Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Ossitocina sintetica

Terapia iBASIS-VIPP: riduce la gravità dei sintomi nell’ASD

Una nuova terapia, focus di una ricerca pubblicata sulla rivista scientifica JAMA Pediatrics, se praticata sui bambini che mostrano i primi segni di autismo riduce la possibilità che il bambino soddisfi i criteri diagnostici per l'autismo a tre anni di età. Lo studio suggerisce che iniziare la terapia durante il primo anno di vita, quando il cervello e la mente si stanno sviluppando rapidamente, può dare benefici importanti

iCrewPlay è alla ricerca di redattori che si occupino della sezione di scienza e tecnologia: vuoi far parte di un gruppo dinamico e stimolante, recensire i prodotti in uscita e condividere le tue conoscenze con gli altri?

0 0 voto
Voto iCrewers

La terapia iBASIS-VIPP, sperimentata sui bambini che mostrano i primi segni di autismo riduce la possibilità che il bambino soddisfi i criteri diagnostici per l’autismo a tre anni di età. A dichiararlo sono  Andrew Whitehouse , ricercatore della University of Western Australia , e Jonathan Green , studioso della University of Manchester , e Kristelle Hudry , della Trobe University.

iBASIS-VIPP

La ricerca è stata pubblicata sulla rivista scientifica JAMA Pediatrics.

Terapia iBASIS-VIPP: perché iniziare la terapia i primi anni di vita

La terapia iBASIS-VIPP, somministrata durante i primi anni di vita del bambino, riduce la possibilità che il bambino soddisfi i criteri diagnostici per l’autismo a tre anni di età. Le terapie per i bambini con diagnosi di disturbo dello spettro autistico iniziano spesso dopo aver ricevuto una diagnosi appunto, che di solito non si verifica fino a quando il bambino non compie due anni.

I risultati dello studio suggeriscono invece che iniziare la terapia durante il primo anno di vita, quando il cervello e la mente si stanno sviluppando rapidamente, può dare benefici ancora maggiori. Infatti i bambini che hanno ricevuto la terapia a 12 mesi di età sono stati rivalutati all’età di tre anni. Avevano meno comportamenti di autismo, come difficoltà di comunicazione sociale e comportamenti ripetitivi, rispetto ai bambini che non hanno ricevuto la terapia.

iBASIS-VIPP

I bambini che hanno ricevuto la terapia avevano anche meno probabilità di soddisfare i criteri per una diagnosi complessiva di autismo al compimento dei tre anni di vita.

Come tutte le condizioni del neurosviluppo, l’autismo viene diagnosticato utilizzando criteri diagnostici “centrati sul deficit”. In buona sostanza, i bambini vengono valutati su ciò che non possono fare.

Il Manuale Diagnostico e Statistico è la guida autorevole che descrive i comportamenti utili per diagnosticare condizioni neuroevolutive e psichiatriche. Specifica che gli individui devono avere “deficit persistenti” nella comunicazione sociale e nell’interazione comportamentale per ricevere una diagnosi di spettro autistico. Si riconosce che ora un numero significativamente maggiore di bambini ha difficoltà nell’apprendimento della comunicazione sociale rispetto al passato. Questo ha portato ad un aumento del numero di bambini a cui è stato diagnosticato l’autismo, ad oggi stimato intorno al 2% della popolazione mondiale.

Queste difficoltà sociali e comunicative, un repertorio comportamentale ristretto e problemi sensoriali, possono presentare barriere significative alle relazioni, all’istruzione e all’occupazione man mano che maturano. Quindi ridurre queste problematiche può essere importante per aiutare gli individui con diagnosi di disturbo dello spettro autistico a crescere fino all’età adulta.

Lo scopo della terapia iBASIS-VIPP, è proprio quello di aiutare a supportare le abilità di comunicazione sociale nei primi anni di vita, con l’obiettivo di ridurre queste barriere a lungo termine. La terapia, chiamata iBASIS-VIPP, si basa sul programma Video Interaction for Positive Parenting (VIPP). Questo programma è stato adattato dafli esperti nel Regno Unito per supportare in modo specifico lo sviluppo della comunicazione sociale.

iBASIS-VIPP

La terapia è portata avanti dai genitori, il che significa che i genitori stessi e gli operatori sanitari, che sono le figure più importanti nella vita dei loro bambini, sono stati formati per poterla somministrare. iBASIS-VIPP utilizza il feedback video per aiutare i genitori a riconoscere i segnali di comunicazione del loro bambino in modo che possano rispondere in un modo che costruisca il loro sviluppo della comunicazione sociale.

I genitori vengono filmati mentre interagiscono con il loro bambino in situazioni quotidiane, come l’alimentazione e il gioco. Il terapeuta formato fornisce quindi una guida al genitore su come il loro bambino sta comunicando con loro e possono comunicare per avere buoni risultati inerenti alla comunicazione appunto.

Sappiamo che queste conversazioni diventano fondamentali per poter sostenere lo sviluppo precoce della comunicazione sociale e sono un precursore di abilità più complesse, come il linguaggio verbale. È importante chiarire che le interazioni genitore-bambino non sono in alcun modo la “causa” dell’autismo. I bambini nascono con vulnerabilità dello sviluppo, che altri studi ci dicono siano probabilmente di origine genetica.

La terapia iBASIS-VIPP si concentra sul supporto delle interazioni genitore-figlio come un modo per arricchire il loro ambiente sociale, creando opportunità di apprendimento per il bambino. E questo è adattato alle capacità uniche del bambino. La terapia adotta l’approccio secondo cui i bambini che  sviluppano in modo diverso sperimentano il mondo e apprendono abilità in modi diversi. Comprendendo le abilità e gli interessi unici di ogni bambino, diventa possibile sfruttare questi punti di forza come base per lo sviluppo futuro.

iBASIS-VIPP

Durante la ricerca, sono stati osservati 103 bambini a Perth e Melbourne che mostravano i primi segni comportamentali di autismo, come contatto visivo ridotto, imitazione o sorriso sociale. Cinquanta dei bambini sono stati randomizzati a ricevere la terapia iBASIS-VIPP per cinque mesi. Gli altri 53 bambini hanno ricevuto i consueti servizi che avrebbero ricevuto nella loro comunità locale, come le terapie sanitarie, il lavoro con psicologi, logopedisti e terapisti occupazionali.

Successivamente I bambini hanno ricevuto valutazioni dello sviluppo a circa 18 mesi di età, due anni e tre anni. Al compimento dei 3 anni di vita i bambini sono stati osservati da medici indipendenti che non sapevano quali terapie avessero ricevuto, e hanno rivalutato tutte le informazioni sullo sviluppo raccolte. Infine hanno determinato se i bambini soddisfacevano i criteri diagnostici per l’autismo.

La terapia iBASIS-VIPP è stata così efficace nel supportare i bambini nell’apprendimento delle abilità di comunicazione sociale che solo il 6,7% dei bambini ha soddisfatto i criteri diagnostici per l’autismo all’età di tre anni, rispetto al 20,5% dei bambini che non hanno ricevuto la terapia: si tratta di un’importante riduzione di due terzi.

Mentre la maggior parte dei bambini nello studio aveva ancora un certo livello di difficoltà di sviluppo, la terapia ha sostenuto lo sviluppo delle capacità di comunicazione sociale. Ciò significa che non soddisfacevano più i criteri per una diagnosi. La terapia iBASIS-VIPP ha portato ad una maggiore reattività dei genitori alla comunicazione unica del liBASIS-VIPPoro bambino. Ha anche migliorato lo sviluppo del linguaggio segnalato dai genitori, rispetto al gruppo di controllo.

Questa è la prima volta che una terapia “preventiva“, cioè una terapia fornita prima della diagnosi, ha mostrato un effetto sugli esiti diagnostici dell’autismo.

La terapia iBASIS-VIPP rappresenta un nuovo modo di fornire supporto ai bambini che mostrano difficoltà di sviluppo precoci.
Molte terapie per l’autismo cercano di migliorare lo sviluppo lavorando direttamente con i bambini per modellare comportamenti più “tipici“.

Al contrario, questa terapia non funziona direttamente con il bambino, ma con l’ambiente sociale intorno al bambino. Si adatta alle differenze uniche di ogni bambino e lo aiuta a imparare nel modo migliore per lui. Grazie a questa strategia, la terapia è stata in grado di supportare le capacità di comunicazione sociale e l’espressione comportamentale al punto che i bambini avevano meno probabilità di soddisfare i criteri diagnostici “centrati sul deficit” per l’autismo.

Questa scoperta fornisce una forte evidenza per un nuovo modello di come forniamo supporto clinico ai bambini con differenze di sviluppo: anziché aspettare una diagnosi per iniziare la terapia, in genere non prima dei due anni, dobbiamo identificare le differenze di sviluppo il prima possibile. Quindi abbiamo bisogno di fornire supporti per lo sviluppo che alimentino i punti di forza di ogni bambino.

Nella sua forma più elementare, questo è un cambiamento del supporto clinico da “aspetta e vedi” a “identifica e agisci“. La scoperta sottolinea anche l’importanza di fornire supporto ai bambini sulla base di difficoltà funzionali, invece che sulla presenza o assenza di una diagnosi. Questo approccio è coerente con il National Disability Insurance Scheme australiano .

Comprendendo chi è un bambino (i suoi punti di forza e le sue sfide) piuttosto che cosa è (un’etichetta diagnostica), possiamo fornire supporti terapeutici individualizzati che lo aiuteranno a raggiungere il suo pieno potenziale.

iBASIS-VIPP

Si stima che nel mondo circa un bambino su 160 abbia un ASD. Questa stima rappresenta una cifra media e la prevalenza riportata varia sostanzialmente tra gli studi. Alcuni studi ben controllati hanno, tuttavia, riportato cifre sostanzialmente più elevate. La prevalenza dell’ASD in molti paesi a basso e medio reddito è sconosciuta.

Le prove scientifiche disponibili suggeriscono che probabilmente ci sono molti fattori che indicano che un bambino abbia una diagnosi ASD, inclusi fattori ambientali e genetici.

I dati epidemiologici disponibili raccontano che non ci sono prove di un’associazione causale tra morbillo, parotite e vaccino contro la rosolia e ASD. Studi precedenti che suggerivano un nesso causale erano pieni di difetti metodologici.

Inoltre, non ci sono prove che suggeriscano che qualsiasi altro vaccino per l’infanzia possa aumentare il rischio di ASD. Le revisioni delle prove della potenziale associazione tra il tiomersale conservante e gli adiuvanti di alluminio contenuti nei vaccini inattivati ​​e il rischio di ASD hanno concluso con forza che i vaccini non aumentano il rischio di ASD.

Potrebbe interessarti...

Honor Magic 3

Honor Magic 3 Series: performance al top

Scienze

Cellule tumorali persistenti sono responsabili delle ricadute

Scienze

La psicologia ha lottato oltre 1 secolo per capire la mente

Minix Neo U22-XJ

Recensione Minix Neo U22-XJ con Minix Neo A3: il migliore TV Box?

Google

Read Along by Google: l’app che insegna a leggere e scrivere

Scienze

Rilevare terremoti utilizzando i cavi sottomarini di internet

Cosa ne pensi di questa nuova terapia? Se fosse disponibile in Italia, saresti disposto a provarla? Dicci la tua nei commenti

Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Guarda tutti i commenti
Tronsmart Studio

14 settembre, 2021

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
0