TOS, terapia ormonale sostitutiva

TOS: sembrerebbe esserci una relazione con la depressione

In realtà c'è un po' di confusione per quanto riguarda uno studio che sembrava mettere in relazione la TOS e la depressione, ma andiamo a vedere cosa dice effettivamente questo studio

Un numero crescente di donne si rivolge alla terapia ormonale sostitutiva (TOS) per alleviare i sintomi dolorosi della menopausa, tra cui vampate di calore, debolezza della vescica, secchezza vaginale, dolori articolari, nebbia cerebrale, disturbi del sonno, ansia e depressione; per molte donne, la TOS può aiutare a gestire i sintomi e ridurre al minimo le interruzioni della vita quotidiana, e solo negli ultimi cinque anni in Inghilterra le prescrizioni mensili di TOS sono più che raddoppiate, e parte di questo aumento è dovuto alla continua ricerca sui benefici di vasta portata della TOS e alle campagne di sensibilizzazione da parte di specialisti della menopausa e celebrità come Davina McCall.

TOS, terapia ormonale sostitutiva

Mentre la ricerca sulla TOS continua, è comprensibile che le donne possano essere preoccupate quando vedono studi o titoli che mostrano potenziali danni derivanti dall’uso di questo tipo di terapia ormonale; proprio sui possibili effetti collaterali si basa un recente studio danese che ha mostrato un legame tra l’uso della terapia ormonale sostitutiva e la depressione. Molti media che hanno riferito di questi risultati inizialmente hanno suggerito che la terapia ormonale sostitutiva “rende depresse le donne”, mentre invece lo studio, che era dato come quello che potrebbe aver identificato un’associazione tra TOS e depressione, in realtà non ha dimostrato che l’assunzione di TOS rendesse le donne depresse.

I dettagli dello studio sulla correlazione tra TOS e depressione

Si trattava di un ampio studio, che ha preso in esame 825.238 donne che avevano 45 anni all’inizio e le ha seguite per circa dieci anni. I dati sul tipo di terapia ormonale sostitutiva che le donne hanno assunto e se in seguito è stata loro diagnosticata la depressione erano disponibili dai registri nazionali danesi, con l’obiettivo principale dello studio che era quello di esaminare se esistesse un aumento del rischio di aver diagnosticata uno stato depressivo dopo aver iniziato la TOS.

I risultati mostrano che tra le donne che hanno ricevuto una terapia ormonale sostitutiva localmente (come crema vaginale, pessario o impianto nell’utero), non hanno avuto un aumento di rischio aumentato di essere diagnosticate con uno stadio di depressione, ed in effetti i ricercatori hanno scoperto che per le donne di età compresa tra 54 e 56 anni, la terapia ormonale sostitutiva locale era associata a un ridotto rischio di diagnosi di depressione.

Tuttavia, le donne che assumevano una terapia ormonale sostitutiva per via sistemica (tramite pillole o attraverso la pelle usando un cerotto) avevano maggiori probabilità di essere diagnosticate con uno stato depressivo, soprattutto tra i 48 ei 50 anni, rispetto alle donne che non erano in terapia ormonale sostitutiva, con anche la diagnosi di depressione che è risultata più probabile nell’anno successivo all’inizio del trattamento, per poi andare a diminuire nel tempo.

TOS, terapia ormonale sostitutiva

Dobbiamo concludere che la terapia ormonale sostitutiva aumenta il rischio di depressione? In breve, no. Questo perché principalmente si trattava di uno studio osservazionale e i ricercatori non avevano dati sui sintomi o sui motivi delle donne per iniziare la terapia ormonale sostitutiva, ciò significa che non possiamo escludere se alcune donne potrebbero aver avuto una depressione non diagnosticata prima di iniziare la terapia ormonale sostitutiva.

Le donne possono anche essere più vulnerabili alla depressione negli anni precedenti e subito dopo l’inizio della menopausa, questo potrebbe potenzialmente spiegare perché le donne avevano maggiori probabilità di essere diagnosticate con depressione non molto tempo dopo l’inizio della terapia ormonale sostitutiva, e non si può escludere che le donne che hanno iniziato a usare pillole o cerotti per la terapia ormonale sostitutiva, lo abbiano fatto a causa dei sintomi più gravi della menopausa, e questo potrebbe spiegare perché questo gruppo aveva maggiori probabilità di ricevere una successiva diagnosi di depressione.

Allo stesso modo, la TOS locale viene solitamente somministrata solo per i sintomi genito-urinari come la secchezza vaginale e non per le donne che soffrono di altri sintomi della menopausa come la depressione, ed in questo caso potrebbe spiegare perché le donne nel gruppo TOS locale avevano nel complesso meno probabilità di essere diagnosticate con depressione.

In linea con le prove e le raccomandazioni attuali, la terapia ormonale sostitutiva dovrebbe ancora essere offerta a donne altrimenti sane durante la perimenopausa o la postmenopausa precoce, con sintomi da moderati a gravi, poiché i benefici superano i rischi in questa fascia di età, mentre invece la terapia cognitivo comportamentale, è consigliata anche per la gestione della depressione durante la menopausa, ed infine le donne con depressione più grave, dovrebbero essere inviate per una valutazione formale della salute mentale.

TOS, terapia ormonale sostitutiva

Un’attenta segnalazione degli studi scientifici è importante, poiché la copertura e i titoli imprecisi o fuorvianti possono portare a anni di paura e sfiducia. Ad esempio, l’uso della terapia ormonale sostitutiva è diminuito fino all’80% nel 2002, quando uno studio ha collegato la terapia ormonale sostitutiva con cancro al seno e malattie cardiache, e sebbene questo studio sia ora considerato imperfetto -e da allora altri studi hanno dimostrato che la terapia ormonale sostitutiva è effettivamente benefica per la salute cardiometabolica delle donne- la paura creata dalla copertura mediatica ha lasciato un’eredità di ansia e confusione che persiste ancora oggi intorno alla terapia ormonale sostitutiva.

I media che hanno erroneamente suggerito che la terapia ormonale sostitutiva provoca depressione nella loro copertura iniziale dello studio, potrebbero aver inavvertitamente rimandato alcune donne dall’usare la terapia ormonale sostitutiva, il che significa che potrebbero perderne i benefici.

Questo è il motivo per cui è così importante sottolineare che lo studio non ha dimostrato che la terapia ormonale sostitutiva causa depressione, anche perché alcuni studi hanno dimostrato che la terapia ormonale sostitutiva potrebbe migliorare e persino prevenire i sintomi della depressione nelle donne durante la menopausa, tuttavia sono necessari studi futuri e più ampi per confermare questi potenziali benefici della terapia ormonale sostitutiva per la depressione.

Se sei attratto dalla scienza o dalla tecnologiacontinua a seguirci, così da non perderti le ultime novità e news da tutto il mondo!

E tu cosa ne pensi della TOS? Ne avevi mai sentito parlare prima? È una soluzione alla quale potresti far fronte, oppure no? Parliamone qui sotto nei commenti.

Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Guarda tutti i commenti
0
in iCrewPlay diamo spazio al tuo pensiero! Commenta!x
()
x
Condividi su facebook
CONDIVIDI