Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
sonda giapponese Hayabusa 2

La sonda giapponese Hayabusa 2 ha inviato sulla Terra inediti materiali extraterrestri

Un evento che apporterà ulteriore conoscenza sulla nascita del sistema solare: la sonda giapponese Hayabusa 2 ha inviato sulla Terra campioni di materiale dall'asteroide Ryugu

iCrewPlay è alla ricerca di redattori che si occupino della sezione di scienza e tecnologia: vuoi far parte di un gruppo dinamico e stimolante, recensire i prodotti in uscita e condividere le tue conoscenze con gli altri?

0 0 voto
Voto iCrewers

Questo 2020 sta arrivando (finalmente?) alla fine ma ancora ci regala grandi sorprese: è di pochi giorni fa infatti la notizia che la sonda giapponese Hayabusa 2 ha spedito sulla Terra molti campioni di materiale, prelevati dall’asteroide Ryugu.

sonda giapponese Hayabusa 2

 

Hayabusa, che tradotto letteralmente dal giapponese significa “Falco Pellegrino“, è una sonda automatica sviluppata dall’Agenzia Spaziale Giapponese (JAXA) lo scopo era quello di raggiungere l’asteroide Ryugu e prelevare dei campioni di suolo da riportare sulla Terra. Dopo circa un anno e mezzo di misure e rilevamenti, la sonda ha poi azionato le manovre di riavvicinamento verso la Terra e all’interno di una capsula ha conservato i campioni raccolti sulla superficie dell’asteroide. A dicembre la capsula è rientrata nell’atmosfera terrestre atterrando nel deserto australiano.

Il bottino raccolto sull’asteroide dovrà affrontare una prima analisi in Australia, per rilevare eventuali emissioni di gas, prima di essere rispedito in Giappone. Molto probabilmente metà del materiale sarà condiviso dalla JAXA con la NASA e altre organizzazioni di ricerca internazionali, mentre una parte sarà conservata per studi futuri.

sonda giapponese Hayabusa 2
Attrezzatura portata in Australia per l’analisi dei gas. Fonte: JAXA

Cosa ci ha inviato la sonda giapponese Hayabusa 2?

Sebbene gli esperti stiano ancora analizzando tutto il materiale arrivato, iniziano a trapelare le prime impressioni provenienti dai laboratori dell’agenzia spaziale giapponese che hanno ideato la missione. Una volta raggiunta la superficie dell’asteroide, la sonda ha provocato una piccola esplosione con un proiettile di tantalio della massa di 5 grammi ad una velocità di circa 300 m/s. La nube di detriti così generata ha investito un tubo di raccolta che ha così potuto convogliare il “raccolto” in un apposito contenitore stagno.

sonda giapponese Hayabusa 2

I campioni sono di varie dimensioni e consistenza: polveri, granelli, ma anche piccoli ciottoli; alla vista si sono presentati di colori diversi, in sfumature dal marrone al nero, rispettando un po’ anche gli stereotipi dell’immaginario collettivo. Ma il fatto che la colorazione sia così scura fa pensare al contenuto di sostanze organiche. Tutto è volto a comprendere sempre di più come si sia formato il Sistema Solare.

Gli asteroidi come Ryugu, chiamati carbonacei e indicati con la lettera C, sono infatti i testimoni più antichi delle interazioni fra la materia avvenute quando il nostro Sistema Solare stava nascendo. “Il materiale che ha costituito la Terra, i suoi oceani e la vita – afferma la JAXA – era presente nella nube primordiale dalla quale è nato il nostro Sistema Solare e nel nostro sistema planetario primitivo questi materiali erano in contatto, interagendo fra loro. La memoria di queste interazioni è conservata nei corpi primitivi, ossia negli asteroidi di tipo C“.

La vera sorpresa, però, risiede nel fatto che oltre ai materiali tangibili la capsula abbia portato con sé anche dei gas: non si tratta di elementi della Terra che hanno contaminato la capsula una volta aperta, ma di veri e propri gas extraterrestri, tutti da analizzare e da scoprire, per carpirne i segreti. E che hanno regalato persino un record all’agenzia spaziale, poiché si tratta del primo campione in assoluto di sostanze gassose di provenienza aliena arrivate e analizzate qui sul Pianeta Azzurro.

Chissà quali misteri e storie antiche ci racconteranno…

Potrebbe interessarti...

Scienze

Tardigrada: trovato un fossile di 16 milioni di anni

Windows 11

Windows 11 è qui: prime impressioni e consigli

Scienze

William Shatner: nello spazio a 90 anni con Blue Origin

Netflix

Abbonamento Netflix più costoso a partire da oggi

Scienze

Balena preistorica a quattro zampe: 43 milioni di anni fa

Scienze

Endometriosi: individuata causa genetica e target del farmaco

Che ne pensi di questo inedito campionamento? Quali informazioni hanno portato dal Sistema Solare?

Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Guarda tutti i commenti
Tronsmart Studio

14 settembre, 2021

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
0