twitter

Twitter: la libertà di parola secondo Elon Musk

Su Twitter la libertà di parola è in pericolo, ed i governi stanno ancora plasmando ciò che la gente dice online

Giovedì mattina, Elon Musk si è offerto di acquistare Twitter per salvare la libertà di parola. “Ho investito in Twitter perché credo nel suo potenziale per essere la piattaforma per la libertà di parola in tutto il mondo, e credo che la libertà di parola sia un imperativo sociale per una democrazia funzionante”, ha scritto il miliardario di Tesla e SpaceX, che ha recentemente acquisito una quota del 9,2% di partecipazione a Twitter in un deposito.

“Tuttavia, da quando ho effettuato il mio investimento, ora mi rendo conto che l’azienda non prospererà né servirà questo imperativo sociale nella sua forma attuale. Twitter ha bisogno di essere trasformato in una società privata”.

Non è chiaro come andrà a finire questa mossa, ma c’è anche una domanda più fondamentale: cosa pensa Elon Musk sia la libertà di parola e chi la sta minacciando? La libertà di espressione è una pietra miliare di una società aperta e, con i governi di tutto il mondo che osservano repressioni sulle piattaforme Internet, c’è una complicata interazione tra diverse visioni di ciò che dovrebbe essere consentito online.

Ma nonostante la sua ampia dichiarazione, l’occhio di Musk sembra quasi interamente concentrato sulla questione molto più piccola delle regole interne di Twitter. Nel 2011, l’ex CEO di Twitter Dick Costolo ha affermato che Twitter apparteneva “all’ala della libertà di parola del partito della libertà di parola”, una frase che è stata invocata da allora dai critici delle chiamate alla moderazione della piattaforma.

Nel contesto di quell’epoca, le controversie sulla libertà di parola riguardavano principalmente le relazioni di Twitter con i governi. La piattaforma si stava guadagnando consensi per aver permesso agli attivisti di organizzarsi sotto la minaccia della repressione politica in Egitto e in altri paesi. Costolo si vantava della sua lotta con il governo degli Stati Uniti sui dati dell’account relativi a WikiLeaks, che era sotto inchiesta dopo aver fatto trapelare cablogrammi diplomatici.

“Il rischio di civiltà diminuisce quanto più possiamo aumentare la fiducia di Twitter”

In un’intervista TED con Chris Anderson giovedì, le preoccupazioni di Musk erano più nebulose e si rivolgevano quasi interamente a Twitter stesso. Musk non ha mostrato molto appetito per combattere le restrizioni vocali globali, osservando che “secondo me, Twitter dovrebbe essere conforme alle leggi del paese”.

Invece, ha sollevato lo spettro dei tweet “misteriosamente promossi e retrocessi” dall’algoritmo di smistamento di Twitter, che secondo Musk dovrebbe essere reso pubblico. (L’ex CEO di Twitter Jack Dorsey ha anche immaginato una versione con raccomandazioni algoritmiche più trasparenti.)

“È davvero importante che le persone abbiano la realtà e la percezione di essere in grado di parlare liberamente entro i limiti della legge”, ha detto Musk ad Anderson. “Penso che in generale, il rischio di civiltà sia diminuito più possiamo aumentare la fiducia di Twitter come piattaforma pubblica”.

Musk rifletteva un presupposto comune secondo cui Twitter è una “piazza cittadina” che è diventata l’arbitro principale di ciò che le persone possono dire. Ma i governi di tutto il mondo hanno ancora voce in capitolo su ciò che viene detto e come. Negli anni successivi al commento di Costolo, le leggi sul discorso online sono proliferate.

Diversi paesi hanno approvato regole sulle “notizie false” che (in teoria) dovrebbero reprimere la diffusione di informazioni false online e alcuni hanno minacciato di vietare le piattaforme che non rispettano. Le norme europee sulla privacy hanno istituito un “diritto all’oblio” che richiede alle piattaforme di rimuovere le informazioni imbarazzanti pubblicate online in determinate circostanze.

L’India ha implementato un rigoroso regime legale per le società di social media, richiedendo agli uffici locali di nominare collegamenti con il governo e, a un certo punto, fare irruzione negli uffici di Twitter.

“Twitter è tutt’altro che l’ultima parola su ciò che la gente dice online”

Twitter e leggi convergenti

twitter

Anche all’interno degli Stati Uniti, che hanno alcune delle leggi sulla libertà di parola più permissive del mondo, i moderatori di Twitter non sono l’unico potere al lavoro. La piattaforma ha alcuni degli standard più flessibili sui contenuti per adulti per un importante social network, ma la legge FOSTA-SESTA del 2018 minaccia le protezioni legali delle aziende se consentono contenuti relativi al lavoro sessuale.

La legge sul copyright degli Stati Uniti gode di un’eccezione significativa alle normali regole che proteggono le piattaforme dalla responsabilità legale, il che ha spinto Twitter a fare cose come rimuovere le battute rubate. Il modo in cui aziende come Twitter interpretano questo tipo di regole ha un enorme effetto sui mezzi di sussistenza e sulle libertà creative degli utenti.

Le grandi piattaforme tecnologiche non rispondono solo alle leggi negli Stati Uniti; svolgono anche un ruolo nella lobby per nuovi. Jack Dorsey è apparso davanti al Congresso più volte durante il suo incarico di CEO, durante il quale gli è stato chiesto informazioni su come i legislatori dovrebbero cambiare la Sezione 230, uno dei pilastri centrali del discorso online.

Musk non ha indicato quale ruolo potrebbe svolgere un Twitter privato di recente in questi dibattiti e non è chiaro che sia interessato. Inoltre, non sappiamo come la versione di Twitter di Musk si comporterebbe con altri gatekeeper digitali. Se Apple gli chiedesse di interrompere l’accesso ai contenuti NSFW (not safe for work) tramite la sua app iOS, ad esempio, cosa che ha spinto Discord e altri servizi a fare, Twitter se ne starebbe con le mani in mano?

Lungi dall’essere meglio attrezzati per proteggere la libertà di parola, un Twitter di proprietà di Musk potrebbe trovarsi in una posizione più debole di uno di proprietà pubblica. Il coinvolgimento di Musk in numerosi altri settori, comprese le telecomunicazioni con Starlink, i viaggi nello spazio con SpaceX e le automobili con Tesla, darebbe alle autorità di regolamentazione e ai politici un ulteriore vantaggio per fare pressione su Twitter.

Questo tipo di leva è già stata un’arma potente contro aziende fortemente integrate verticalmente come Apple, che ha rispettato la censura cinese e le richieste di sorveglianza per evitare di perdere l’accesso a un enorme mercato per il suo hardware. Le attività di Musk hanno la ruga in più di coinvolgere spesso contratti e sussidi governativi, il tipo di accordo che una lotta di moderazione di alto profilo potrebbe mettere a rischio.

“Un Twitter di proprietà di Musk potrebbe anche essere più vulnerabile alle pressioni del governo

La posizione del discorso di Twitter non è mai stata così assolutista come suggeriva il commento di Costolo. Anche mentre lui e altri dipendenti stavano ancora usando la frase, hanno rispettato le regole sull’incitamento all’odio francese e tedesco “tenendo nascosti” i post neonazisti o antisemiti in quei paesi.

La società ha promesso che stava cercando di applicare le regole “in modo ristretto e trasparente”, ma “dobbiamo rispettare le leggi dei paesi in cui operiamo”, ha riconosciuto Costolo dopo che un tribunale francese gli ha ordinato di bloccare i tweet pieni di odio. Se vuoi realizzare un profitto come azienda globale, c’è un limite al numero di leggi che puoi costantemente ignorare: c’è un motivo per cui molti strumenti per eludere la censura sono open source e non commerciali.

Ma Costolo ha almeno riconosciuto che Twitter si stava impegnando con un mondo molto più grande. La mia collega Liz Lopatto, nel frattempo, ha giustamente inquadrato i piani di acquisizione di Musk come un virtuoso troll di Twitter che cerca di dominare il suo giocattolo preferito. E c’è solo un nemico che un troll teme davvero: i moderatori.

Che ne pensi della libertà di parola su Twitter e sui social in generale? Facci sapere nei commenti

Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Guarda tutti i commenti
0
in iCrewPlay diamo spazio al tuo pensiero! Commenta!x
()
x
Condividi su facebook
CONDIVIDI