demenza

Smart socks aiuteranno milioni di persone con demenza 

L'ingegnere Zeke Steerche, ricercatore della Bristol Robotics Laboratory ha sviluppato gli smart socks, calzini intelligenti indossabili che monitorano gli stati d'animo ansiosi delle persone colpite da demenza. Grazie a questo passo avanti dell'ingegneria biomedica sarà possibile monitorare l'umore dei pazienti con demenza ed intervenire nel modo più appropriato

Naviga tra i contenuti

 

Lo sviluppatore Zeke Steerche lavora al Bristol Robotics Laboratory  ha creato gli smart socks, i “calzini intelligenti” che potranno aiutare milioni di persone con diagnosi di demenza. Ma perché proprio le persone con diagnosi di demenza? Lo spunto è arrivato dalla bisnonna di Steerche, che con l’avanzare della malattia è diventata aggressiva ed ansiosa, tanto da spingere l’ingegnere a trovare una soluzione.

Smart socks
A sinistra: il display che gli assistenti vedranno nell’app Milbotix. A destra: il fondatore e CEO di Milbotix, il dottor Zeke Steer. Credito: Università di Bristol

Gli smart socks infatti monitorano la frequenza cardiaca e i livelli di sudore e del movimento per fornire informazioni sul benessere di chi li indossa, soprattutto quando è colpito da stati ansiosi.

Smart socks: qualche dettaglio in più sul nuovo dispositivo

Gli smart socks hanno l’aspetto e la consistenza di calzini normali, non necessitano di ricarica, sono lavabili in lavatrice e forniscono un flusso costante di dati agli operatori sanitari, che possono facilmente vedere le metriche dei loro pazienti su un’app.

Alzheimer radici genetiche, Fli-1, fattore chiave, litio, RX intranasale, perdita dei neuroni, neuroni cerebrali vulnerabili, smart socks

Le attuali alternative al prodotto Milbotix sono indossate sui cinturini da polso, che possono stigmatizzare o addirittura causare più stress. Il dottor Steer ha affermato: “Il piede è in realtà un ottimo posto per raccogliere dati sullo stress e le calze sono un capo di abbigliamento familiare che le persone indossano ogni giorno”.

La nostra ricerca mostra che le calze possono riconoscere accuratamente i segni di stress, il che potrebbe davvero aiutare non solo le persone con demenza e autismo, ma anche i loro caregiver“.

Il Dottor Steer lavorava come ingegnere specializzato in software nel settore della difesa quando la sua bisnonna, Kath, ha iniziato a mostrare gli effetti negativi della demenza. Una volta gentile e con una passione per la musica jazz, Kath è diventata ansiosa ed aggressiva e alla fine ha avuto la nonna del dottor Steer di essere stata derubata, un’accusa molto comune tra persone che stanno subendo un importante declino cognitivo.

Questo atteggiamento della bisnonna è stata la molla che spinto il Il dottor Steer a studiare il potenziale terapeutico delle tecnologie indossabili supportate dalll’intelligenza artificiale,  che avrebbe potuto supportare i malati con gli stessi  sintomi della sua bisnonna. L’ingegnere ha studiato grazie ad un dottorato di ricerca presso il Bristol Robotics Laboratory, gestito congiuntamente dall’Università di Bristol e dall’UWE Bristol.

demenza, smart socks

Durante la ricerca, si è offerto volontario in una casa di cura per demenza gestita dal St Monica Trust. Il manager della casa di cura di Garden House, Fran Ashby, ha dichiarato: “La passione di Zeke è stata chiara sin dal suo primo giorno con noi e ha lavorato a stretto contatto con il personale, i parenti e i residenti per comprendere meglio gli effetti e il trattamento della demenza“.

Siamo rimasti davvero colpiti dal potenziale della sua tecnologia assistita per prevedere l’agitazione imminente e aiutare ad avvisare il personale di intervenire prima che possa degenerare in comportamenti angosciati”.

L’uso di esempi di moderne tecnologie assistive come i calzini intelligenti può aiutare a consentire alle persone affette da demenza di mantenere la propria dignità e ottenere risultati di migliore qualità per la loro vita quotidiana“.

Durante il volontariato, il dottor Steer ha avuto l’idea di Milbotix, che ha lanciato come attività nel febbraio 2020: “Ho capito che la mia bisnonna non era un episodio isolato e che i comportamenti angosciati sono molto comuni”, ha spiegato.

Milbotix sta attualmente cercando di collaborare con organizzazioni di assistenza sociale innovative per perfezionare e valutare i calzini intelligenti.

La Charity Alzheimer’s Society ha dichiarato che ci saranno 1,6 milioni di persone con demenza nel Regno Unito entro il 2040, con una persona che svilupperà la demenza ogni tre minuti. Si pensa che la demenza costi al Regno Unito 34,7 miliardi di sterline all’anno.

Nel frattempo, secondo il governo, l’autismo colpisce l’1% della popolazione del Regno Unito, ovvero circa 700.000 persone, il 15-30% delle quali è in parte o tutto il tempo non verbale. Il Dr. Steer sta ora facendo crescere l’attività: testare gli smart socks con persone che vivono con demenza in stadio da medio a avanzato e sviluppare la tecnologia prima di lanciare il prodotto sul mercato l’anno prossimo. Milbotix inizierà un round di finanziamento entro la fine dell’anno.

Milbotix è attualmente un team di tre persone, tra cui Jacqui Arnold, che lavora con persone affette da demenza da 40 anni. Lo scienziato a detto: “Questi calzini potrebbero fare una tale differenza. Avere quell’indicatore precoce dell’aumento dei livelli di stress di qualcuno potrebbe fornire l’intervento precoce di cui hanno bisogno per ridurre il loro disagio, che si tratti di quel tocco, della musica, del sollievo dal dolore o semplicemente di avere qualcuno lì con loro“.

Milbotix sarà supportato dall’Alzheimer’s Society attraverso il suo Programma Accelerator, che sta aiutando a finanziare lo sviluppo dei calzini intelligenti, fornendo supporto all’innovazione e aiutando a testare quello che ha descritto come un “prodotto brillante”.Natasha Howard-Murray, innovatrice senior dell’Alzheimer’s Society, ha dichiarato: “Alcune persone con demenza possono presentare comportamenti come aggressività, irritabilità e resistenza alle cure.
Demenza Giovanile, smart socks
Questa innovativa tecnologia indossabile è un modo fantastico e accessibile per il personale di monitorare meglio il disagio e l’agitazione dei residenti”.
La professoressa Judith Squires, vice-cancelliere dell’Università di Bristol, ha dichiarato: “È fantastico vedere Zeke usare le abilità che ha appreso con noi per migliorare il benessere di alcuni dei più bisognosi.La ricerca innovativa che Zeke ha intrapreso ha il potenziale per aiutare milioni di persone a vivere una vita migliore. Speriamo di vedere Milbotix prosperare”, ha concluso l’ingegnere.

Cosa ne pensi della nuova creatura sviluppata dall’ingegneria biomedica? Se gli smart socks fossero già fruibili sul mercato, saresti disposto a sperimentarli? Parlacene nei commenti.

Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Guarda tutti i commenti
0
in iCrewPlay diamo spazio al tuo pensiero! Commenta!x
()
x
Condividi su facebook
CONDIVIDI