Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram

Robot bioibrido sente grazie al timpano di una locusta

Un team di ricercatori di Tel Aviv ha impiantato il timpano di una locusta ad un robot, che è stato in grado di sentire e rispondere a stimoli sonori

iCrewPlay è alla ricerca di redattori che si occupino della sezione di scienza e tecnologia: vuoi far parte di un gruppo dinamico e stimolante, recensire i prodotti in uscita e condividere le tue conoscenze con gli altri?

0 0 voto
Voto iCrewers

In una nuova ricerca pubblicata sulla rivista Sensors è stata illustrata la creazione di un robot bioibrido al quale è stato impiantato il timpano di una locusta, grazie al quale può sentire. Gli insetti infatti sono provvisti di organi sensoriali efficienti e solidi capaci di superare in tutto e per tutto quelli umani.

Robot bioibrido

Un team di scienziati di Tel Aviv ha così deciso di espiantare materiale biologico da una locusta ed impiantarlo in un robot bioibrido. Le locuste infatti, come gli umani, hanno un orecchio timpanico, il che significa che rilevano le vibrazioni su una superficie piana e le traducono in informazioni. Negli esseri umani, questo orecchio timpanico è noto come timpano, che rileva le emissioni ambientali che traduciamo nel cervello come suono.

Robot bioibrido: i risultati della ricerca

Contenendo la membrana dell’insetto all’interno di un dispositivo “ear-on-a-chip“, i ricercatori sono stati in grado di mantenere il materiale biologico fornito di ossigeno e sostanze nutritive in modo che potesse continuare a funzionare nonostante non fosse più attaccato a un ospite vivente.

Robot bioibrido

Una volta installato e funzionante, questo chip è stato in grado di amplificare il segnale dall’orecchio della locusta a un robot, che è stato programmato per fornire risposte diverse a diversi input di dati sensoriali. Il fattore decisivo nello studio sono stati gli applausi umani, con un applauso che segnalava al robot di andare avanti mentre due applausi gli dicevano di tornare indietro.

“Utilizzando un metodo Ear-on-a-Chip, riusciamo a creare un dispositivo sensoriale in miniatura di lunga durata che funziona come parte di un robot bioibrido. I segnali neurali registrati dall’orecchio in risposta agli impulsi sonori, vengono elaborati e utilizzati per controllare il movimento del robot. Questo lavoro è una dimostrazione del concetto che dimostra l’uso di orecchie biologiche per il rilevamento e il controllo robotici “, hanno spiegato gli autori dello studio.

Potrebbe interessarti...

Scienze

Demenza: 5 cambiamenti nello stile di vita per prevenirla

Scienze

Calcio: importante sia per le ossa che per il cuore

Scienze

Gene Mcr-9: rende i batteri resistenti agli antibiotici

Scienze

Cuore di maiale trapianto in un essere umano

Samsung Galaxy A52

Android 12 su Samsung Galaxy A52: update in arrivo

Honor Magic V

Honor Magic V: il pieghevole firmato Honor è in arrivo

Cosa ne pensi di questo esperimento? Pensi che vada incoraggiato in vista di un beneficio per il genere umano? Se sì, secondo te, quale? Dicci la tua nei commenti.

Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Guarda tutti i commenti
Teufel CAGE

22 ottobre, 2021

Tronsmart Studio

14 settembre, 2021

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
0