Scanner per RM 7D ultrapotenti

Scanner per RM 7T ultrapotenti: speranza per il Parkinson

Una squadra di ricercatori dell'Università di Cambridge ha rivelato, in una recente ricerca, l'importanza dell'utilizzo di scanner per RM 7T ultrapotenti capaci di sondare in profondità il cervello dei pazienti con Diagnosi di morbo di Parkinson che PSP. Questo nuovo strumento di indagine diagnostica permetterà di indirizzare le nuove terapie già esistenti. I risultati della ricerca sono stati pubblicati sulla rivista scientifica Movement Disorders

Gli scanner per RM 7T ultrapotenti potrebbero essere sfruttati per intervenire su quei pazienti con morbo di Parkinson che hanno la possibilità di ricevere le nuove terapie per trattamenti dei sintomi precedentemente non curabili. Adichiararlo sono stati, in una loro recente ricerca, gli scienziati dell’Università di Cambridge.

Scanner per RM 7T ultrapotenti
Locus coeruleus osservato in uno scanner MRI 7T. Credito: Università di Cambridge

I risultati dello studio sono stati pubblicati sulla rivista scientifica Movement Disorders.

Scanner per RM 7T ultrapotenti: ecco come possono essere utili nel trattamento del Parkinson

Sia il morbo di Parkinson che un disturbo correlato, la paralisi sopranucleare progressiva (PSP), sono patologie cerebrali progressive che non solo influenzano il movimento, ma danneggiano anche la motivazione e la cognizione. Questi ultimi sintomi possono avere un impatto importante sull’esito di un paziente, incidendo sulla sua sopravvivenza e sul benessere generale, nonché sullo stress e sui costi per le famiglie.

Scanner per RM 7T ultrapotenti

Per comprendere le cause di questi sintomi cognitivi, gli scienziati dell’Università di Cambridge hanno utilizzato un nuovi scanner per RM 7T ultrapotenti presso il Wolfson Brain Imaging Center per monitorare i cambiamenti nel cervello di persone con  morbo di Parkinson, PSP o in buona salute. “7T” si riferisce alla forza del campo magnetico: la maggior parte degli scanner MRI tendono ad essere 3T o inferiori.

I soggetti che hanno ricevuto una diagnosi di morbo di Parkinson e PSP sono spesso trattati con farmaci come la L-DOPA, che compensano la grave perdita di dopamina, ma la terapia con dopamina fa poco per molti dei sintomi non motori. Per questa ragione, gli esperti si sono interessati alla noradrenalina, una sostanza chimica che svolge un ruolo fondamentale nelle funzioni cerebrali, tra cui l’attenzione e l’eccitazione, il pensiero e la motivazione.

Il professor James Rowe del Dipartimento di Neuroscienze Cliniche dell’Università di Cambridge, che ha condotto lo studio, ha affermato: “La noradrenalina è molto importante per le funzioni cerebrali. Tutta la fornitura del nostro cervello proviene da una minuscola regione nella parte posteriore del cervello chiamata locus coeruleus, che significa ‘la macchia blu’. È un po’ come due bastoncini di spaghetti lunghi mezzo pollice: è sottile, è piccolo ed è nascosto proprio alla base del cervello nel tronco cerebrale”.

Una ricerca del 2021 del team del professor Rowe, che ha studiato attentamente i cervelli donati alla Cambridge Brain Bank, ha rivelato che alcune persone con PSP avevano perso fino al 90% del locus coeruleus che produce noradrenalina.

La squadra di ricercatori si è posta una domanda: come si può studiare questa minuscola regione in pazienti ancora vivi? I precedenti scanner MRI non avevano la risoluzione per misurare la regione nei pazienti vivi.

Scanner per RM 7D ultrapotenti
Locus coeruleus osservato nello scanner MRI 3T. Credito: Università di Cambridge

Il locus coeruleus è problematico da vedere su uno scanner normale“, ha spiegato il professor Rowe. “Anche i buoni scanner ospedalieri non riescono a vederlo molto bene. E se non riesci a misurarlo, non puoi capire in che modo due persone differiscono: chi ha di più, chi ha di meno? Volevamo che gli scanner MRI fossero abbastanza buoni da riuscire a misurarlo”.

Mentre la maggior parte degli scanner può mostrare strutture al livello di dettaglio di un chicco di riso, gli scanner per RM 7T ultrapotenti, possono fornire una risoluzione delle dimensioni di un granello di sabbia. Gli scanner per RM 7T ultrapotenti hanno permesso ai ricercatori di Cambridge di esaminare il locus coeruleus dei loro pazienti e hanno confermato che maggiore è il livello di danno in questa regione, più gravi sono i loro sintomi di apatia e peggiori sono stati i test cognitivi.

I risultati hanno aperto la strada ad una nuova speranza per l’utilizzo di nuovi trattamenti per questi sintomi. Un certo numero di farmaci che aumentano la noradrenalina sono già stati sottoposti a studi clinici per altre condizioni e quindi si sono dimostrati sicuri e ben tollerati. Il professor Rowe e colleghi stanno ora conducendo una sperimentazione clinica presso il Cambridge University Hospitals NHS Foundation Trust per vedere se queste terapie possano alleviare i sintomi della PSP.

Il Dr. Rong Ye del Dipartimento di Neuroscienze Cliniche dell’Università di Cambridge, primo autore congiunto dello studio, ha affermato: “Non tutti i pazienti con PSP o Parkinson trarranno beneficio dai farmaci che aumentano la noradrenalina. È più probabile che traggano beneficio quelle persone con danni al loro locus coeruleus, e maggiore è il danno, maggiori saranno i benefici che probabilmente vedranno“.

Scanner per RM 7T ultrapotenti

Gli scanner per RM 7T ultrapotenti potranno aiutarci a identificare quei pazienti che pensiamo ne trarranno i maggiori benefici. Questo sarà importante per il successo della sperimentazione clinica e, se i farmaci sono efficaci, significa che sappiamo a quali pazienti sottoporre il trattamento A lungo termine, questo si rivelerà più conveniente rispetto alla somministrazione di booster di noradrenalina a pazienti che alla fine non vedrebbero alcun beneficio“.

Si pensa che nella PSP il danno al locus coeruleus sia causato da un accumulo della proteina spazzatura tau. Quando la noradrenalina si rompe, sembra innescare cambiamenti nella proteina tau che portano al suo accumulo. Questo danneggia poi le stesse cellule che producono noradrenalina, portando a un circolo vizioso. Una situazione simile può verificarsi nel morbo di Parkinson.

Cosa ne pensi di questa importante scoperta? Ti sottopprresti ad un monitoraggio con uno scanner per RM 7D ultrapotenti? Parlacene nei commenti.

Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Guarda tutti i commenti
0
in iCrewPlay diamo spazio al tuo pensiero! Commenta!x
()
x
Condividi su facebook
CONDIVIDI