Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
carne di maiale vegetale

Vinta la mission impossible per il veg pork

Dopo anni di studi, arriva sulle tavole di tutto il mondo il macinato vegetale che ricorda la carne di maiale

iCrewPlay è alla ricerca di redattori che si occupino della sezione di scienza e tecnologia: vuoi far parte di un gruppo dinamico e stimolante, recensire i prodotti in uscita e condividere le tue conoscenze con gli altri?

5 1 voto
Voto iCrewers

Al CES 2020 si parla di ecosostenibilità anche in ambito alimentare, infatti Impossible Foods, società californiana che produce surrogati vegetali della carne e prodotti caseari veg, ha presentato l’impossible pork, un macinato vegetale a base di soia che pare non faccia rimpiangere la carne di maiale. Il nuovo ritrovato alimentare sembra che rispetti tutti i parametri nutrizionali, offrendo un prodotto saporito ma ipocalorico e con grassi vegetali, come l’ olio di girasole e di cocco. Non mancano gli aminoacidi, vitamine e zuccheri, e il fondamentale eme, un complesso chimico con interessanti quantitativi di ferro, rintracciabile in tutti gli organismi viventi e il cui sapore è identico a quello della carne, presente nell’impossible pork nella stessa quantità contenuta nella carne proveniente da allevamenti suini.

Le ricerche per trovare sostituti della carne di origine vegetale nascono dalla necessità di diminuire l’impatto ambientale devastante degli allevamenti intensivi. La carne di maiale è quella più consumata al mondo, con il primato della Cina, che la preferisce a quella di manzo. Il Dipartimento dell’agricoltura degli Stati Uniti d’America ha condotto uno studio sul consumo annuo di carne suina che tocca il 41,1%. Non trascurabile la piaga della peste suina in Cina che ha portato all’abbattimento di circa 200 milioni di maiali, dando l’ennesima prova della fragilità degli allevamenti intensivi, oltre l’insostenibilità a livello ambientale. A causa della peste suina, i prezzi della carne di maiale, in Cina, hanno avuto un aumento vertiginoso pari al 100% in un arco di tempo ridotto di qualche mese, che ha reso impossibile l’accesso al prodotto per una grande fetta della popolazione cinese.

Pat Brown, amministratore delegato di Impossibile Foods, a proposito dell’incidenza sull’ambiente degli allevamenti intensivi, ha sostenuto:

L’uso degli animali nella produzione alimentare è di gran lunga la tecnologia più distruttiva sulla terra, e la nostra missione è l’ultima possibilità di salvare il pianeta dalla catastrofe ambientale. Non vinciamo niente se un vegano o un vegetariano comprano i nostri hamburger. Più ti piace la carne, più sei il nostro cliente ideale. Vogliamo accaparrarci una porzione a due cifre del mercato delle carni bovine entro cinque anni, quindi potremo spingere quell’industria, che è fragile e ha margini bassi, in una spirale mortale. Dopodiché indicheremo l’industria della carne di maiale e del pollo dicendo ‘Sei tu il prossimo!’e loro falliranno ancora più velocemente“.

Nonostante gli intenti bellicosi di Brown, vegano dal 1976, i produttori di carne non sembrano preoccupati e ritengono impossibile fare sparire l’industria della carne, sia essa di maiale o di pollo. Non rimane che aspettare e vedere a chi il tempo darà ragione.

Potrebbe interessarti...

Scienze

Vaccino HPV monodose: ecco perché è altamente funzionante

Windows 11

Media Player da oggi avrà un restyling su Windows 11

Apple Podcasts

Apple gioca e vince contro i colossi del gaming

Scienze

Sars cov 2: cosa succede se i bambini si ammalano a lungo di covid?

Makalu 67

Makalu 67 di Mountain: il primo mouse con PixArt PMW3370

Scienze

Trapianto di rene da maiale a uomo: cosa comporta?

Pensi che i prodotti proteici di origine vegetale andranno a sostituire completamente quelli di origine animale? Dicci la tua nei commenti.

Sottoscrivi
Notificami
guest
1 Comment
più votati
più nuovi più vecchi
Inline Feedbacks
Guarda tutti i commenti
Ester
Voto iCrewers :
     

Proteine vegetali tutta la vita.

Teufel CAGE

22 ottobre, 2021

Tronsmart Studio

14 settembre, 2021

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
1+