Terapia ormonale

Terapia ormonale e contraccettivi orali aumentano il rischio di ictus 

I ricercatori dell'Università di Uppsala hanno dimostrato, in una recente ricerca il legame tra terapia ormonale sostitutiva, contraccettivi orali e rischio aumentato di incorrere in un ictus durante il primo anno di terapia. I risultati dello studio sono stati pubblicati sulla rivista scientifica Stroke

Una nuova ricerca sviluppata dagli studiosi
dell’Università di Uppsala ha evidenziato che i contraccettivi orali e la terapia ormonale in menopausa aumentano il rischio di ictus. L’aumento del rischio è maggiore durante il primo anno di trattamento e poi diminuisce. Lo studio si è basato sui dati di oltre un quarto di milione di donne del database UK Biobank.

Terapia ormonale

I risultati della ricerca sono stati pubblicati sulla rivista scientifica Stroke.

Terapia ormonale in menopausa e contraccettivi orali legati all’ictus: ecco perché

Le donne che hanno iniziato a prendere contraccettivi orali avevano il doppio del rischio di avere un ictus, ma solo durante il primo anno di utilizzo. Se hanno continuato a prendere contraccettivi orali, il rischio è diminuito e dopo più di un anno di utilizzo, non abbiamo più riscontrato alcun aumento del rischio“, ha dichiarato Therese Johansson del Dipartimento di Immunologia, Genetica e Patologia dell’Università di Uppsala e uno dei ricercatori principali dello studio.

Terapia ormonale sostitutiva

In tutto il mondo, l’ictus è la seconda causa più comune di disabilità e morte prematura, che equivale all’11% del numero totale di decessi ogni anno. L’ ictus è causato da un alterato flusso sanguigno al cervello, sia a causa di un blocco causato da un coagulo di sangue, un infarto cerebrale, sia a causa di un’emorragia cerebrale.

I cosiddetti ormoni esogeni contenenti estrogeni possono essere assunti come contraccettivi orali per proteggere da gravidanze indesiderate o come terapia ormonale durante la menopausa per compensare la perdita di estrogeni che si verifica in quel momento. La terapia ormonale aiuta a ridurre molti sintomi della menopausa, tra cui vampate di calore, secchezza vaginale e sbalzi d’umore.

È stato dimostrato che gli estrogeni hanno un effetto protettivo sulla salute vascolare, ma sono anche associati a un aumentato rischio di coaguli di sangue. Nello studio in questione, che si è basato sui dati del database biomedico britannico UK Biobank, i ricercatori hanno confrontato l’incidenza di ictus, nonché i sottotipi specifici, infarto cerebrale ed emorragia cerebrale, tra le donne che hanno assunto ormoni esogeni e quelle che non l’hanno fatto.

All’età in cui di solito le donne iniziano a prendere i contraccettivi orali, pochissime sperimentano un ictus. La differenza nel rischio per tutta la vita tra chi ha assunto contraccettivi orali e chi non lo ha fatto è quindi piccola, anche se c’è un aumento del rischio a breve termine “, ha aggiunto Therese Johansson.

La terapia ormonale è stata precedentemente collegata a un aumento del rischio di ictus se assunta diversi anni dopo la menopausa. È stato anche valutato che invece possa proteggere  dall’ictus se assunta prima o subito dopo la menopausa.
Terapia ormonale sostitutiva

Abbiamo riscontrato un aumento del rischio di entrambe le versioni di ictus, infarto cerebrale ed emorragia cerebrale, nel primo anno di terapia ormonale, e il rischio di infarto cerebrale è rimasto elevato dopo il primo anno. A differenza di quanto dimostrato da ricerche precedenti, abbiamo riscontrato un aumento del rischio di ictus tra le donne che hanno iniziato la terapia ormonale già prima della menopausa“, ha affermato Åsa Johansson, uno degli autori dello studio.

Ma abbiamo anche potuto vedere che le donne che non avevano avuto la terapia ormonale avevano anche un aumentato rischio di ictus all’inizio della menopausa, mentre quelle che erano state curate non avevano un aumento del rischio di ictus quando hanno iniziato la menopausa“, ha aggiunto Åsa Johansson.

È importante sottolineare che la maggior parte delle donne tollera bene gli ormoni esogeni e può beneficiare dei loro effetti positivi. I contraccettivi orali consentono alle donne di prevenire gravidanze non pianificate e possono anche prevenire molte malattie che colpiscono le donne, tra cui il cancro ovarico e il cancro dell’endometrio“, è intervenuta Therese Johansson.

La terapia ormonale può migliorare considerevolmente la qualità della vita alleviando i sintomi della menopausa e può anche prevenire l’osteoporosi.Tuttavia, alcune donne hanno un rischio maggiore di ictus con l’uso di ormoni esogeni e i nostri risultati possono consentire a donne e medici di prendere decisioni più fondate su quali donne dovrebbero usare gli ormoni“, ha concluso la Johansson.

Un occhio di riguardo merita la menopausa precoce, prima dei 40 anni, che in questo periodo della vita può causare un aumento del rischio di ictus dovuto ai vasi sanguigni ostruiti. Tuttavia, per ogni anno di ritardo della menopausa, il rischio di ictus è diminuito del 2%.

Terapia ormonale sostitutiva

Alcune ricerche che le donne che entrano in menopausa in età precoce hanno un rischio più elevato di malattie cardiache in generale. Ma la ricerca ha prodotto risultati contrastanti sulla relazione tra l’ictus e l’età in cui è iniziata la menopausa. La ricerca ha studiato attentamente i dati di 16.244 donne in postmenopausa, di età compresa tra 26 e 70 anni, nei Paesi Bassi.

Dopo aver seguito le donne per circa 15 anni e aver adattato vari fattori, i ricercatori hanno scoperto che le donne la cui menopausa si è verificata prima dei 40 anni avevano un rischio 1,5 volte maggiore di ictus ischemico rispetto alle donne che l’hanno sperimentato tra i 50 ei 54 anni. I ricercatori hanno anche scoperto un rischio di ictus inferiore del 2% per ogni anno in cui la menopausa è stata ritardata.

Il rischio tra la menopausa precoce e l’ictus è limitato all’ictus ischemico, che è causato da un blocco dei vasi, e non all’ictus emorragico, che si verifica quando un vaso indebolito si rompe. Lo studio ha anche scoperto che il legame tra l’età alla menopausa e l’ictus è più forte per le donne che hanno sperimentato la menopausa naturale rispetto a quelle che hanno sperimentato la menopausa dopo l’intervento chirurgico per rimuovere le ovaie.

“È della massima importanza per tutte le donne cercare di raggiungere una salute cardiovascolare ottimale prima e dopo la menopausa, ma è ancora più importante per le donne in menopausa precoce“, ha affermato la Dottoressa Yvonne van der Schouw, coautrice dello studio e Professoressa di epidemiologia delle malattie croniche presso l’Università di Utrecht nei Paesi Bassi.

I risultati indicano la necessità di una nuova ricerca sul legame tra menopausa precoce e rischio di ictus”, ha affermato van der Schouw, aggiungendo che ulteriori studi “Potrebbero eventualmente portare a nuovi percorsi ancora sconosciuti e nuovi indizi per misure preventive”.

Il team di ricercatori ha già studiato come le terapie ormonali sostitutive nella menopausa precoce potrebbero migliorare la salute cardiovascolare. Secondo una dichiarazione scientifica dell’AHA pubblicata lo scorso anno sulla sua rivista Circulation, alcune terapie ormonali sostitutive hanno benefici cardiovascolari, riducono il rischio di diabete di tipo 2 e proteggono dalla perdita ossea.

Terapia ormonale sostitutiva

Un numero crescente di ricerche sta anche esaminando l’impatto degli estrogeni sulla salute del cervello di una donna. Uno studio del 2019 sulla rivista Menopause ha scoperto che somministrare estrogeni alle donne in anticipo, entro i primi cinque anni dalla menopausa, potrebbe proteggere dal declino cognitivo. Ha anche mostrato che le donne esposte più a lungo agli estrogeni naturali a causa di periodi riproduttivi più lunghi hanno dimostrato una migliore funzione cognitiva più avanti nella vita.

Il Dottor Samar El Khoudary, che non è stato coinvolto nella nuova ricerca, ha affermato che lo studio è stato limitato dall’uso di dati che si sono basati sui questionari dei partecipanti per riportare i dettagli sulla menopausa. Tuttavia, ha dichiarato: “Questo studio e altri studi simili ci aiutano a renderci più consapevoli dei rischi legati alla menopausa quando si tratta di salute cardiovascolare”.

Secondo lo studioso, sono necessarie ulteriori ricerche che studino l’impatto della terapia ormonale sostitutiva sull’età in menopausa e ictus. “È il grande elefante nella stanza (dal momento che) le donne di mezza età usano la terapia ormonale per trattare i sintomi legati alla menopausa“, ha affermato El Khoudary, Professore associato di epidemiologia presso il Clinical and Translational Science Institute dell’Università di Pittsburgh.

Indipendentemente dal fatto che utilizzino o meno la terapia ormonale sostitutiva, le donne in menopausa devono informarsi sul rischio di ictus e su cosa possono fare per prevenirlo, ha spiegato El Khoudary: “Durante la mezza età, quando le donne passano alla menopausa, hanno bisogno di mantenere l’attività fisica, avere una dieta sano e un peso regolare, smettere di fumare e dormire a sufficienza. In questa fase, la riduzione del rischio diventa molto importante“, ha concluso El Khoudary.

Terapia ormonale sostitutiva

Si può concludere osservando che la terapia ormonale, a seconda del periodo in cui viene somministrata, ha un’incidenza maggiore o minore del rischio di incorrere in un ictus. Sta al medico di base e al ginecologo di fiducia indirizzare le donne verso la terapia più adatta alle circostanze. Naturalmente non bisogna trascurare uno stile di vita sano, fatto di un’alimentazione equilibrata e di attività fisica costante.

Fai uso di contraccettivi orali o di terapia ormonale sostitutiva? Dopo aver letto l’articolo, ne parlerai con il tuo medico? Parlacene nei commenti.

Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Guarda tutti i commenti
0
in iCrewPlay diamo spazio al tuo pensiero! Commenta!x
()
x
Condividi su facebook
CONDIVIDI