce un tipico suono lub dub. Questo perché quelle camere non si sono ancora sviluppate.

Nei primi ultrasuoni, i suoni simili al battito cardiaco vengono creati dalla macchina ad ultrasuoni stessa. “Quello che stiamo vedendo è in realtà il tubo cardiaco primitivo e le cellule in quel tubo cardiaco che hanno un’attività elettrica che provoca sfarfallio”, dice Verma. “Gli ultrasuoni stanno effettivamente producendo quel suono in base all’attività elettrica e al movimento altalenante”.

Usare il termine “battito cardiaco” per descrivere lo sfarfallio ha senso in alcune situazioni, come nelle conversazioni con futuri genitori eccitati, dice Verma. “Mi sono presa cura di innumerevoli persone che hanno visto quel primo ‘battito cardiaco’ sugli ultrasuoni per una gravidanza desiderata, ed è quel momento che è enorme ed eccitante”, dice. “Non voglio essere sprezzante per questo.” Dice che due cose possono essere vere allo stesso tempo: “Può essere eccitante per un paziente. Inoltre non è una cosa scientifica”.

4. Il dolore fetale è difficile da definire.

Un po’ di biologia che viene spesso utilizzata per limitare gli aborti è l’affermazione che i feti (che si formano alla settimana 11 di gravidanza) provano dolore. “Il dolore è molto complesso”, dice Swartz. “Richiede non solo una risposta fisica, ma la capacità di soffrire di conseguenza”.

Sapere cosa prova un feto è impossibile, ma gli studi sullo sviluppo del cervello forniscono alcuni indizi. L’esperienza del dolore inizia con i sensi che rilevano qualcosa di nocivo. Quei segnali devono quindi viaggiare verso la corteccia, lo strato esterno del cervello che aiuta a interpretare quella sensazione. Nei feti umani, queste connessioni cerebrali non esistono fino alla settimana 24 o 25 circa di gravidanza.

Nelle linee guida scritte dai membri della Society for Maternal-Fetal Medicine, i ricercatori scrivono che queste connessioni sono necessarie per l’esperienza del dolore, ma non sono sufficienti da sole per concludere che il dolore è possibile.

Nei feti umani, queste connessioni non sono effettivamente operative fino alla settimana 28 o 29 circa di gravidanza, suggeriscono altri studi. “Possiamo dire con sicurezza davvero, davvero buona che non prima di 28 settimane è possibile avvertire il dolore”, afferma Sandoval.

La stragrande maggioranza degli aborti, oltre il 90%, avviene nel primo trimestre, prima della 13a settimana di gravidanza. Il numero di aborti dopo 24 o 25 settimane è “incredibilmente piccolo”, dice Swartz.

5. Quando un feto potrebbe sopravvivere da solo è un complesso calcolo medico.

La parola “vitalità” è spesso usata come punto di interruzione netto per contrassegnare l’età in cui un feto potrebbe sopravvivere al di fuori dell’utero. Il problema è che non esiste un taglio netto.

“Questa è stata una linea in movimento man mano che la scienza è avanzata e la nostra capacità di sostenere i bambini molto piccoli è avanzata”, afferma Swartz. “Ma non è nemmeno una linea fissa per i bambini nati ora”.

In media, i bambini nati tra le 22 e le 24 settimane di gestazione non sopravvivono o sopravvivono con gravi problemi di salute. Se un feto sopravviverà se partorito dipende da tutta una serie di altri fattori, dice Swartz. Includono il sesso fetale, il peso, i problemi di sviluppo e la salute della madre, per non parlare delle capacità e della formazione delle singole strutture sanitarie.

L’American College of Obstetricians and Gynecologists ha recentemente rimosso le menzioni di “sostenibilità” nelle loro linee guida sulla cura dell’aborto. “È un concetto così complicato che non possiamo fare affermazioni generali al riguardo”, afferma Verma. “È qualcosa che deve essere lasciato al medico che ha in cura il paziente”.

Descrizioni imprecise della biologia possono influenzare le restrizioni sulla salute riproduttiva e, di conseguenza, l’assistenza sanitaria che le persone sono in grado di ricevere, afferma Swartz. Una sua collega, ad esempio, non è stata in grado di ricevere cure mediche adeguate quando ha manifestato segni di una perdita di gravidanza.

A causa delle restrizioni statali sull’aborto, il suo medico ha deciso di ritardare il trattamento, un’esperienza emotivamente angosciante di cui ha scritto l’anno scorso in Ostetricia e Ginecologia. Le norme sull’aborto basate su premesse mediche e scientifiche imperfette, dice Swartz, “danno la priorità a una vita potenziale rispetto alla vita effettiva della persona seduta di fronte a me”.

Che ne pensi della scelta di abolire il diritto all’aborto? Facci sapere nei commenti!

Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Guarda tutti i commenti
0
in iCrewPlay diamo spazio al tuo pensiero! Commenta!x
()
x
Condividi su facebook
CONDIVIDI