Disturbo bipolare, prolina

Una dieta ricca di prolina può stimolare lo sviluppo della depressione

Un'equipe di scienziati dell'Istituto di ricerca biomedica di Girona (IDIBGI) e dell'Università Pompeu Fabra (UPF) di Barcellona, ​​in Spagna ha dimostrato in una recente ricerca che alti tassi di prolina sono associati alla depressione. I risultati dello studio sono stati pubblicati sulla rivista scientifica Cell Metabolism

Naviga tra i contenuti

Una dieta ricca dell’aminoacido prolina può stimolare una maggiore tendenza a sviluppare la depressione. A dichiararlo in un recente studio, sono gli scienziati dell’Istituto di ricerca biomedica di Girona (IDIBGI) e dell’Università Pompeu Fabra (UPF) di Barcellona, ​​in Spagna che hanno individuato in questo aminoacido ragione di depressione nelle cavie da laboratorio.

Prolina
Astratto grafico. Credito: Cell Metabolism (2022). DOI: 10.1016/j.cmet.2022.04.001

I risultati della ricerca sono stati pubblicati sulla rivista scientifica Cell Metabolism.

Ecco qual è il ruolo della prolina nello sviluppo della depressione

La ricerca è stata capitanata dal Dr. José Manuel Fernández-Real e dal Dr. Jordi Mayneris-Perxachs, del gruppo di ricerca su Nutrizione, Eumetabolismo e Salute dell’IDIBGI e CIBEROBN, e dal Dr. Rafael Maldonado, del gruppo di ricerca Neuropharmacology-Neurophar al Università Pompeu Fabra e annessa all’Istituto di ricerca medica dell’Hospital de la Mar (IMIM).

Disturbo bipolare, prolina

Per poter ottenere questa informazione che riguarda un amminoacido, è stato studiato attentamente il tipo e il numero di amminoacidi presenti nella dieta dei pazienti esaminati, i quali hanno anche compilato un questionario per misurare il loro stato d’animo depressivo.

 “Siamo rimasti sorpresi dal fatto che ciò che era maggiormente associato alla depressione , valutato attraverso questo questionario, fosse il consumo di prolina“, ha dichiarato il dottor Fernández-Real, dell’IDIBGI, e anche capo della sezione di endocrinologia dell’ospedale Dr. Josep Trueta di Girona e direttore del Dipartimento di Scienze Mediche dell’Università di Girona. A conferma di questo, quando è stata valutata la metabolomica plasmatica, la concentrazione dell’aminoacido è emersa come uno dei metaboliti maggiormente associati agli indicatori di depressione.

È importante sottolineare che non tutti i partecipanti allo studio che hanno dichiarato di assumere a dosi elevate la prolina, hanno detto di sentirsi più depressi. Durante lo studio del loro microbiota intestinale, è stata studiata attentamente anche una relazione tra depressione e batteri, nonché tra depressione e geni batterici associati al metabolismo dell’aminoacido.

Pertanto, è stato dichiarato che i livelli dell’aminoacido circolanti dipendevano dal microbiota: “Il microbiota dei pazienti con elevato consumo di prolina ma bassi livelli plasmatici di prolina era simile al microbiota associato a bassi livelli di depressione ed era arricchito di geni batterici coinvolti nel trasporto e nel metabolismo dell”aminoacido”, ha spiegato il Dottor Mayneris-Perxachs, un Miguel Servet ricercatore presso l’IDIBGI.

Nuovo trattamento per la depressione, prolina

Per sapere se la presenza di prolina fosse una causa o una conseguenza dell’umore depressivo, il microbiota dei partecipanti è stato trapiantato nei topi. I roditori che sono diventati più depressi avevano ricevuto il microbiota dei partecipanti con alta concentrazione dell’aminoacido o soggetti più depressi. Nel cervello di questi topi sono stati trovati anche diversi geni associati al trasporto della prolina: “La possibilità di trasferire il fenotipo della depressione dall’uomo ai topi attraverso il trapianto di microbiota e la dimostrazione che tale trapianto genera alterazioni nel trasporto della prolina rivela che questa prolina può essere associata causalmente alla depressione“, ha specificato il Dottor Maldonado, dell’UPF.

Un altro esperimento di conferma è stato effettuato utilizzando moscerini della frutta (Drosophila melanogaster), ai quali si può indurre un umore più depressivo. I ricercatori hanno isolato due tipi di batteri dal microbiota associato al consumo di prolina e li hanno aggiunti al mangime sterilizzato delle mosche. Le mosche che hanno ingerito cibo con Lactobacillus, che nei topi era associato a una minore depressione, sono state più in grado di superare le difficoltà che hanno dovuto affrontare in seguito. Al contrario, coloro che hanno ingerito Enterobacter, che è associato alla depressione negli esseri umani, erano molto più depressi.

Infine, lo stesso esperimento è stato eseguito su mosche geneticamente modificate per eliminare i canali che portano la prolina al cervello. In questo caso, l’aminoacido non è riuscito a raggiungere il cervello e le mosche si sono rivelate altamente resistenti alla depressione.

Questi risultati dimostrano l’importanza della prolina e la sua influenza sull’umore depressivo delle persone, che finora non era stato preso in considerazione”, ha evidenziato il dottor Fernández-Real. Lo studio ha aperto anche la strada a nuovi studi per trovare possibili trattamenti dietetici per la depressione.

Gli alimenti che contengono prolina sono brodo fatto con osso di animale, polvere di collagene, gelatina e altri alimenti ad alto contenuto proteico come fegato, manzo, pollo allevato a terra, pesce selvatico e tuorli d’uovo.

LSD e Psilocibina, prolina

La prolina è un aminoacido non condizionale, il che significa che il corpo ne produce un po’ da solo mentre il resto viene introdotto attraverso cibi ricchi di proteine.  Le funzioni di questo aminoacido includono la riparazione dei danni alla pelle, il supporto del sistema immunitario, la guarigione delle articolazioni, il miglioramento dello stato antiossidante, il miglioramento della salute intestinale e l’assorbimento dei nutrienti, il supporto del metabolismo e la protezione del sistema cardiovascolare.

Uno dei ruoli più importanti della prolina include la formazione del collagene, la proteina più abbondante nel corpo umano che conferisce struttura e forza al tessuto connettivo.

Da queste informazioni si può dedurre che si tratta di un aminoacido molto importante per la salute dell’organismo, però è importante sottolineare che la ricerca scientifica sopra esposta non raccomanda di privarsene e dichiara che la correlazione con la depressione si rintraccia in alti tassi di prolina nella dieta dei soggetti osservati.

Disturbo bipolare, AKAP11, prolina

Infine è importante ricordare che questo articolo ha puro scopo informativo e non ha nessuna intenzione di sostituire il lavoro di validi specialisti né di raccomandare determinati percorsi dietetici. Se sei interessato a saperne di più , parlane con tuo medico di fiducia che saprà indicarti le strategie migliori per la tua salute e una buona qualità della vita.

Cosa ne pensi di questa importante rivelazione? Ritieni che un determinato tipo di alimentazione possa influire sulla depressione? Parlacene nei commenti.

Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Guarda tutti i commenti
0
in iCrewPlay diamo spazio al tuo pensiero! Commenta!x
()
x
Condividi su facebook
CONDIVIDI