Saccorhytus

Saccorhytus: il microbo di 500 milioni di anni senza ano

Un recentissimo studio ha fatto chiarezza su un possibile membro della nostra "grande famiglia", ovvero quella che rende parenti noi, i pesci, alcuni vermi...ed alcuni microbi

In ogni albero genealogico c’è qualcuno che preferiresti non facesse parte della tua famiglia, e per molti paleobiologi questo è stato il Saccorhytus, un microbo estinto che sembrava un cactus parlante, ma ciò che lo rendeva particolarmente imbarazzante era che la sua bocca gigante non aveva una controparte nella parte posteriore.

Saccorhytus

Fortunatamente, tuttavia, non dobbiamo più riconoscere questa bestia senza ano, poiché ora è ufficialmente un problema di qualcun altro, infatti si è recentemente scoperto che noi e il Saccorhytus non siamo imparentati, o almeno non più di qualsiasi altra forma di vita terrestre.

La notizia è così gioiosa che è stata annunciata su Nature e arriva come risultato dell’abbondanza di nuovi esemplari che misurano 1 millimetro (0,04 pollici) trovati nella provincia cinese dello Shaanxi.

“Alcuni dei fossili sono così perfettamente conservati che sembrano quasi vivi”

ha affermato il professor Yunhuan Liu dell’Università di Chang’an, Xi’an. Fortunatamente, sia per il nostro cervello che per le creature di cui potrebbero depredare, il Saccorhytus è morto da 530 milioni di anni.

La storia del Saccorhytus e del perché si pensava fosse un nostro “familiare”

Il motivo per cui si pensava che avremmo dovuto fare spazio a Saccorhytus alla riunione di famiglia risiedeva nei minuscoli fori attorno alle bocche arrabbiate degli esemplari fossili, questi infatti, secondo quanto pensavano i paleontologi, erano minuscole branchie, che collocavano i loro proprietari nei deuterostomi, il clade di animali la cui bocca si forma solo dopo il suo ano durante lo sviluppo embrionale.

Saccorhytus

Nel caso non lo sapessi, questa famiglia include noi e tutti gli altri vertebrati insieme a stelle marine e alcuni vermi. Sembra un posto strano per mettere una creatura senza ano, ma le branchie sarebbero state una prova tangibile, e sebbene essere un deuterostomo non avrebbe necessariamente reso Saccorhytus il nostro diretto antenato, ma implicherebbe sicuramente una forte connessione, soprattutto perché sarebbe stato il deuterostomo più antico che abbiamo trovato.

Tuttavia, la coautrice della PhD Emily Carlisle dell’Università di Bristol ha osservato:

“I fossili possono essere piuttosto difficili da interpretare e Saccorhytus non fa eccezione. Abbiamo dovuto usare un sincrotrone, un tipo di acceleratore di particelle, come base per la nostra analisi dei fossili”.

Le immagini scattate con l’intensa luce a raggi X prodotta dal sincrotrone sono state utilizzate per costruire modelli 3D dei fossili, e sulla base di questi, Liu, Carlisle e coautori hanno concluso che i fori apparenti erano in realtà chiusi da un altro strato corporeo e rappresentavano la base delle spine che erano state staccate, piuttosto che le branchie.

Si pensa che le spine siano state usate dal Saccorhytus per catturare le prede, sebbene il loro potenziale deterrente per i predatori sia evidente.

Alla luce di questa e di altre prove provenienti dalle ricostruzioni, gli autori classificano Saccorhytus come un protostomo (cioè prima le forme della bocca), più specificamente, pensano che sia un ecdysoszoan, i cui rappresentanti moderni includono insetti, crostacei e vermi nematodi, nessuno dei cui rappresentanti probabilmente sarà soddisfatto per la parentela.

Saccorhytus

Più preoccupato di rendere giusto l’albero genealogico che rispettabile, il co-autore principale, il professor Shuhai Xiao di Virgina Tech, vuole trovare il vero primo deuterostomo.

“Siamo tornati al punto di partenza nella ricerca del primo animale con una bocca secondaria. Il prossimo fossile di deuterostomo più antico [sospetto] è quasi 20 milioni di anni più giovane.”

ha detto Xiao in una dichiarazione.

D’altra parte, nessun ano precedentemente nascosto è stato rivelato dalla luce dura dei raggi X, e dal momento che è improbabile che il Saccorhytus abbia immagazzinato i propri rifiuti all’interno fino alla morte, la spiegazione più probabile sembra essere che tutto ciò che non veniva utilizzato è tornato come era entrato. Un approccio ora più comune se si considera una serata in discoteca il sabato sera…

Si potrebbe pensare che il Saccorhytus abbia semplicemente avuto la sfortuna di evolversi prima che una scintilla luminosa inventasse la tecnologia avanzata dell’ano, tuttavia Xiao lo ha confutato:

Questo è un risultato davvero inaspettato perché il gruppo di artropodi ha un intestino che si estende dalla bocca all’ano. L’appartenenza del Saccorhytus al gruppo indica che è regredito in termini evolutivi, rinunciando all’ano che i suoi antenati avrebbero ereditato”.

Se sei attratto dalla scienza o dalla tecnologiacontinua a seguirci, così da non perderti le ultime novità e news da tutto il mondo!

Cosa ne pensi di questa scoperta? Ti avrebbe fatto piacere avere qualcosa in comune a questo microbo o preferisci la realtà dei fatti così com’è stata svelata? Parliamone qui sotto nei commenti.

Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Guarda tutti i commenti
0
in iCrewPlay diamo spazio al tuo pensiero! Commenta!x
()
x
Condividi su facebook
CONDIVIDI