Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Steven Weinberg

Steven Weinberg muore a 88 anni, la fisica perde un titano

Steven Weinberg avanzò la teoria delle particelle e delle forze, come la mitologia ha i suoi titani anche la fisica, solo che ora ne abbiamo perso uno

iCrewPlay è alla ricerca di redattori che si occupino della sezione di scienza e tecnologia: vuoi far parte di un gruppo dinamico e stimolante, recensire i prodotti in uscita e condividere le tue conoscenze con gli altri?

0 0 voto
Voto iCrewers

Steven Weinberg è morto, all’età di 88 anni. È stato uno dei principali leader intellettuali in fisica durante la seconda metà del XX secolo, ed è rimasto una voce di primo piano, un collaboratore attivo e un insegnante durante i primi due decenni del XXI secolo.

Nelle liste dei grandi della sua epoca veniva sempre citato insieme a Richard Feynman, Murray Gell-Mann e…beh, proprio Feynman e Gell-Mann. Tra i suoi colleghi, Weinberg era una delle figure più rispettate di tutta la fisica o forse di tutta la scienza.

Trasudava intelligenza e dignità. Quando la notizia della sua morte si è diffusa su Twitter, altri fisici hanno espresso il loro rimorso per la perdita: “Uno degli scienziati più abili della nostra epoca”, hanno commentato, “un portavoce particolarmente eloquente della visione scientifica del mondo”. E ancora: “Uno dei migliori fisici che abbiamo avuto, uno dei migliori pensatori di qualsiasi tipo”.

Il premio Nobel di Weinberg, assegnato nel 1979, è stato per il suo ruolo nello sviluppo di una teoria che unisse l’elettromagnetismo e la forza nucleare debole. Quello fu un contributo essenziale a quello che divenne noto come il modello standard della fisica, un capolavoro di spiegazione di fenomeni radicati nella matematica che descrivono particelle e forze subatomiche.

È così efficace nello spiegare i risultati sperimentali che i fisici hanno perseguito a lungo ogni opportunità per trovare la minima deviazione, nella speranza di identificare una “nuova” fisica che approfondisca ulteriormente la comprensione umana della natura.

Steven Weinberg ha svolto un importante lavoro tecnico anche in altri ambiti della fisica e ha scritto diversi libri di testo autorevoli su argomenti come la relatività generale, la cosmologia e la teoria quantistica dei campi. Fu uno dei primi sostenitori della teoria delle superstringhe come percorso promettente nella continua ricerca per completare il modello standard unificandolo con la relatività generale, la teoria della gravità di Einstein.

All’inizio Weinberg ha anche realizzato il desiderio di comunicare in modo più ampio. Il suo libro popolare The First Three Minutes, pubblicato nel 1977, ha introdotto una generazione di fisici e appassionati di fisica al Big Bang, la nascita dell’universo e la scienza fondamentale alla base di quella metafora.

In seguito scrisse esami profondamente perspicaci sulla natura della scienza e sulla sua intersezione con la società. Ed è stato un collaboratore di lunga data di saggi premurosi in luoghi come la New York Review of Books.

Steven Weinberg: un vulcano di sapere

Steven Weinberg

Nel suo libro del 1992 Dreams of a Final Theory, Weinberg espresse la sua convinzione che la fisica fosse sul punto di trovare la vera spiegazione fondamentale della realtà, la “teoria finale” che avrebbe unificato tutta la fisica. Il progresso verso quell’obiettivo sembrava essere ostacolato dall’apparente incompatibilità della relatività generale con la meccanica quantistica, la matematica alla base del modello standard.

Ma in un’intervista del 1997, Steven Weinberg affermò che la difficoltà di combinare la relatività e la fisica quantistica in modo matematicamente coerente era un indizio importante. “Quando metti insieme i due, scopri che non c’è davvero molto gioco libero nelle leggi della natura”, ha detto. “Questo è stato un enorme aiuto per noi perché è una guida al tipo di teorie che potrebbero funzionare”.

Il tentativo di colmare il divario tra relatività e quantistica, credeva, “ci ha spinto a fare un enorme passo avanti verso la capacità di sviluppare teorie realistiche della natura sulla base di soli calcoli matematici e puro pensiero”.

L’esperimento doveva entrare in gioco, ovviamente, per verificare la validità delle intuizioni matematiche. Ma il modello standard funzionava così bene che trovare le deviazioni implicate dalla nuova fisica richiedeva una tecnologia sperimentale più potente di quella posseduta dai fisici.

“Dobbiamo raggiungere un livello completamente nuovo di competenza sperimentale prima di poter fare esperimenti che rivelano la verità al di sotto del modello standard, e questo sta richiedendo molto, molto tempo”, ha affermato. “Penso davvero che la fisica nello stile in cui viene fatta… alla fine raggiungerà una teoria finale, ma probabilmente non mentre ci sono io e molto probabilmente non mentre ci sarai tu.”

Aveva ragione sul fatto che non sarebbe stato in giro per vedere la teoria finale. E forse, come a volte ha riconosciuto, nessuno lo farà mai. Forse non è il potere sperimentale che manca, ma piuttosto il potere intellettuale. “Gli esseri umani potrebbero non essere abbastanza intelligenti da comprendere le leggi fondamentali della fisica”, ha scritto nel suo libro del 2015 To Explain the World, la storia della scienza fino ai tempi di Newton.

Weinberg ha studiato a fondo la storia della scienza, ha scritto libri e tenuto corsi su di essa. Spiegare il mondo mirava esplicitamente a valutare la scienza antica e medievale alla luce della conoscenza moderna. Per questo incorse nelle critiche degli storici e di altri che sostenevano di non aver compreso lo scopo della storia, che è quello di comprendere gli sforzi umani di un’epoca nei suoi stessi termini, non con il senno di poi anacronistico.

Ma Weinberg capì perfettamente il punto di vista degli storici, semplicemente non gli piaceva. Per Weinberg, la storia della scienza che era significativa per le persone di oggi, era come i primi passi verso la comprensione della natura, e di come si sia evoluta in un sistema infallibile per trovare spiegazioni corrette.

E ci sono voluti molti secoli, senza la prospettiva di dove siamo ora, credeva, e un apprezzamento delle lezioni che abbiamo imparato, “la storia di come siamo arrivati qui non ha senso”.

I futuri storici della scienza forse insisteranno nel valutare il lavoro di Weinberg alla luce degli standard del suo tempo. Ma anche se visti alla luce delle conoscenze future, non c’è dubbio che i successi di Steven Weinberg rimarranno nel regno dell’Erculeo, o del titanico.

Potrebbe interessarti...

Honor Magic 3

Honor Magic 3 Series: performance al top

Scienze

Cellule tumorali persistenti sono responsabili delle ricadute

Scienze

La psicologia ha lottato oltre 1 secolo per capire la mente

Minix Neo U22-XJ

Recensione Minix Neo U22-XJ con Minix Neo A3: il migliore TV Box?

Google

Read Along by Google: l’app che insegna a leggere e scrivere

Scienze

Rilevare terremoti utilizzando i cavi sottomarini di internet

Cosa ne pensi di questa notizia molto triste per il mondo della scienza? Faccelo sapere nei commenti.

Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Guarda tutti i commenti
Tronsmart Studio

14 settembre, 2021

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
0