Tumori benigni: analisi del sangue rivelano quando diventano maligni

Gli individui con una condizione ereditaria nota come neurofibromatosi di tipo 1, o NF1, spesso sviluppano tumori benigni che crescono lungo i nervi e possono trasformarsi in maligni o cancerosi. Gli scienziati del Centro per la ricerca sul cancro del National Cancer Institute (NCI), parte del National Institutes of Health, e della Washington University School of Medicine di St. Louis hanno sviluppato un esame del sangue che potrebbe un giorno offrire un'analisi altamente sensibile con un costo economico per individuare precocemente il cancro nelle persone con NF1

Gli individui con una condizione ereditaria nota come neurofibromatosi di tipo 1, o NF1, spesso sviluppano tumori  benigni che crescono lungo i nervi. Questi tumori a volte possono trasformarsi in tumori aggressivi, ma non c’è stato un buon modo per determinare se questa trasformazione in cancro sia avvenuta.

Tumori benigni

I ricercatori del Centro per la ricerca sul cancro del National Cancer Institute (NCI), parte del National Institutes of Health, e della Washington University School of Medicine di St. Louis hanno sviluppato un esame del sangue che potrebbe un giorno offrire un’analisi altamente sensibile con un costo economico per individuare precocemente il cancro nelle persone con NF1. L’analisi del sangue potrebbe anche aiutare la comunità scientifica a monitorare quanto bene i pazienti stanno rispondendo al trattamento per il loro cancro.

I risultati della ricerca sono stati pubblicati sulla rivista scientifica PLOS Medicine.

Tumori benigni: ecco cosa dice la ricerca

La NF1 è la sindrome di predisposizione al cancro più comune, che colpisce 1 persona su 3.000 in tutto il mondo. La condizione, causata da una mutazione in un gene chiamato NF1, viene quasi sempre diagnosticata durante l’infanzia. Circa la metà delle persone con NF1 svilupperà tumori grandi ma benigni sui nervi, chiamati neurofibromi plessiformi.

Tumori benigni

Fino al 15% delle persone con neurofibromi plessiformi, questi tumori benigni si trasformano in una forma aggressiva di cancro nota come tumore maligno della guaina del nervo periferico o MPNST. I pazienti con MPNST hanno una prognosi sfavorevole perché il cancro può diffondersi rapidamente e spesso diventa resistente sia alla chemioterapia che alle radiazioni. Tra le persone con diagnosi di MPNST, l’80% muore entro cinque anni.

“Immagina di attraversare la vita con una sindrome di predisposizione al cancro come NF1. È una specie di bomba ad orologeria”, ha dichiarato il coautore dello studio Jack F. Shern, MD, uno studioso di ricerca clinica Lasker nel Pediatric Oncology Branch dell’NCI.

I medici attualmente utilizzano scansioni di immagini (risonanza magnetica o scansione PET) o biopsie per determinare se i neurofibromi plessiformi si sono trasformati in MPNST. Tuttavia, i risultati della biopsia non sono sempre accurati e la procedura può essere estremamente dolorosa per i pazienti perché i tumori crescono lungo i nervi. I test di imaging, nel frattempo, sono costosi e possono anche essere imprecisi.

Quello che non abbiamo in questo momento è uno strumento che ci aiuti a determinare se all’interno di quel grande e ingombrante neurofibroma plessiforme benigno, qualcosa di brutto sta cuocendo e si sta trasformando in un MPNST”, ha detto il dott. Shern. “Quindi abbiamo pensato: ‘E se sviluppassimo un semplice esame del sangue in cui invece di una risonanza magnetica completa o di una scansione PET di fantasia, potessimo semplicemente prelevare una provetta di sangue e dire se il paziente ha o meno un MPNST da qualche parte?”

Nel tentativo di portare avanti questo obiettivo, il Dr. Shern  insieme ai suoi collaboratori dello studio Aadel A. Chaudhuri, MD, Ph.D., e Angela C. Hirbe, MD, Ph.D., della Washington University School of Medicine, hanno raccolto campioni di sangue di 23 persone con neurofibromi plessiformi, 14 pazienti con MPNST non ancora trattati e 16 persone sane senza NF1. La maggior parte dei partecipanti allo studio erano adolescenti e giovani adulti, la fascia di età in cui si sviluppa più spesso la MPNST. I ricercatori hanno isolato il DNA privo di cellule, ovvero il DNA versato dalle cellule nel sangue, dai campioni di sangue e hanno sfruttato la tecnologia di sequenziamento dell’intero genoma per cercare differenze nel materiale genetico tra i tre gruppi.

Il DNA privo di cellule nei pazienti con MPNST aveva diverse caratteristiche che lo distinguevano dal DNA degli altri due gruppi. Ad esempio, i pazienti con MPNST avevano pezzi di DNA libero da cellule più corti di quelli delle persone con neurofibromi plessiformi o senza NF1. Inoltre, la proporzione di DNA privo di cellule che proviene dai tumori – chiamata “frazione del tumore al plasma” – nei campioni di sangue era molto più alta nelle persone con MPNST rispetto a quelle con neurofibromi plessiformi. Insieme, queste differenze hanno permesso ai ricercatori di differenziare, con un’accuratezza dell’86%, tra i pazienti con neurofibromi plessiformi e quelli con MPNST.

Nei partecipanti allo studio con MPNST, anche la frazione del tumore plasmatico si è allineata con il modo in cui hanno risposto al trattamento. In altre parole, se la loro frazione tumorale plasmatica è diminuita dopo il trattamento, anche le dimensioni e il numero dei loro tumori (misurati mediante scansioni di immagini) sono diminuiti. Un aumento della frazione tumorale plasmatica è stato associato a recidiva metastatica.

“Puoi immaginare di trattare un paziente con un regime chemioterapico. Questo esame del sangue potrebbe consentirci facilmente e rapidamente di determinare se la malattia sta andando giù o forse sta addirittura scomparendo del tutto”, ha detto il dott. Shern. “E se tu avessi fatto un intervento chirurgico e preso un MPNST, e l’analisi del sangue fosse negativa, potresti usarlo per monitorare il paziente andando avanti per vedere se il tumore ritorna”.

Il Dr. Shern ha notato che una limitazione dello studio attuale è l’esiguo numero di volontari, anche se includeva persone con NF1 provenienti da due grandi ospedali. I ricercatori stanno studiando un planning per condurre uno studio più ampio con più pazienti. Il dottor Shern ha affermato che l’obiettivo del team è aumentare l’accuratezza dell’analisi del sangue dall’86% a un valore più vicino al 100%. Un approccio sarebbe quello di perfezionare l’analisi genetica per concentrarsi sui geni noti per essere coinvolti in MPNST.

Un esame del sangue semplice ed economico per rilevare precocemente l’MPNST nei pazienti con NF1 sarebbe particolarmente utile nei paesi in via di sviluppo e in altre aree povere di risorse, dove l’accesso alle attrezzature e alle competenze necessarie per eseguire l’imaging è limitato, ha affermato il dott. Shern.

Gli esami del sangue di questo tipo trovano applicazione anche nella diagnosi precoce e nel monitoraggio di pazienti con altre malattie genetiche predisponenti al cancro, come la neoplasia endocrina multipla, in cui i tumori benigni possono trasformarsi in cancerosi, o la sindrome di Li-Fraumeni, che aumenta il rischio di sviluppare diversi tipi di canceo .

Questa è l’occasione perfetta per applicare queste tecnologie in cui possiamo utilizzare un semplice esame del sangue per lo screening di una popolazione a rischio”, ha affermato il dott. Shern. “Se il test mostra qualcosa di anormale, è allora che sappiamo agire e andare alla ricerca di un tumore”.

Tumori benigni: uno studio identifica una cellula all’origine dei tumori nervosi

I ricercatori dell’UT Southwestern Medical Center hanno determinato il tipo specifico di cellula che dà origine da un tumore benigno a tumori grandi e deturpanti chiamati neurofibromi plessiformi, una scoperta che potrebbe portare a nuove terapie per prevenire la crescita di questo tipo di cancro.

Tumori benigni

Questo progresso fornisce nuove informazioni sui passaggi che portano allo sviluppo del tumore e suggerisce modi per sviluppare terapie per prevenire la formazione di neurofibromi dove oggi non ne esistono“, ha affermato il dott. Lu Le, assistente professore di dermatologia presso l’UT Southwestern.

I neurofibromi plessiformi, che sono tumori complessi che si formano intorno ai nervi, si verificano in pazienti con una malattia genetica chiamata neurofibromatosi di tipo 1 (NF1), che colpisce 1 persona su 3.500. Circa il 30% dei pazienti con NF1 sviluppa questo tipo di tumore, che è tipico dei tumori benigni.

I pazienti NF1 con neurofibromi plessiformi, tuttavia, hanno un rischio del 10% nel corso della vita che i tumori benigni si traducano in tumori maligni della guaina dei nervi periferici (MPNST), un tipo mortale e incurabile di cancro dei tessuti molli. Inoltre, a causa della loro insolita capacità di crescita, i neurofibromi plessiformi possono essere pericolosi per la vita a causa della loro compromissione fisica degli organi vitali o della funzione neurale.

Sebbene non ci siano terapie attualmente approvate per MPNST o neurofibromi plessiformi, il dott. Le ha affermato che determinare il tipo di cellula e la posizione da cui provengono questi tumori è un passo importante verso la scoperta di nuovi farmaci che inibiscono lo sviluppo del tumore.

Se siamo in grado di isolare e far crescere le cellule di origine dei neurofibromi, allora possiamo ricostruire i passaggi biologici che portano queste cellule originali allo stadio del tumore“, ha affermato il dott. Le, membro dell’Harold C. Simmons Cancer Center. “Una volta che conosciamo i passaggi critici del processo, possiamo progettare inibitori per bloccare ogni passaggio nel tentativo di prevenire o rallentare la formazione del tumore”.

Utilizzando un processo chiamato etichettatura genetica per il tracciamento del destino cellulare, i ricercatori hanno determinato che i neurofibromi plessiformi hanno origine dai precursori delle cellule di Schwann nelle radici nervose embrionali.

Questo studio affronta una domanda fondamentale nel campo della neurofibromatosi“, ha spiegato il dott. Le. “Evidenzia l’importanza delle cellule staminali e dei loro immediati progenitori nell’inizio dei tumori, coerentemente con l’idea che queste neoplasie abbiano origine in un sottoinsieme di precursori primitivi e che la maggior parte delle cellule di un organo non generi tumori”.

In uno studio correlato pubblicato l’anno scorso, il team di ricerca del Dr. Le ha scoperto che l’inibizione dell’azione di una proteina chiamata BRD4 ha causato la riduzione dei tumori in un modello murino di MPNST. UT Southwestern sta lavorando con un’azienda farmaceutica per introdurre un farmaco che inibisce la BRD4 negli studi clinici per i pazienti affetti da MPNST.

Sono necessari nuovi farmaci per trattare sia l’MPNST che i neurofibromi plessiformi, ha affermato il dott. Le, che è anche co-direttore della Comprehensive Neurofibromatosis Clinic di UT Southwestern. La clinica, co-diretta dalla dott.ssa Laura Klesse, assistente professore di pediatria e studiosa della famiglia Dedman in cure cliniche, fa parte dell’Harold C. Simmons Cancer Center e serve pazienti con tutti i tipi di neurofibromatosi ereditaria.

Ritieni affidabile un esame del sangue che potrebbe rivelare la trasformazione di tumori benigni in maligni? Se necessario e se fosse disponibile in Italia, saresti disposto a provare questa nuova forma di indagine diagnostica? Dicci la tua nei commenti.

Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Guarda tutti i commenti
0
in iCrewPlay diamo spazio al tuo pensiero! Commenta!x
()
x
Condividi su facebook
CONDIVIDI