Robot cani

Robot cani presentati alla triennale NGV di Melbourne

L'utilizzo di cani robot in alcuni ambiti è sempre più popolare, in questo caso un'artista ha deciso di usare i suoi robot cani programmandoli a scopo puramente artistico

L’uso dei robot cani non è una novità, perlomeno a scopo bellico, questa volta però vengono usati a scopo artistico.

Prima Spot era la Musa. Era un oggetto passivo nella mia arte. E poi la musa è diventato l’artista“, dice la pittrice Agnieszka Pilat della sua mostra rivoluzionaria in Australia che presenta robot cani.

Il Triennale della National Gallery of Victoria (NGV) apre questa settimana con una vivace spruzzata di giallo mentre un trio di robot cani di Boston Dynamics prende residenza nella grande sala del museo.

Cosa dice Agnieska e i suoi robot cani

I tre robot cani, soprannominati Basia, Omuzana e Bunny, lavoreranno per riempire lo spazio vuoto con una serie di dipinti che sono stati loro assegnati da produrre nel corso di quattro mesi, la durata del triennale che si svolgerà dal 3 dicembre al 7 aprile.

I robot lavoreranno in modo semiautonomo e sono programmati sotto la guida di Agnieszka Pilat, un’artista polacco-americana, seguiranno i comandi che sono stati addestrati a comprendere, ma li eseguiranno in un ordine che ritengono opportuno.

I robot cani decideranno la direzione del movimento del braccio, quanto premere sulla tela e se dipingere un punto o una linea.

Al momento non sono macchine senzienti, anche se le persone che verranno a vedere lo spettacolo avranno l’impressione che la macchina abbia una sua agenzia perché ha così tanta personalità“, afferma Pilat, che vive con uno dei tre robot, Basia.

Robot cani
L’artista coi suoi cani robot

I robot cani sono ancora molto un utensile, un’estensione del corpo umano allo stesso modo di come uno smartphone è un’estensione di un braccio e una fotocamera un’estensione di un occhio; tuttavia, Pilat preferisce immaginare le macchine come sue apprendiste.

Pensate al Rinascimento, quando i maestri prendevano apprendisti di grande promessa per insegnare loro come dipingere. E poi li mandavano via per diventare artisti a pieno titolo“, dice Pilat.

Pilat dice che è il suo “sogno” che le macchine acquisiscano consapevolezza di sé un giorno e guardino il lavoro che ha creato in collaborazione con i robot “nello stesso modo in cui guardiamo le antiche pitture e disegni rupestri“.

Pilat è nata e cresciuta nella Polonia comunista prima di trasferirsi a San Francisco, dove ha studiato pittura e illustrazione all’Accademia di Arti; entrambe queste esperienze hanno influenzato il suo lavoro e plasmato la sua visione del mondo come autoproclamata “tecno-ottimista”.

Quando è caduto il Muro di Berlino, la prima cosa che fece mio padre fu comprare una macchina. E la macchina non era solo un utensile. Era la promessa di un futuro migliore. Ed è così che vedo la tecnologia“, racconta Agnieska Pilat.

La tecnologia può essere fonte di paura, ma merita anche “che qualcuno venga da un lato diverso” e “democratizza” l’arte rendendola più accessibile, afferma Pilat.

Questa visione ha portato successo a Pilat nella Silicon Valley, con alcuni dei nomi più importanti della tecnologia tra i collezionisti delle sue opere, e i suoi dipinti sono stati anche presenti in Matrix Resurrections.

Oltre alla partnership creativa con Boston Dynamics, è anche un’artista ospite presso Agility Robotics e SpaceX.

Lo spettacolo a Melbourne è un’opportunità per Pilat di condividere il suo messaggio con un pubblico più ampio e un traguardo come artista, segnando la sua prima grande mostra in un museo a livello globale.

Il messaggio che cerco di portare a Melbourne è che la nuova tecnologia, inclusa l’IA e la robotica, è nella fase dell’infanzia, e l’umanità collettivamente sta insegnando a questa nuova tecnologia, facendola crescere per diventare adulta“, dice Pilat.

Il convegno presso la NGV riflette l’evoluzione della partnership di Pilat con Boston Dynamics, che l’ha invitata per la prima volta a dipingere una serie di ritratti di Spot nel 2020.

I progetti successivi con quello che Pilat descrive come il primo robot celebrità al mondo includevano il controllo remoto della macchina per dipingere; questa è la prima volta che i robot cani lavoreranno da soli, senza la presenza di Pilat per supervisionarli nella loro “congiura”.

Vorrei invitare il pubblico a guardare questa nuova tecnologia come nuove specie o collaboratori, i nostri partner qui sulla Terra“, conclude.

Cosa pensi di questa mostra e del legami cani robot con l’arte?

Scrivilo sui commenti.

Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Guarda tutti i commenti
0
in iCrewPlay diamo spazio al tuo pensiero! Commenta!x
()
x
Condividi su facebook
CONDIVIDI