Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram

TRPM7: la proteina che impedisce alle cellule tumorali di diffondersi nel flusso sanguigno

La funzione della proteina TRPM7 è quella di impedire alle cellule tumorali di diffondersi attraverso il sistema vascolare: La proteina infatti rileva il flusso del fluido nel sistema circolatorio e istruisce la cellula cancerosa ad invertire la direzione, inibendo così l'intravasazione e di conseguenza la possibilità per le cellule malate di stabilire nuove colonie nell'organismo umano

iCrewPlay è alla ricerca di redattori che si occupino della sezione di scienza e tecnologia: vuoi far parte di un gruppo dinamico e stimolante, recensire i prodotti in uscita e condividere le tue conoscenze con gli altri?

0 0 voto
Voto iCrewers

TRPM7 è la proteina recentemente scoperta dai ricercatori della Johns Hopkins University, che dovrebbe avere la funzione di impedire alle cellule tumorali di entrare nel flusso sanguigno e diffondersi in altre parti del corpo.

TRPM7
In condizioni statiche, le cellule entrano nei microcanali, mentre il 40-60% inverte la direzione quando il fluido scorre. Per gentile concessione della Johns Hopkins University. Credito: Johns Hopkins University

I risultati della ricerca sono stati pubblicati sulla rivista scientifica Science Advances.

TRPM7: ecco qual è la sua funzione

Kaustav Bera, Ph.D. della Johns Hopkins University. candidato in ingegneria chimica e biomolecolare e autore principale dello studio, che è stato condotto con i colleghi dell’Università dell’Alberta e dell’Universitat Pompeu Fabra, ha dichiarato: “Abbiamo scoperto che questa proteina, TRPM7, rileva la pressione del fluido che scorre nella circolazione e impedisce alle cellule di diffondersi attraverso il sistema vascolare”.

Abbiamo scoperto che le cellule tumorali metastatiche hanno livelli notevolmente ridotti di questa proteina sensore, ed è per questo che entrano in modo efficiente nella circolazione piuttosto che allontanarsi dal flusso del fluido “, ha aggiunto Bera.

Questa nuova ricerca ha permesso di far luce su una parte poco conosciuta della metastasi chiamata intravasazione, quando le cellule tumorali che si sono separate da un tumore primario entrano in circolo per viaggiare in altre parti del corpo e stabilire colonie. Il gruppo di esperti ha inoltre dimostrato che aumentare artificialmente l’espressione di TRPM7 nelle cellule tumorali può aiutare a fermare l’intravasazione e, in definitiva, la metastasi.

Altre ricerche avevano già evidenziato come TRPM7 ha la funzione di regolare il calcio nelle cellule, ma secondo i ricercatori della Hopkins, questa nuova visione del suo ruolo nella migrazione cellulare è promettente: “Il processo è simile a ciò che accade quando tocchi un bollitore caldo, senti che è caldo e rimuovi la mano”, ha spiegato l’autore senior dello studio Konstantinos Konstantopoulos, professore di ingegneria chimica e biomolecolare e membro del Johns Hopkins Kimmel Cancer Center.

“In condizioni statiche, le cellule si insinuano nei microcanali, mentre il 40-60% inverte la direzione quando il fluido scorre. 
La proteina rileva il flusso del fluido nel sistema circolatorio e istruisce la cellula a invertire la direzione, inibendo così l’intravasazione”, ha continuato Konstantopoulos.

In genere, le cellule del corpo umano, come le cellule muscolari, le cellule adipose e le cellule epiteliali, rimangono contenute nelle rispettive regioni. La principale eccezione sono le cellule del sangue, che pattugliano il corpo combattendo gli agenti patogeni. Le cellule cancerose invece hanno mutazioni che permettono loro di viaggiare e diffondersi.

È a questo punto della diffusione che il cancro diventa molto più pericoloso. “A molte persone verrà diagnosticato un tumore primario, ma finché questo tumore è contenuto, una procedura chirurgica può salvare la persona”, ha affermato Christopher Yankaskas, autore principale ed ex membro del laboratorio di Konstantopoulos che ora è uno scienziato presso Thermo Fisher. Scientifico.

Per il loro esperimento iniziale, i ricercatori hanno osservato cellule di fibroblasti sane che si muovevano attraverso microcanali disposti perpendicolarmente in una configurazione a scala in cui il fluido poteva essere controllato. Quando queste cellule hanno incontrato canali in cui il fluido si muoveva, hanno invertito la loro direzione in risposta allo sforzo di taglio esercitato dal flusso. Tuttavia, quando le cellule hanno incontrato canali in cui il fluido non si muoveva, sono entrate in essi.

I ricercatori hanno quindi utilizzato un processo noto come interferenza dell’RNA per impedire alle cellule di esprimere TRPM7. Quello che hanno osservato è stato sorprendente: quando questa proteina sensore è stata disabilitata, le cellule sane non hanno più invertito la direzione in risposta al flusso. “Immagina di sollevare il bollitore con un guanto da forno, che riduce la tua sensibilità al calore“, ha detto Konstantopoulos.

In esperimenti successivi i ricercatori hanno scoperto che le cellule normali avevano livelli più elevati di TRPM7 rispetto alle cellule del sarcoma (un tipo di cellule tumorali cancerose) e che l’espressione artificiale della proteina nelle cellule tumorali aumentava la loro sensibilità al flusso del fluido. (2)

TRPM7
La sovraespressione della proteina TRPM7 nelle cellule tumorali riduce notevolmente l’ingresso nei vasi sanguigni. Credito: Johns Hopkins University

Quando le cellule normali invertono la loro direzione di migrazione, evitano l’esposizione allo stress da taglio, ma questo non è il caso delle cellule tumorali, ha spiegato Konstantopoulos. “Le cellule tumorali sono meno sensibili, ed è per questo che continuano a entrare nel sistema circolatorio”.

L’obiettivo era vedere se potevamo prendere queste cellule cancerose e farle comportare come cellule normali “, ha detto Bera. “E siamo riusciti a farlo.” Un’analisi separata dei dati dei pazienti umani ha mostrato che quelli con osteosarcoma, cancro al seno, allo stomaco e al fegato che esprimevano alti livelli di TRPM7 avevano maggiori probabilità di vivere più a lungo rispetto a quelli con livelli più bassi della proteina.

Saranno necessarie ulteriori ricerche, ma gli studiosi sperano che i risultati possano portare a nuove terapie contro il cancro utilizzando l’attivazione di CRISPR, un entusiasmante strumento emergente di modifica del DNA.

Avremo bisogno di ulteriori sviluppi prima di poterlo portare in ambito clinico, ma crediamo di fornire, per la prima volta, un quadro definitivo del ruolo di TRPM7 in una fase cruciale della metastasi tumorale“, ha concluso Konstantopoulos.

Potrebbe interessarti...

Scienze

Vaccino HPV monodose: ecco perché è altamente funzionante

Windows 11

Media Player da oggi avrà un restyling su Windows 11

Apple Podcasts

Apple gioca e vince contro i colossi del gaming

Scienze

Sars cov 2: cosa succede se i bambini si ammalano a lungo di covid?

Makalu 67

Makalu 67 di Mountain: il primo mouse con PixArt PMW3370

Scienze

Trapianto di rene da maiale a uomo: cosa comporta?

Cosa ne pensi della nuova scoperta della funzione della proteina TRPM7? Condividi l’entusiasmo dei ricercatori della Johns Hopkins University? Parlacene nel commenti.

Sottoscrivi
Notificami
guest
2 Commenti
più votati
più nuovi più vecchi
Inline Feedbacks
Guarda tutti i commenti
Eduardo Pastore

La mia domanda è: fra quanto tempo i pazienti malati potranno usufruire di terapie basate sulla tecnica della proteina TRPM7?

Dénise

Caro Eduardo, ci auguriamo ed auguriamo a tutti il prima possibile. Per questa ragione, dobbiamo sostenere la ricerca. Un caro saluto.

Teufel CAGE

22 ottobre, 2021

Tronsmart Studio

14 settembre, 2021

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
0