Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
scoiattoli

Scoiattoli campioni di parkour

Gli scoiattoli spiegati attraverso la loro flessibilità, e la loro capacità di coprire lunghe distanze con i loro salti tra i rami

iCrewPlay è alla ricerca di redattori che si occupino della sezione di scienza e tecnologia: vuoi far parte di un gruppo dinamico e stimolante, recensire i prodotti in uscita e condividere le tue conoscenze con gli altri?

0 0 voto
Voto iCrewers

Per gli scoiattoli, le acrobazie avanzate sono una questione di sopravvivenza. Quando si salta tra rami flessibili che ondeggiano al vento, il più piccolo errore potrebbe significare la morte. Nuovi video rivelano come gli scoiattoli saltano con successo da un ramo all’altro.

Questi roditori fanno calcoli in frazioni di secondo per pianificare i salti. Queste decisioni spiegano sia la rigidità dei rami che la distanza tra i rami degli alberi. Per salti super difficili, gli scoiattoli improvvisano mosse a mezz’aria. I ricercatori condividono questi risultati nel numero del 6 agosto di Science. Scoprono che i trucchi degli scoiattoli sono simili alle acrobazie degli atleti di parkour: persone che scalano muri, capovolgono le ringhiere e saltano tra gli edifici.

Questo è “un ottimo esempio di quanto possano essere fantastici gli animali anche più semplici”, afferma Michelle Graham. Non era coinvolta nella ricerca. Tuttavia, studia biomeccanica al Virginia Tech di Blacksburg. “Abbiamo visto tutti gli scoiattoli fare cose folli in natura”, dice Graham. “Ma nessuno ci ha mai prestato attenzione.”

A meno che tu non sia come Nathaniel Hunt. È rimasto sbalordito guardando gli scoiattoli scattare fulminei attraverso gli alberi per anni. “Le chiome degli alberi sono ambienti incredibilmente difficili da esplorare”, afferma Hunt. È un biologo integrativo presso l’Università del Nebraska Omaha. Per saltare tra i rami flessibili, uno scoiattolo deve giudicare quanto lontano deve andare e quando saltare.

Saltare dalla base di un ramo offre una solida base. Ma lo scoiattolo potrebbe non essere in grado di superare la lunghezza del ramo successivo. Spostandosi verso la punta del ramo si riduce quella distanza. Ma quel punto potrebbe essere troppo fragile per ripartire. Hunt si è chiesto: “In che modo sono sensibili a questo compromesso?”

Scoiattoli alla prova

scoiattoli

Per scoprirlo, lui e i suoi colleghi hanno progettato un percorso a ostacoli in una foresta artificiale. Quindi, la squadra ha convinto gli scoiattoli Sciurus niger a correre e saltare attraverso il percorso. I ricercatori hanno premiato i loro soggetti pelosi con noccioline.

In primo luogo, gli scoiattoli hanno imparato a saltare da rami artificiali attraverso uno spazio vuoto. Alcuni rami erano più rigidi di altri. Dall’altra parte del varco c’era un premio: un cesto di noccioline attaccato a un piolo di atterraggio. Il video ad alta velocità ha catturato i salti dal lancio all’atterraggio. Un totale di 12 scoiattoli ha completato 96 prove di salto.

Gli scoiattoli sono saltati prima dai rami più flessuosi. Potrebbero aver cercato di massimizzare la loro forza di salto. Ma quella strategia ha anche aumentato la distanza che gli animali dovevano superare.

Per esplorare questo comportamento, i ricercatori hanno eseguito modelli al computer dei salti degli scoiattoli. Una versione del modello corrispondeva al comportamento dello scoiattolo reale. E qui, la flessibilità del ramo era sei volte più importante della lunghezza del gap per determinare quando uno scoiattolo avrebbe saltato. “Siamo rimasti sorpresi nel vedere gli scoiattoli soppesare entrambe queste cose… ma in quantità diverse”, dice Hunt.

I ricercatori hanno portato il loro percorso a ostacoli al livello successivo per cinque scoiattoli. Qui i rami erano più flessibili e il divario tra loro si allargava. I primi balzi degli scoiattoli furono tutt’altro che aggraziati. Nessuno è caduto, ma la maggior parte ha avuto atterraggi goffi. Hanno afferrato il piolo di atterraggio con le zampe anteriori e si sono girati per tirarsi su. (Idealmente, gli scoiattoli atterrerebbero ordinatamente a quattro zampe.) Ma gli scoiattoli l’hanno capito in cinque tentativi, dice Hunt. Richiedeva solo la regolazione della loro velocità iniziale.

Un apprendimento così rapido potrebbe tornare utile se gli scoiattoli attraversassero spesso gli stessi rami degli alberi. Questo “potrebbe spiegare come si muovono in modo così fluido e rapido” attraverso particolari rami, spiega Hunt. “Hanno già imparato quello che devono sapere su quel ramo.”

Gli scoiattoli hanno sorpreso i ricercatori anche in altri modi. Per i salti più lunghi, o quelli che richiedevano un atterraggio più alto o più basso del punto di partenza, gli scoiattoli si sono divertiti. Molti ruotavano a mezz’aria e usavano le gambe per “saltare” da un muro vicino. Questa manovra in stile parkour li ha aiutati a fare salti difficili. Gli scoiattoli usavano anche il parkour per rallentare se stavano arrivando troppo pesanti nell’atterraggio. “È un ulteriore punto di controllo”, afferma Hunt.

Per molti animali che vivono sugli alberi, “saltare tra i rami è una cosa così comune”, dice Graham. “Eppure lo studiamo così spesso solo a pezzi.” Ad esempio, i ricercatori potrebbero guardare al lancio ma non all’atterraggio. Questo studio fornisce una visione più completa, dice. È “davvero interessante” che gli scoiattoli si preoccupino più della rigidità dei rami che della distanza tra i salti nella loro pianificazione, dice. “Non so se l’avrei immaginato.”

Potrebbe interessarti...

Scienze

Balena preistorica a quattro zampe: 43 milioni di anni fa

Scienze

Endometriosi: individuata causa genetica e target del farmaco

Tesla

Robot umanoide di Tesla: il probabile lancio nel 2022

PayPal

PayPal lancia il suo servizio di criptovaluta in UK

Realme Book

Realme Book in arrivo il 18 agosto con CPU Intel

Polizia di Stato

1518: Come ottenere informazioni sulla viabilità stradale

Che ne pensi di questi meravigliosi roditori? Facci sapere nei commenti!

Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Guarda tutti i commenti
Tronsmart Studio

14 settembre, 2021

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
0