SIDS

SIDS: si può prevenire? 

Nonostante i progressi della ricerca, a tutt'oggi le cause della SIDS o sindrome della morte improvvisa del lattante sono sconosciute

La sindrome della morte improvvisa del lattante (SIDS) è la morte inspiegabile, di solito durante il sonno, di un bambino apparentemente sano di meno di un anno. La SIDS è talvolta nota come morte in culla perché i bambini spesso muoiono nelle loro culle. Sebbene la causa sia sconosciuta, sembra che la SIDS possa essere associata a difetti nella parte del cervello di un bambino che controlla la respirazione e il risveglio dal sonno.

SIDS

SIDS: si possono adottare misure per prevenirla?

I ricercatori hanno scoperto alcuni fattori che potrebbero mettere a rischio i bambini. Hanno anche identificato le misure che puoi adottare per proteggere tuo figlio dalla SIDS . Forse il più importante è far dormire il bambino sulla schiena. Una combinazione di fattori fisici e ambientali del sonno può rendere un bambino più vulnerabile alla SIDS . Questi fattori variano da bambino a bambino.

https://tech.icrewplay.com/fumo-passivo-gravidanza-legato-disturbo-adhd/

I fattori fisici associati alla SIDS includono:

Difetti cerebrali. Alcuni bambini nascono con problemi che li rendono più propensi a morire di SIDS . In molti di questi bambini, la parte del cervello che controlla la respirazione e il risveglio dal sonno non è maturata abbastanza per funzionare correttamente.

Basso peso alla nascita. La nascita prematura o l’essere parte di un parto multiplo aumenta la probabilità che il cervello di un bambino non sia completamente maturo, quindi ha meno controllo su processi automatici come la respirazione e la frequenza cardiaca.

Infezione respiratoria. Molti bambini morti di SIDS avevano recentemente avuto un raffreddore, che potrebbe contribuire a problemi respiratori.

Gli oggetti nella culla di un bambino e la sua posizione durante il sonno possono combinarsi con i problemi fisici del bambino per aumentare il rischio di SIDS . Esempi inclusi:

Dormire sullo stomaco o sul fianco. I bambini posti in queste posizioni per dormire potrebbero avere più difficoltà a respirare rispetto a quelli posti sulla schiena.

Dormire su una superficie morbida. Sdraiato a faccia in giù su una soffice trapunta, un morbido materasso o un letto ad acqua può bloccare le vie respiratorie di un bambino.

Condividere un letto. Mentre il rischio di SIDS si riduce se un bambino dorme nella stessa stanza dei suoi genitori, il rischio aumenta se il bambino dorme nello stesso letto con genitori, fratelli o animali domestici.

Surriscaldamento. Essere troppo caldi durante il sonno può aumentare il rischio di SIDS del bambino .

Sebbene la sindrome della morte improvvisa del lattante possa colpire qualsiasi bambino, i ricercatori hanno identificato diversi fattori che potrebbero aumentare il rischio di un bambino. Loro includono:

Sesso. I ragazzi hanno una probabilità leggermente maggiore di morire di SIDS .

Età. I neonati sono più vulnerabili tra il secondo e il quarto mese di vita.

Etnia. Per ragioni che non sono ben comprese, i bambini non bianchi hanno maggiori probabilità di sviluppare la SIDS .

Storia famigliare. I bambini che hanno avuto fratelli o cugini morti di SIDS sono a maggior rischio di SIDS .

Fumo passivoI bambini che vivono con i fumatori hanno un rischio maggiore di SIDS .

Essere prematuro. Sia la nascita prematura che il basso peso alla nascita aumentano le probabilità di SIDS del bambino .

Durante la gravidanza, anche la madre influisce sul rischio di SIDS del bambino , soprattutto se:

Ha meno di 20 anni

Fuma sigarette

Fa uso di droghe o alcol

Ha cure prenatali inadeguate

SIDS

on esiste un modo garantito per prevenire la SIDS , ma puoi aiutare il tuo bambino a dormire in modo più sicuro seguendo questi suggerimenti:

Riaddomentarsi. Metti il ​​tuo bambino a dormire sulla schiena, piuttosto che sullo stomaco o sul fianco, ogni volta che tu o chiunque altro lo metti a dormire per il primo anno di vita. Questo non è necessario quando il tuo bambino è sveglio o in grado di rotolare in entrambe le direzioni senza aiuto.

Non dare per scontato che gli altri metteranno il tuo bambino a dormire nella posizione corretta: insisti. Consiglia alle baby sitter e agli operatori di assistenza all’infanzia di non usare la posizione dello stomaco per calmare un bambino turbato.

Mantieni la culla il più nuda possibile. Usa un materasso rigido ed evita di posizionare il tuo bambino su un’imbottitura spessa e soffice, come la pelle di agnello o una trapunta spessa. Non lasciare cuscini, peluche o peluche nella culla. Questi possono interferire con la respirazione se il viso del tuo bambino preme contro di loro.

Non surriscaldare il tuo bambino. Per tenere al caldo il tuo bambino, prova un sacco nanna o altri indumenti per dormire che non richiedono coperture aggiuntive. Non coprire la testa del tuo bambino.

Fai dormire il tuo bambino nella tua stanza. Idealmente, il tuo bambino dovrebbe dormire nella tua stanza con te, ma da solo in una culla, culla o altra struttura progettata per il sonno infantile, per almeno sei mesi e, se possibile, fino a un anno.

I letti per adulti non sono sicuri per i bambini. Un bambino può rimanere intrappolato e soffocare tra le doghe della testiera, lo spazio tra il materasso e la struttura del letto o lo spazio tra il materasso e il muro. Un bambino può anche soffocare se un genitore addormentato si gira accidentalmente e copre il naso e la bocca del bambino.

Allatta il tuo bambino, se possibile. L’allattamento al seno per almeno sei mesi riduce il rischio di SIDS .

Non utilizzare baby monitor e altri dispositivi commerciali che affermano di ridurre il rischio di SIDS . L’American Academy of Pediatrics scoraggia l’uso di monitor e altri dispositivi a causa di problemi di inefficacia e sicurezza.

Offri un ciuccio. Succhiare un ciuccio senza cinturino o spago all’ora del pisolino e prima di coricarsi potrebbe ridurre il rischio di SIDS . Un avvertimento: se stai allattando al seno, aspetta di offrire un ciuccio fino a quando il tuo bambino ha 3 o 4 settimane e ti sei sistemato in una routine infermieristica.

Se il tuo bambino non è interessato al ciuccio, non forzarlo. Riprova un altro giorno. Se il ciuccio cade dalla bocca del tuo bambino mentre sta dormendo, non rimetterlo dentro.

Immunizza il tuo bambino. Non ci sono prove che le vaccinazioni di routine aumentino il rischio di SIDS . Alcune prove indicano che le vaccinazioni possono aiutare a prevenire la SIDS .

SIDS

Per quanto riguarda l’Italia, secondo l’EpiCentro ISS: ” Dopo le malformazioni congenite, la Sids è la causa principale di morte post neonatale negli Stati Uniti. I dati sulla mortalità statunitense del 2002, pubblicati dai Cdc, indicano che sono morti nell’arco dell’anno in totale 2295 neonati, con un 8,2% delle morti infantili in questa fascia di età (0-1 anni) attribuibile a Sids, un dato che indica un incremento del 2,9% rispetto all’anno precedente.

Secondo il National vital statistics reports, del 12 ottobre 2004, l’incidenza della Sids è di circa 1,7 per mille nati vivi. Dati simili sembrano essere registrati anche in Europa. In Italia, la stima fornita dal centro di riferimento della Regione Lombardia, è di 1 su 1000 nati vivi.

Un rapporto britannico ha stimato che nello stesso anno, il 2002, il 23% delle morti post neonatali in Inghilterra, Galles e Irlanda del Nord, è attribuibile a Sids. La European concerted action on Sids (Ecas) ha realizzato e pubblicato uno studio di caso-controllo molto ampio in venti regioni europee su oltre 700 casi di morte attribuita a Sids e con un controllo di oltre 2400 nati vivi, cercando di correlare più di 60 variabili al rischio di Sids.

Lo studio ha evidenziato una elevata e significativa correlazione tra la sindrome della morte in culla e due fattori di rischio: posizione nel sonno (rischio significativamente elevato per bambini in posizione prona o di lato) ed esposizione a fumo passivo. Un altro fattore che incide significativamente sulla probabilità di Sids è la condivisione nel letto matrimoniale nelle prime otto settimane di vita, causa possibile di soffocamento o surriscaldamento.

Importante anche il comportamento materno: consumo di tabacco in gravidanza e di alcol sono correlati a un rischio più elevato”.

“In Italia, esistono diversi progetti che hanno analizzato la realizzazione del percorso nascita e della salute materno infantile, prendendo in considerazione anche alcuni fattori di rischio relativi alla salute neonatale e alla probabilità di Sids.

Questi progetti, già descritti in altre sezioni di EpiCentro, hanno permesso di delineare la fotografia relativa ai comportamenti diffusi nelle regioni italiane e di evidenziare quali campagne informative e attività vanno promosse per informare sui comportamenti più adeguati da tenere, sia nel percorso di assistenza che di cura domestica relativa al percorso nascita”.

“Il progetto sei+uno, che ha coinvolto la regione Basilicata (capofila del progetto), la regione Friuli Venezia-Giulia, la regione Piemonte, la USSL 4 Alto Vicentino, l’istituto di pediatria dell’Università cattolica S.Cuore di Roma e il centro per la Salute del bambino–Onlus di Trieste, ha avuto l’obiettivo di sviluppare e valutare una campagna di informazione ed educazione sanitaria rivolta a giovani coppie/neogenitori e volta a promuovere 7 interventi di prevenzione primaria nel campo della salute infantile.

Tra gli interventi presi in considerazione, la riduzione dell’esposizione a fumo passivo, l’aumento dell’allattamento materno e l’aumento della prevalenza di bambini che dormono in posizione supina”.

SIDS

 “L’indagine Icona 2003, oltre a valutare la copertura vaccinale sul territorio italiano per i bambini sotto i 24 mesi di vita, ha permesso di analizzare anche altri indicatori della salute e del benessere infantile, tra i quali alcuni correlati al rischio di Sids, come ad esempio l’esposizione a fumo passivo, che in alcune regioni è una realtà per oltre il 50% dei neonati”.

Avevi già sentito parlare della SIDS? Pensi che sia un argomento che meriti più attenzione? Dicci la tua nei commenti.

Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Guarda tutti i commenti
0
in iCrewPlay diamo spazio al tuo pensiero! Commenta!x
()
x
Condividi su facebook
CONDIVIDI