Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Supernova Requiem

Supernova Requiem: secondo gli astronomi la vedremo nel 2037

La supernova Requiem sarà nuovamente visibile tra circa venti anni grazie a un gigantesco ammasso di galassie che si comporta come una lente d'ingrandimento, ma di cosa si tratta esattamente?

iCrewPlay è alla ricerca di redattori che si occupino della sezione di scienza e tecnologia: vuoi far parte di un gruppo dinamico e stimolante, recensire i prodotti in uscita e condividere le tue conoscenze con gli altri?

0 0 voto
Voto iCrewers

Gli astronomi, secondo un recente studio, prevedono che la lontana supernova Requiem, precedentemente ripresa dal telescopio spaziale Hubble, sarà nuovamente visibile dalla Terra nel 2037.

Questa supernova è il risultato di un’esplosione stellare a circa 10 miliardi di anni luce di distanza ed è stata visibile dal leggendario osservatorio spaziale tre volte nel 2016, grazie a un fenomeno chiamato lente gravitazionale.

Supernova Requiem

La lente gravitazionale si verifica in prossimità di corpi celesti supermassicci che hanno la capacità di piegare e dividere la luce, ingrandendo e distorcendo le immagini degli oggetti dietro di loro. Nel caso della supernova Requiem, un gigantesco ammasso di galassie chiamato MACS J0138.0-2155, è servito da lente d’ingrandimento e ha rivelato l’esplosione stellare in tre diverse istantanee basate su tre diversi percorsi che la luce della supernova ha seguito attraverso l’ammasso.

La previsione che la supernova sarà di nuovo visibile (anche se non ad occhio nudo) si basa sulla modellazione al computer della distribuzione della materia all’interno dell’ammasso, che si trova a circa 4 miliardi di anni luce dalla Terra.

Questa visualizzazione finale della supernova sarà ritardata di oltre due decenni rispetto ai precedenti tre avvistamenti in quanto, la luce che trasporta l’ultima immagine, deve viaggiare attraverso la parte centrale dell’ammasso, che è anche la più densa a causa della concentrazione di materia oscura, questo secondo una nota di un team di ricercatori europei e americani.

Supernova Requiem

“Questo è l’ultimo ad arrivare perché è come un treno che deve scendere in fondo a una valle e risalire di nuovo”

Steve Rodney, astronomo dell’Università della Carolina del Sud e scienziato a capo della nuova ricerca che prevede il ritorno di Requiem , si legge nella nota.

“Questo è il tipo di viaggio più lento per la luce.”

Il primo incontro con la supernova Requiem

I tre precedenti avvistamenti sono stati scoperti per caso nel 2019 nei dati archiviati di Hubble tre anni dopo che l’osservatorio ha acquisito le immagini.

Gabe Brammer, astronomo dell’Università di Copenhagen in Danimarca, si è imbattuto per caso nella supernova Requiem mentre cercava galassie lontane sconosciute come parte di un programma di ricerca in corso chiamato REsolved QUIEscent Magnified Galaxies (REQUIEM), da cui deriva appunto il nome della supernova.

Supernova Requiem

All’inizio, ha individuato solo un piccolo punto nelle immagini del 2016 e ha pensato che fosse una galassia nascosta molto dietro l’enorme ammasso e resa visibile attraverso le lenti gravitazionali.

“A seguito di un’ulteriore ispezione dei dati del 2016, ho notato che in realtà c’erano tre oggetti ingranditi, due rossi e uno viola”

ha affermato Brammer, coautore della nuova ricerca, nella dichiarazione.

I tre piccoli punti di diversi livelli di luminosità sono stati dispersi in una forma ad arco attorno al nucleo dell’ammasso, Brammer ha quindi cercato gli oggetti in immagini più recenti ma, con sua sorpresa, non c’erano più.

“Immediatamente, mi ha suggerito che non era una galassia lontana, ma in realtà una fonte transitoria in questo sistema che era svanita dalla vista nelle immagini del 2019 come una lampadina che si era spenta”

L’esplosione di una supernova dura solo decine di secondi ed il brillante lampo di luce che crea svanisce rapidamente e scompare completamente entro un anno.

A un esame più attento delle immagini, gli scienziati hanno anche potuto vedere che i punti luminosi erano circondati da macchie polverose, probabilmente istantanee ingrandite della galassia ospite della supernova Requiem.

Rodney, Brammer e l’astronomo Johan Richard dell’Università di Lione in Francia, hanno lavorato insieme per analizzare ulteriormente l’evento e, sulla base delle tre osservazioni, hanno prodotto mappe della distribuzione della materia oscura nell’ammasso per capire come la sua gravità piega e distorce la luce.

Supernova Requiem

Oltre all’avvistamento del 2037, hanno calcolato che la supernova Requiem potrebbe essere di nuovo visibile nel 2042, ma quell’evento finale sarà probabilmente troppo debole per produrre osservazioni di valore.

Gli astronomi sperano che la nuova opportunità di osservazione li aiuti a raccogliere maggiori informazioni sul lontano ammasso e sulla distribuzione della misteriosa materia oscura al suo interno.

La materia oscura, che si ritiene costituisca la maggior parte di tutta la materia nell’universo, è responsabile della maggior parte delle forze gravitazionali nell’universo e quindi svolge un ruolo importante nella sua espansione.

“La scoperta [della supernova Requiem] è il terzo esempio di una supernova a immagini multiple per la quale possiamo effettivamente misurare il ritardo nei tempi di arrivo. È il più distante dei tre e il ritardo previsto è straordinariamente lungo.”

ha detto Rodney.

Individuare le supernove con lenti è diventato più facile negli ultimi 20 anni e lo diventerà ancora di più con l’arrivo in linea di telescopi a campo ampio sempre più potenti, come l’Osservatorio Vera C. Rubin in Cile o il telescopio spaziale romano Nancy Grace della NASA.

Se sei attratto dalla scienza continua a seguirci, così da non perderti le ultime novità e news da tutto il mondo!

Potrebbe interessarti...

Honor Magic 3

Honor Magic 3 Series: performance al top

Scienze

Cellule tumorali persistenti sono responsabili delle ricadute

Scienze

La psicologia ha lottato oltre 1 secolo per capire la mente

Minix Neo U22-XJ

Recensione Minix Neo U22-XJ con Minix Neo A3: il migliore TV Box?

Google

Read Along by Google: l’app che insegna a leggere e scrivere

Scienze

Rilevare terremoti utilizzando i cavi sottomarini di internet

Cosa ne pensi dei vari studi che si stanno svolgendo per vedere al meglio l’universo? Sarai in grado di vedere la supernova Requiem nel 2037? Parliamone qui sotto nei commenti!

Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Guarda tutti i commenti
Tronsmart Studio

14 settembre, 2021

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
0