trapianto

Trapianto renale senza immunosoppressori: è possibile

Un team ha sviluppato una nuova tecnica che ha permesso il trapianto renale in tre bambini senza bisogno di soppressione immunitaria. I risultati della ricerca sono stati pubblicati sulla rivista scientifica New England Journal of Medicine

Un team di scienziati ha dichiarato di avere eseguito il trapianto renale in tre bambini senza che si debba ricorrere alla soppressione immunitaria. È risaputo infatti che nonostante la donazione degli organi e i conseguenti trapianti salvino la vita di molte persone, si tratta di un procedimento che porta con sé alcuni vincoli come i trattamenti farmacologici immunosoppressori necessari per tenere sotto controllo il sistema immunitario, da assumere per tutta la vita, per evitare che avvenga il rigetto dell’organo trapiantato.

trapianto, trapianto di rene

I risultati della nuova tecnica di trapianto renale è stato pubblicato sulla rivista scientifica New England Journal of Medicine.

Trapianto renale senza sopressione immunitaria: ecco in cosa consiste

Gli scienziati hanno spiegato che grazie ad una nuova strategia, il trapianto renale è libero dagli immunosoppressori e dagli effetti collaterali associati, che non sono sempre piacevoli (e comportano un aumentato rischio di cancro e diabete). La nuova tecnica riduce anche la possibilità che sia necessario un secondo trapianto a causa del rigetto del primo: “È possibile liberare in modo sicuro i pazienti dall’immunosoppressione permanente dopo un trapiantorenale“, ha dichiarato Alice Bertania, Professoressa associata di pediatria presso la Stanford University in California.

Trapianto renale

L’innovativa tecnica funziona trapiantando in sicurezza il sistema immunitario del donatore nel paziente tramite le cellule staminali del midollo osseo, prima che anche il rene si attivi: doppio trapianto di organi immunitari/solidi o DISOT. Questo è stato provato in precedenza, ma con un successo limitato. Qui è stato innestato un processo aggiuntivo: i ricercatori hanno eseguito una deplezione dei linfociti T alfa-beta e dei linfociti B CD19, il che significava rimuovere i tipi di cellule immunitarie che causano la malattia del trapianto contro l’ospite o GVHD, una complicanza potenzialmente letale che è stata a rischio di svilupparsi quando tecniche simili sono state utilizzate in passato.

Con una minaccia ridotta di GVHD, il processo è risultato molto più sicuro. La rimozione delle cellule T alfa-beta è relativamente “delicata”, il che la rende adatta a bambini vulnerabili dal punto di vista medico e consente trapianti geneticamente abbinati a metà (da un genitore). Le cellule rimosse si riprendono naturalmente nel paziente in 60-90 giorni, rafforzando nuovamente il sistema immunitario.

Sono state apportate altre modifiche nell’esecuzione del trapianto renale, inclusa una riduzione della tossicità della chemioterapia e della radioterapia richiesta prima del trapianto. Tuttavia, è necessario un lavoro di preparazione piuttosto estenuante per mettere fuori combattimento il sistema immunitario del paziente e preparare il corpo a ricevere un nuovo organo.

I tre bambini che hanno ricevuto il trapianto renale in questo modo, hanno una malattia genetica estremamente rara chiamata displasia immuno-ossea di Schimke (SIOD), che limita la capacità del corpo di combattere le infezioni e può portare a insufficienza renale.

Trapianto renale

Questa straordinaria esperienza sottolinea il potenziale del trapianto combinato o sequenziale di cellule staminali ematopoietiche e del trapianto renale per correggere i disturbi dell’emopoiesi e dell’immunodeficienza e per indurre la tolleranza dell’allotrapianto renale“, hanno dichiarato Thomas Spitzer e David Sachs del Massachusetts General Hospital: “SIOD è una malattia rara che coinvolge l’immunodeficienza, che ha indubbiamente contribuito al raggiungimento del successo dell’attecchimento del trapianto da donatore”.

Sebbene la SIOD e tutte le sue complicazioni rimangano qualcosa con cui i bambini devono fare i conti, ora sono tutti i proprietari di reni che funzionano come dovrebbero. I trapianti hanno avuto successo per almeno 22 e 34 mesi, hanno spiegato i ricercatori: “Si trattava di pazienti unici in cui abbiamo dovuto eseguire il trapianto di cellule staminali e un trapianto di rene“, ha affermato Bertania: “Stanno facendo di tutto: vanno a scuola, vanno in vacanza, fanno sport. Stanno vivendo una vita del tutto normale”.

I prossimi passi sono espandere il numero di pazienti e il numero di condizioni per cui ciò potrebbe funzionare, poiché per ora è stato dimostrato solo nei pazienti con SIOD, rendendoli particolarmente adatti alla procedura.

Di particolare interesse per il team di ricerca sono i pazienti che hanno già subito un trapianto renale rigettato dal loro organismo. Questo purtroppo accade in più della metà dei casi nei bambini, portando a sistemi immunitari ipersensibili che molto probabilmente non accetterebbero un secondo rene attraverso una normale procedura di trapianto.

Trapianto renale

I bambini saranno i primi a beneficiarne, poi i ricercatori lavoreranno fino all’età più avanzata. Alla fine, la tecnica potrebbe anche essere adattata per coprire i trapianti di organi diversi dai reni, ma ci vorrà del tempo: “Questa è una sfida, ma non impossibile”, ha concluso Bertania.

Cosa ne pensi di questo importante risultato sui trapianti? Ti dà speranza per il futuro? Parlacene nei commenti.

Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Guarda tutti i commenti
0
in iCrewPlay diamo spazio al tuo pensiero! Commenta!x
()
x
Condividi su facebook
CONDIVIDI