Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram

Sars cov 2: cosa succede se i bambini si ammalano a lungo di covid?

L'equipe dei medici di Yale Medicine sta curando i bambini con un COVID resistente, notando che alcuni di essi manifestano gravi strascichi dopo la guarigione, altri invece non riscontrano nessun problema dopo aver passato la Sars cov 2. Queste differenze sono dovute ad alcune caratteristiche peculiari dei bambini

iCrewPlay è alla ricerca di redattori che si occupino della sezione di scienza e tecnologia: vuoi far parte di un gruppo dinamico e stimolante, recensire i prodotti in uscita e condividere le tue conoscenze con gli altri?

0 0 voto
Voto iCrewers

La Sars cov 2 nel momento in cui colpisce i bambini, ha una remissione dei sintomi diametralmente opposta a seconda dei casi: alcuni di essi guariscono senza strascichi, altri purtroppo continuano a sviluppare un sars cov 2 lungo, una condizione caratterizzata da sintomi nuovi, ricorrenti o in corso come nebbia cerebrale e affaticamento cronico. La domanda sul perché alcuni bambini, proprio come alcuni adulti, lottano con problemi di salute per settimane o mesi è uno dei più grandi misteri della pandemia, e causa preoccupazione per i genitori.

Sars cov 2

Con una sars cov 2 a decorso più lungo, molti bambini si trovano improvvisamente a lottare per tenere il passo con i loro compiti o a dover saltare gli sport. Altri non riescono a dormire o hanno difficoltà a camminare, mentre altri ancora lottano con dolori, mancanza di respiro, vertigini e altri sintomi preoccupanti.

L’equipe dei medici di Yale Medicine sta curando i bambini con un COVID resistente, oltre a studiarne le cause e le potenziali soluzioni, nel programma di assistenza completa post-COVID per bambini, offerto nella clinica specialistica pediatrica dell’ospedale pediatrico di Yale New Haven. Il programma, aperto a giugno di quest’anno, è uno dei pochi nel paese ad essere specializzato nel trattamento di pazienti pediatrici con sars cov 2 a lungo decorso.

Sars cov 2 a lungo decorso in alcuni bambini: come mai accade questo?

Secondo l’osservazione degli specialisti di Yale, La gravità dei sintomi è variata ampiamente. Alcuni di questi pazienti non sapevano nemmeno di avere il Sars cov 2 fino allo sviluppo dei lunghi sintomi della sarà cov 2 stessa. Ad altri era stata diagnosticata la sindrome infiammatoria multisistemica nei bambini (MIS-C), una condizione rara ma grave che colpisce più organi. Poi, ci sono bambini che lottano con una lunga lista di sintomi pos sars cov 2 che includono problemi fisici, neurologici e mentali persistenti.

Sars cov 2

Il trattamento per il COVID a lungo decorso pediatrico è un lavoro in corso, ma i medici hanno già imparato molto su come aiutare questi pazienti. Alla fine di ottobre, secondo l’American Academy of Pediatrics (AAP), a quasi 6,4 milioni di bambini era stato diagnosticato la Sars cov 2, ma gli studi che quantificano il numero di casi di sars cov 2 a lungo decorso nei bambini sono variati notevolmente. La geografia è un fattore: “Diversi studi hanno mostrato risultati diversi, a seconda di quali parti del mondo o di quali parti del paese si sta osservando”, ha dichiarato Carlos Oliveira, MD, specialista in malattie infettive pediatriche.

Un altro problema è la mancanza di una definizione chiara, o anche di un nome coerente, per la malattia. È stato chiamato COVID-19 a lungo raggio, COVID-19 post-acuto e sequele post-acute dell’infezione da SARS-CoV-2 (PASC): quest’ultimo è un termine di ricerca poiché”sequele” significa, semplicemente, una condizione medica che deriva da una precedente malattia.

Se includi ogni bambino che è stato ricoverato in ospedale con MIS-C, (per definizione una complicazione di COVID acuto), otterrai una prevalenza più elevata”, ha spiegato il dott. Oliveira. Al 4 ottobre, secondo i Centers for Disease Control and Prevention (CDC), si sono verificati più di 5.210 casi di MIS-C e 46 decessi.

Solo una frazione dei bambini con Sars cov 2 da lungo tempo richiede cure mediche, il che rende il monitoraggio della sua incidenza molto difficile. Inoltre, poiché neonati e bambini piccoli non possono sempre verbalizzare ciò che sentono, le cose si complicano. Sintomi come l’affaticamento, ad esempio, possono manifestarsi nei bambini piccoli come iperattività piuttosto che lentezza, rendendo difficile per i genitori rilevare il problema: “Di conseguenza, stiamo probabilmente identificando solo gli adolescenti che possono auto-segnalare i loro sintomi”, ha spiegato lo scienziato.

Sars cov 2

Il Dr. Oliveira ha affermato che i bambini spesso mostrano sintomi diversi rispetto agli adulti, senza un singolo sintomo eccezionale che renda un caso facile da identificare. L’AAP riporta che bambini e adolescenti hanno manifestato dolore toracico, tosse, dispnea indotta dall’esercizio (o respiro affannoso), nonché alterazioni dell’olfatto o del gusto (sebbene questo sia più comune negli adolescenti), tra le altre cose. I bambini e gli adolescenti affetti hanno riportato affaticamento, annebbiamento cerebrale, ansia, dolori articolari, mal di testa e mal di gola, tra gli altri sintomi, tutti di intensità e durata variabili, in alcuni casi della durata di mesi.

Ian Ferguson, MD, reumatologo di Yale Medicine si è preso cura di pazienti pediatrici con Sars cov 2 a lungo decorso che hanno dolori articolari e ossei. “Quello che tendo a vedere è un dolore generalizzato e una diminuzione del condizionamento fisico“, afferma il dott. Ferguson. “Potrebbero dire: “Mi sento solo dolorante. Non mi sento bene.” Un bambino altrimenti sano può dire: “Non mi sento come se dovessi alzarmi dal letto la mattina.” Oppure dicono: “Facevo parte della squadra di sci di fondo del liceo. E ora riesco a malapena ad arrivare in fondo alla strada prima di dover fare una pausa’”.

Alcuni bambini avvertono sintomi leggeri ma, quando vengono eseguiti i test diagnostici, non vengono rilevate anomalie, afferma il dott. Oliveira. Ad esempio, un bambino può avere dolore, affaticamento o difficoltà di concentrazione, ma l’imaging e le analisi del sangue risultano normali: “Spesso, chiamiamo questi sintomi “inspiegabili dal punto di vista medico”, ma ovviamente sono ancora molto significativi per la salute del paziente”, afferma. “Il bambino potrebbe non essere in grado di andare a scuola o potrebbe non essere in grado di camminare, e noi possiamo non trovare una ragione per questo“.

Una percentuale molto piccola di bambini sviluppa anche gravi complicazioni, dal momento che la Sars cov 2 può colpire organi tra cui cervello, cuore, reni e fegato e ciascuno di questi organi può essere danneggiato se il bambino non riceve cure adeguate: “La clinica post-COVID ha lo scopo di identificare questi sintomi causati da danni agli organi residui e trattarli”, afferma il dott. Oliveira.

Lo scienziato ha spiegato che alcuni dei diversi modi in cui la Sars cov 2 si manifesta nei bambini possono contribuire a una maggiore probabilità di infiammazione in corso. Ad esempio, quando un bambino contrae la Sars cov 2, il virus è più incline a concentrarsi nell’intestino che nei polmoni, rendendo i sintomi più probabilmente gastrointestinali che respiratori.

Sars cov 2

Potrebbe anche essere necessario più tempo per eliminare il virus dal sistema di un bambino rispetto a quello di un adulto, aggiunge: “Non capiamo appieno il motivo, ma sappiamo che con i bambini, se dovessimo testare le loro feci tre o quattro mesi dopo l’infezione, per molti di loro troveremmo comunque residui non infettivi del virus”.

Quei residui di virus possono continuamente innescare l’infiammazione. “Il sistema immunitario attaccherà quei pezzi di virus residuo e causerà infiammazione, perché non può distinguere tra un virus vivo e i resti di un altro. Il sistema immunitario vede solo gli antigeni virali, cioè le strutture molecolari sulla superficie del virus e vuole sbarazzarsi di loro“, ha spect il dottor Oliveira.

L’ipotesi è che ci possa essere una continua esposizione di antigeni virali al sistema immunitario in alcuni bambini con Sars cov 2 lunga, innescando un’infiammazione persistente o intermittente, anche se a un livello più lieve poiché il virus residuo non è in grado di fare copie di se stesso: “Questo tipo di infiammazione è più simile a un’ustione lenta per un lungo periodo di tempo, piuttosto che all’infiammazione acuta di MIS-C”. Il trattamento con antinfiammatori può essere utile in questa situazione, ma gli studi sono ancora in corso.

C’è supporto per la teoria della “bruciatura lenta” in quanto alcuni lunghi sintomi SARS CoV 2 tendono a migliorare dopo che i pazienti ricevono un vaccino sars cov 2, che innesca un aumento degli anticorpi che presumibilmente eliminano gli antigeni virali in modo più efficace.

Non esiste un caso tipico di COVID a lungo decorso nei bambini e nessun trattamento valido per tutti. I giovani pazienti che visitano il programma di Yale arrivano con qualsiasi combinazione di sintomi.

In genere, dopo una valutazione completa, i pazienti vengono indirizzati a uno o più specialisti con esperienza in una particolare area. La lunga sars cov 2 può colpire diversi organi e parti del corpo, quindi oltre agli specialisti in malattie infettive pediatriche, il team può includere cardiologi, neurologi, pneumologi, reumatologi, psicologi ecc.

Sars cov 2

Il trattamento tende ad essere più efficace quando si affronta ciascun sintomo individualmente. Ad esempio, un bambino con dolore toracico e condizione fisica in calo verrà inviato per una valutazione cardiaca, mentre uno con problemi cognitivi sarà visitato da un neurologo.

Le strategie di trattamento possono anche attingere a quelle utilizzate per altre malattie che portano sintomi persistenti, come la stanchezza prolungata dopo la mononucleosi: “In reumatologia, vediamo un sacco di dolori inspiegabili, che ci forniscono un quadro abbastanza ragionevole“, afferma il dott. Ferguson. “Puoi guardare i test di laboratorio o gli studi di imaging, e in realtà non mostrano nulla. Ciò non significa necessariamente che il sistema immunitario non sia aumentato ad un certo punto e non abbia causato quei sintomi. Pertanto, molti dei le nostre raccomandazioni sono formulate come “Cerchiamo di capire come ripristinare la salute di questo bambino”.

Per esempio, una volta che un cardiologo dice che il cuore di un paziente sta bene e un test respiratorio mostra che il suo scambio di ossigeno è buono, i medici possono dire loro di aumentare gradualmente la loro condizione fisica aggiungendo esercizio aerobico e muscolare nel tempo. “La terapia fisica è una grande risorsa perché i fisioterapisti non solo osservano i pazienti in clinica, ma offrono ai pazienti un programma di esercizi a casa che li aiuterà a recuperare nel tempo“, afferma il dott. Ferguson. “Prevediamo che la maggior parte delle persone sarà in grado di riconquistare il proprio condizionamento, anche se su una linea temporale che non possiamo davvero fare previsioni”.

È comune per i bambini con Sars cov 2 da lungo tempo affrontare anche problemi di salute mentale, anche se non è ancora chiaro se questo sia un risultato diretto di COVID-19: “C’è un aumento mondiale dei bisogni di salute comportamentale dei bambini, specialmente intorno all’ansia e alla depressione, e questo non è solo nei bambini che hanno avuto COVID“, afferma Linda Mayes, MD, presidente dello Yale Child Study Center (CSC), che partecipa a trattare i pazienti nel programma di trattamento post-COVID. “Semplicemente non sappiamo ancora come il COVID influisca sullo sviluppo psicologico di base in generale”.

 Ci sono modi in cui i medici possono dare un contributo, indipendentemente dalla causa. Per i bambini che hanno bisogni o difficoltà di apprendimento o problemi a prestare attenzione, gli specialisti CSC potrebbero collaborare con la scuola del bambino per aiutare a modificare il curriculum o gli approcci educativi del bambino stesso. Se ci sono esigenze di salute comportamentale, forniscono psicoterapia e farmaci, se necessario, e lavorano direttamente con i genitori e le famiglie. “Niente di tutto questo è specifico per COVID”, afferma il dott. Mayes. “È quello che facciamo ogni giorno. Nel tempo, ciò che sarà importante sapere è che questi problemi sono maggiori tra i bambini che hanno avuto il COVID-19?“.

Sars cov 2

I consulenti CSC forniscono strategie per aiutare i bambini nel programma a gestire sintomi medici inspiegabili, incluso il dolore cronico. Il biofeedback, la terapia cognitivo comportamentale e le tecniche di consapevolezza possono aiutare, afferma il dott. Mayes: “Indipendentemente dall’origine, se un problema è correlato a COVID o ansia, abbiamo approcci ben testati e basati sull’evidenza”.

È impossibile prevedere una tempistica di recupero a lungo termine per i bambini con Sars cov 2 a lungo decorso, poiché i medici hanno avuto solo un anno e mezzo di tempo per elaborare le giuste terapie farmacologiche, ma la buona notizia è che, finora, i bambini trattati nel programma stanno bene, dice il dottor Oliveira. “In numeri, rispetto agli adulti, i bambini di solito si riprendono più velocemente, entro pochi mesi”.

Detto questo, lo specialista osserva che alcuni pazienti potrebbero continuare ad aver bisogno di monitoraggio per problemi cardiaci e che i cardiologi potrebbero limitare le loro attività fino a quando non saranno sicuri che la funzione cardiaca di un bambino sia tornata alla normalità.

I medici incoraggiano i pediatri e i genitori a contattare il programma pediatrico post-COVID di Yale se hanno gravi problemi fisici o mentali su un bambino che potrebbe essere correlato all’aver avuto il COVID-19.

Anche se non sono sicuri che il bambino abbia avuto la malattia, potrebbe esserci qualche associazione sconosciuta che vale la pena indagare: “A volte l’aspettativa di un genitore è che il suo pediatra sappia tutto su questo, e sia in grado di diagnosticarlo e trattarlo, proprio come farebbe con un’infezione all’orecchio”, conclude il dott. Oliveira. “Ma questa è una nuova malattia e i medici stanno ancora imparando”.

Sars cov 2

Non rimane che concludere ricordando quanto sia importante la ricerca in questo particolare momento storico e quanto sia fondamentale sostenere chi combatte ogni giorno, tra personale medico e paramedico, per salvare la nostre vite spesso e purtroppo a discapito delle loro. Aiutare la ricerca e seguire le linee guida forniteci dagli specialisti, sono le armi che abbiamo per collaborare. Non sprechiamole.

Potrebbe interessarti...

Honor Magic 3

Honor Magic 3 Series: performance al top

Scienze

Cellule tumorali persistenti sono responsabili delle ricadute

Scienze

La psicologia ha lottato oltre 1 secolo per capire la mente

Minix Neo U22-XJ

Recensione Minix Neo U22-XJ con Minix Neo A3: il migliore TV Box?

Google

Read Along by Google: l’app che insegna a leggere e scrivere

Scienze

Rilevare terremoti utilizzando i cavi sottomarini di internet

Eroina conoscenza di questa probabilità per i bambini di essere colpiti da sars cov 2 a lungo decorso? Hai letto altre ricerche accreditate in merito? Se sì, le potresti segnalare? Parlacene nei commenti.

Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Guarda tutti i commenti
Teufel CAGE

22 ottobre, 2021

Tronsmart Studio

14 settembre, 2021

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
0