Voyager

Voyager è ora fuori dal sistema solare

Voyager ha sollevato domande sconcertanti mentre usciva dal Sistema Solare.

Voyager torna a far parlare di se,finalmente nello spazio esterno al sistema solare, sta ispirando gli scienziati ad intraprendere nuove missioni.

Prima di intraprendere il dottorato, Ralph McNutt non era mai stato a est del fiume Mississippi. Ma subito dopo che il giovane texano arrivò al Massachusetts Institute of Technology (MIT) nell’autunno del 1975, si ritrovò in viaggio ai margini del Sistema Solare e oltre.

Cercando un assistente di ricerca, finì nell’ufficio del fisico del plasma Herbert Bridge, una figura imponente nelle scienze spaziali che aveva supervisionato lo sforzo top-secret per smantellare e spedire il ciclotrone dell’Università di Harvard nel New Mexico per il Progetto Manhattan durante Seconda guerra mondiale.

Evidentemente Bridge ha visto una scintilla familiare in McNutt e lo ha invitato a lavorare su un rivelatore al plasma per Voyager, l’epica missione sui pianeti esterni iniziata nel 1977. “Ho detto: ‘Dove mi iscrivo prima che tu cambi idea?'”

Ora, questo veterano di Voyager, uno dei più grandi trionfi scientifici della NASA, vuole portare il proprio progetto di passione sul trampolino di lancio.

McNutt e colleghi del Johns Hopkins University Applied Physics Laboratory (APL) hanno elaborato un concetto per Interstellar Probe (IP), una missione da 3,1 miliardi di dollari per raccogliere un guanto di sfida scientifica che le due sonde Voyager hanno lanciato un decennio fa dopo aver lasciato l’eliosfera , la zona di influenza del Sole.

Pochi si aspettavano che la navicella spaziale sopravvivesse così a lungo, eppure le loro affascinanti osservazioni, che ancora stanno arrivando, hanno ribaltato molte convinzioni sui limiti esterni del Sistema Solare. “Molte delle nostre nozioni preconcette non hanno funzionato troppo bene”, dice McNutt.

I dati della Voyager sono così sconcertanti che alcuni eminenti ricercatori affermano che le sonde non sono ancora arrivate nello spazio interstellare, forse perché i limiti dell’eliosfera si estendono più lontano di quanto si pensi generalmente.

Guardare fuori dal trespolo della Terra non risolverà la questione. “L’unico modo per vedere che aspetto ha il nostro acquario è stare fuori a guardare dentro”, dice McNutt.

“Dobbiamo mettere a disposizione strumenti moderni”, aggiunge Lennard Fisk, fisico spaziale dell’Università del Michigan (UM), Ann Arbor. “In questo senso, la sonda Interstellare sarebbe rivoluzionaria.”

Ora, McNutt ha bisogno di convincere una giuria dei suoi coetanei. Il suo team ha consegnato uno studio concettuale sull’IP per l’indagine decennale sulla fisica solare e spaziale, un esercizio comunitario guidato dalle National Academies of Sciences, Engineering, and Medicine che stabilirà le priorità del campo per i prossimi 10 anni.

Il panel dovrebbe iniziare a deliberare il mese prossimo ed emettere il suo verdetto nel 2024. Un pollice in su per IP farebbe molto per garantire il supporto della NASA per una sonda che, idealmente, decollerebbe nel 2036.

Il tempismo gli consentirebbe un appuntamento con Giove e la sua potente gravità, che lancerebbe la sonda verso lo spazio interstellare. Sarebbe arrivato circa 16 anni dopo, nella metà del tempo impiegato dalla Voyager.

Voyager e la nuova corsa allo spazio

Voyager

Gli scienziati cinesi stanno progettando una missione simile, chiamata Interstellar Express, che potrebbe essere lanciata più o meno nello stesso periodo. Allacciate le cinture, entusiasma Jim Bell, uno scienziato planetario dell’Arizona State University, Tempe, ed ex presidente della Planetary Society.

“È una corsa allo spazio fino ai confini del Sistema Solare!”

Una sfida per McNutt e i suoi colleghi è vendere una missione che dovrebbe durare almeno 50 anni, richiedendo tre o più generazioni di scienziati.

Più scoraggiante potrebbe essere conquistare cuori e menti nella fisica spaziale, che è dominata da esperti di meteorologia spaziale: i brillamenti solari e le espulsioni di massa coronale che possono devastare i satelliti e le reti elettriche.

“Le persone sono eccessivamente spaventate dal fatto che un grande progetto risucchi tutti i fondi per il resto della scienza che vogliamo fare”, afferma Pontus Brandt, fisico spaziale dell’APL, scienziato capo dello studio sul concetto di missione IP.

Ma Merav Opher, astrofisico della Boston University, afferma che ampliare i confini del campo è importante. “È miope se continuiamo a finanziare solo il clima spaziale”.

“Voyager on steroids”, come McNutt chiama IP, potrebbe inciampare in questo primo ostacolo. “È un tiro lungo”, dice Bell, che non ha un interesse nel progetto. Ma l’IP ha un potente campione in McNutt, dice Opher, che lo definisce “un fantastico motore e agitatore”.

Secondo Bell, anche le superbe capacità di tutoraggio di McNutt saranno fondamentali. “Devi davvero pensare oltre la tua vita”, dice.

Lo spazio interstellare è stato una ricerca per tutta la vita di McNutt, che dice di essere “un ragazzo introverso e nerd” con una passione per la fantascienza.

Un’opera che ha lasciato una profonda impressione è stata Time for the Stars di Robert Heinlein, la cui premessa era il paradosso gemello, un esperimento mentale dell’inizio del XX secolo che cercava di spiegare un aspetto sconvolgente della teoria della relatività speciale di Albert Einstein.

Nel romanzo, un adolescente telepatico si unisce a una spedizione alla ricerca di pianeti abitabili attorno ad altre stelle; trascorre 4 anni su un’astronave che può viaggiare alla velocità della luce.

Torna a casa e scopre che il suo gemello identico legato alla terra aveva 71 anni. Quella premessa ha ispirato McNutt, 16 anni, a inventare una missione interstellare come suo progetto per la fiera della scienza di Fort Worth, in Texas, del 1970.

Ha esposto gli ostacoli fisici di un viaggio così epico e ha persino realizzato un prototipo di navicella spaziale con cartoncino, legno di balsa e colla di Elmer.

Von Braun

voyager

Al liceo, McNutt ha lottato per soddisfare la sua sete di scienza. Gli amministratori scolastici “erano più interessati a impedire ai bambini di abbandonare gli studi”, ma lui e diversi altri studenti hanno presentato una petizione con successo per un corso di fisica.

Alcuni anni dopo, McNutt ebbe la possibilità di incontrare il “padre dei viaggi nello spazio”: Wernher von Braun, un ex scienziato missilistico nazista che si trasferì negli Stati Uniti dopo la seconda guerra mondiale e divenne l’architetto capo del programma Luna della NASA.

Von Braun stava tenendo un discorso alla Texas Christian University e McNutt è stato scelto per un panel di studenti che avrebbe posto domande. Chiese a von Braun se la NASA avesse in programma di portare gli umani su Marte entro, diciamo, nel 1990.

Non era nelle carte, von Braun rispose seccamente. Invece, ha detto, l’agenzia spaziale si concentrerebbe sulle sonde robotiche. “Ero davvero irritato”, dice McNutt. “Stavo pensando a qualcosa del tipo, ‘Cosa diavolo hai che non va?'”

McNutt è venuto fuori dall’incontro con l’autografo di von Braun, ora nel suo seminterrato, insieme al modello della fiera della scienza, e una feroce determinazione a diventare uno scienziato spaziale.

Aveva un talento per la matematica, “Facevo gare di velocità con regolo calcolatore”, confessa, e si è laureato in fisica alla Texas A&M University, College Station.

Al MIT, come membro junior del team Voyager, andò a Cape Canaveral per il lancio di Voyager 1 nel 1977 e ricorda vividamente una visita 2 anni dopo al controllo della missione presso il Jet Propulsion Laboratory (JPL).

I monitor TV nella caffetteria del JPL stavano mostrando le prime immagini di Io, la luna vulcanica dai colori sgargianti di Giove. “Sembrava un’arancia in decomposizione o una torta di pizza. Ho pensato: ‘Oh mio Dio, è così bello.'”

Le rivelazioni di Voyager sugli enigmatici pianeti esterni continuavano ad arrivare. E le intrepide sonde continuarono. All’inizio degli anni 2000, sembrava plausibile che uno o entrambi avrebbero raggiunto l’eliopausa, il confine tra l’eliosfera e lo spazio interstellare, dove l’esplosione di particelle cariche del Sole, il vento solare, si esaurisce.

A temperare quella prospettiva elettrizzante c’era il fatto che le sonde erano state progettate principalmente per interrogare la potente magnetosfera di Giove, non i campi e le particelle molto più deboli del mezzo interstellare.

“Per gli standard odierni, le informazioni che puoi ottenere dalla navicella spaziale Voyager sono primitive”, afferma Bell. Tuttavia, McNutt aggiunge: “Il fatto che potessimo ottenere qualcosa era molto meglio di niente”.

Un miracolo spaziale

Voyager

Una grande sorpresa è arrivata nel 2007, quando il Voyager 2, immergendosi sotto il piano dell’eclittica in cui orbitano i pianeti, ha attraversato lo shock di terminazione: dove il vento solare inizia a vacillare quando viene colpito dal gas interstellare e dalla polvere che il Sistema Solare.

Il Voyager 1 aveva attraversato lo shock 3 anni prima, a circa 94 unità astronomiche (AU) dalla Terra. (Una AU, la distanza media tra la Terra e il Sole, è di circa 150 milioni di chilometri.) Ma il suo rivelatore al plasma si era guastato a Saturno nel 1980, quindi non poteva misurare il rallentamento del vento solare.

I modelli avevano previsto che il vento avrebbe decelerato da 1,2 milioni di chilometri orari a circa 300.000 chilometri orari. Ma Voyager 2 ha registrato una velocità del vento di 540.000 chilometri orari. “Attraversando lo shock di terminazione, la gente ha detto, ‘WTF?'”, Dice Brandt.

Inoltre, la Voyager 2 ha attraversato lo shock a ben 10 UA più vicino alla Terra rispetto alla Voyager 1. Dopo che un membro del team Voyager ha dato la notizia a una conferenza in Svizzera, “Tutti dicevano, ‘Cosa sta succedendo?”, dice Elena Provornikova di APL, Responsabile dell’eliofisica di IP, che all’epoca era presso l’Istituto di ricerca spaziale dell’Accademia delle scienze russa a Mosca.

“Abbiamo immediatamente iniziato a parlare di ciò che potrebbe causare questa asimmetria, quale potrebbe essere la fisica dietro di essa”. In seguito i fisici spaziali hanno scoperto che i modelli avevano in gran parte ignorato i campi magnetici interstellari, che comprimono l’eliosfera al di sotto dell’eclittica, afferma Provornikova.

I modelli presumevano anche che il vento solare fosse una burrasca costante. Ma fluttua con il ciclo di 11 anni di attività magnetica del Sole, un altro motivo per cui le due sonde hanno raggiunto lo shock a distanze diverse.

Per spiegare la debolezza dello shock di terminazione, i fisici spaziali si sono rivolti ai risultati di altre sonde planetarie come Cassini, la navicella spaziale che ha svelato i misteri di Saturno e dei suoi anelli.

Uno era una migliore comprensione degli ioni “pickup”: atomi neutri, principalmente idrogeno, dallo spazio interstellare che diventano ionizzati quando incontrano il vento solare o la radiazione ultravioletta del Sole.

“La Voyager non era attrezzata per misurare gli ioni del pickup”, afferma Brandt. “E questi sono davvero centrali qui.” Gli scienziati hanno dedotto che gli ioni di captazione che viaggiano insieme al vento solare guadagnerebbero abbastanza energia attraversando lo shock di terminazione per spiegare perché il vento non si è allentato tanto quanto previsto.

Dopo aver attraversato quel primo confine, le sonde Voyager sono entrate nell’elioguaina, la regione in cui il vento solare in diminuzione continua ad appassire sotto una raffica di gas e polvere mentre il Sistema Solare solca lo spazio. Prima dell’incontro della Voyager, si vedeva l’elioguaina.

La sottile “pelle” dell’eliosfera. Ma con un vento solare più forte che emerge da un debole shock di terminazione, la guaina dovrebbe essere più spessa. Il vento solare correrebbe più lontano prima di fermarsi all’eliopausa, dove il plasma caldo e sottile della nostra eliosfera lascia il posto al plasma freddo e denso dello spazio interstellare.

Senza un rilevatore al plasma funzionante, la Voyager 1 ha avuto difficoltà a confermare quell’immagine. Ma all’inizio del 2013, gli scienziati della missione, vagliando i dati di altri rivelatori, hanno dichiarato che la sonda aveva effettivamente lasciato l’eliosfera mesi prima, il 25 agosto 2012, a circa 122 UA dalla Terra.

Un precipitoso calo degli ioni del vento solare a energia più elevata e un concomitante aumento dei raggi cosmici hanno confermato il caso, hanno affermato.

Sei anni dopo, Voyager 2 ha colpito l’eliopausa quasi alla stessa distanza dal Sole, in una fase diversa del ciclo solare, suggerendo che, a differenza dello shock di terminazione, l’eliopausa è insensibile alla variazione solare. “E’ stato semplicemente incredibile”, dice Provornikova.

Altri dati non tornavano. Il campo magnetico del Sole, incorporato nel vento solare, è attorcigliato in una spirale dalla rotazione del Sole.

Attraversando l’eliopausa, Voyager 1 avrebbe dovuto osservare un cambiamento nella direzione del campo magnetico, poiché il campo di torsione del vento solare lascia il posto a campi interstellari diversamente orientati.

“Ma era fondamentalmente la stessa dannata direzione del Sole”, dice Brandt. “Tutte le persone che conoscono la teoria alla base, sono perplesse”.

Fisk pensa che sia un segno che le sonde non hanno ancora raggiunto lo spazio interstellare. Nel numero del 1 marzo di The Astrophysical Journal, lui e il collega di UM George Gloeckler propongono che i Voyager 1 e 2 siano ancora nell’elioguaina, dove hanno incontrato un plasma unico contenente due campi magnetici.

Non solo il campo incorporato nel vento, ma un uno aggiuntivo creato da ioni mobili che non vengono spazzati via dal vento. “La fisica cambia drasticamente quando si tiene conto di ciò”, dice.

Provornikova e altri sostengono con fermezza che le sonde si trovano nello spazio interstellare, sostenendo che il campo magnetico del vento solare si dissipa evidentemente su distanze molto maggiori rispetto a quanto auspicato dai modelli precedenti. “Non vedo uno scenario in cui la Voyager sia ancora all’interno dell’eliosfera”, dice Opher.

Non importa chi abbia ragione, gli scienziati trovano irresistibili le stranezze spaziali interstellari di Voyager. “Voyager non ci ha dato le risposte che stavamo cercando e dovremmo capitalizzare su questo”, afferma Fisk.

McNutt è d’accordo e nel 2017 ha riunito un team di collaboratori di 45 persone, inclusi Fisk e Opher, per concretizzare un concetto di missione. Gli scienziati hanno contemplato una missione interstellare per 50 anni, da prima di Voyager, dice McNutt, ma “nessuno si era seduto e aveva calcolato i numeri e fatto l’ingegneria”.

Il gruppo ha pubblicato il suo rapporto di 498 pagine alla riunione dell’American Geophysical Union nel dicembre 2021. Lo studio del concetto di missione risolve in modo decisivo una questione ingegneristica: se lanciare la sonda verso il Sole e usare la sua enorme gravità come una fionda, un’idea chiamata manovra di Oberth.

Dopo essersi stretto con gli esperti di un’azienda di materiali termici, il team IP ha scoperto che lo scudo termico necessario per far passare la sonda così vicino al Sole avrebbe aggiunto troppa massa e rischio.

“Non ci arriveresti più velocemente” rispetto a un lancio convenzionale di una sonda più leggera, dice McNutt, a condizione che il lancio avvenga su un razzo pesante con un raro terzo e quarto stadio.

McNutt sta osservando lo Space Launch System della NASA, un razzo mastodontico, più grande del Saturn V, che potrebbe vedere il suo primo lancio quest’estate mentre la NASA contempla l’idea di rimandare gli astronauti sulla Luna.

E ha inviato antenne a SpaceX e Blue Origin su un giro su uno dei grandi lanciatori che stanno sviluppando le società private. Dopo l’aumento di gravità di Giove, l’IP dovrebbe raggiungere il picco a velocità di oltre 7 UA all’anno, circa il doppio delle sonde Voyager.

La missione cinese Interstellar Express invierebbe due sonde in direzioni opposte: una verso il naso dell’eliosfera, dove i modellisti pensano che sia schiacciata dal vento di particelle in arrivo nello spazio interstellare, e l’altra verso la sua coda.

Le osservazioni di entrambe le missioni “ci forniranno un quadro più completo dell’eliosfera”, afferma Wang Chi, direttore generale del National Space Science Center dell’Accademia cinese delle scienze.

Quando il suo team ha proposto la missione nel 2014, ha immaginato una terza sonda che si sarebbe lanciata su un percorso perpendicolare al piano dell’eclittica, usando la propulsione nucleare per sfuggire all’eliosfera.

Ma le sfide tecniche sono scoraggianti e quella sonda per ora è sul ghiaccio. “Come dice il vecchio proverbio cinese, un viaggio di mille miglia inizia con un solo passo”, dice Wang. “Dovremmo prima fare in modo che le due sonde abbiano successo.”

Sebbene McNutt affermi che la squadra cinese “tiene le carte vicino al giubbotto”, anche lui considera le missioni complementari. “Più siamo, meglio è!” lui dice. “Nella misura in cui otterrai tagli diversi attraverso la struttura eliosferica e il vicino mezzo interstellare, imparerai molto su cosa sta succedendo là fuori”.

Il rapporto concettuale di APL delinea un buffet di scienza che la PI potrebbe affrontare, a seconda degli strumenti che trasporta. In cima alla lista c’è una suite di quattro rivelatori che misurerebbero le particelle attraverso un ampio spettro di energia, dal plasma più freddo e gli ioni captanti più deboli fino ai raggi cosmici abbastanza caldi da friggere un filamento di DNA.

“Con Voyager abbiamo enormi lacune energetiche”, afferma la fisica dell’APL Alice Cocoros. Un migliore rilevamento degli ioni captanti potrebbe essere la capacità più importante, afferma Brandt, con i fisici spaziali che stanno appena iniziando ad apprezzare il ruolo non annunciato che svolgono ai bordi dell’eliosfera.

Il futuro delle missioni galattiche

Voyager

Un rilevatore di polvere curerebbe un altro punto cieco della Voyager. “Non sappiamo praticamente nulla di quanta polvere interstellare entra effettivamente nel Sistema Solare”, afferma Provornikova, o di come interagisce con il vento solare.

Nel suo viaggio verso l’esterno, IP potrebbe anche mappare la nuvola di polvere nella parte esterna del Sistema Solare, residuo della sua formazione. I contorni di questa polvere “zodiacale” potrebbero perfezionare i modelli di formazione, ma sono in gran parte sconosciuti perché le misurazioni sono state effettuate solo dall’interno della nuvola, afferma McNutt.

Spostarlo oltre la nuvola zodiacale offrirebbe un altro vantaggio: una visione non oscurata della luce di fondo extragalattica (EBL), la somma di tutte le radiazioni prodotte dal big bang.

La navicella spaziale New Horizons, navigando oltre Plutone, ha recentemente scoperto un mistero quando ha osservato una macchia di cielo scuro e ha registrato circa il doppio della luce visibile rispetto a quanto può spiegare l’attuale censimento delle galassie, il team della missione ha riferito nel numero del 1 marzo di The Giornale astrofisico.

Dotato degli strumenti giusti, dice McNutt, l’IP “potrebbe per la prima volta determinare la luminosità assoluta dell’EBL” su tutte le lunghezze d’onda.

Una volta nello spazio interstellare, l’IP potrebbe anche seguire la tradizione di altre sonde ad ampio raggio e guardare indietro verso casa. Ma invece del punto azzurro pallido della Terra, catturerebbe un’immagine dell’intera eliosfera.

“Puoi risolverlo in un colpo solo”, afferma McNutt, utilizzando una fotocamera unica che riprende un vorticoso paesaggio notturno in stile Van Gogh di atomi neutri energetici (ENA) generati nell’elioguaina quando gli ioni del vento solare si scontrano con gli atomi di idrogeno interstellari, neutralizzando gli ioni.

Gli ENA ad alta energia, quelli sopra i 50 kiloelettronvolt (keV), sono particolarmente rivelatori. “Le simulazioni mostrano che una volta superati i 50 keV, accade qualcosa di straordinario: inizi a vedere le immagini della forma dell’eliosfera”, afferma Brandt. Ma dice con un sorriso: “Sarà probabilmente il film più costoso della storia”.

La NASA ha avuto un’anteprima nel 2008, quando ha messo in orbita attorno alla Terra un veicolo spaziale delle dimensioni di un pneumatico per autobus chiamato Interstellar Boundary Explorer (IBEX).

Le sue due telecamere ENA hanno catturato la prima mappa di tutto il cielo degli ENA nell’eliosfera esterna e hanno rivelato uno storditore: un nastro tortuoso che è più ricco di ENA rispetto alle aree circostanti.

“Il grande cerchio nel cielo”, come lo chiama Brandt, potrebbe essere una regione appena oltre l’eliopausa in cui gli ioni intrappolati in un campo magnetico generano ENA. Il lancio ideale di IP nel 2036 avrebbe sparato alla sonda attraverso il nastro.

I primi dati IBEX supportavano la nozione tradizionale di un’eliosfera a forma di cometa, con una coda che si estendeva da due a tre volte più lontano nello spazio rispetto al naso. Ma le misurazioni successive di IBEX, Cassini e Voyager indicano un’eliosfera più arrotondata e modelli recenti suggeriscono che sia concava su un lato, come un croissant.

Come bis per IBEX, la NASA nel 2025 prevede di lanciare l’Interstellar Mapping and Acceleration Probe (IMAP), che scruterebbe l’eliopausa da una stazione orbitale tra il Sole e la Terra con una risoluzione dell’immagine molto più fine.

“IMAP porterà molto alla festa”, afferma McNutt. Ma IP, dice, sarà in grado di fornire la mappa ENA più rivelatrice di tutte una volta che esce dall’eliosfera e scatta quell’immagine di ENA ad alta energia che illumina l’elioguaina.

La scienza non si fermerebbe dopo che la sonda avrà raggiunto lo spazio interstellare. Opher afferma che l’IP sarebbe un “punto di svolta” nella nostra comprensione delle nubi interstellari di gas e polvere attraverso cui il Sistema Solare sfreccia durante l’orbita del Sole di 230 milioni di anni attorno al centro della Via Lattea.

Come le oasi in un deserto, queste nubi sono probabilmente i resti di vivai stellari, ricche sorgenti di idrogeno che sono crollate per gravità per formare stelle. I fisici spaziali hanno messo insieme un rudimentale atlante di nuvole del vicinato interstellare locale. “Sembra lo schizzo di un bambino, ma è tutto ciò che abbiamo”, dice Brandt.

IP campiona direttamente gas, polvere e altre proprietà del Local Interstellar Cloud, la casa del Sistema Solare negli ultimi 60.000 anni. E misurando l’assorbimento della luce stellare da parte di polvere e atomi di idrogeno, potrebbe sondare la vicina nuvola G, nella quale ci immergeremo nei prossimi 2000 anni, se la transizione non è già iniziata.

“Non abbiamo idea di cosa accadrà dopo”, afferma Brandt. Più una nuvola è densa e fredda, maggiore sarà lo slancio del vento solare. Ciò potrebbe schiacciare il bozzolo magnetico del Sole, a scapito della nostra biosfera.

Voyager ha scoperto che il 75% dei raggi cosmici diretti verso lo spazio interstellare vengono filtrati nelle zone più esterne dell’eliosfera. Se l’incontro con la prossima nuvola spremesse l’eliosfera fino all’orbita terrestre, le forme di vita sarebbero esposte a un ambiente di radiazioni intense che crivellerebbero il DNA di mutazioni, afferma Brandt.

Ci sono prove di un tale evento nel periodo in cui i primi ominidi stavano appena iniziando a raccogliere strumenti di pietra e Brandt riflette su una possibile connessione. Negli ultimi anni, gli scienziati hanno scoperto isotopi di ferro-60 in campioni di crosta oceanica risalenti a un periodo compreso tra 2 e 3 milioni di anni fa.

Il ferro-60 non si trova naturalmente sulla Terra: è forgiato nei nuclei di grandi stelle. Quindi, o una supernova vicina ha fatto esplodere l’eliosfera con la polvere di ferro, oppure l’eliosfera è andata alla deriva attraverso una densa nuvola carica di ferro-60 da una precedente supernova.

In ogni caso, dice Brandt, “L’eliosfera era molto in dentro e abbiamo avuto un’esplosione completa di raggi cosmici galattici e materia interstellare per molto, molto tempo”.

Per cercare reliquie di altri eventi simili, IP potrebbe utilizzare antenne a onde plasma per misurare essenzialmente la temperatura degli elettroni vicini. Le regioni calde potrebbero segnare i percorsi esplosivi del materiale delle supernove passate.

Il team IP sta pensando in grande in altri modi, anche nella possibilità che la sonda alla fine si avvicini a un’altra stella e cada nelle mani degli alieni.

Ogni sonda Voyager porta un disco d’oro pieno di musica e voci che campionano le culture della Terra. L’IP avrebbe probabilmente una versione digitale aggiornata: una chiavetta USB, forse, che offre un assaggio della vita sulla Terra agli alieni coccolati nelle loro stesse eliosfere, purché un dipartimento IT extraterrestre possa capire come leggerlo.

Se l’indagine decennale approva l’IP e la NASA l’abbraccia, l’agenzia spaziale dovrebbe persuadere il Congresso che l’emissario di Star Trekkian vale il prezzo da pagare e quindi decidere quale laboratorio lo confermerebbe.

Fresco dell’ultimo successo di APL, la Parker Solar Probe da 1,5 miliardi di dollari, che sta volando più vicino al Sole di qualsiasi altra missione, il team di McNutt è ansioso di rimettersi in sesto.

“Abbiamo molte missioni alle spalle. Parker è arrivato con un budget inferiore di circa 100 milioni di dollari”, afferma Brandt.

Nel frattempo, APL sta allevando assiduamente la prossima generazione di scienziati IP. Letteralmente. “Abbiamo contato 13 bambini nati durante lo studio del concept design”, afferma Cocoros, che ha grandi speranze che suo figlio Luke, che sta per compiere 2 anni, si innamori dello spazio.

Aspetta una figlia a novembre. “Immagino che ne faccia 14!” Durante lo studio di progettazione, Cocoros è servito da ponte tra scienziati e ingegneri mentre cercavano un punto debole: un carico utile dello strumento che avrebbe soddisfatto gli obiettivi scientifici chiave per un lanciatore convenzionale.

“Mi è piaciuto essere il collante nel bel mezzo del progetto”, dice.

Cocoros vede McNutt come un mentore. “Lo adoro. Se gli fai una domanda, ti racconta una storia. Un romanzo”, dice. Dice che la sua ricchezza di conoscenze si riflette nel suo ufficio APL, che è ingombra di cimeli di una vita dedicata allo spazio.

“È come il suo cervello. Mucchi e mucchi di nastri VHS di missioni passate, raccoglitori giganti di non so cosa.”

Con i futuri leader della PI in attesa dietro le quinte e alcuni ancora in pannolino, McNutt spera che la sua spinta per le stelle possa finalmente ottenere il via libera.

“Non vogliamo calciare questa lattina lungo la strada più lontano di quanto non sia già stato”, dice. Per questo veterano della Voyager, dopotutto, è un viaggio che ha richiesto mezzo secolo di preparazione.

Che en pensi di queste incredibili avventure spaziali? Facci saper enei commenti!

Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Guarda tutti i commenti
0
in iCrewPlay diamo spazio al tuo pensiero! Commenta!x
()
x
Condividi su facebook
CONDIVIDI