Sistema immunitario: potenziarlo per combattere il cancro

Il Professor André Veillette, Direttore dell'Unità di ricerca sull'oncologia molecolare del Montreal Clinical Research Institute (IRCM) e professore presso il Dipartimento di Medicina dell'Université de Montréal, ha svelato un nuovo modo non tossico di attaccare il cancro attraverso il sistema immunitario, in linea con la medicina di precisione. I risultati della ricerca sono stati pubblicati sulla rivista scientifica Cell Reports

Naviga tra i contenuti

Risvegliare l’istinto del sistema immunitario di distruggere il cancro, utilizzando due molecole situate sulla superficie dei macrofagi: questa è la strada promettente che si apre dal recente lavoro di laboratorio del dottor André Veillette, Direttore dell’Unità di ricerca sull’oncologia molecolare del Montreal Clinical Research Institute (IRCM) e professore presso il Dipartimento di Medicina dell’Université de Montréal.

Sistema immunitario

Il risultato della sua ricerca è stato pubblicato sulla rivista scientifica Cell Reports.

Risvegliare il sistema immunitario per combattere le cellule cancerose: ecco cosa dice la ricerca

Lo studio del Professore Veillette ha svelato un modo terapeutico innovativo per curare il cancro in linea con il fiorente campo della medicina di precisione. Da diversi anni l’immunologia e la medicina personalizzata hanno portato nuove speranze a medici e pazienti nella lotta contro i tumori.

Sistema immunitario

Queste terapie avanzate prendono di mira in gran parte le cellule del sistema immunitario chiamate cellule T o linfociti T, il cui ruolo è quello di difendere l’organismo da agenti estranei dannosi come virus, batteri e parassiti, da un lato, ma anche dalle cellule tumorali.

Tra questi “guardiani del corpo” ci sono anche i macrofagi, cellule il cui ruolo centrale è quello di eliminare gli agenti nocivi semplicemente divorandoli. Vi è un crescente interesse, tra scienziati e aziende farmaceutiche, nel prendere di mira i macrofagi per scopi terapeutici.

Nel loro laboratorio, il team del dottor Veillette ha scoperto che i macrofagi sono particolarmente bravi a distruggere alcuni tipi di cellule tumorali. Inoltre, il team è stato in grado di stimolare notevolmente l’appetito di queste cellule immunitarie. In particolare, hanno scoperto due molecole situate sulla superficie dei macrofagi (CD11a e CD11c) che possono essere attivate per aumentare il loro istinto a distruggere i macrofagi.

Nei modelli animali e nelle colture cellulari umane in laboratorio, i macrofagi stimolati si trasformano in super-mangiatori di cellule cancerose: “La capacità di liberare il potere distruttivo dei macrofagi è una scoperta importante che apre la strada ad alcune nuove possibilità davvero entusiasmanti nella medicina personalizzata“, ha affermato Zhenghai Tang, co-primo autore dello studio con Dominique Davidson. “Infatti“, ha aggiunto Davidson, “aiutiamo il corpo a proteggersi meglio“.

Sistema immunitario

Questo nuovo uso delle molecole per aiutare il corpo ad affrontare meglio il cancro è una conseguenza del lavoro in corso nel laboratorio del Dr. Veillette. Lui e il suo team hanno studiato i meccanismi che governano il funzionamento del sistema immunitario negli ultimi 30 anni. Nel 2017, in un lavoro pubblicato sulla rivista Nature , il team ha fatto luce sulla molecola SLAMF7, che agisce anche sulla capacità distruttiva dei macrofagi.

Più sappiamo sul funzionamento del sistema immunitario, più saremo in grado di trovare soluzioni terapeutiche efficaci e meno tossiche per combattere le malattie“, ha affermato Veillette. “Le cellule immunitarie come i macrofagi stanno guadagnando molto interesse nella ricerca sull’immunologia oggi, ma anche nell’industria farmaceutica, perché questo è davvero il futuro della medicina per molte malattie mortali”.

Lo scienziato ha aggiunto: “Da parte nostra, il prossimo passo sarà stabilire in che misura le molecole CD11a e CD11c possono essere utilizzate come biomarcatori per identificare i pazienti che hanno maggiori probabilità di rispondere a questo tipo di terapia”.

Sempre a proposito di macrofagi, La terapia con cellule T del recettore dell’antigene chimerico (CAR) è stata un punto di svolta per i tumori del sangue, ma ha dovuto affrontare sfide nel prendere di mira i tumori solidi. Ora i ricercatori della Perelman School of Medicine dell’Università della Pennsylvania potrebbero avere un’alternativa alla terapia con cellule T in grado di superare queste sfide.

 La loro ricerca mostra che i macrofagi di ingegneria genetica, una cellula immunitaria che mangia gli invasori nel corpo, potrebbero essere la chiave per sbloccare le terapie cellulari che colpiscono efficacemente i tumori solidi. Il team è stato in grado di dimostrare che questi macrofagi CAR possono uccidere i tumori sia in campioni umani in laboratorio che in modelli murini.

Sistema immunitario

I risultati dello studio sono stati pubblicati sulla rivista scientifica Nature Biotechnology.

L’approccio in questo studio è strettamente correlato alla terapia con cellule CAR T, in cui le cellule immunitarie dei pazienti sono progettate per combattere i tumori, ma presenta alcune differenze chiave. Ancora più importante, è incentrato sui macrofagi, che mangiano le cellule invasori piuttosto che bersagliarli per la distruzione come fanno le cellule T, mentre i linfociti T sono più simili a un gioco di Space Invaders, i macrofagi sono come Pac-Man.

I macrofagi hanno anche un’altra differenza fondamentale rispetto ai linfociti T in quanto sono i primi responsivi del corpo alle infezioni virali. Ciò ha storicamente presentato sfide nel tentativo di ingegnerizzarli per attaccare il cancro, poiché i macrofagi sono resistenti alle infezioni dai vettori virali standard utilizzati nella terapia genica e cellulare.

Sappiamo da anni come progettare le cellule T per farlo, ma il fatto che i macrofagi siano intrinsecamente resistenti ai vettori virali che utilizziamo nelle nostre cellule T CAR ha presentato una sfida unica, che mostriamo qui siamo stati in grado di superare “, ha affermato l’autore senior dello studio Saar Gill, MD, Ph.D., assistente professore di ematologia-oncologia e membro del Penn’s Abramson Cancer Center.

In effetti, questa proprietà antivirale ha portato un altro vantaggio inaspettato. I macrofagi sono generalmente tra le prime cellule ad essere attirate dal cancro e vengono sfruttati per aiutare i tumori invece di mangiarli. Tuttavia, il team di ricerca ha dimostrato che quando viene inserito il vettore virale, questi macrofagi ingegnerizzati non solo esprimono il CAR, ma si trasformano anche in cellule altamente infiammatorie. Questa trasformazione consente ai macrofagi di resistere all’essere cooptati dai tumori.

Sistema immunitario

I ricercatori affermano che i macrofagi CAR possono anche essere in grado di stimolare il resto del sistema immunitario mentre attaccano, aprendo potenzialmente la porta a una maggiore risposta immunitaria.

Trovare modi per coinvolgere il resto del potente sistema immunitario del corpo nella lotta significherebbe un impatto ancora maggiore di quello che una terapia cellulare può fare da sola, quindi la nostra ricerca futura includerà sforzi per comprendere meglio questa possibilità e come potremmo essere in grado di sfruttarlo per uccidere il cancro”, ha concluso il primo autore dello studio Michael Klichinsky, Ph.D., che era uno studente laureato alla Penn mentre completava il lavoro.

La medicina di precisione sta facendo passi da gigante in campo oncologico. Se la terapia sul risveglio del sistema immunitario descritta nell’articolo fosse già fruibile sul mercato, saresti disposto a sperimentarla? Dicci la tua nei commenti.

Sottoscrivi
Notificami
guest
1 Comment
più votati
più nuovi più vecchi
Inline Feedbacks
Guarda tutti i commenti
Teresa Notaro

Si certo

1
0
in iCrewPlay diamo spazio al tuo pensiero! Commenta!x
()
x
Condividi su facebook
CONDIVIDI