Stanchezza emotiva

Stanchezza emotiva: cos’è e come si può affrontare

Raramente si sente parlare di stanchezza emotiva che, se trascurata, può portare al cronicizzarsi di diverse patologie fisiche e mentali

Quando lo stress inizia ad accumularsi a causa di eventi negativi o impegnativi nella vita che continuano ad arrivare, puoi trovarti in uno stato di sentirti emotivamente esausto e svuotato. Questa condizione viene definita stanchezza emotiva. Per la maggior parte delle persone, la stanchezza emotiva tende ad accumularsi lentamente nel tempo ed include sintomi emotivi, fisici e prestazionali.

Stanchezza emotiva

Stanchezza emotiva: come può essere curata

La stanchezza emotiva può essere trattata riconoscendo i fattori di stress che un soggetto è in grado di minimizzare o eliminare. Quando una persona non è in grado di cambiare un fattore di stress perché è fuori dal suo controllo, è importante concentrarsi sul momento presente. Nel presente si verificano molti eventi neutri o positivi. Quando ci si concentra su questi tipi di eventi, la persona emotivamente provata dà una prospettiva su ciò che sta accadendo intorno a te.

Stanchezza emotiva

Lo stress è spesso interpretato come una minaccia alla sopravvivenza. Quando ciò accade, aumenta il rilascio di ormoni dello stress dal cervello, contribuendo ulteriormente allo sviluppo della stanchezza emotiva. Quando si è in grado di concentrarsi su piccoli eventi neutri o positivi, il cervello è in grado di capire che la minaccia non è così grave come potrebbe sembrare a prima vista. La quantità di ormone dello stress rilasciato è ridotta in modo da fare sentire il soggetto più equilibrato emotivamente.

In linea generale, le persone che soffrono di stanchezza emotiva spesso sentono di non avere potere o controllo su ciò che accade nella vita. Potrebbero sentirsi “bloccati” o “intrappolati” in una situazione. La mancanza di energia, il sonno scarso e la diminuzione della motivazione possono rendere difficile il superamento di questa particolare condizione. Nel tempo, questo stato cronico e stressato può causare danni permanenti alla salute.

Chiunque soffra di stress a lungo termine può diventare emotivamente esausto e sopraffatto. Nei momenti difficili, la stanchezza emotiva può insinuarsi nelle persone che stanno vivendo un certo pressing emotivo, per questa ragione è necessario sottolineare l’importanza di rivolgersi ad uno specialista che attivi le giuste terapie.

La stanchezza emotiva può avere sintomi sua di natura fisica che emotiva appunto, e generalmente i sintomi includono:

mancanza di motivazione;

difficoltà a dormire;

irritabilità;

stanchezza fisica;

sentimenti di disperazione;

distrazione;

apatia;

mal di testa;

cambiamento di appetito;

nervosismo;

difficoltà di concentrazione;

rabbia irrazionale;

maggiore cinismo o pessimismo;

senso di terrore;

depressione.

I datori di lavoro i cui dipendenti sono oberati di lavoro ed emotivamente esausti possono iniziare a notare cambiamenti nelle prestazioni lavorative e nel morale generale del team. Ad esempio, potrebbero iniziare a notare che i loro dipendenti hanno:

mancato rispetto delle scadenze;

minore impegno per l’organizzazione;

più assenze;

alto tasso di rotazione.

Vivere un po’ di stress e ansia quotidiani è normale, ma nel tempo lo stress cronico può avere un impatto sul corpo. La stanchezza emotiva è causata da un lungo periodo di costante stress della vita, sia per lo stress personale a casa che per lo stress legato al lavoro. Questo che provoca lo sviluppo di questa condizione e varia da persona a persona. Ciò che potrebbe essere stressante per una persona può essere completamente gestibile per un’altra.

Stanchezza emotiva

Sebbene non sia sempre possibile, il modo migliore per trattare lo stress è eliminare il fattore di stress. Se l’ambiente di lavoro è la causa del tuo esaurimento emotivo, si può valutare se cambiare lavoro o azienda. Se i tuo manager o capo  sta causando stress ai dipendenti, essi possono anche considerare di trasferirsi in un nuovo dipartimento o chiedere di essere assegnati a un manager diverso.

È importante mangiare sano, che significa scegliere una dieta equilibrata ricca di frutta, verdura, cereali integrali e carni magre, evitando snack zuccherati e cibi fritti o trasformati. Ci viene detto di mangiare sano tutto il tempo, ma può fare la differenza quando ci si sente stressati. Non solo aiuterà a ottenere le vitamine e i minerali di cui l’organismo ha bisogno, ma migliorerà anche la digestione, il sonno e i livelli di energia, che possono avere un effetto domino sullo stato emotivo.

Qualsiasi tipo di attività fisica aumenta i livelli di endorfine e serotonina . Questo può migliorare lo stato emotivo di chiunque. L’esercizio fisico aiuta anche a distogliere la mente dai problemi. Diventa un grande aiuto riuscire a fare esercizio per 30 minuti al giorno, anche se è solo una lunga camminata.

Il sonno è importante per la salute mentale. È ancora più efficace se si pianifica l’ora di andare a dormire all’incirca alla stessa ora ogni notte. Cercare di dormire dalle otto alle nove ore ogni notte. Sviluppare una routine prima di coricarsi può aiutare a rilassarsi e garantire una migliore qualità del sonno.

Limitare la caffeina può anche avere un impatto positivo sul programma del sonno. Lo stesso discorso vale per l’alcol, che può migliorare temporaneamente l’umore, ma la sensazione svanirà rapidamente, lasciando il soggetto più ansioso e depresso di prima. L’alcol interferisce anche con il sonno.

La consapevolezza è un termine che probabilmente si sente spesso, ma le tecniche di consapevolezza sono molto più di una semplice moda passeggera. Sono scientificamente riconosciuti per ridurre lo stress e l’ansia e possono essere la chiave per bilanciare le emozioni di una person con stanchezza emotiva.
La consapevolezza è l’atto di impegnarsi con il momento presente. Questo può aiutare a distogliere l’attenzione dal pensiero negativo. Ci sono molti modi per praticare la consapevolezza, come praticare yoga, meditazione, esercizi di respirazione ecc. I ricercatori hanno recentemente trovato prove che una singola sessione di meditazione di consapevolezza può aiutare a invertire gli effetti dello stress sul corpo.
Stanchezza emotiva

Un altro modo per affrontare la stanchezza emotiva è quello di parlare faccia a faccia con un amico, un modo meraviglioso per alleviare lo stress. La persona che ascolta non deve necessariamente risolvere i problemi del suo interlocutore, sarà sufficiente essere solo un buon ascoltatore. Un amico fidato o un familiare può ascoltare senza giudicare.

Oltre a modificare lo stile di vita, è importante cercare un aiuto professionale per trattare la stanchezza emotiva. Un professionista, come un terapista, può dare gli strumenti di cui si ha bisogno per lavorare in un periodo stressante. Alcune delle tecniche utilizzate dai professionisti includono:

terapia cognitivo comportamentale (CBT);

tecniche di rilassamento applicate.

In alcuni casi, il medico di base può suggerire farmaci per aiutare a gestire i sintomi. Gli antidepressivi, come gli inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina (SSRI), i farmaci ansiolitici o i sonniferi prescritti sono stati usati per aiutare a trattare la stanchezza emotiva.I farmaci come le benzodiazepine possono creare dipendenza e dovrebbero essere usati solo a breve termine per ridurre il rischio di dipendenza.

Lo stress responsabile della stanchezza emotiva mette a rischio di un esaurimento totale. Nel tempo, può portare a problemi di salute . Lo stress cronico può influenzare il sistema immunitario, il cuore, il metabolismo e il benessere generale che può degenerare in:

pressione alta , che aumenta il rischio di malattie cardiache;

raffreddori e infezioni frequenti;

aumento di peso;

insonnia;

invecchiamento prematuro;

ansia;

depressione.

L’esaurimento emotivo è una condizione curabile. Il modo migliore per trattarlo è eliminare il fattore di stress o l’evento stressante.Se non si può eliminare il fattore di stress, è importante rivolgersi al medico di fiducia, che saprà indirizzare il soggetto con stanchezza emotiva al giusto specialista.

Il Professor Gabriele Giorgi, Professore universitario, consulente aziendale e autore per Hogrefe Editore delloStress Questionnaire (SQ), ha dichiarato: “Lo stress lavoro-correlato è stato definito, nel 1999, dal National Institute for Occupational and Safety and Health (NIOSH) come una serie di “reazioni fisiche ed emotive dannose che si manifestano quando le richieste lavorative non sono commisurate alle capacità, risorse o esigenze del lavoratore”, collegando in tal modo le reazioni di stress al contesto lavorativo (European Agency for Safety and Health at Work,2009).Lo stress rappresenta un rischio occupazionale non certo nuovo, ma indubbiamente emergente per le dimensioni e la diffusione che sta assumendo attualmente”.

Stanchezza emotiva

“Studi condotti nei Paesi dell’Unione Europea (UE) hanno evidenziato che si tratta di un problema di salute largamente diffuso. Le ricerche hanno, inoltre, valutato la ricaduta economica sulle aziende e sulle economie nazionali Le previsioni per il futuro non sono incoraggianti: il complesso scenario socio-economico fa presumere che il numero di persone che presentano stress correlato all’attività lavorativa sia destinato ad aumentare. Da tener presente che, secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), la depressione sta diventando la causa principale di inagibilità al lavoro”.

“Nel corso dell’ultimo quindicennio, anche in Italia, è aumentato fortemente l’interesse nei confronti della tematica stress in ambito occupazionale con l’entrata in vigore del D.Lgs. 81/2008 e s.m.i”.

“L’articolo 28, comma 1, del citato Decreto, statuisce espressamente che la valutazione dei rischi “deve riguardare tutti i rischi per la sicurezza e la salute dei lavoratori, ivi compresi quelli riguardanti gruppi di lavoratori esposti a rischi particolari, tra cui anche quelli collegati allo stress lavoro-correlato, secondo i contenuti dell’accordo europeo dell’8 ottobre 2004”. Alla valutazione dei rischi tradizionali (quali quelli di natura chimica, fisica e biologica) è stata, dunque, aggiunta – sulla base di un esplicito obbligo legislativo e di un riferimento condiviso a livello comunitario – anche quella concernente i rischi di natura psico­sociale, legati all’organizzazione del lavoro e alle relazioni umane”.

È importante chiarire che questo articolo è di sola natura divulgativa e non intende sostituirsi al prezioso lavoro di medici qualificati che hanno dedicato e dedicano la loro vita nella ricerca del benessere dei loro pazienti.
Stanchezza emotiva
La stanchezza emotiva apparentemente può sembrare un disturbo che può risolversi con poco e con l’automedicazione, ma raccomando caldamente di condividere questa problema col tuo medico di famiglia in modo che possiate decidere insieme come agire affinché tu possa ritrovare il giusto equilibrio psicofisico.

Avevi già sentito parlare di stanchezza emotiva? Pensi che sia un tema che meriti più attenzione? Dicci la tua nei commenti.

Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Guarda tutti i commenti
0
in iCrewPlay diamo spazio al tuo pensiero! Commenta!x
()
x
Condividi su facebook
CONDIVIDI