Stylobates calcifer

Stylobates calcifer: la nuova anemone recentemente scoperta

Un recente studio ha fatto luce sull'esistenza di una nuova anemone, la Stylobates calcifer, inoltre si sarebbe fatta luce sulla sua importanza per la sopravvivenza di una specie di granchio eremita

Se sei una di quelle persone che “non possono vivere” senza un determinato accessorio, sappi che nel regno animale c’è un granchio eremita, il Pagurodofleinia doederleini, che letteralmente deve la sua sopravvivenza alla Stylobates calcifer, un’anemone nuova alla scienza, che lui indossa come cappello, questo secondo un recentissimo studio che ha fatto luce su questa strana e curiosa situazione.

Stylobates calcifer

La nuova specie di anemone, trovata sui fondali marini al largo del Giappone, è stata chiamata Stylobates calcifer in quanto ispirata al personaggio del castello errante di Howl dello Studio Ghibli, Calcifer, il demone del fuoco preferito da tutti.

“La capacità di fabbricare conchiglie della nuova specie nella relazione specie-specifica sembra che Calcifer avesse un contratto magico con il Mago Howl, costruendo il suo castello errante”

hanno spiegato gli autori dell’articolo pubblicato su The Biological Bulletin.

L’anemone era già conosciuto in Giappone e aveva un nome giapponese, l’anemone di mare Himekinkara, ma non era ancora stato riconosciuto accademicamente, mentre ora è ufficialmente nell’elenco dei granchi eremiti della scienza e ha un bel secondo nome per l’avvio.

Cosa si è scoperto sulla “nuova” anemone Stylobates calcifer

I crostacei con i cappelli sono stati un tema ricorrente nelle recenti notizie sugli animali, poiché gli scienziati hanno recentemente nominato una nuova specie di granchio assurdamente soffice che taglia le spugne di mare realizzando poi dei “berretti” che poi indossa.

A tal proposito gli scienziati pensano che i cappelli viventi proteggano questo tipo di crostacei dai predatori, e si ritiene che lo stesso effetto protettivo sia valido anche per i cappelli “più radicali” utilizzati dai granchi eremiti giapponesi.

Stylobates calcifer

Sempre secondo i recenti studi, si ritiene che la relazione tra i paguri e i loro cappelli realizzati con l’ausilio della Stylobates calcifer, rientra nella categoria della “simbiosi obbligata”, infatti i ricercatori ritengono che le due specie abbiano bisogno dell’altra per sopravvivere. L’urgenza si rifletteva certamente nel comportamento registrato di un granchio eremita che è stato filmato mentre pizzicava e massaggiava scrupolosamente il suo amato Stylobates calcifer finché non si staccava in modo da poterlo spostare sul loro nuovo guscio.

Anche un semplice trasloco come questo però potrebbe non essere privo di costi per i paguri, infatti gli Stylobates calcifer non sono stati sempre cooperativi; in un’osservazione, il granchio ha cercato di incoraggiare l’anemone a spostarsi in un nuovo guscio per 12 ore senza successo, e alla fine è dovuto tornare a quello vecchio.

Successivamente ha riprovato e ha avuto successo, ma il processo complessivo ha rappresentato 43 ore di lavoro da parte del paguro. Tanto lavoro, quindi, ma forse ne vale la pena considerando che oltre a sembrare fresco e giovane fino alla morte, i suoi sforzi hanno fatto si che sia protetto da parassiti e predatori.

Il cappello di anemone vivente trae due vantaggi dalla sua posizione elevata, in primo luogo dall’avere un posto decente da cui catturare deliziosi detriti oceanici che cadono, in secondo luogo, cavalcare sul tetto di quello che è essenzialmente il camper del granchio eremita significa che ha accesso, tutto l’anno, a zone di alimentazione fresca.

Stylobates calcifer

Curiosamente, alcuni paguri della specie sono stati visti senza anemoni, che i ricercatori suggeriscono potrebbe essere stato il risultato del crimine dei crostacei. La dipendenza dei paguri dai loro cappelli come mezzo di sopravvivenza può essere sufficiente per motivare il furto, tuttavia sono necessarie ulteriori ricerche per confermarlo.

Sebbene la ricerca sia limitata nelle dimensioni del campione, dimostra che i cappelli viventi sono una tendenza apparente tra i crostacei.

“A causa delle nostre limitate osservazioni dovute alle difficoltà nella raccolta dei campioni, abbiamo condotto tutte le osservazioni comportamentali su un singolo campione, tuttavia le nostre osservazioni comportamentali suggeriscono le notevoli relazioni simbiotiche nei mutualismi attiniari della FC nelle profondità marine.”

hanno spiegato gli autori.

Se sei attratto dalla scienza o dalla tecnologiacontinua a seguirci, così da non perderti le ultime novità e news da tutto il mondo!

E tu cosa ne pensi della Stylobates calcifer? Conosci altri tipi di forme di vita che vivono in simbiosi come in questo caso? Parliamone qui sotto nei commenti!

Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Guarda tutti i commenti
0
in iCrewPlay diamo spazio al tuo pensiero! Commenta!x
()
x
Condividi su facebook
CONDIVIDI