Tubercolosi farmacoresistente

Tubercolosi: in carcere il rischio di contrarla aumenta 

Diversi studi ha dimostrato l'alta incidenza di tubercolosi tra la popolazione carceraria

La tubercolosi, la principale causa di morte dovuta a un singolo agente patogeno a livello globale, provoca oltre 1,5 milioni di morti ogni anno. Una nuova ricerca dell’Università di Cincinnati rileva che essere in prigione o essere un ex detenuto è responsabile di alti tassi di tbc multiresistente ai farmaci (MDR).

Tubercolosi farmacoresistente

“La tubercolosi è un enorme problema di salute pubblica a livello globale e ogni anno sono circa mezzo milione le persone a cui viene diagnosticata la MDR-TB”, afferma Moises Huaman, MD, della Divisione di malattie infettive presso l’UC College of Medicine. “La MDR-TB è difficile da trattare; questi pazienti possono richiedere trattamenti più lunghi e il rischio di fallimento del trattamento e di morte è più elevato.”

La MDR-TB è la tubercolosi causata da un ceppo di batteri resistente all’isoniazide e alla rifampicina, i due antibiotici fondamentali nel trattamento di prima linea della tbc.

La ricerca è una collaborazione tra l’UC, il Centro per la ricerca tecnologica, biomedica e ambientale (CITBM) in Perù, il Centro di ricerca Borstel in Germania e ricercatori in Brasile, Spagna e Italia. I ricercatori hanno cercato di identificare modelli di resistenza e fattori chiave della recente trasmissione della MDR-TB in un’area del Perù a prevalenza di tubercolosi.

Lo studio è stato pubblicato su The Lancet Regional Health—Americas.

Tubercolosi: la popolazione carceraria è più a rischio

“Eravamo interessati a capire come viene trasmessa la MDR-TB nei punti caldi di Lima/Callao, in Perù”, afferma Huaman, che è anche il direttore medico della clinica di controllo della tubercolosi della contea di Hamilton.

“Abbiamo studiato 171 ceppi di TBC dal 2017 al 2019 che sono stati processati a Callao. Tutti questi ceppi provenivano da pazienti con diagnosi di MDR-TB. Alcuni di questi ceppi provenivano da individui che erano in carcere. Abbiamo scoperto che la trasmissione della MDR-TB è molto comune nella zona. Uno dei principali fattori associati alla trasmissione della MDR-TB è il fatto di essere in carcere o di essere stato in carcere in precedenza.”

I ricercatori hanno identificato modelli di resistenza molecolare e definito trasmissioni recenti.

“La tubercolosi è una malattia in cui se un individuo è esposto ai batteri in prigione, questa persona potrebbe non ammalarsi fino a quando non sarà di nuovo nella comunità”, afferma Huaman. “Ciò dimostra che, anche se la trasmissione può avvenire nelle carceri, la MDR-TB e il potenziale di ulteriore diffusione vanno oltre i confini del carcere e si espandono nella comunità.

“La nostra ricerca identifica le carceri come il principale motore dell’epidemia di MDR-TB, e questo è importante perché in questo modo è possibile intervenire. È possibile pianificare strategie di screening e controllo della tubercolosi focalizzate sul carcere. Inoltre, disporre di sistemi attraverso i quali è possibile anche effettuare screening dopo che le persone saranno rilasciate dal carcere è importante.”

Huaman afferma che un secondo importante risultato della ricerca è che essa contraddice il pensiero tradizionale secondo cui l’epidemia di MDR-TB sarebbe stata causata principalmente da pazienti che non assumevano i farmaci come prescritto. Dice che la maggior parte dei casi inclusi nello studio erano il risultato della trasmissione primaria dei ceppi di MDR-TB, e una delle principali fonti di tale trasmissione erano le carceri.

Si spera, afferma Huaman, che ciò porti a interventi più mirati.

“Sono in corso sforzi per controllare la tubercolosi e penso che i nostri dati aiuteranno la comunità globale a fare un ulteriore passo avanti su quanto sia importante controllare l’epidemia di MDR-TB nelle carceri”, afferma.

“Il nostro gruppo e altri stanno esaminando quali siano gli interventi più convenienti per il controllo e l’eliminazione della tubercolosi. [Per] una malattia che collega condizioni socioeconomiche inferiori e popolazioni svantaggiate, [è fondamentale] essere in grado di mettere insieme interventi che siano sostenibili per queste popolazioni vulnerabili.”

Le persone detenute corrono un rischio allarmante di tubercolosi (TBC) e questo rischio persiste per anni dopo il loro rilascio, secondo uno studio condotto in Paraguay e guidato dall’Universidad Nacional de Asunción e dal Barcelona Institute for Global Health (ISGlobal).

I risultati, pubblicati su The Lancet Regional Health—Americas , richiedono misure urgenti ed efficaci di controllo della tubercolosi per proteggere la salute delle persone detenute e delle loro comunità.

È noto che le carceri sono ambienti ad alto rischio di trasmissione della tubercolosi e la prevalenza della tubercolosi nelle carceri supera di gran lunga quella nella comunità. “Tuttavia, ci sono informazioni limitate su come il rischio di tubercolosi progredisce nel tempo durante la detenzione e dopo il rilascio”, afferma Alberto García-Basteiro, capo del gruppo TB presso ISGlobal e autore senior dello studio.

Questo è importante perché le persone infette da Mycobacterium tuberculosis in carcere e che vengono rilasciate possono contribuire in modo significativo alla trasmissione della malattia all’interno della comunità.

Polmonite fungina, tubercolosi

Lo studio, condotto dal ricercatore ISGlobal Guillermo Sequera, è stato realizzato in Paraguay, dove l’incidenza della tubercolosi nel 2020 è stata di 48 casi ogni 100.000 persone nella comunità ma superiore a 3.000 casi ogni 100.000 persone nelle carceri. Questo è uno dei pochi studi che valutano il rischio di tubercolosi tra le persone private della libertà in carcere e dopo il rilascio, e quello con il follow-up più lungo.

Il gruppo di ricerca ha analizzato le segnalazioni di tubercolosi di quasi 3.000 uomini incarcerati e precedentemente incarcerati provenienti da cinque delle 18 carceri del Paraguay. “Le carceri selezionate sono le più grandi e le più antiche e dispongono di archivi digitali con dati di alta qualità che coprono un periodo di 11 anni, dal 2010 al 2021”, spiega Sequera, il primo autore dello studio. Gli autori hanno misurato i fattori di rischio associati alla tubercolosi durante la detenzione e dopo il rilascio, compreso il sovraffollamento carcerario, il tempo trascorso in carcere o la re-incarcerazione.

I risultati mostrano che, tra i 2.996 individui, a 451 (15%) è stata diagnosticata la tubercolosi. Il 58% di questi casi si è verificato in carcere e il 42% nella comunità dopo il rilascio. Il rischio di tubercolosi è già doppio dopo sei mesi di carcere e aumenta notevolmente con ogni anno trascorso in carcere: da 1.335 casi per 100.000 persone-anno nel primo anno a 8.455 dopo otto anni.

Non sorprende che maggiore è la densità di prigionieri per cella, maggiore è il rischio di sviluppare la malattia. Dopo il rilascio, l’incidenza della tubercolosi diminuisce ma rimane dieci volte superiore a quella della comunità.

“Il nostro studio mostra l’allarmante rischio di tubercolosi associato all’ambiente carcerario in Paraguay e come questo rischio persista per anni dopo la carcerazione”, afferma Sequera. “Sono urgentemente necessarie misure efficaci di controllo della tubercolosi per proteggere la salute delle persone durante e dopo la detenzione”. In effetti, si prevede che gli interventi di controllo efficaci nelle carceri (compresa la riduzione del sovraffollamento) avranno un impatto notevole sul peso della tubercolosi a livello nazionale.

Nella prima valutazione globale della tubercolosi (TBC) tra i detenuti, un nuovo studio ha rilevato tassi di casi di tubercolosi costantemente elevati e un basso rilevamento di casi nelle carceri, suggerendo la necessità che le organizzazioni sanitarie aumentino gli sforzi per ridurre la diffusione della tbc tra questi gruppi ad alto rischio. popolazione.

Secondo un nuovo studio condotto dalla Boston University School of Public Health (BUSPH), nel 2019 le persone incarcerate in tutto il mondo hanno sviluppato la tubercolosi a un tasso quasi 10 volte superiore a quello della popolazione generale.

Pubblicato su The Lancet Public Health , lo studio ha rilevato che 125.105 degli 11 milioni di persone incarcerate in tutto il mondo hanno sviluppato la tubercolosi nel 2019, un tasso di 1.148 casi ogni 100.000 persone all’anno.

Nonostante questo tasso elevato, quasi la metà dei casi di tubercolosi tra i detenuti non è stata rilevata.

I risultati rivelano le prime stime globali e regionali di nuovi casi di tubercolosi tra le persone incarcerate, una popolazione ad alto rischio di sviluppare questa malattia mortale. Nel complesso, l’elevato tasso di casi e la scarsa individuazione sottolineano la necessità di maggiore consapevolezza e risorse per ridurre il peso della tubercolosi nelle carceri e in altri ambienti ad alto rischio.

“Il nostro studio ha dimostrato che solo il 53% delle persone che sviluppano la tubercolosi nelle carceri viene diagnosticata, il che suggerisce che le persone incarcerate sono trascurate e hanno servizi sanitari minimi per diagnosticare la tubercolosi”, afferma il responsabile dello studio e autore corrispondente, il dottor Leonardo Martinez, assistente professore di epidemiologia al BUSPH.

Per comprendere meglio i tassi di tubercolosi tra questa popolazione, il dottor Martinez e colleghi hanno acquisito dati da ricerche pubblicate e da funzionari federali dei paesi per analizzare la prevalenza e l’incidenza della tubercolosi in 193 paesi a livello nazionale, regionale e globale tra il 2000 e il 2019. Il team ha inoltre calcolato i tassi di rilevamento dei casi di tubercolosi all’anno in ciascun paese per 193 paesi.

La regione africana ha registrato il tasso più alto di nuovi casi di tubercolosi nel 2019, con 2.242 casi ogni 100.000 persone all’anno, ma la regione delle Americhe, in gran parte guidata dall’America centrale e meridionale, ha registrato il maggior numero di casi totali, che da allora sono aumentati di quasi il 90%. 2000. I paesi con il maggior numero di nuovi casi nelle carceri nel 2019 sono stati Brasile, Russia, Cina, Filippine e Tailandia.

È importante sottolineare che il team ha scoperto che i nuovi tassi di casi di tbc sono rimasti costantemente tra 1.100 e 1.200 casi ogni 100.000 persone all’anno dal 2012 al 2019.

Polmonite, tubercolosi

“Questa stagnazione suggerisce che l’attuale politica di controllo della tbc nelle carceri è insufficiente per ridurre il peso della tbc e che sono necessari interventi supplementari e attuazione delle politiche”, afferma il dottor C. Robert Horsburgh, professore di salute globale al BUSPH.

L’incarcerazione di massa è uno dei principali fattori di trasmissione della tbc, sia all’interno che all’esterno delle carceri. Il sovraffollamento, dove alcune celle della prigione possono contenere fino a 30 persone, fa sì che la tbc “si diffonda a macchia d’olio”, dice il dottor Martinez, e questa trasmissione può diffondersi facilmente nella comunità.

“Contrariamente alla credenza popolare, le persone incarcerate sono una popolazione mobile e, in molti paesi, la durata della detenzione è molto breve”, afferma. “Le persone vanno in prigione, poi escono, poi possono rientrare di nuovo. Quindi, molto spesso, le persone che sviluppano la tbc in carcere finiscono per trasmettere la malattia a molte persone fuori dal carcere una volta rilasciate. Poiché quasi la metà delle persone con La tbc nelle carceri non viene diagnosticata, molti rimangono ancora contagiosi quando rientrano nella comunità generale.”

Il team spera che questi risultati incoraggino le organizzazioni sanitarie globali e regionali a sviluppare un monitoraggio di routine della tbc tra le persone incarcerate, come fanno per altre popolazioni ad alto rischio come le persone con HIV e i contatti familiari.

I ricercatori affermano che la loro raccolta completa di notifiche di casi di tbc – che hanno recuperato direttamente da funzionari federali, organizzazioni nazionali e regionali e organizzazioni non governative – è una chiara indicazione che le informazioni sulla tubercolosi nelle carceri sono accessibili e recuperabili da organizzazioni globali come come Organizzazione Mondiale della Sanità.

Polmonite, tubercolosi

Il team sta attualmente lavorando con diverse organizzazioni sanitarie per tentare di aggiornare le linee guida globali su come gestire e ridurre la tbc nelle carceri, poiché le linee guida più recenti sono state scritte nel 2000.

“Uno dei motivi per cui questa popolazione è così trascurata è la mancanza di dati”, afferma il dott. Martinez. “La nostra speranza è che questi risultati possano aiutare le parti interessate a comprendere l’urgenza del problema e il numero di persone nelle carceri che sviluppano la tbc e rimangono non diagnosticate per lunghi periodi di tempo e possano spronarli ad agire”.

Cosa ne pensi di questo studio? Vorresti avere più informazioni al riguardo? Parlacene nei commenti.

Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Guarda tutti i commenti
0
in iCrewPlay diamo spazio al tuo pensiero! Commenta!x
()
x
Condividi su facebook
CONDIVIDI