Sangue prodotto in laboratorio

Sangue prodotto in laboratorio: 1º trapianto effettuato

Qualche giorno fa si è fatta la storia, è stata infatti effettuata la prima trasfusione di sangue prodotto in laboratorio

Per la prima sperimentazione clinica al mondo, è stato somministrato del sangue prodotto in laboratorio, per vedere come si comporta e se il corpo reagisce negativamente. La creazione di sangue sintetico è incredibilmente difficile e probabilmente non sostituirà le attuali donazioni di sangue, ma potrebbe rappresentare un punto di svolta nella carenza di gruppi sanguigni rari se le prove avranno successo.

Sangue prodotto in laboratorio

Il sangue prodotto in laboratorio è stato ora trasfuso in un’altra persona in una prima sperimentazione clinica mondiale.

Il sangue è stato prodotto da cellule staminali prelevate da donatori e trasfuse nei pazienti in uno studio clinico randomizzato chiamato RESTORE. Gli studi RESTORE mirano ad aiutare i pazienti con malattie del sangue (come l’anemia falciforme) e con rari gruppi sanguigni.

Questa è la prima volta al mondo che del sangue prodotto in laboratorio è stato somministrato a un’altra persona come parte di un processo di trasfusione di sangue, inoltre se si dimostrassero sicuri ed efficaci, i globuli rossi fabbricati potrebbero nel tempo rivoluzionare i trattamenti per le persone con malattie del sangue come l’anemia falciforme e gruppi sanguigni rari, questo perché può essere difficile trovare abbastanza sangue donato e ben abbinato per alcune persone con questi disturbi.

Lo studio RESTORE è un’iniziativa di ricerca congiunta di NHS Blood and Transplant (NHSBT) e dell’Università di Bristol, in collaborazione con l’Università di Cambridge, Guy’s e St Thomas’ NHS Foundation Trust, National Institute for Health and Care Research (NIHR) Cambridge Clinical Research Facility e Cambridge University Hospitals NHS Foundation Trust.

È inoltre in parte finanziato da una sovvenzione NIHR.

Sangue prodotto in laboratorio

Come si svilupperà lo studio sul sangue prodotto in laboratorio

Lo studio sta studiando la durata della vita delle cellule coltivate in laboratorio rispetto alle infusioni di globuli rossi standard dello stesso donatore. I globuli coltivati ​​in laboratorio sono tutti freschi, quindi il team di sperimentazione si aspetta che funzionino meglio di una trasfusione simile di globuli rossi donati standard, che contiene cellule di età variabile.

Inoltre, se il sangue prodotto in laboratorio dura più a lungo nel corpo, i pazienti che necessitano regolarmente di sangue potrebbero non aver bisogno di trasfusioni così spesso, e ciò ridurrebbe il sovraccarico di ferro dovuto a frequenti trasfusioni, che possono portare a gravi complicazioni.

La sperimentazione è il primo passo verso la messa a disposizione di sangue prodotto in laboratorio come futuro prodotto clinico, e per il prossimo futuro, le cellule prodotte potrebbero essere utilizzate solo per un numero molto ristretto di pazienti con esigenze trasfusionali molto complesse, ciò nonostante, NHSBT continua a fare affidamento sulla generosità dei donatori.

Finora due persone sono state trasfuse con il sangue prodotto in laboratorio; i pazienti sono stati attentamente monitorati e non sono stati segnalati effetti collaterali indesiderati. Stanno bene e in salute. Le identità dei partecipanti infuse finora non vengono attualmente rilasciate, per aiutare a mantenere il processo “cieco”.

La quantità di sangue prodotto in laboratorio che viene infuso varia, ma è di circa 5-10 ml, per avere un’idea parliamo di uno o due cucchiaini.

Sangue prodotto in laboratorio

I donatori sono stati reclutati dalla base di donatori di sangue di NHSBT. Hanno donato il sangue al processo e le cellule staminali sono state separate dal loro sangue. Queste cellule staminali sono state quindi coltivate per produrre globuli rossi in un laboratorio presso l’Unità di terapie avanzate dell’NHSBT a Bristol. I riceventi del sangue sono stati reclutati da membri sani del NIHR BioResource.

Un minimo di 10 partecipanti riceveranno due mini trasfusioni a distanza di almeno quattro mesi l’una dall’altra, una di globuli rossi donati standard e una di globuli rossi cresciuti in laboratorio, per scoprire se i giovani globuli rossi prodotti in laboratorio durano più a lungo delle cellule prodotte in laboratorio corpo.

Sono necessari ulteriori studi prima dell’uso clinico, ma questa ricerca segna un passo significativo nell’utilizzo dei globuli rossi coltivati ​​in laboratorio per migliorare il trattamento per i pazienti con gruppi sanguigni rari o persone con complessi bisogni di trasfusione.

La professoressa Ashley Toye, professoressa di biologia cellulare all’Università di Bristol e direttrice dell’Unità di sangue e trapianti NIHR nei prodotti a base di globuli rossi, in una nota, ha dichiarato:

“Questa prova stimolante ed entusiasmante è un enorme trampolino di lancio per la produzione di sangue dalle cellule staminali. Questa è la prima volta che il sangue cresciuto in laboratorio da un donatore allogenico è stato trasfuso e siamo entusiasti di vedere come si comportano bene le cellule alla fine della sperimentazione clinica”.

Il ricercatore capo, il professor Cedric Ghevaert, professore di medicina trasfusionale ed ematologo consulente dell’Università di Cambridge e del NHSBT, ha dichiarato:

“Ci auguriamo che i nostri globuli rossi cresciuti in laboratorio durino più a lungo di quelli che provengono da donatori di sangue. Se il nostro studio, il primo di questo tipo al mondo, avrà successo, significherà che i pazienti che attualmente necessitano di trasfusioni di sangue regolari a lungo termine avranno bisogno di meno trasfusioni in futuro, contribuendo a trasformare le loro cure”.

Sangue prodotto in laboratorio

La dott.ssa Rebecca Cardigan, responsabile dello sviluppo dei componenti presso NHSBT e docente affiliato presso l’Università di Cambridge, ha dichiarato:

“È davvero fantastico che ora siamo in grado di coltivare abbastanza globuli rossi fino al grado medico per consentire l’inizio di questa sperimentazione, non vediamo l’ora di vedere i risultati e se si comportano meglio dei globuli rossi standard”.

Se sei attratto dalla scienza o dalla tecnologiacontinua a seguirci, così da non perderti le ultime novità e news da tutto il mondo!

Come detto nell’articolo, avere a disposizione sangue prodotto in laboratorio può essere una salvezza, ma tu cosa ne pensi? Secondo te può davvero essere una soluzione, o pensi che bisognerebbe aumentare le campagne dedicate alla donazione? Parliamone qui sotto nei commenti.

Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Guarda tutti i commenti
0
in iCrewPlay diamo spazio al tuo pensiero! Commenta!x
()
x
Condividi su facebook
CONDIVIDI