Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
1º test drive di Perseverance

1º test drive di Perseverance: com’è andata questa prova?

Il "nuovo compagno" di Curiosity sta muovendo i suoi primi passi, ecco il 1º test drive di Perseverance

iCrewPlay è alla ricerca di redattori che si occupino della sezione di scienza e tecnologia: vuoi far parte di un gruppo dinamico e stimolante, recensire i prodotti in uscita e condividere le tue conoscenze con gli altri?

0 0 voto
Voto iCrewers

Esattamente ieri c’è stato il 1º test drive di Perseverance, il rover della NASA che circa due settimane fa ha segnato una nuova svolta nell’esplorazione spaziale, portando sulle sue spalle l’eredità del rover Curiosity e tutta la tecnologia di Ingenuity.

1º test drive di Perseverance

Come ti dicevo, ieri c’è stato il 1º test drive di Perseverance –come puoi vedere nel post su Twitter in sovrimpressione–, inoltre ti ricordo che quest’ultimo è un rover delle dimensioni di un’auto che è atterrato con successo sul Pianeta Rosso lo scorso 18 febbraio.

Il rover si è mosso per un totale di 21,3 piedi (6,5 metri) sul terreno marziano in un viaggio che è durato circa 33 minuti, durante i quali si è mosso in avanti, si è voltato ed ha indietreggiato, il tutto con una velocità massima di guida di 0,01 miglia orarie (0,016 chilometri).

Anais Zarifian della NASA, ingegnere del banco di prova per la mobilità Perseverance presso il Jet Propulsion Laboratory di Pasadena, in California, ha dichiarato:

“Il nostro primo viaggio è andato incredibilmente bene”

per poi aggiungere:

“[…] il rover funziona magnificamente, eravamo così eccitati. Questo è davvero solo l’inizio”

1º test drive di Perseverance

Durante il briefing, i membri del team della missione hanno anche annunciato che stanno nominando il sito di atterraggio di Perseverance nel cratere Jezero “Octavia E. Butler Landing” in onore della famosa autrice di libri di fantascienza, nonché il primo (e fino al 2003 l’unico) autore di libri di fantascienza a ricevere, nel 1995, il premio MacArthur.

Sebbene Perseverance abbia lo stesso design del corpo del rover Curiosity della NASA, che ti ricordo atterrò su Marte nel 2012, i miglioramenti al suo sistema di mobilità sono stati significativi, tali da far sì che possa guidare molto più a lungo nella stessa quantità di tempo.

Sebbene i due rover abbiano la stessa velocità massima, le nuove telecamere e il software di navigazione migliorato del nuovo rover gli consentono di pensare a dove sta andando mentre è in movimento, il che ha facilitato il 1º test drive di Perseverance.

A detta di Zarifan quindi, mentre Curiosity ha dovuto essenzialmente smettere di pensare, Perseverance può “camminare e masticare gomme allo stesso tempo”, situazione che consente al rover di coprire più terreno più rapidamente, nonostante abbia la stessa “velocità”.

Per prepararsi a questo 1º test drive di Perseverance, i membri del team della missione hanno fatto girare le ruote al rover in posizione, assicurandosi che mostrassero l’intera gamma di movimento e fossero pronti per il breve viaggio.

La NASA ha condiviso una breve video clip del rover sulla propria pagina Twitter (post in sovrimpressione), clip nella quale si vede una delle ruote del rover che gira sulla superficie marziana come parte della preparazione al 1º test drive di Perseverance.

“Un rapido test del mio sterzo e le cose stanno andando bene mentre mi preparo a partire. Il mio team e io siamo ansiosi di muoverci. Un passo alla volta”

hanno scritto i membri del team di Perseverance nel post di Twitter.

Cosa rappresenta questo 1º test drive di Perseverance?

Questo 1º test drive di Perseverance arriva quando quest’ultimo ha già marcato una manciata di altri “prime cose da fare sul territorio marziano” dalla sua lista, cose che fino ad ora sembrano andare tutte molto bene.

Lo stesso Robert Hogg, vice responsabile della missione del rover JPL, ha detto:

“Perseverance ha svolto un lavoro eccezionale nelle sue prime due settimane sul pianeta rosso”

1º test drive di Perseverance

Oltre al 1º test drive di Perseverance quindi, tra queste pietre miliari troviamo:

  • il primo allungamento del braccio del rover, che rappresenta un primo passo importante per ottenere il suo braccio robotico, una risorsa fondamentale per il campionamento e l’osservazione scientifica, lo spostamento;
  • lo spiegamento di sensori per il vento, strumenti che fanno parte della stazione meteorologica del rover, monitorare la temperatura dell’aria, l’umidità, le radiazioni, la polvere e il vento.

I controller del Rover hanno recentemente effettuato il check-in con gli strumenti RIMFAX (Radar Imager for Mars ‘Subsurface Experiment) e MOXIE (Mars Oxygen In-Situ Resource Utilization Experiment), inoltre Perseverance ha anche continuato a rimandare sulla Terra immagini del suo nuovo ambiente marziano.

“Stiamo vedendo tutti i tipi di trame e rocce che si trovano intorno al sito di atterraggio di Perseverance”

ha detto Katie Stack Morgan, Perseverance deputy project scientist, quando gli è stato chiesto quali informazioni gli scienziati stanno raccogliendo con le immagini del rover.

“Stiamo solo controllando i nostri strumenti, quindi questi altri strumenti sono davvero importanti per noi per mettere insieme un modello di come si formano queste rocce e quale potrebbe essere il loro significato…

Siamo atterrati in un’area molto interessante in cui ci troviamo cercando di capire l’origine di queste rocce “,

ha aggiunto Morgan.

1º test drive di Perseverance

Perseverance è il gioiello della corona della missione Mars 2020 della NASA e trascorrerà il suo tempo sul Pianeta Rosso alla ricerca di segni concreti di vita antica, oltre a raccogliere dati scientifici per fare cose come studiare il clima complesso del pianeta.

Oltre a ciò il rover completerà anche esperimenti tecnologici come con Ingenuity, l’elicottero di Marte, pertanto ci sarà molto altro di cui parlare ma, per il momento, buona la prima.

Se sei attratto dalla scienza continua a seguirci, così da non perderti le ultime novità e news da tutto il mondo!

Potrebbe interessarti...

Scienze

Tardigrada: trovato un fossile di 16 milioni di anni

Windows 11

Windows 11 è qui: prime impressioni e consigli

Scienze

William Shatner: nello spazio a 90 anni con Blue Origin

Netflix

Abbonamento Netflix più costoso a partire da oggi

Scienze

Balena preistorica a quattro zampe: 43 milioni di anni fa

Scienze

Endometriosi: individuata causa genetica e target del farmaco

Cosa ne pensi del 1º test drive di Perseverance? È andato come ti saresti aspettato o ti aspettavi di più? Dicci la tua qui sotto nei commenti!

Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Guarda tutti i commenti
Tronsmart Studio

14 settembre, 2021

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
0